L’Italia fuori dalla procedura… ma in “libertà condizionata”

Pubblicato il 28 maggio 2013 da redazione

BRUXELLES  – Italia in ‘libertà vigilata’, dopo che la Commissione europea chiuderà la procedura per deficit eccessivo aperta dal 2009: l’attesa promozione dei conti pubblici non darà infatti al governo immediata libertà di manovra, perchè sarà accompagnata da numerose raccomandazioni, tante quante sono le riforme ancora da fare e che Bruxelles aspetta da almeno due anni. Senza riforme che sblocchino la crescita il Paese si condanna alla recessione, teme la Commissione, che comunque promuovendo l’Italia darà al governo non solo un incoraggiamento ma anche un minimo di flessibilità di spesa. Tutta ancora da negoziare con l’Europa, ma già qualcosa su cui il governo può cominciare a costruire.

COSA CAMBIA. L’Italia ha riportato il suo deficit sotto il 3% già nel 2012, e riuscirà a mantenerlo al di sotto del parametro fissato da Maastricht per quest’anno e il prossimo. Questo le consente di uscire dalla procedura per deficit eccessivo che in questi anni ha comportato i continui sforzi di consolidamento cioè manovre, tagli e tasse per compensare la crescita assente. Ora servirà solo un ‘aggiustamento strutturale’ di circa 0,5% all’anno, che consentirà di raggiungere nel 2015 il pareggio di bilancio in termini strutturali (‘obiettivo di medio termine’ stabilito con la Ue) nonchè di ridurre il debito al ritmo corretto, cioè di un ventesimo all’anno come prescrive il ‘Fiscal compact’.

Certo, se il pil crescesse, il debito scenderebbe più rapidamente. Ma se la recessione dovesse continuare, o la correzione non venisse centrata annualmente, l’Italia potrebbe tornare nel mirino di Bruxelles che potrebbe riaprire anche subito, cioè dal 2014, una nuova procedura.

NUOVI MARGINI DI SPESA. Tornare tra i ‘Paesi virtuosi’ non significa sbloccare fondi nuovi, ma non essendo più ‘sorvegliati speciali’ non si è più obbligati a contrattare con Bruxelles ogni euro stanziato dal governo.

– I margini si aprono soprattutto per il 2014 – ha ripetuto il ministro dell’economia Fabrizio Saccomanni. Il beneficio immediato è, ad esempio, per situazioni come i pagamenti della p.a. che non devono più essere giustificati. L’altro margine di manovra, che potrebbe liberare risorse vere, deve essere contrattato nel vertice di giugno: per chi è nel ‘braccio preventivo del Patto di stabilita”, cioè ne rispetta i vincoli, vale la regola che le spese per investimenti si scorporano dal computo del deficit. Ma Letta dovra’ trattare con la Ue il tipo di spese, per farvi ad esempio rientrare quelle a favore dell’occupazione.

DEBOLEZZE E RACCOMANDAZIONI. E’ dal 2011 che Bruxelles avverte l’Italia sui suoi ‘squilibri macroeconomici’. Debito elevato, scarsissima competitività, costi unitari del lavoro troppo alti, fisco poco ‘amico della crescità e troppo sbilanciato su lavoro e capitale. Il mese scorso li ha elencati di nuovo, e nonostante le apprezzate riforme del governo Monti si chiederà di nuovo di rendere più flessibile il mercato del lavoro (con meno contratti collettivi e più aziendali), di spingere sulle liberalizzazioni, snellire la burocrazia, riformare la giustizia civile per dare più certezza agli investitori.

Ultima ora

10:07Zimbabwe: manifestanti verso corteo, ‘no a dinastia Mugabe’

(ANSA) - IL CAIRO, 18 NOV - "Lo Zimbabwe oggi è tutto nostro", "2together we can" (insieme possiamo" e "no alla dinastia Mugabe" sono i testi scritti a mano o stampati su alcuni cartelli che manifestanti stanno portando al corteo indetto per oggi ad Harare per chiedere le dimissioni del presidente Robert Mubage. Lo si vede in un'immagine in circolazione su internet. Come attesta un'altro cartello "Benvenuti in Zimbabwe" la manifestazione si preannuncia - oltre che colorata - anche pacifica in quanto i militari che hanno messo Mugabe sotto tutela pure fisica appoggiano il corteo. Le "Zimbabwe Defence Forces" (Zdf), in un comunicato stampa diffuso ieri dal sito dell'emittente pubblica Zbc, hanno dichiarato che "sostengono pienamente il corteo" fintanto che "rimarra' ordinato, pacifico" e "senza discorsi d'odio e istigazioni a causare violenze". Il cartello alla "dinastia Mugabe" fa riferimento al piano del 93enne presidente di far candidare la consorte Grace alle prossime elezioni eliminando politicamente il suo principale avversario

09:26Libano: ex premier Hariri arrivato a Parigi

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - Saad Hariri è atterrato all'aeroporto Bourget di Parigi. Lo riferiscono i media francesi. A mezzogiorno l'ex premier libanese incontrerà all'Eliseo il presidente francese Emmanuel Macron.

01:21Uragani: Casa Bianca chiede altri 44 mld aiuti a Congresso

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - La Casa Bianca ha inviato al Congresso una richiesta di aiuti per 44 miliardi di dollari legati ai danni degli uragani che hanno colpito le isole caraibiche americane e gli Stati Usa del Golfo del Messico. La richiesta, la terza avanzata dal presidente Donald Trump, porterebbe l'ammontare complessivo degli aiuti a 100 miliardi di dollari. Ma i parlamentari delle regioni colpite sono già sul piede di guerra, ritenendo la somma troppo bassa.

01:18Usa: ok a vendita di Patriot a Polonia per 10 miliardi

(ANSA) - WASHINGTON, 17 NOV - Il dipartimento di Stato Usa ha approvato una possibile vendita per 10,5 miliardi di dollari di missili Patriot alla Polonia, nell'ambito della cooperazione militare bilaterale e nella cornice dell'alleanza Nato. Lo rende noto lo stesso Dipartimento di Stato, che ha notificato la proposta al Congresso. Varsavia ha rafforzato il suo sistema difensivo dopo l'annessione della Crimea da parte della Russia.

01:10Tennis: Atp Finals, Dimitrov fa en plein

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - Il bulgaro Grigor Dimitrov ha chiuso imbattuto, imitando finora il fuoriclasse Roger Federer, la fase a gironi della Atp Finals in corso a Londra. Il numero 6 del ranking mondiale ha travolto lo spagnolo Pablo Carreno Busta, sconfitto con un doppio 6-1, lo stesso punteggio che aveva riservato due giorni prima al belga David Goffin, che si è qualificato oggi a sua volta per le semifinali. Nelle due partite per decidere i finalisti, Federer affronterà Goffin, mentre Dimitrov se la vedrà con lo statunitense Jack Sock.

01:06Figc: Tommasi, tema non è Tavecchio ma la responsabilità

(ANSA) - ROMA, 17 NOV - "Quando si ha un ruolo di responsabilità, bisogna prendersela. Qui invece, a ben due giorni da quell'evento, dopo due giorni di silenzio della federazione, si pensava solo a mandare via la guida tecnica e non a fare tutti un passo indietro come tutti si aspettavano". Così il presidente dell'Aic, Damiano Tommasi, ospite di 'Propaganda Live' su La7, sulla riunione della Figc di mercoledì scorso dopo l'eliminazione dell'Italia dalla corsa al Mondiale 2018. "Il tema non è Tavecchio ma la responsabilità delle istituzioni. L'unica strategia possibile a questo punto è azzerare la dirigenza federale e ripartire di nuovo". "Servono un nuovo programma e nuove idee per il movimento. Un fallimento così esigeva un cambio di marcia - ha detto -. Ora invece si penserà al nome del nuovo ct ma non è questo il problema. Io credo alla nostra posizione e lo fanno i calciatori, che la vorrebbero anche più dura. Pur conoscendo il nostro pensiero, nessuno mi ha chiamato tra quelli che nel mondo dello sport decidono qualcosa".

00:38Basket: Eurolega, Milano batte Bamberg 71-62

(ANSA) - MILANO, 17 NOV - Dopo la maxi-remuntada di mercoledì con Valencia, ecco un'altra rimonta in doppia cifra dell'Olimpia contro il Brose Bamberg (71-62). Sedici i punti recuperati in Spagna con un grande Jerrells, undici quelli ribaltati oggi (senza Goudelock, out sei settimane) in un lampo da un eroico Kalnietis che ne infila dieci in fila (dopo lo 0 nei primi 35') per allestire un parziale di 19-0 (dal 46-57 al 65-57) che spegne il furore tedesco e le speranze di Trinchieri di battere per la terza volta consecutiva la squadra dove è cresciuto. Ma questa è la Milano di Pianigiani che alla sua squadra chiede sempre di non mollare mai: l'Olimpia è sulle gambe per via della maratona di Valencia, ha percentuali drammatiche al tiro (ne sbaglia 34 dei primi 47) ma non si scompone mai (o quasi, vista la randellata presa con Kaunas) nelle difficoltà. Così sono arrivati tutti e tre i successi in Eurolega e ora la classifica vede Milano ad appena una vittoria di distanza dall'ottavo posto che separa i sogni dagli incubi.

Archivio Ultima ora