GIRO – Impresa Navardauskas sul Vojont, Nibali mantiene la maglia rosa

Pubblicato il 15 maggio 2013 da redazione

PORDENONE – Ramunas Navardauskas si è aggiudicato la tappa ‘della memoria’, che ha permesso al 96º Giro d’Italia di ciclismo di ricordare una delle ferite più profonde e dolorose dell’Italia del dopoguerra: la tragedia del Vajont, a quasi cinquant’anni di distanza. Ma non solo: ha permesso a Vincenzo Nibali di conservare la maglia rosa, cosa che peraltro era nelle previsioni della vigilia. E’ stato anche il giorno del doping del francese Sylvain Georges, fermato alla partenza di Tarvisio, per presunto uso di Heptaminolo.

Passano i giorni e il siciliano resta sul tetto della classifica, a guardare tutti dall’alto. In classifica generale é rimasto tutto come prima, a parte qualche piccolo passo avanti dello spagnolo Intxausti. Notevole, tuttavia, l’impresa del lituano dal nome quasi impronunciabile, Ramunas Navardauskas, classe 1988, che ha rinnovato come meglio non avrebbe potuto il proprio feeling con il Giro. Già l’anno scorso, grazie al successo della Garmin-Sharp nella cronosquadre a Verona – che seguiva la lunga ‘gita’ fuoriporta in Danimarca – aveva vestito per un paio di giorni la maglia rosa, cedendola poi nella tappa di Porto Sant’Elpidio.

Navardauskas ha costruito la propria impresa al km 71, entrando nella fuga giusta assieme ad altri 19 colleghi: Bonnafond (Ag2r), Rodriguez (Androni), Pirazzi (Bardiani), Martens (Blanco), Oss (Bmc), Sarmiento (Cannondale), Duque (Colombia), Le Bon (Fdj), Gusev (Katusha), Cobo (Movistar), Pauwels (Lotto), Keukeleire (Orica), Popovych (Radioshack), Puccio (Sky), Gretsch (Argos-Shimano), Petrov (Saxo-Tinkoff), Veuchelen (Vacansoleil), Di Luca (Vini-Fantini), Egoi Martinez (Euskaltel).

I fuggitivi hanno cominciato a guadagnare secondi chilometro dopo chilometro, fino a toccare quasi +6′ sul gruppo della maglia rosa che ha controllato in scioltezza la situazione, al riparo da rischi o possibili trappole.

Sul Gran premio della montagna, a Sella Ciampigotto (1.790 metri d’altezza), il gruppetto in fuga passa compatto, ma è nella successiva discesa che scoppia la bagarre, con il tedesco Gretsch che allunga e fa il vuoto alle proprie spalle. Dopo Pieve di Cadore, il vantaggio del corridore della Argos-Shimano tocca quasi 2′, perché fra gli altri 19 che inseguono non c’é accordo. Ci pensa Di Luca a rompere gli indugi: l’abruzzese parte in quarta, ma viene quasi subito raggiunto da Daniel Oss e appunto Navardauskas, che successivamente lo staccano, riacciuffando invece la testa della corsa. Patrick Gretsch molla e i due proseguono la marcia verso il traguardo, mentre a debita distanza il gruppo di Nibali cotrolla: sulla salita della diga del Vajont, Navardauskas ingrana la marcia e scatta a denti stretti, staccando anche Oss, che dovrà accontentarsi del secondo posto, quindi vola verso un successo strepitoso, conquistato in una tappa senza fuochi d’artificio – almeno per quanto riguarda la lotta per la rosa – e ha confermato la solidità dell’Astana, la squadra di Nibali.

Non ha fatto notizia l’arrivo in grave ritardo di Hesjedal, vincitore del Giro dell’anno scorso, ma fa riflettere il caso di positività di Sylvain Georges, francese dell’Ag2r, che stamattina non ha preso il via da Tarvisio, dopo che il laboratorio dell’Acquacetosa, a Roma, ha trovato tracce di Heptaminolo nel suo organismo, in seguito a un controllo al quale è stato sottoposto il 10 scorso, al termine della tappa di Pescara, vinta da Hansen. Una storia senza lieto fine, nell’attesa delle controanalisi.

Ultima ora

12:56Renzi, c.destra litiga ma sta insieme, noi più seri

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Litigheranno prima, durante e soprattutto dopo, ma il giorno delle elezioni fingeranno di stare insieme per racimolare qualche seggio in più. Tutto legittimo, sia chiaro: ma si tratta di ipocrisia che tutti sanno e tutti fingono di non vedere". Così Matteo Renzi su fb."Su questo punto il Pd è paradossalmente più forte e credibile: la rottura con la sinistra radicale ha amareggiato molti militanti storici, ma ha il pregio di fare chiarezza. E consentirà a tutti noi di fare una campagna elettorale civile e rispettosa, basata sulle idee per l'Italia".

12:55Doping: Froome, mia reputazione non intaccata

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono un ciclista professionista, conosco le regole e sono certo: non le ho infrante": Chris Froome ribadisce la sua tesi, dopo la notizia della sua positivita' al salbutamolo. Intervistato dalla BBC a Maiorca, il ciclista del Team Sky spiega quanto detto ieri con un comunicato congiunto con la sua squadra. "Non credo che la mia immagine sia compromessa - dice - Non si tratta di un test positivo: l'Uci mi ha chiesto chiarimenti, daremo tutte le informazioni per spiegare che si tratta di curare una malattia".

12:53Eternit: i processi restano spacchettati

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Cassazione ha dichiarato inammissibili i ricorsi del pg e del pm di Torino contro lo spacchettamento dei processi per la morte di 258 persone a causa dell'amianto Eternit. I processi rimangono quindi incardinati a Torino, Vercelli, Napoli e Reggio Emilia. Confermato anche il "declassamento" dell' accusa da omicidio doloso in omicidio colposo. "Siamo soddisfatti. Avevamo eccepito l'inammissibilità dei ricorsi e la Corte ha deciso in questa direzione", commenta il professor Astolfo Di Amato, avvocato difensore di Stephan Schmidheiny, ex Ad di Eternit Italia, nel processo Eternit bis. "C'erano dei vizi formali", aggiunge. Di diverso parere l'avvocato Massimiliano Gabrielli, dell'Anmil, che parla di "ennesimo regalo a Schmidheiny". "Quando una organizzazione imprenditoriale continua consapevolmente a far soldi sulla pelle della gente - sostiene - bisogna parlare di omicidi volontari, senza se e senza ma...".(ANSA).

12:48Biotestamento: al via dichiarazioni voto, verso ok finale

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Con le dichiarazioni di voto è iniziato in Aula al Senato l'esame del Ddl sul biotestamento. Ieri l'Assemblea di Palazzo Madama ha respinto tutte le proposte emendative. Il via libera definitivo per il testo di legge è atteso entro la mattinata.

12:45Russia: Putin, Artide renderà ricco il Paese

(ANSA) - MOSCA, 14 DIC - L'Artide aiuterà a far crescere "la ricchezza della Russia" perché "è lì che si trovano le risorse": lo ha detto il presidente russo Vladimir Putin durante la sua conferenza stampa annuale aggiungendo che bisogna però tenere conto della questione ambientale e anche di quella relativa alla sicurezza.

12:42Natale: Meloni,italiani facciamo insieme rivoluzione presepe

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Ho deciso di fare il Presepe quando non lo fa più nessuno, quando nelle scuole dicono che non si può fare perché offende chi crede in un'altra cultura. Continuo a chiedermi come possa un bambino che nasce in una mangiatoia o una famiglia che scappa per difenderlo, offendere qualcuno. Come possa offendere qualcuno la mia cultura. Proprio non me ne faccio una ragione: che si creda in Dio oppure no, in questo simbolo sono raccolti i valori che hanno fondato la mia civiltà. Quello che io sono è in questo simbolo: io credo nel rispetto, nella laicità dello Stato, nella sacralità della vita, nella solidarietà perché me lo ha insegnato questo simbolo". Lo dice il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni nel video "2 minuti con Giorgia", su Facebook.

12:41Salvini, nessun tavolo con chi protegge stupratori

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Stiamo ricevendo centinaia di telefonate, messaggi, mail di donne e uomini arrabbiati e delusi per l'incredibile scelta di Fi di proteggere stupratori e assassini. Per quanto ci riguarda, sospendiamo le nostre previste partecipazioni a tavoli e incontri con Fi e Berlusconi finché non ci sarà un chiarimento ufficiale". Lo dice il leader della Lega Matteo Salvini dopo il voto contrario di Fi in comm. giustizia al Senato all'iter veloce per la legge Molteni che nega sconti di pena per reati gravissimi.

Archivio Ultima ora