In Iran il 14 giugno si sceglie l’erede di Ahmadinejad

Pubblicato il 21 maggio 2013 da redazione

TEHERAN. – E’ stata scremata la rosa di candidati per le prossime elezioni presidenziali iraniane del 14 giugno: come previsto da indiscrezioni autorevoli, sono stati esclusi due esponenti di spicco come l’ ex-presidente Akbar Hashemi Rafsanjani ed Esfandiar Rahim Mashai, il delfino del presidente a fine mandato Mahmud Ahmadinejad. In lizza, assieme ad altri sei candidati, sono invece stati confermati il capo-negoziatore per il nucleare, Said Jalili, e il sindaco di Teheran, Mohammad Baqer Qalibaf, entrambi molto vicini al Leader supremo Ali Khamenei. La decisione, presa dall’insindacabile consesso dei 12 Guardiani della costituzione controllato dalla Guida, è stata ufficializzata dal ministero dell’Interno, precludendo un possibile (e ventilato fino all’ultimo minuto) intervento di Khamenei per salvare qualche candidato. Fra gli otto rimasti dall’enorme lista di 686 iscritti c’è anche Ali Akbar Velayati, il suo consigliere per la politica estera. In particolare un’esclusione di Mashai, accusato di tendenze religiose deviazioniste che mettono in discussione il ruolo del clero, potrebbe ora far cadere le remore finora mostrate da Ahmadinejad – non ricandidabile per limiti costituzionali – nel rivelare presunti casi di corruzione che riguarderebbero i suoi avversari e di cui egli stesso ha accennato in diversi recenti discorsi come ha segnalato una decina di giorni fa l’agenzia Ilna. La settimana scorsa Mashai aveva rilanciato la minaccia annunciando che ‘’in futuro rivelerò alcune cose’’ esistenti ‘’dietro le quinte’’.

A livello elettorale, a Mashai si attribuiva comunque un peso limitato al ruolo di ‘’guastafeste’’ al primo turno. Un sito d’opposizione ha segnalato misure di sicurezza rafforzate a Teheran per controllare eventuali proteste alla bocciatura di Mashai e Rafsanjani, il cui ingresso nell’agone elettorale dieci giorni fa era stato acclamato con qualche raduno in strada. Tempo addietro un giornale dei Pasdaran, il corpo d’elite con parte del quale il presidente è in attrito, aveva evocato la possibilità che Ahamdinejad avrebbe potuto fomentare disordini nel tentativo di mantenere la propria influenza politica sul sistema. Rafsanjani era stato criticato per le sue simpatie riformiste e la sua età (78 anni) giudicata da più parti come troppo avanzata. Il suo ruolo sarebbe stato solo quello di arginare Mashai qualora fosse stata approvata la sua candidatura. E ora i due candidati più in vista sono Jalili, 48 anni, che è il capo negoziatore che tratta con le potenze del 5+1 sul programma nucleare iraniano sospettato di nascondere finalità militari ed è anche segretario del Supremo consiglio per la sicurezza nazionale iraniano. Considerato fedele alla Guida suprema, nel cui ufficio è entrato nel 2001, è un veterano della guerra Iran-Iraq degli anni Ottanta, dove ha perso parte della gamba destra e guadagnato l’appoggio delle potentissime guardie rivoluzionari, i Pasdaran. Segnali indicano che la sua posizione come candidato di punta della Guida non è stabilizzato in quanto lo affianca Qalibaf, il sindaco della capitale definito da ‘’Time’’ affascinante come un Bill Clinton iraniano e pio come un Bush musulmano (Time). Gli altri candidati sono Hassan Rohani (un religioso “rafsanjaniano”), Mohsen Rezaei (formalmente indipendente ma consigliere di Khamenei, ex capo dei Pasdaran e sconfitto da Ahmadinejad nel 2009) e Mohammad Reza Aref (un ex primo vicepresidente proveniente da quell’area riformista marginalizzata dopo la repressione dei moti di protesta del 2009).

Said Jalili e Mohammad Qalibaf,
i due candidati più qualificati
TEHERAN. – I due candidati di spicco rimasti dopo le esclusioni decretate dai guardiani della Costituzione sono il negoziatore per il nucleare Said Jalili e il sindaco di Teheran, Mohammad Baqer Qalibaf.

JALILI: 48 anni, è il capo negoziatore che tratta con le potenze del 5+1 sul programma nucleare iraniano che gli occidentali sospettato di nascondere finalità militari. E’ anche segretario del Supremo consiglio per la sicurezza nazionale iraniano. – è considerato fedele alla Guida suprema Ali Khamenei, nel cui ufficio è entrato nel 2001 e che rappresenta all’interno del Supremo consiglio di sicurezza. E’ appoggiato da ultraconservatori ostili al delfino di Mahmud Ahmadinejad. – è un veterano della guerra Iran-Iraq degli anni Ottanta, dove ha perso parte della gamba destra: una menomazione che lo aiuta a ottenere l’appoggio dei potentissimi Guardiani della Rivoluzione, i Pasdaran.

