Disoccupazione giovanile record: 42%. Napolitano: “Agire ora”

Pubblicato il 31 maggio 2013 da redazione

ROMA – Disoccupazione record, con un tasso del 12,8%, la piú alta da 36 anni, dall’inizio delle serie storiche. E che per i giovani vola sopra il 40% sfiorando il 42% nel trimestre per arrivare al picco del 52,8% per le giovani donne del Mezzogiorno. Il quadro drammatico é l’ultimo tracciato dall’Istat mentre il capo dello Stato Giorgio Napolitano torna a lanciare un monito sul lavoro, sollecitando ”soluzioni tempestive”.

Il premier Enrico Letta, che ha sentito la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Francois Hollande per comunicare il sostegno dell’Italia all’iniziativa franco-tedesca per l’occupazione, annuncia un piano per il lavoro dei giovani, entro fine giugno. Parole che cadono nel giorno in cui arrivano ancora dati record, non solo nelle percentuali.

L’Istat calcola in 3 milioni 276 mila il numero dei disoccupati. Non si salvano nemmeno i precari: sono oltre 100mila in meno nei primi tre mesi dell’anno e si é interrotta la dinamica positiva dei contratti a termine. Dopo le parole dell’altro giorno, é ancora forte il messaggio di Giorgio Napolitano: della ”questione sociale che si esprime soprattutto nella dilagante disoccupazione giovanile – avverte il Presidente della Repubblica – bisogna farsi carico ponendola al centro dell’azione pubblica, che deve connotarsi per un impegno sempre piú assiduo nella ricerca di soluzioni tempestive ed efficaci alle pressanti istanze dei cittadini”.

Nel rispetto dei vincoli di bilancio, indica il Presidente del Consiglio Enrico Letta, il Governo si muoverá anche sul fronte delle misure contro la disoccupazione dei giovani. Prima del vertice Ue di fine giugno, in modo che ”sia approvato dal Parlamento prima dell’estate” e possa essere operativo nel secondo semestre dell’anno, il Governo – ha annunciato Letta, dopo averne parlato con il presidente del Consiglio Ue, Hermann von Rompuy – varerá un piano nazionale per l’occupazione giovanile che ”sará composto da molti interventi che toccano i problemi”, tra i quali ”l’istruzione e il Sud”.

Dall’assemblea annuale della Banca d’Italia, il Governatore Ignazio Visco ha fatto riferimento ai dati sulla disoccupazione di marzo per sottolineare che il tasso è ”pressochè raddoppiato rispetto al 2007” e che da allora, inizio della crisi, ”la riduzione del numero di persone occupate è superiore al mezzo milione”; ed ha avvertito:

– Molte occupazione stanno scomparendo: negli anni a venire i giovani non potranno semplicemente contare di rimpiazzare i più anziani nel loro posto di lavoro.

Anche nell’Eurozona, secondo i dati Eurostat, La disoccupazione ha toccato ad aprile livelli record, i più alti dal 1995: il 12,2% contro l’11,2 dell’aprile 2012; mentre la disoccupazione giovanile arriva a quota 24,4%; peggio dell’Italia solo Grecia, Spagna e Portogallo.

– Dati più che preoccupanti, direi tragici. Purtroppo confermano una sensazione che avevamo da tempo – commenta il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi che avverte:

– Ognuno di noi deve fare il proprio dovere per la crescita.

. Sono dati ovviamente allarmanti e che – dice la leader della Cgil, Susanna Camusso –  rappresentano l’effetto di aver continuato con politiche di rigore e recessive: ora occorre investire su lavoro e creazione di lavoro.

Chiede una ”terapia shock” il leader della Cisl, Raffaele Bonanni:

– Ci troviamo – sottolinea – nella crisi occupazionale più grave dell’ ultimo trentennio, e non è più il momento delle analisi. Va fatto ogni sforzo per rimettere in moto l’economia e creare nuovi posti di lavoro.

La strada indicata dal sindacato è quella di ”dimezzare le tasse sul lavoro”. Primo incontro, intanto, tra i leader dei sindacati ed il ministro dello Sviluppo, Flavio Zanonato: un primo giro di tavolo sulla situazione industriale e occupazionale del Paese.

– Ci siamo ripromessi di fare una agenda precisa dei guai italiani e di affrontarla – ha indicato Bonanni

 

36 anni di disoccupazione

Ecco i numeri che nella tabella ripercorrono 36 anni di storia attraverso i tassi della disoccupazione generale e di quella giovanile. Tanti, infatti, sono gli anni che formano le serie dell’Istat. Naturalmente il mercato del lavoro del 1977 è molto differente da quello del 2013, basti pensare solo al forte aumento della partecipazione giovanile. Ma basta guadare agli ultimi anni per capire come tutto sia precipitato nell’ultimo periodo: i tassi sono raddoppiati nel giro di sei anni per arrivare ai record assoluti di oggi. Di seguito sono riportati i dati di media annua, tranne che l’ultimo relativo al primo trimestre del 2013.

 

ANNO                  DISOCCUPAZIONE GENERALE (%)                           GIOVANILE (%)

1977                                      6,4                                                                                        21,7

1978                                      6,6                                                                                        22,9

1979                                      6,9                                                                                        23,4

1980                                      6,9                                                                                        23,4

1981                                      7,5                                                                                        25,4

1982                                      8,2                                                                                        27,3

1983                                      9,1                                                                                        29,4

1984                                      9,6                                                                                        31,9

1985                                      9,6                                                                                        32,2

1986                                      9,9                                                                                        31,5

1987                                     10,3                                                                                      32,4

1988                                      10,1                                                                                      31,0

1989                                      9,9                                                                                        29,6

1990                                      9,0                                                                                        27,4

1991                                      8,6                                                                                        26,9

1992                                      8,7                                                                                        27,8

1993                                      9,7                                                                                        27,1

1994                                      10,6                                                                                      28,7

1995                                      11,2                                                                                      29,9

1996                                      11,1                                                                                      29,9

1997                                      11,2                                                                                      29,6

1998                                      11,3                                                                                      29,2

1999                                      10,9                                                                                      28,0

2000                                      10,0                                                                                      26,2

2001                                      9,0                                                                                        23,1

2002                                      8,5                                                                                        22,0

2003                                      8,4                                                                                        23,6

2004                                      8,0                                                                                        23,5

2005                                      7,7                                                                                        24,0

2006                                      6,8                                                                                        21,6

2007                                      6,1                                                                                        20,3

2008                                      6,7                                                                                        21,3

2009                                      7,8                                                                                        25,4

2010                                      8,4                                                                                        27,8

2011                                      8,4                                                                                        29,1

2012                                      10,7                                                                                      35,3

OGGI                                    12,8                                                                                      41,9

 

La disoccupazione: dai giovani alle donne

Un tasso di disoccupazione giovanile al 41,9% che ha toccato il 51,9% nel Mezzogiorno ed é salito al 52,8% per le giovani donne del Sud. E’ uno dei dati che é possibile ricavare dalle tabelle diffuse  dall’istat sulla disoccupazione nel primo trimestre del 2013 Ecco in un tabella il tasso di disoccupazione generale e giovanile diviso per sesso e ripartizione geografica

                                               TASSO GENERALE                           TASSO GIOVANILE (14-24 ANNI)

                                               maschi  femmine             totale                   maschi  femmine             totale

Nord                                     8,2          10,4                       9,2                         33,5       34,0                       33,7

Centro                                 9,7          13,3                       11,3                       39,1       47,6                       42,8

Mezzogiorno                    19,2       21,5                       20,1                       51,2       52,8                       51,2

Totale                                  12,8       13,9                       11,9                       41,1       42,9                       41,9

 

Ultima ora

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

Archivio Ultima ora