Roma, elettorato in fuga. Sfida Alemanno-Marino, flop M5S

Pubblicato il 27 maggio 2013 da redazione

ROMA – La sfida era annunciata. Gianni Alemanno e Ignazio Marino vanno al ballottaggio in una Roma che ha perso metá dell’elettorato: il chirurgo e la sua coalizione al 43% staccano il sindaco uscente che si attesta al 31%. Ma ora entrambi sanno che per vincere devono conquistare l’elettorato disperso. Quei tantissimi romani in fuga dalle urne, spaventati o stanchi da troppa o poca politica. Persino in fuga dall’antipolitica di M5S che crolla nella capitale arrivando al 14% dopo il 27,7% delle politiche. E che non premia pienamente neanche una novità civica e di territorio come il movimento di Alfio Marchini, imprenditore romanissimo, che si ferma al 7,9%. Anche un voto di nicchia come quello per la sinistra di Sandro Medici si blocca all’1,7%.

La vittoria per il futuro sindaco di Roma si giocherà su quelle tantissime schede inutilizzate che giacciono nei seggi romani disertati da molti. Perchè, come osserva Gianni Alemanno, ”nessuno vuole essere sindaco del 50% dei romani”. Lo sa bene l’esperto e navigato sindaco uscente che riconoscendo come ”la partita è ancora aperta” indica anche il campo di gara ”dove combattere fino alla fine”.

– Bisogna portare al voto metà dei romani, bisogna capire il perché dell’ astensionismo soprattutto dei giovani – dice parlando dal suo comitato e primo tra i candidati a rompere il ghiaccio.

Ignazio Marino invece parla tardi, molto tardi. Fa un discorso pragmatico, di politica realissima. Parla di ”buche, senza casa, senza lavoro”. Ringrazia chi ”ha votato”. E sentenzia:

– La città vuole cambiare, la corsa però non è finita.

Poi fa un indiretto appello agli elettori dell’M5S ”abbiamo temi in comune”, e un complimento ad Alfio Marchini che ha ottenuto ”un risultato rispettabile”.

Un Marino in versione politica forse anche per la presenza accanto a lui del Pd. Dopo una campagna elettorale senza, oggi il partito c’è. E precede le poche parole di Marino. E’ un Pd col volto vincente di Nicola Zingaretti e quello pacato di Enrico Gasbarra, segretario regionale. Si complimentano per gli ottimi risultati, ”anche del Pd che le proiezioni danno al 26%”, sottolinea il segretario regionale. Perchè il candidato Marino, reduce da una campagna elettorale con un Pd polverizzato a livello nazionale e decapitato nella segreteria cittadina, ha fatto di necessità virtù e forse il risultato, dice più di un fedele del chirurgo, lo ha strappato per il suo smarcarsi dal partito che non c’è.

Gugliemo Epifani si complimenta per il risultato e in serata, al comitato, arriva anche Nichi Vendola. Alemanno invece dopo una tiepida investitura ha potuto contare su tutta la coalizione, Fdi e La Destra di Storace comprese. E soprattutto Berlusconi. Ora che tenta il bis l’ondata di astensionismo più che un elemento negativo potrebbe essere un’occasione. Ha fatto una campagna elettorale paradossalmente in salita il sindaco, a combattere con Parentopoli e inchieste. Ora spera.

– Il ballottaggio non è il secondo tempo di una partita ma un match totalmente diverso – riflette -. Su Rutelli nel 2008 ho vinto per 84mila voti, ora da Marino mi separano 124mila preferenze. La rimonta, spiega, è possibile.

I due outsider Marcello De Vito e Alfio Marchini si guardano attorno. Marcello De Vito ammette il calo di M5S pur considerandolo ”non vistoso”. Non accusa nessuno, tanto meno Beppe Grillo, ”non avrei preso più voti se fosse stato più presente”, ma sottolinea ”il movimento non è lui”. E annuncia che i pentastellati faranno opposizione. Dunque per ora nessuna indicazione di voto.

– Io personalmente non votero – dice ma poi apre un flebile spiraglio:

– Non escludo comunque una consultazione on line.

Chi canta vittoria, ma l’avrebbe cantata comunque perchè ”abbiamo ucciso il consociativismo”, è Alfio Marchini, l’imprenditore dal senso civico, che sfoderando uno dei suoi migliori sorrisi, migliori di quelli che hanno ‘arredato’ Roma nella sua campagna elettorale col cuore-tormentone, giudica il risultato ottenuto ”straordinario: un popolo si è messo in marcia”.

 

Marchini: “Ballottaggio? Vedremo, ma non sarò vice”

Alfio Marchini giunge al suo comitato elettorale intorno alle 19.30 quando i dati parziali, lo danno intorno al 10%, quindi fuori dal ballottaggio. Ma le prime dichiarazioni non sono affatto di chi ha perso una partita bensì di chi ha appena iniziato a giocarla.

– In tre mesi abbiamo raggiunto un risultato che, al di là di quelli che possono essere i dati finali, mi sembra straordinario – dice ai giornalisti presenti – un popolo si è messo in marcia.

Quanto alla posizione che terrà al secondo turno delle comunali di Roma, l’imprenditore candidato sindaco non si sbilancia affatto:

– Faremo una grandissima attenzione ai programmi, sicuramente non farò il vice di nessuno. La mia lista ha dato un messaggio chiaro, che il consociativismo è finito – rivendica Marchini – è l’inizio di un percorso che si è messo in moto e non si disperderà. Adesso valuteremo in modo laico e attento i programmi e aiuteremo la città ad andare dove i cittadini vogliono che vada. Non abbiamo puntato sulla demagogia, ma sull’amore per la città e la speranza di cambiamento.

Alle domande insistenti dei giornalisti sul suo comportamento al ballottaggio, Marchini risponde:

– Quindici giorni sono un’eternità. E’ assolutamente prematuro, valuteremo con laicità contenuti e programmi.

Poi aggiunge:

– Io mi batterò per essere il più possibile influente nel governo di questa città, difenderemo allo spasimo gli interessi di chi ci ha dato la delega, staremo al centro dell’arena. Ho deciso di dedicare quindici anni della mia vita alla politica e parto da Roma, la città che amo.

Al comitato elettorale Marchini, di via Ostiense, caratterizzato dal simbolo del cuore stampato dai manifesti ai pass per la stampa, l’attesa per i risultati elettorali dura tutto il pomeriggio: candidati della sua lista e sostenitori lo accolgono con un applauso quando arriva. Tra i presenti anche diversi ex Pd, dall’ex senatore Lucio D’Ubaldo a Claudio Minelli, già assessore nelle giunte Veltroni e Rutelli. Secondo D’Ubaldo, ora candidato presidente al primo municipio nella lista Marchini, ”quello che si consegue sopra il 10% è un risultato importante”, mentre la capolista in Campidoglio Francesca Longo sottolinea: ”Il dato significativo, che ci preoccupa, è la grandissima astensione che c’è stata”.

Ultima ora

19:15Difesa: accordo ministero-Sardegna per restituire spiagge

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Spiagge 'libere' dalle servitù militari e periodi più lunghi, da giugno a settembre, di ferma delle attività a fuoco, investimenti in attività di ricerca e innovazione tecnologica e l'istituzione di osservatori ambientali indipendenti nei poligoni e nelle aree a maggior intensità addestrativa. Sono gli impegni sottoscritti a Roma dalla ministra della Difesa Roberta Pinotti e dal presidente della Regione Sardegna Francesco Pigliaru, in un protocollo d'intesa per il coordinamento delle attività militari. Verranno restituite in questo modo bellissime spiagge in prossimità dei poligoni militari, oggetto di richieste che risalgono a 40 anni fa. In particolare, la Difesa si impegna a cedere la spiaggia di Porto Tramatzu, nel Poligono di Capo Teulada, e le spiagge di S'Ena e S'Arca nell'area del Poligono di Capo Frasca, e a cedere in maniera temporanea, tra il primo giugno e il 30 settembre, l'area delle 'Spiagge Bianche', sempre a Capo Teulada, e della 'Spiaggia di Murtas' a Capo San Lorenzo. Nell'intesa anche la piena operatività della caserma di Pratosardo che dovrebbe ospitare a regime 250 militari di vari reparti, il rilancio della scuola per sottufficiali della Marina a La Maddalena, dove è previsto anche un polo d'eccellenza dell'economia del mare. L'accordo prevede, inoltre, indennizzi ai Comuni e ai pescatori di Capo Frasca e la previsione di un'area di rispetto per le zone archeologiche. La Difesa, infine, promuoverà un tavolo interistituzionale per lo sviluppo di attività di ricerca e innovazione tecnologica, anche sulla cyber-security, in modo da ridurre l'impatto sul territorio. Si lavorerà anche per un distretto aerospaziale a Decimomannu. (ANSA).

18:58Cile: Bachelet visita Pinera, prima colazione di lavoro

(ANSA) - SANTIAGO DEL CILE, 18 DIC - La presidente uscente del Cile, Michelle Bachelet, ha incontrato il suo successore, Sebastian Pinera - eletto nel ballottaggio di ieri - nel suo domicilio privato, per una prima colazione di lavoro di quasi due ore. "Quella di visitare il presidente eletto è una tradizione repubblicana", ha detto Bachelet alla stampa accorsa a coprire l'appuntamento davanti alla casa di Pinera, nell'esclusivo quartiere residenziale di La Deehesa, aggiungendo che "si è trattato di una riunione di lavoro". Resta il fatto che quella che doveva essere una visita protocollare di 15 minuti si è estesa per 1 ora e 45 minuti. Bachelet - che si era già congratulato telefonicamente con Pinera per la sua vittoria - ha potuto discutere punti dell'agenda presidenziale, prima di partire verso Villa Santa Lucia, dove almeno 8 persone sono morte sabato scorso a causa di un'alluvione.