QALIBAF: 52 anni, è il popolare sindaco della capitale dal 2005. Il settimanale americano Time l’ha definito affascinante come un Bill Clinton iraniano e pio come un Bush musulmano; – già capo della polizia e dell’aviazione del Corpo d’elite dei Pasdaran. Fu sconfitto alle presidenziali del 2005 da Mahmud Ahmadinejad.

 

Ultima ora

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

22:03Calcio: Andreazzoli nuovo allenatore dell’Empoli

(ANSA) - EMPOLI (FIRENZE), 17 DIC - Aurelio Andreazzoli è il nuovo tecnico dell'Empoli. Dopo l'esonero quasi a sorpresa di Vincenzo Vivarini la società ha affidato la guida della prima squadra all'ex allenatore della Roma, a riposo da questa estate dopo aver lavorato come collaboratore di Luciano Spalletti. Andreazzoli sarà presentato domani e sarà coadiuvato dall'allenatore in seconda Giacomo Lazzini, ex centrocampista dell'Empoli nella stagione 1992-93. Andreazzoli ha firmato un contratto fino al 30 giugno, con opzione in caso di promozione in serie A. Andreazzoli torna a guidare una prima squadra dopo la stagione 2012-2013 quando in seguito all'esonero di Zeman, gli venne affidata la panchina della Roma, con cui perse la finale-derby di Coppa Italia contro la Lazio e dove rimase fino al termine della stagione per poi tornare al ruolo di collaboratore, prima con Rudi Garcia poi, di nuovo, con Luciano Spalletti. Dalla scorsa estate aveva deciso di rimanere a riposo. Ora la chiamata del presidente dell'Empoli, Fabrizio Corsi.

21:33Reagisce a rapinatore, ferito gestore pizzeria in Molise

(ANSA) - CAMPOMARINO (CAMPOBASSO), 17 DIC - Reagisce al rapinatore che, con volto coperto, entra in pizzeria e gli punta una pistola scacciacani, chiedendogli l'incasso. Tra i due inizia una colluttazione e il gestore del locale resta ferito al volto dopo il colpo con il calcio dell'arma scagliatogli contro dal malvivente. Nella concitazione del momento, il ladro esplode anche due colpi. Poi la fuga con 500 euro. "Abbiamo ancora la paura addosso - dice la moglie del titolare - non riusciamo a capacitarci dell'accaduto". Sull'episodio sono in corso indagini a 360 gradi dei Carabinieri, intervenuti intorno alle 23 di sabato sera, nel locale di Corso Marconi, nel centro di Campomarino (Campobasso). In base alle testimonianze, il malvivente è alto 1.80, sarebbe italiano e di corporatura robusta. "Il rapinatore mi ha ferito al capo con il calcio della pistola - spiega il titolare della pizzeria contattato telefonicamente - durante il corpo a corpo ha esploso dei colpi dalla scacciacani dentro il locale".Nella fuga - a quanto appreso - sembra che il rapinatore abbia perso un caricatore o un pezzo dell'arma, trovato dai Carabinieri e al vaglio degli inquirenti. Non sono state trovate, invece, telecamere funzionanti nei dintorni del locale. Accertamenti a tappeto da parte dei militari. Per tutto il giorno sono stati ascoltati in caserma i testimoni dell'accaduto compreso il gestore dell'attività che ha ripercorso in dettaglio l'accaduto. (ANSA).

21:32Austria: Gozi, mantenga impegni su quote rifugiati assegnate

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Per noi è fondamentale che l'Europa si attrezzi con politiche per governare immigrazione e asilo. Il minimo sindacale dell'Italia è che ogni Paese rispetti le quote di rifugiati loro assegnati. Ribadiremo questa posizione anche al nuovo governo austriaco". Così il sottosegretario agli Affari europei, Sandro Gozi, su Twitter.

21:28Brexit: Tajani, britannici si stanno rendendo conto errore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Se i britannici volessero fare marcia indietro (sulla Brexit) poi tutti gli stati dell'Unione Europea dovrebbero accettare. Certamente più si va avanti più si rendono conto dell'errore commesso": lo ha detto il Presidente del Parlamento Europeo, Antonio Tajani. "Fortunatamente - ha aggiunto Tajani - abbiamo risolto la prima parte e siamo riusciti a fare un accordo quadro in difesa dei diritti dei cittadini Ue in Gb, il problema dei confini tra l'Irlanda del Nord e la Repubblica di Irlanda e l'accordo sul conto" di divorzio. "Adesso inizia la fase difficile della trattativa: trasformare l'accordo generale in un trattato e poi vedere quali saranno le relazioni future tra Gb e Ue. Non sarà facile", ha concluso il presidente dell'Europarlamento.

Archivio Ultima ora