Siria, Ue divisa sulle armi ai ribelli

Pubblicato il 27 maggio 2013 da redazione

BRUXELLES. – L’Europa rischia di spaccarsi sulle sanzioni in Siria che scadono il primo giugno. Non bastano oltre nove ore di negoziato tra i ministri degli Esteri riuniti a Bruxelles per decidere se fornire o meno armi ai ribelli. Ed anche nella politica estera si replicano le divisioni che da anni emergono su tutti i grandi dossier dell’Unione europea in crisi. La discussione tra i ministri europei, cominciata alle 11, è ancora in corso quando – alle 20 – a Parigi comincia l’incontro tra il segretario di Stato Usa John Kerry ed il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov per mettere a fuoco Ginevra 2. Intanto da Istanbul i rappresentanti dell’opposizione tornano a chiedere che l’embargo sulle armi sia cancellato, ma dopo cinque giorni di trattative non riescono a trovare un accordo su chi dovrà sedersi al tavolo della conferenza di pace che si dovrebbe tenere il prossimo mese.

”Notizie non buone”, come sottolinea Emma Bonino. Le divisioni nella coalizione danno infatti voce ai dubbi sulla possibilità di avere garanzie sul reale destinatario finale delle armi. E mentre da Bruxelles si esclude l’idea che l’Iran possa partecipare alla conferenza bis di Ginevra, Teheran lancia l’idea di una conferenza parallela. Mentre i politici discutono, dalla Siria arrivano notizie di furiosi combattimenti tanto a Damasco quanto nella città di confine di Qusayr, dove una giornalista della televisione siriana Al Ikhbariya, Yara Abbas, è stata uccisa da cecchini che secondo la stessa tv appartenevano ai ”terroristi”. Un’autobomba invece fa sei morti nella capitale. E sale l’allarme per l’uso di armi chimiche. ‘Le Monde’ lancia un reportage che ne dimostrerebbe l’uso ed il capo della diplomazia francese Laurent Fabius conferma – prima di lasciare Bruxelles per ricevere Kerry e Lavorv a Parigi – che ”sono sempre più forti i sospetti di un uso localizzato di armi chimiche”, aggiungendo che si tratta di informazioni sulle quali si stanno facendo ”verifiche accurate”. A Bruxelles la ricerca di un accordo parte da posizioni che Bonino definisce ”molto, molto distanti, quasi inconciliabili”. Ai due estremi, da una parte Londra che vuole che l’embargo sia tolto subito, dall’altra un gruppo di cinque paesi capeggiati dall’Austria appoggiata da Svezia, Repubblica Ceca, Finlandia e Romania, secondo i quali ”l’Europa è una comunità di pace”. Il tentativo di accordo si cerca su una posizione di compromesso, la cosiddetta ”opzione 3” tra le tre finalizzate dal servizio diplomatico europeo in vista della discussione, che prevede il rinnovo delle sanzioni per un anno con la revisione dell’embargo sulle armi e con la possibilità di fornire materiale bellico agli oppositori con una serie di condizioni: autorizzazioni “caso per caso”, clausole di salvaguardia sul destinatario finale delle armi, entrata in vigore del nuovo regime legata agli sviluppi dell’iniziativa Usa-Russia per la nuova conferenza di pace. E se Hague afferma che dare un sostegno armato all’opposizione è più importante dell’unità europea, da Fabius alla Bonino arriva l’allarme per la tenuta della politica estera a dodici stelle. Le divisioni ed i veti incrociati potrebbero ”far esplodere l’Europa”, avverte il capo della Farnesina. E sarebbe una ”vittima in più” del conflitto siriano.

Ultima ora

21:27Calcio: Mondiale club,2-1 all’Al Jazira e R.Madrid in finale

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Real Madrid vince 2-1 contro i padroni di casa dell'Al Jazira di Abu Dhabi e stacca il biglietto per la finale del Mondiale per club di sabato, dove affronterà i brasiliani del Gremio Porto Alegre, campioni in carica del Sudamerica.

21:23Gerusalemme: sirene di allarme nel sud di Israele

(ANSAmed) - TEL AVIV, 13 DIC - Le sirene di allarme anti missili sono risuonate poco fa nel sud di Israele, nella zona della cittadina di Sderot non lontano dalla Striscia. Lo conferma l'esercito, citato dai media. Secondo questi ultimi ci sarebbe stato almeno un razzo dalla Striscia intercettato dall'Iron Dome.

