Davoli: “Aiutare le istituzioni che si occupano dei connazionali”

Pubblicato il 27 maggio 2013 da redazione

CARACAS – “Malgrado l’impegno del nostro Consolato e nonostante obiettivamente sia stato fatto un grosso lavoro, dai viaggi realizzati in questi anni e le visite fatte alle nostre comunità, ho potuto constatare che i connazionali residenti nella provincia non sempre riescono a trarre vantaggio dai tanti benefici che offriamo. Ad esempio, le medicine gratuite e l’assistenza sanitaria”. Il Console Generale d’Italia in Caracas, Giovanni Davoli, parla con rammarico ma anche con la consapevolezza d’aver fatto tutto quanto era in suo potere. Lo incontriamo nel suo ufficio, in una giornata in cui il sole tropicale fatica a farsi spazio tra le nuvole che minacciano pioggia. La nostra conversazione, a volte interrotta da qualche funzionario che chiede spiegazioni, istruzioni o, più semplicemente, la firma di un documento – che il Console legge sempre con estrema attenzione -, si concentra essenzialmente nei recenti viaggi tra le nostre comunità di Cagua e Puerto Cabello.

– A Cagua – ci spiega – si è svolto un incontro assai interessante nel locale Centro Italo Venezolano. I connazionali mi hanno manifestato le loro inquietudini per l’attuale situazione economica del Paese, che ovviamente ha riflessi sul loro tenore di vita. Ho percepito timore, ansia e tanta preoccupazione.

Il Console Davoli afferma che a Cagua c’è un Centro Italo-Venezolano che “fa fatica a ripartire”. Sottolinea:

– Ma ho trovato tanta volontà di continuare ad operare a favore della Collettività. Soprattutto ho potuto constatare gli sforzi che realizza la Fondazione Ciao Italia. Essa offre assistenza, nonostante le difficoltà obiettive che deve superare, a tanti connazionali bisognosi nell’area di Cagua e La Victoria. Insomma, nello Stato Aragua. Ai responsabili della “Fondazione” ho potuto dare la buona notizia della volontà di alcuni connazionali di offrire all’istituzione un contributo economico. Così anche la “Fondazione” potrà operare con più tranquillità.

Considera assai importante il lavoro che svolgono a favore dei connazionali meno fortunati le associazioni, fondazioni e comitati di assistenza presenti nella provincia.

– In situazioni come quelle che oggi ci tocca vivere – spiega -, questi strumenti di cui si è dotata la collettività vanno incoraggiati, aiutati. E’ ciò che abbiamo fatto fin dal nostro arrivo in Venezuela.

– E a Puerto Cabello? Ci è stato detto che all’incontro ha assistito anche il Sindaco della Città, l’ambasciatore Rafael Lacava.

– Sì – conferma immediatamente, per poi precisare:

– A Puerto Cabello abbiamo la fortuna di avere un Sindaco italo-venezolano. E’ un uomo molto amato e stimato dalla Collettività. E questa mia visita tra gli italiani di Puerto Cabello me lo ha confermato.

Il Console Davoli ci dice che nell’incontro organizzato presso il Centro Italo-Venezolano, erano presenti il Sindaco Rafael Lacava e il presidente del Consiglio Municipale, Juan Samuel Cohèn oltre, naturalmente, a varie decine di connazionali.

– In questa occasione – ci informa -, mi è stata conferita dal Consiglio Municipale della città la decorazione “Orden de Bartolomè Salomòn”, nella sua seconda classe. Questo riconoscimento si aggiunge a quello ricevuto dal Consiglio Legislativo dello Stato Barinas: la “Orden Batalla de Santa Inès”, nella prima classe.

Questi, sottolinea il Console Davoli, “non sono riconoscimenti al singolo funzionario ma al lavoro svolto in tutti questi anni dalla nostra comunità”.

– Io – precisa – sono solo un orgoglioso depositario. Sono due bellissime manifestazioni della stima che le autorità hanno verso gli italo-venezolani. E’ un riconoscimento non al Console Generale ma a ciò che egli rappresenta. E’ una maniera per ricalcare l’importanza delle nostre Collettività sparse in tutto il Venezuela.

E parlando dei connazionali dello Stato Barinas, non può fare a meno di elogiare “l’eccellente lavoro che oggi svolge il nuovo agente consolare, Giuseppe Gherardi”.

– E’ un giovane imprenditore assai stimato dalla comunità – prosegue – e non solo, visto che è stato presidente di Fedegas. Si è circondato di un gruppo di giovani come lui, molto ben integrati.

– Cosa è stato chiesto dalla Collettività di Puerto Cabello? Quali sono state le preoccupazioni espresse?

– A Puerto Cabello la nostra comunità vive una realtà meno drammatica di quelle illustratemi da altre – ci dice -. Questo, è evidente, grazie anche alla presenza di un Sindaco italo-venezolano. L’obiettivo di queste visite è stato quello di avvicinare il Consolato agli italo-venezolani della provincia. Non ho il numero esatto delle visite fatte in questi anni alle nostre comunità. Non le avrò visitate tutte ma centamente ho incontrato quelle delle maggiori città. Tra l’altro, stiamo parlando delle mie ultime visite, visto che in un futuro prossimo lascerò la sede di Caracas.

Ed infatti, nei prossimi mesi si recherà negli Stati Uniti, essendo stato promosso Console Generale presso la prestigiosa sede di New York. Fortunatamente, visto che non vi sono candidati a sostituirlo, il nostro Consolato Generale d’Italia resterà comunque in ottime mani. Ed infatti, la giovane Console di Caracas, Jessica Cupellini, ha già dimostrato con i fatti di averne la capacità. Pur essendo molto giovane ha tutti i numeri per assumere una responsabilità non certo facile.

Mauro Bafile

Ultima ora

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

Archivio Ultima ora