18:55Calcio: De Sciglio, Roma forte ma noi migliorati tanto

(ANSA) - TORINO, 18 DIC - "Sono molto contento per come vanno le cose dal punto di vista personale e di squadra. Ieri abbiamo dimostrato la nostra crescita e la nostra compattezza". Mattia De Sciglio analizza ai microfoni di Sky Sport il 3-0 della Juve al Dall'Ara contro il Bologna. "Stiamo migliorando sotto tutti i punti di vista - spiega il difensore bianconero -. La Roma? Un'altra grande squadra, che sta disputando un grande campionato. Ha caratteristiche diverse dall'Inter, dovremo prepararla nel migliore di modi, cercando di sfruttare al massimo quelle che sono le nostre caratteristiche e le nostre potenzialità". Un'altra pretendente allo scudetto insieme a Napoli e Inter: "Difficile dire chi sia più pericolosa, sono tre concorrenti dirette, siamo tutti vicini con pochissimo margine di punti l'una dall'altra - aggiunge De Sciglio -. Sarà un campionato combattuto fino alla fine, difficile dire oggi chi arriverà prima".

18:54Libano: media, accusato morte diplomatica Gb è autista Uber

(ANSA) - BEIRUT, 18 DIC - Il tassista arrestato a Beirut con l'accusa di avere ucciso la diplomatica britannica Rebecca Dykes è un autista di Uber, regolarmente registrato presso la compagnia nonostante avesse precedenti penali. E' quanto afferma il sito del quotidiano libanese Daily Star citando una fonte di polizia. La stessa fonte ha detto che l'uomo, identificato come Tareq H., ha violentato la diplomatica prima di ucciderla. Contattata dal giornale, Uber ha ammesso che l'uomo, di 35 anni, era impiegato dalla società, convinta che non avesse precedenti penali. La politica della società, infatti, richiede che gli autisti siano in possesso di una licenza di tassista, che Tareq H. aveva, e in base alla legge libanese i tassisti devono avere la fedina penale pulita. Uber si è detta "inorridita per questo atto di violenza senza senso" e pronta a "cooperare con le autorità nelle indagini in ogni modo possibile".

18:51Calcio: Pecoraro, sentenza brutto precedente

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - "Questa sentenza è un brutto precedente". E' questo il commento laconico all'Ansa del procuratore federale della Figc, Giuseppe Pecoraro, alla decisione della corte di appello federale sul caso ultrà-Agnelli. "Si è voluta monetizzare la sanzione" aggiunge solo Pecoraro, facendo riferimento alle multe comminate al presidente bianconero (100 mila euro) e alla sua società (600 mila euro).

18:47Tangenti Odebrecht: presidente Perù insiste,’sono innocente’

(ANSA) - LIMA, 18 DIC - Pedro Pablo Kuczynski non molla. Messo alle strette dalle rivelazioni sui suoi rapporti con la multinazionale brasiliana Odebrecht e minacciato da una richiesta di impeachment, il presidente del Perù è tornato a ribadire la sua innocenza, proclamando: "Non ho mentito, non sono un corrotto". In un'intervista a 5 testate, Kuczynski, ha detto che la proposta di impeachment presentata in Parlamento è un "tentativo di attacco all'ordinamento democratico". Poi ha detto di voler chiedere scusa ai peruviani per "non essersi spiegare bene". Kuczynski è stato accusato di aver ricevuto soldi dalla Odebrecht fra 2004 e 2014, attraverso la Westfield, azienda di consulenza di cui era socio. Lui sostiene di aver lasciato la Westfield quando entrò nel gabinetto dell'allora presidente Alejandro Toledo (2004-06). Due precedenti presidenti peruviani - Alejandro Toledo (2001-06) e Ollanta Humala (2011-16)- sono sotto inchieste per i loro rapporti con la Odebrecht.

18:47Terremoto: 1.693 casette consegnate a comuni colpiti

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Ad oggi, sono stati completati i lavori in 91 aree e sono state consegnate ai sindaci dei comuni del Centro Italia colpiti dal sisma 1.693 casette, di cui 687 nel Lazio (488 ad Amatrice, 199 ad Accumoli), 418 in Umbria (Cascia, Norcia e Preci), 562 nelle Marche (ad Amandola, Arquata del Tronto, Castelsantangelo sul Nera, Cessapalombo, Fiastra, Gualdo, Monte Cavallo, Muccia, Pieve Torina, San Ginesio e Visso) e 26 in Abruzzo (a Tossicia e Torricella Sicura). Lo fa sapere la Protezione civile. Secondo i dati forniti dalle quattro Regioni, al 28 novembre, sono complessivamente 3.667 le Sae (Soluzione abitative d'emergenza) ordinate per i 50 comuni che ne hanno fatto richiesta. In particolare, l'Abruzzo ha ordinato 238 Sae da installare tra i tredici Comuni interessati; nel Lazio sono 826 gli ordinativi per sei Comuni; le Marche hanno ordinato 1.844 soluzioni abitative per 28 Comuni e, infine, l'Umbria 759 per tre Comuni. Attualmente sono in corso lavori in 108 aree. (ANSA).

Archivio Ultima ora