21:15‘Boicotta Espresso’, ma blitz Forza Nuova fallisce a Torino

(ANSA) - TORINO, 12 DIC - Avevano in programma un'azione dimostrativa sotto la redazione torinese del quotidiano La Repubblica, simile a quella effettuata a Roma lo scorso 6 dicembre, i militanti di Forza Nuova che ieri sono stati fermati dalla polizia a Torino. Gli investigatori della Digos hanno intercettato il corteo, non autorizzato, prima che arrivasse in via Lugaro, sede del giornale, e i manifestanti si sono allontanati. Secondo quanto appreso, l'intenzione di Forza Nuova era quella di appendere uno striscione con la scritta 'Boicotta il Gruppo Espresso'. (ANSA).

21:12Calcio: 3-2 alla Sampdoria, Fiorentina ai quarti

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - La Fiorentina ha battuto 3-2 la Sampdoria negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti affronterà la vincitrice di Lazio-Cittadella, in programma domani sera allo stadio Olimpico di Roma. Viola in vantaggio già al 2' grazie a Babacar. Il pareggio ligure lo firma Barreto a cinque minuti dall'intervallo. Nella ripresa l'arbitro Rosario Abisso, di Palermo, diventa protagonista fischiando tre rigori, due con l'ausilio della Var. Il primo lo trasforma Veretout, il secondo - quello del 2-2 - è opera di Ramirez al 32'. Al 90' ancora Veretout sul dischetto. Il francese non sbaglia battendo Puggioni con grande freddezza. Per la Samp anche un clamoroso palo colpito da Caprari su punizione.

21:10Calcio: Baldissoni “Roma patrimonio collettività,è una fede”

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La storia della Roma ha un inizio, ma è senza fine. Questa squadra è patrimonio di una collettività e racchiude il capitale emotivo di una comunità. Parliamo di una storia che si aggiorna quotidianamente, perché le emozioni non muoiono mai. La Roma è una fede, una famiglia, è parte di tutti noi e lo sarà per sempre". Così il dg della Roma, Mauro Baldissoni, nel corso della presentazione del libro 'Dimmi cos'è', pubblicato per celebrare i 90 anni del club giallorosso. Il volume, a cura di Tonino Cagnucci e Luca Pelosi (casa editrice Skira), ripercorre la storia della Roma con illustrazioni, disegni d'autore, fotografie inedite. "Da quando è arrivata la nuova proprietà è stato creato un dipartimento dedicato all'archivio storico. Abbiamo fatto un lavoro incessante negli anni, recuperato e organizzato centinaia di migliaia di documenti, foto e oggetti - sottolinea Baldissoni -. Questo grande sforzo di raccolta è stato ora messo su carta, è fruibile da tutti e ne siamo estremamente orgogliosi".

21:09Uccise ladro: condannato a nove anni e quattro mesi

(ANSA) - BRESCIA, 13 DIC - La Corte d'Assise di Brescia ha condannato a 9 anni e 4 mesi per omicidio volontario Mirco Franzoni, il 33enne che la sera del 14 dicembre 2013 a Serle, nel Bresciano, uccise in strada con un colpo di fucile ravvicinato il ladro di origine albanese Eduard Ndoj, che era entrato nell'abitazione del fratello. Il pm aveva chiesto 16 anni, sempre per omicidio volontario.

20:59Nuoto: Europei 25 metri, Scozzoli vince l’oro nei 50 rana

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Due medaglie per l'Italia nella prima giornata di gare dei campionati europei di nuoto in vasca da 25 metri, in corso a Copenaghen. L'azzurro Fabio Scozzoli ha chiuso al primo posto la gara dei 50 rana con il tempo di 25"62, nuovo record europeo, che sottrae dieci centesimi al limite che lui stesso aveva stabilito nel 2013 in coppa del mondo a Berlino. Ha preceduto il russo Kirili Progoda, medaglia d'argento, e il britannico Adam Peaty, bronzo. La seconda medaglia è d'argento, conquistata dagli staffettisti della 4x50 stile libero. Luca Dotto, Lorenzo Zazzeri, Alessandro Miressi e Marco Orsi hanno chiuso in 1'23''67, dietro ai russi che si impongono in 1'23''23.

Archivio Ultima ora