MO: Kerry e Livni a Roma, rilancio su due Stati

Pubblicato il 08 maggio 2013 da redazione

ROMA. – Incontri, colloqui, tavoli, spole tra gli uni e gli altri. Gli Stati Uniti accelerano sui negoziati di pace per il Medio Oriente, con il Segretario di Stato John Kerry che intensifica l’attività diplomatica e moltiplica i contatti anche a Roma, dove è arrivato ieri. E a confermare che qualcosa si muove – o almeno si tenta – arriva in serata anche una telefonata fra Barack Obama e il premier d’Israele, Benyamin Netanyahu, dedicata proprio al processo di pace, come rende noto la Casa Bianca, oltre che al tragico dossier siriano. A meno di una settimana dall’ultimo colloquio a Washington, Kerry ha di nuovo incontrato – a Roma su suo invito – Tzipi Livni, ministro della Giustizia israeliano, incaricata del dossier sulle trattative con i palestinesi, accompagnata dal capo negoziatore israeliano Yitzhak Molcho. Nell’occasione Kerry ha annunciato che tornerà lui stesso in Israele il 21 e 22 maggio, per incontrare sia il premier Benyamin Netanyahu che il presidente palestinese Abu Mazen, nel quarto viaggio nella regione in pochi mesi. Tutte le parti, ha detto il Segretario di Stato, ”lavorano su questioni preliminari” con ”un impegno rinnovato”. Un impegno, quello Usa, molto apprezzato da Livni, che ha sottolineato come ”la determinazione e gli sforzi degli Stati Uniti possono cambiare la realtà” e restituire ”speranza alla regione, dove in molti l’hanno persa”. Sforzi che puntano a far rivivere l’Iniziativa di pace araba dell’ormai lontano 2002 (i Paesi arabi accetterebbero di riconoscere Israele in cambio del ritiro totale dai Territori occupati e di una soluzione per i rifugiati) sulla quale la Lega araba ha rinnovato la propria disponibilità.

”Una buona notizia”, ha commentato l’esponente israeliana. ”Abbiamo bisogno del sostegno dei Paesi arabi”, ha spiegato, aggiungendo poi alla fine dei colloqui che un accordo di pace ”è interesse d’Israele” e che un’intesa può essere raggiunta sulla base della formula ”due popoli-due Stati”, auspicando che ”l’entusiasmo e la determinazione di Kerry” riescano a ”creare qualcosa di nuovo dopo 4 anni di stallo”. Sostegno all’instancabile attività di Kerry arriva anche dall’Italia. Il ministro degli Esteri Emma Bonino, che oggi vedrà il Segretario di Stato Usa (così come lo incontrerà il premier Enrico Letta nel primo contatto del nuovo governo italiano con l’amministrazione Obama), ha auspicato in un colloquio con Livni alla Farnesina che ”venga presto ristabilito il clima di fiducia reciproca necessario per perseguire l’obiettivo dei due Stati che coesistano l’uno accanto all’altro in pace e sicurezza”. La titolare della Farnesina ha poi visto il ministro degli Esteri giordano, Nasser Judeh, pure in visita a Roma, sottolineando l’importanza del ruolo di Amman per favorire la ripresa del processo di pace, e a margine di questo incontro ha ribadito inoltre l’auspicio di una soluzione politica come unica strada per la fine del sanguinoso conflitto siriano, accompagnata dall’uscita di scena di Assad. Nella girandola di incontri di Kerry dedicati al Medio Oriente e alla pace tra israeliani e palestinesi, che vedono in queste ore Roma come crocevia diplomatico, oggi sarà nella capitale italiana anche Tony Blair, rappresentante del Quartetto (Ue, Usa, Russia e Onu). Ma in Italia il Segretario di Stato affronta anche il dramma della guerra civile in Siria. Reduce da una tappa a Mosca dove ha annunciato con il collega russo Serghei Lavrov una conferenza internazionale da tenere a fine mese nel tentativo di trovare una soluzione politica, Kerry annuncerà un nuovo pacchetto di 100 milioni di dollari per i profughi in Giordania, Libano e Turchia. Gli aiuti americani raggiungeranno così quota 510 milioni, destinati a rifugi e aiuti alimentari attraverso le agenzie Onu sul campo.

 Hawking boicotta Israele
Una voce autorevole e molto ascoltata nel mondo scientifico come quella di Stephen Hawking si unisce al coro del dissenso a Israele in un’iniziativa di boicottaggio per le sue politiche verso i palestinesi. Il fisico e cosmologo britannico 71enne non parteciperà alla conferenza ‘Facing Tonorrow’ che avrà luogo a Gerusalemme tra il 18 e il 20 giugno prossimi, e dove era stato invitato tra i molti ospiti illustri in questa speciale edizione organizzata anche in coincidenza con i festeggiamenti per il 90/mo compleanno del presidente israeliano Shimon Peres.

Il ‘no’, quindi, dell’accademico di fama mondiale appare così anche più clamoroso, quasi uno sgarbo diretto al capo dello Stato israeliano, tanto che gli organizzatori dell’evento lo definiscono un gesto ”oltraggioso”.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora