Grillo vuole il referendum ma arriva lo stop di Pdl e sinistra

Pubblicato il 10 maggio 2013 da redazione

ROMA – Ancora non esiste una legge, e già contro lo ‘ius soli’ si è scatenata la richiesta referendaria di Beppe Grillo e anche la raccolte di firme della Lega Nord.

Proprio così: sul diritto alla cittadinanza per i figli degli immigrati, nati e cresciuti nel nostro Paese da genitori che qui lavorano, è chiamata ‘preventiva’ alle armi. I partiti, anche quelli al governo, si dividono – dopo l’uscita di Grillo sul blog – nonostante tante volte il Presidente Giorgio Napolitano, su altri temi ascoltatissimo, abbia chiesto a più riprese, l’ultima lo scorso dicembre nella Giornata internazionale del migrante, una legge per i minori ”già di fatto integrati nella nostra comunità”.

Continua, intanto, la ‘campagna’ di insulti contro il ministro Cecile Kyenge che vuole più diritti per i ‘nuovi italiani’. Questa volta sui muri di Pistoia le frasi razziste sono firmate da Forza Nuova. A Kyenge arriva la solidarietà del ministro Enrico Francescini e di tante organizzazioni antirazziste. Per ora sullo ‘ius soli’, ci sono solo 230 mila firme depositate a Montecitorio da sindacati e associazioni che vogliono la legge e hanno il sostegno ‘morale’ del Presidente della Camera Laura Boldrini che anche ieri ha sollecitato sul tema l’attenzione dei partiti. Grillo, invocando la ”concertazione con la Ue”, lui che dall’euro vuole uscire, e le urne, scrive che ”una decisione che può cambiare nel tempo la geografia del Paese non può essere lasciata a un gruppetto di parlamentari e di politici in campagna elettorale permanente”.

Oltre all’appoggio ‘esterno’ dei banchetti leghisti che saranno attivi dal week-end, il leader di M5S trova subito il consenso dei Fratelli d’Italia.

– Finalmente – dice il presidente di fdi Ignazio La Russa – una posizione chiara e condivisibile da Grillo: no allo jus soli salvo referendum. Ma siccome non esiste il referendum propositivo (Grillo evidentemente non lo sa!) bisogna che ci sia un impegno sin d’ora a promuovere un referendum abrogativo se la maggioranza votasse una legge siffatta.

Ma l’ipotesi è scartata dal vicepresidente del Senato Maurizio Gasparri, del pdl, che pur bocciando il referendum rassicura:

– Ci sono implicazioni di carattere sociale e culturale che non faranno mai dello ‘ius soli’ una legge dello Stato italiano.

Per il Pd, parla, tra gli altri, Livia Turco.

– Insisteremo con la nostra proposta: un bambino figlio di immigrati di cui almeno un genitore è in Italia da cinque anni, se i genitori lo scelgono, può avanzare domanda di cittadinanza che dovrà essere confermata dal diretto interessato al compimento del diciottesimo anno – spiega Turco.

Il referendum?

– Grillo sappia che noi non lo temiamo – conclude la ex ministro dem.

– Ho visto che Grillo aveva fatto un fotomontaggio in cui io sono con Ignazio La Russa; un modo per denigrare Sel. Lui non ha bisogno di un fotomontaggio perchè oggi si ritrova insieme alle opinioni di La Russa – attacca Nichi Vendola, leader di Sel.

Gli ‘ancora’ comunisti Paolo Ferrero del Prc e Marco Ferrando del Pcl, accusano apertamente Grillo di ”assecondare le spinte razziste” e di mostrare ”finalmente la sua natura reazionaria” e Antonio Ingroia di Azione Civile ritiene lo ‘ius soli’ una ”norma di civiltà” e la proposta avanzata dal ministro Kyenge ”l’unico aspetto positivo del governo Letta”.

Oltretevere interviene una voce di peso, quella del cardinal Angelo Bagnasco.

– La cittadinanza – ha detto il presidente della Cei – è un diritto fondamentale della persona e la politica deve trovare le forme concrete affinchè chi approda in Europa possa trovare l’integrazione che tutti si augurano e che è doverosa.

Per Nello Formisano di Centro Democratico, ”Bagnasco e il presidente Napolitano hanno ragione e Grillo ha perso una buona occasione per stare zitto”. Dal fronte sindacale, il segretario della Cisl Raffaele Bonanni sottolinea che ”l’Italia è pronta per lo ‘ius soli’ e non c’è bisogno di nessun referendum”. I radicali, infine, entrano nel dibattito non per appoggiare Grillo ma per ricordare che il referendum in campo è quello che hanno presentato loro per abolire la Bossi-Fini.

