GIRO – Impresa Navardauskas sul Vojont, Nibali mantiene la maglia rosa

Pubblicato il 15 maggio 2013 da redazione

PORDENONE – Ramunas Navardauskas si è aggiudicato la tappa ‘della memoria’, che ha permesso al 96º Giro d’Italia di ciclismo di ricordare una delle ferite più profonde e dolorose dell’Italia del dopoguerra: la tragedia del Vajont, a quasi cinquant’anni di distanza. Ma non solo: ha permesso a Vincenzo Nibali di conservare la maglia rosa, cosa che peraltro era nelle previsioni della vigilia. E’ stato anche il giorno del doping del francese Sylvain Georges, fermato alla partenza di Tarvisio, per presunto uso di Heptaminolo.

Passano i giorni e il siciliano resta sul tetto della classifica, a guardare tutti dall’alto. In classifica generale é rimasto tutto come prima, a parte qualche piccolo passo avanti dello spagnolo Intxausti. Notevole, tuttavia, l’impresa del lituano dal nome quasi impronunciabile, Ramunas Navardauskas, classe 1988, che ha rinnovato come meglio non avrebbe potuto il proprio feeling con il Giro. Già l’anno scorso, grazie al successo della Garmin-Sharp nella cronosquadre a Verona – che seguiva la lunga ‘gita’ fuoriporta in Danimarca – aveva vestito per un paio di giorni la maglia rosa, cedendola poi nella tappa di Porto Sant’Elpidio.

Navardauskas ha costruito la propria impresa al km 71, entrando nella fuga giusta assieme ad altri 19 colleghi: Bonnafond (Ag2r), Rodriguez (Androni), Pirazzi (Bardiani), Martens (Blanco), Oss (Bmc), Sarmiento (Cannondale), Duque (Colombia), Le Bon (Fdj), Gusev (Katusha), Cobo (Movistar), Pauwels (Lotto), Keukeleire (Orica), Popovych (Radioshack), Puccio (Sky), Gretsch (Argos-Shimano), Petrov (Saxo-Tinkoff), Veuchelen (Vacansoleil), Di Luca (Vini-Fantini), Egoi Martinez (Euskaltel).

I fuggitivi hanno cominciato a guadagnare secondi chilometro dopo chilometro, fino a toccare quasi +6′ sul gruppo della maglia rosa che ha controllato in scioltezza la situazione, al riparo da rischi o possibili trappole.

Sul Gran premio della montagna, a Sella Ciampigotto (1.790 metri d’altezza), il gruppetto in fuga passa compatto, ma è nella successiva discesa che scoppia la bagarre, con il tedesco Gretsch che allunga e fa il vuoto alle proprie spalle. Dopo Pieve di Cadore, il vantaggio del corridore della Argos-Shimano tocca quasi 2′, perché fra gli altri 19 che inseguono non c’é accordo. Ci pensa Di Luca a rompere gli indugi: l’abruzzese parte in quarta, ma viene quasi subito raggiunto da Daniel Oss e appunto Navardauskas, che successivamente lo staccano, riacciuffando invece la testa della corsa. Patrick Gretsch molla e i due proseguono la marcia verso il traguardo, mentre a debita distanza il gruppo di Nibali cotrolla: sulla salita della diga del Vajont, Navardauskas ingrana la marcia e scatta a denti stretti, staccando anche Oss, che dovrà accontentarsi del secondo posto, quindi vola verso un successo strepitoso, conquistato in una tappa senza fuochi d’artificio – almeno per quanto riguarda la lotta per la rosa – e ha confermato la solidità dell’Astana, la squadra di Nibali.

Non ha fatto notizia l’arrivo in grave ritardo di Hesjedal, vincitore del Giro dell’anno scorso, ma fa riflettere il caso di positività di Sylvain Georges, francese dell’Ag2r, che stamattina non ha preso il via da Tarvisio, dopo che il laboratorio dell’Acquacetosa, a Roma, ha trovato tracce di Heptaminolo nel suo organismo, in seguito a un controllo al quale è stato sottoposto il 10 scorso, al termine della tappa di Pescara, vinta da Hansen. Una storia senza lieto fine, nell’attesa delle controanalisi.

Ultima ora

15:49Calcio: Icardi, voglio restare all’Inter per sempre

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Sono tifoso dell'Inter e voglio stare qui per sempre. Mi vedo bene con la maglia nerazzurra e sono capitano di questa grande squadra. Sto bene a Milano con la mia famiglia e voglio stare sempre all'Inter": lo dice l'attaccante dell'Inter Mauro Icardi rispondendo alle domande dei tifosi nerazzurri sul profilo Facebook del club. "Il mio obiettivo è arrivare a giocare ad alti livelli con l'Inter. Champions? Intanto speriamo di arrivarci. La voglio giocare con questa squadra e questo resta uno dei nostri obiettivi".

15:32Terremoto: Zingaretti, 11 mln per sostenere economia

(ANSA) - RIETI, 29 MAR - "Siamo attenti alle richieste delle imprese, con misure concrete per scongiurare lo spopolamento produttivo in queste zone. L'obiettivo è riportare qui le produzioni. L'investimento globale sarà di 11 milioni di euro per sostenere l'economia con tre provvedimenti cumulabili". E' quanto ha detto il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, presentando il pacchetto di interventi e misure a favore delle popolazioni colpite dal sisma nel Reatino. "Come Regione - ha aggiunto - abbiamo voluto portare avanti due filoni. Una prima campagna di comunicazione che verrà promossa durante la Maratona di Roma, e una serie di campagne sui quotidiani nazionali per promuovere il territorio. Oltre a questo stiamo realizzando due guide turistiche che parleranno anche dei comuni del cratere".

15:31Calcio: Icardi, Inter con Suning può fare grandi cose

(ANSA) - MILANO, 29 MAR - "Mi aspetto molto dall'Inter, abbiamo qualità. Possiamo arrivare a fare grandi cose. La società sta sistemando tutto, la squadra e il club. Vuole puntare in alto". E' la certezza di Mauro Icardi, attaccante dell'Inter, che oggi risponde alle domande dei tifosi sul profilo Facebook del club nerazzurro. "Il nostro team manager - spiega l'argentino - è andato in Cina e ci ha raccontato tutte le cose incredibili che Suning ha e tutti i progetti che ha per far tornare grande l'Inter". Disegni ambiziosi? "E' la prima cosa che ci hanno trasmesso - risponde Icardi - l'Inter deve tornare dove è stata. E questo dà tanta fiducia a noi giocatori. Loro cercheranno di migliorare ogni anno, con il mercato, con giocatori esperti che possano dare un contributo alla squadra".

15:27Calcio: Bisceglie denuncia gioco violento, ora ci ritiriamo

(ANSA) - BISCEGLIE (BARLETTA ANDRIA TRANI), 29 MAR - Non falli, ma gioco violento nell'ultima gara di campionato disputata, che ha avuto quale conseguenza la perforazione di un timpano per un calciatore e la frattura di un dito di una mano per un suo compagno di squadra, entrambi militanti nella formazione del Don Uva Bisceglie, che disputa il campionato di Seconda categoria. A denunciarlo in una nota è il presidente della società del Bisceglie, Silvestro Carbotti, il quale annuncia di non voler più partecipare al campionato.

15:25Migranti: Austria, controlleremo tutti treni Brennero

(ANSA) - BOLZANO, 29 MAR - L'Austria controllerà tutti i treni al Brennero nella stazione di Brennersee, dove sarà realizzato un apposito binario per non intralciare il traffico internazionale. Lo ha annunciato il governatore tirolese Günther Platter. La situazione al valico italo-austriaco per il momento "è relativamente calma grazie ai controlli già in atto e alla buona collaborazione con le autorità italiane e tedesche". In caso di necessità la barriera "può comunque essere attivata in qualsiasi momento", ha detto Platter.

15:21Calcio:legale Dominello,curva Juve mai business ‘ndrangheta

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - "Rocco Dominello non è mai stato associato alla 'ndrangheta, non ha mai avuto biglietti dalla Juventus in tale veste e non ha mai distribuito alcun utile né al padre né ad altra organizzazione criminale". Lo precisa all'ANSA l'avvocato Domenico Putrino, legale di Rocco Dominello e del padre Saverio, che nell'udienza preliminare del processo Alto Piemonte sulle infiltrazioni della criminalità organizzata al nord si è dissociato dalla 'ndrangheta. Nel corso della sua deposizione, Saverio Dominello - prosegue il legale - ha precisato che "non vi è mai stato interesse", da parte delle famiglie di Rosarno, sul business dei biglietti della Juventus e che "Agnelli non ha mai avuto contatti con la 'ndrangheta".

15:04Calcio: Juve, Pjaca, lesione a legamento crociato

(ANSA) - TORINO, 29 MAR - Rientrato da Tallin con la nazionale croata, Pjaca è stato sottoposto a risonanza magnetica questa mattina nella clinica privata Santa Katarina, specializzata in Ortopedia, a Zabok, a una trentina di chilometri da Zagabria. Gli specialisti e i medici della nazionale croata hanno aggiornato lo staff medico della Juventus. Claudio Marchisio fa coraggio al compagno di squadra: "Marko, tutti noi ti siamo vicino! Forza. Tornerai alla grande per dimostrare tutto il tuo talento!".

Archivio Ultima ora