Presentan audio de Mario Silva con funcionario del G2 cubano

Pubblicato il 20 maggio 2013 da redazione

CARACAS- El diputado Ismael García presentó ayer el audio de una conversación en un tal Aramis Palacios, un supuesto funcionario del G2 cubano, y Mario Silva, durante una reunión en la que el presentador de VTV y dirigente del PSUV hace un informe sobre las luchas internas en el chavismo y graves denuncias de presunta corrupción y conspiración militar vinculados a Diosdado Cabello.

“La conversación es grabada por el conductor Mario Silva. Allí se nombran casos muy graves: negocios en el sector económico relacionados con Diosdado Cabello, su hermano, el jefe de Cadivi, situaciones graves en las Fuerzas Armadas, control de las instancias del Estado, de lo que ocurre en el CNE, de un supuesto golpe de Estado que ellos mismos habrían planificado. Es la develación de una situación crisis, estaríamos ante una crisis institucional”.
Informó que en los próximos días presentarán nuevas evidencias ante la Fiscalía General de la República.

“La campaña de persecución contra la verdad que hoy descubrimos. La comisión que crearon para incriminarlo (a Henrique Capriles) por unos muertos que ocurrieron el 14 de abril es parte de la tragedia que vive el país”.

García asegura que el audio presentado por los diputados de la MUD “revela una situación de extrema gravedad”, y aseguró que el informe que presuntamente Silva le entregó a Palacios “va dirigido a Raúl Castro, quien orienta y dirige la política de este país”.

Cabello “blanquea” dólares
Durante la grabación, Mario Silva etsraía denucnaindo que el presidente de la Asamblea Nacional (AN), Diosdado Cabello, habria “blanqueado” dinero a través de Cadivi y el Seniat, y obtenido fondos que le darían “poder” dentro del gobierno nacional. “Tú recuerdas que en un informe anterior había que cercenar los puntos de financiamiento de Diosdado, e incluso te dije que dos de sus puntos de financiamiento eran Cadivi y el Seniat, su hermano José David Cabello y Barroso”, dijo en la conversación con Palacio.

Ultima ora

13:18Australia: appello personalità contro la visita di Netanyahu

(ANSA) - SYDNEY, 20 FEB - Oltre 60 fra leader politici, imprenditoriali e religiosi, giuristi, accademici e artisti di spettacolo, sottoscritto una dichiarazione per esprimere la loro opposizione alla visita in Australia, in programma da mercoledì, del primo ministro israeliano Benyamin Netanyahu. Le sue politiche, affermano, violano il diritto internazionale e "provocano e opprimono il popolo palestinese allontanando ancora di più il Medio Oriente dalla pace". "E' tempo che sia messa fine alle sofferenze del popolo palestinese e che l'Australia assuma una posizione più equilibrata nel sostenere l'applicazione del diritto internazionale e non sostenga ciecamente Netanyahu e le sue politiche", scrivono. Sono in programma manifestazioni di protesta a Sydney, Melbourne e Canberra. Netanyahu incontrerà il primo ministro conservatore Malcolm Turnbull, il leader dell'opposizione laburista Bill Shorten e altri leader durante la visita di quattro giorni, la prima di un capo di governo israeliano in carica.

13:13Roma: nel pomeriggio possibile incontro Raggi-Grillo

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - A quanto si apprende l'incontro tra Beppe Grillo, da oggi a Roma, e Virginia Raggi potrebbe tenersi nel tardo pomeriggio in Campidoglio oppure domani mattina. Al centro dell'incontro potrebbe esserci anche la posizione del M5S sullo Stadio della Roma a Tor di Valle.

13:12Pd: nasce area Orlando-Cuperlo-Damiano

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Una riunione, ieri sera, tra Andrea Orlando, Gianni Cuperlo e Cesare Damiano ha sancito, a quanto si apprende, la nascita di una nuova area dentro il Pd alla luce della quasi certa scissione con la minoranza. I tre esponenti ex ds, che ieri in assemblea hanno caratterizzato i loro interventi all'insegna dell'unità del partito e dell'equidistanza, si sono trovati d'accordo, nella riunione, sulla necessità di un'area larga che avanzi una proposta politica nuova per rifondare il Pd.

13:11Pd: Orlando, io sarei già candidato se impedisse scissione

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - "Non mi pare serva mettere altri candidati alla segreteria in lizza. Se la mia candidatura impedisse la scissione, sarei già candidato. Non ho capito quale sia il problema in questo passaggio...". Così il Ministro della Giustizia Andrea Orlando (Pd) intervenendo ad Agorà, su RaiTre, parlando del partito democratico. "Qualunque problema abbia il partito, l'idea che lo si possa risolvere con la scissione è sbagliata: apre un fronte che consente alla destra di rafforzarsi", ha aggiunto. "La responsabilità è di tutti: non si à sedimentata una politica comune".

13:11Ue: Gentiloni vede Padoan in vista Eurogruppo

(ANSA) - ROMA, 20 FEB - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni ha incontrato questa mattina a palazzo Chigi il ministro dell'Economia Pier Carlo Padoan. Il colloquio, a quanto si apprende, è servito a fare un punto prima della partenza del ministro per Bruxelles, dove parteciperà all'Eurogruppo.

13:10Pd: Rossi, nuovi gruppi parlamentari sosterranno governo

(ANSA) - FIRENZE, 20 FEB - Nuovi gruppi parlamentari dopo la scissione nel Pd? "Non so: è una domanda che va posta a chi siede in Parlamento, ma penso che sia normale che appoggino il governo", dice Enrico Rossi a Rainews24. "Non sono d'accordo con Fratoianni - ha poi aggiunto rispondendo ad una domanda - che ci ha chiesto di non sostenere Gentiloni". Quanto alla sua appartenenza al Pd, Rossi ha detto: "Proprio poco fa stavo pensando di rispedire la mia tessera alla mia sezione, con una lettera, e andarne a trovare anche il segretario".

12:57Pence a Bruxelles, Mogherini, buona base

(ANSA) - BRUXELLES, 20 FEB - "Eccellente incontro, buona base per la nostra cooperazione". Lo ha twittato l'alto rappresentante per la politica estera europea, Federica Mogherini, dopo l'incontro nella residenza dell'ambasciatore americano presso la Ue a Bruxelles, con cui il vicepresidente americano, Mike Pence, ha cominciato la visita ufficiale alle istituzioni Ue. Dopo un colloquio di circa 45 minuti, il vice di Donald Trump si è recato nell'Europa Building, nuova sede del Consiglio Europeo, per l'incontro con il presidente Donald Tusk, in cui il principale argomento atteso - secondo quanto riferito da fonti europee - è la "rassicurazione sull'unità transatlantica". Successivamente Pence incontrerà il presidente Jean-Claude Juncker nella sede della Commissione europea. Pomeriggio dedicato invece alla Nato con una visita al quartier generale per l'incontro con il segretario generale Jens Stoltenberg. IeriPence ha avuto una cena con il primo ministro belga, Charles Michel.

Archivio Ultima ora