Ultima ora

17:23Calcio: Milan, annullata cena di Natale

(ANSA) - MILANO, 18 DIC - All'indomani della figuraccia di Verona è stata annullata la cena di Natale del Milan, prevista per questa sera fra la squadra e la dirigenza. Non sono ancora chiari i motivi di questo cambio di programma.

17:18F1: Marchionne, se Circus diventa formula Nascar andiamo via

(ANSA) - MARANELLO (MODENA), 18 DIC - "Se le macchine diventano tutte uguali, modello Nascar, se le piste sono tutte noiose come quella di Abu Dhabi, se prima di discutere argomenti più importanti come la libertà di disegnare una macchina, si pensa di togliere le donne dalla griglia di partenza come ha detto Ross Brawn alla Bbc, il bello è che la Ferrari ci mette un minuto ad andarsene". Lo ha ribadito il presidente e ad di Ferrari, Sergio Marchionne, nel pranzo per lo scambio degli auguri di Natale con la stampa specializzata.

17:15Coniugi uccisi a Viterbo: figlio resta in carcere

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Convalida del fermo e emissione di un ordine di carcerazione per Ermanno Fieno, figlio di Rosa Franceschini, 79 anni, e Gianfranco Fieno, 83, trovati morti a Viterbo la settimana scorsa rinchiusi in sacchi di plastica. Lo ha deciso il gip di Imperia in quanto l'uomo era stato fermato a Ventimiglia, mentre era in procinto di lasciare l'Italia. Oggi Fieno si è avvalso della facoltà di non rispondere anche al gip, dopo aver fatto lo stesso sabato scorso col pm di Viterbo. Il gip si è poi dichiarato incompetente a procedere nei confronti dell'uomo accusato almeno dell'omicidio della madre (il padre potrebbe essere morto per cause naturali, attesa per esiti autopsia), e trasferito gli atti nel capoluogo della Tuscia. Qui la procura, guidata da Paolo Auriemma, dovrà procedere con una nuova richiesta di arresto. Alla base dell'omicidio della madre ci sarebbe stata una lite legata al proposito dell'uomo, difeso dagli avvocati Valentini e De Santis, di continuare a usufruire della pensione del padre.

17:13Gb: base Raf in ‘lockdown’

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - La base della Raf di Mildenhall, nel Suffolk, che ospita anche gli aerei dell'aviazione militare Usa, è in 'lockdown' dopo che un uomo a bordo di un'auto avrebbe cercato di forzarne l'ingresso. Ne dà notizia Sky News, secondo cui sarebbe stato compiuto un arresto.

17:10Gb: ecco la foto Natale di William e Kate coi figli

(ANSA) - LONDRA, 18 DIC - I duchi di Cambridge scelgono il colore azzurro per la foto ufficiale di questo Natale. William e Kate coi figli George e Charlotte sono stati immortalati per le festività dal fotografo reale Chris Jackson e tutti hanno indossato abiti di tonalità simili. L'immagine, che appare sui biglietti di auguri della famiglia, viene diffusa nello stesso giorno in cui Kensington Palace annuncia che la piccola Charlotte, due anni, a partire da gennaio frequenterà l'asilo: si tratta della prestigiosa, e costosa, Willcocks Nursery School, che si trova vicino alla residenza londinese dei duchi.

17:00Da Tribunale Napoli ok status rifugiato a lesbica nigeriana

(ANSA) - NAPOLI, 18 DIC - Il Tribunale di Napoli ha concesso ad una ragazza lesbica di origini nigeriane lo status di rifugiato. La ragazza, rende noto Arcigay Napoli, era scappata dal proprio paese nel 2015 dopo che il padre aveva saputo della sua omosessualità: per evitare il linciaggio e la morte ha attraversato il Niger e la Libia per approdare infine in Italia dove nel 2016 ha inoltrato la domanda di protezione internazionale. La domanda è stata in un primo momento rigettata dalla Commissione territoriale di Crotone che ha considerato, si legge nella nota, "poco credibile il racconto della ragazza, acquisito attraverso una videoregistrazione". A seguito di un ricorso e alla convocazione personale della ragazza, il Tribunale di Napoli ha riconosciuto lo status. "Una decisione molto importante - afferma Mara Biancamano, referente legale dello sportello MigraAntino di Arcigay Napoli - Il giudice ha ritenuto che non esistono parametri oggettivi ai quali si possa ancorare il giudizio sull'orientamento sessuale".

16:49Renzi a Di Maio, uscita da euro è follia per economia

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Stavolta Di Maio ha fatto chiarezza, bisogna ammetterlo: lui voterebbe per l'uscita dall'Euro. Io dico invece che sarebbe una follia per l'economia italiana". Lo scrive su twitter il segretario del Pd Matteo Renzi, commentando le parole del candidato M5s Luigi Di Maio che voterebbe sì in caso di un referendum come "extrema ratio" per l'uscita dall'euro.

Archivio Ultima ora