Cavenit, tanto ottimismo nonostante le difficoltà

Pubblicato il 10 maggio 2013 da redazione

CARACAS – Si è svolta, giovedì scorso, la consueta “Asamblea General Ordinaria de Socios” della Camera di Commercio Venezolano Italiana, con l’assistenza di un nutrito numero di nostri imprenditori e dell’Ambasciatore d’Italia, Paolo Serpi. All’ordine del giorno, come ogni anno, la relazione della Giunta Direttiva, l’approvazione del bilancio 2012 e la presentazione del preventivo spese per l’anno 2013.

Il presidente di Cavenit, Sergio Sannia, con estrema chiarezza didattica e il linguaggio asciutto e concreto degli uomini di banca, ha illustrato l’attuale congiuntura economica venezolana. Ha elencato le difficoltà degli imprenditori, collocando in primo piano la carenza di divise per le importazioni. Ha anche sottolineato come l’inflazione, in Venezuela, abbia raggiunto livelli estremamente elevati e come l’indice di scarsezza (calcolata dalla  Banca centrale attorno al 21 per cento) faccia emergere una situazione economica complicata. Non è mancato il riferimento all’aspetto politico, tracciato con brevi ma precise pennellate.

Dal canto suo, il Segretario Generale dell’organismo imprenditoriale, Jean Pietro Cattabriga, riassumeva tutte le attività svolte da Cavenit, le iniziative intraprese e i progetti futuri. Toccava poi al revisore dei conti, Santo Orlando, dell’omonima prestigiosa società di revisione, illustrare ai presenti tutti gli aspetti contabili.

Prendeva quindi la parola, prima di abbandonare la sala, l’Ambasciatore d’Italia, Paolo Serpi, che tratteggiava ai presenti la particolare delicata situazione politica, economica e sociale che vive oggi l’Italia. Ha spiegato come, lo scorso anno, il senatore a vita Mario Monti, chiamato dal presidente Napolitano al timone del “governo dei tecnici”, abbia dovuto chiedere sacrifici agli italiani; sacrifici, ha detto l’Ambasciatore Serpi, che hanno inciso sulla vita dei cittadini ma che erano imprescindibili per far uscire il Paese dalla crisi. Ha poi accennato alle attuali relazioni bi-nazionali: Italia-Venezuela. Ha sottolineato che queste, dopo la visita a Caracas del ministro Frattini nel2010 acapo di una missione di alto livello, hanno subito una notevole flessione. E ha informato i presenti degli sforzi dell’Ambasciata per promuovere il secondo incontro della Commissione Italia-Venezuela, che dovrebbe avvenire per un dovere di reciprocità a Roma. L’Ambasciatore d’Italia ha quindi approfittato per accennare brevemente al problema degli espropri, riproposto all’attenzione del ministero degli Esteri dall’On. Porta. Ha sottolineato che non si è riusciti a dare un seguito ai “tavoli di lavoro”, creati durante la breve permanenza del ministro Frattini nel Paese per trovare una soluzione condivisa al problema. Ha quindi segnalato che ciò non è stato possibile per la mancanza di contatti politici ad alto livello, resi difficili dall’instabilità politica italiana, frutto delle crisi di governo degli ultimi tempi.

Sono senz’altro tempi difficili ma le affermazioni dell’Ambasciatore Serpi hanno riportato alla memoria dei presenti, tanti di loro capitani d’industria di lungo corso, il decennio ’70-‘80. Anche allora, l’Italia era scossa da terremoti politici che portarono al susseguirsi di due governi presieduti da Andreotti, uno da Cossiga, uno da Fanfani, due da Moro, due da Rumor e due da Spadolini, ma, nonostante ciò, vennero tutelati gli interessi delle aziende italiane e italo-venezolane e l’Italia riuscì ad ottenere importanti commesse, superando l’agguerrita concorrenza di Francia, Spagna, Germania e, soprattutto, Stati Uniti. E’ questo il caso, come ha ricordato più di un nostro manager con orgoglio, della commessa vinta per la costruzione delle fregate “tipo Lupo”. Ed infatti, le fregate  Mariscal Sucre, Almirante Briòn, General Urdaneta, General Soublette, General Salom e Almirante Garcìa furono costruite nei cantieri di Riva Trigoso nei pressi di Genova.

Dopo l’esposizione dell’Ambasciatore Serpi, e l’approvazione dei soci della nostra Cavenit di tutti i punti all’ordine del giorno, il vice-presidente dell’organismo imprenditoriale,  Duccio D’Ambrosio, illustrava ai presenti l’iniziativa telematica battezzata “Italicos”; un network per unire coloro che l’ex presidente di Union Camere Piero Bassetti ha battezzato col nome di “italici”.

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora