Presidenzialismo: pressing di Alfano, no di Sel e Rodotà

Pubblicato il 03 giugno 2013 da redazione

ROMA  – L’apertura del premier Enrico Letta all’elezione del Capo dello Stato ”con nuove regole” fa esultare il Pdl, da sempre in prima fila, ma senza successo, a favore del presidenzialismo.

– Adesso penso che potremo farcela perchè anche da parte del Pd si stanno aprendo significativi spiragli –  è la ‘chiamata’ che il vicepremier Angelino Alfano fa ai dem, in realtà spiazzati e già divisi.

La proposta del premier trova contrari Sel e Rodotà mentre si chiama fuori da ogni valutazione il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, impegnato a spingere, ma senza entrare nel merito, sulla necessità di riforme e di una nuova legge elettorale. Come per la riforma del Porcellum, il presidente del Consiglio non vuole indicare un modello rispetto ad un altro. Ma Letta, a quanto si apprende, sarebbe favorevole all’elezione diretta del Capo dello Stato e, parlando di regole diverse dall’assemblea dei 1007 Grandi Elettori, lo ha fatto capire. Una mossa che ha convinto in primis il Pdl, che, con il presidenzialismo, ha sempre sognato di portare al Colle Silvio Berlusconi.

– Noi ci abbiamo provato l’anno scorso e purtroppo siamo riusciti solo al Senato e non alla Camera. Se il presidente della Repubblica viene eletto direttamente dal popolo i cittadini potranno partecipare ad una grande gara democratica come succede in Francia e in America – spera Alfano, consapevole che una riforma così complessa sarebbe anche un modo per mettere in sicurezza la vita del governo.

In realtà il segretario Pdl semplifica il punto di vista del Pd, che ufficialmente non si è mai spinto oltre un semipresidenzialismo legato ad una legge elettorale a doppio turno. Se il dalemiano Nicola Latorre è favorevole ”prevedendo i dovuti contropoteri, una seria legge sul conflitto d’interessi, e un sistema elettorale maggioritario”, gli ex Ppi e anche l’ala sinistra appare contraria. Rosy Bindi invita Letta a pensare piuttosto alla crisi economica e di lasciare stare la Costituzione e il viceministro all’Economia Stefano Fassina non crede che ”il governo debba impegnarsi troppo ad indicare una soluzione per la forma di stato e di governo”.

Ma sull’apertura di Letta piovono critiche soprattutto a sinistra. Molto duro il giurista Stefano Rodotà:

– Sono rimasto stupito che un politico accorto come l’attuale presidente del consiglio, Letta, abbia detto che il prossimo presidente della Repubblica non sarà eletto con il sistema dei grandi elettori. Loro non ci sono riusciti e vogliono uscire dalle loro difficoltà per la via delle riforme.

Contrario anche il leader di Sel Nichi Vendola:

– Parlare di presidenzialismo in un paese che non è riuscito nemmeno a fare la legge sul conflitto di interessi è segno di uno sbandamento culturale.

Si cuce la bocca, il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

– Non parlo né oggi né mai, sul contenuto delle riforme resterò assolutamente neutrale –  giura il Capo dello Stato, forse infastidito per chi, ancora oggi sui giornali, lo critica di aver attuato un presidenzialismo di fatto.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora