Basilica di San Francesco

Pubblicato il 06 giugno 2013 da redazione

La basilica di San Francesco in Assisi, è il luogo che dal 1230 conserva e custodisce le spoglie mortali del santo serafico. Voluta da papa Gregorio IX quale specialis ecclesia[1], venne insignita dallo stesso Pontefice del titolo di Caput et Mater dell’Ordine minoritico[2] e contestualmente affidata in perpetuo agli stessi frati.

Nella complessa storia che ha segnato l’evoluzione dell’Ordine, la basilica (e l’annesso Sacro Convento) fu sempre custodita dai cosiddetti “frati della comunità”, il gruppo che andò in seguito a costituire l’Ordine dei Frati Minori Conventuali.

Dal 1796 ha la dignità di Basilica papale. Nell’anno 2000, insieme ad altri siti francescani del circondario, la basilica è stata inserita nella Lista del patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Storia
Il 16 luglio del 1228, a soli due anni dalla morte, Francesco venne proclamato santo da papa Gregorio IX; il giorno dopo, 17 luglio, lo stesso pontefice e il rappresentante dell’Ordine minoritico, frate Elia da Cortona, posero la prima pietra per la costruzione di quella imponente basilica, come pattuito l’anno prima. Fu ben presto chiaro che la nuova basilica sarebbe stata una specialis ecclesia, ovvero sia il santuario ospitante le spoglie del santo, sia la chiesa madre del nuovo Ordine[3].

La vita di san Francesco negli affreschi attribuiti a Giotto
La fascia inferiore della navata della basilica superiore è occupata dal ciclo di affreschi più famoso, quello sulla Vita di san Francesco: 28 scene tratte dalla Legenda maior di san Bonaventura che, alla fine del XIII secolo, costituiva la biografia ufficiale del santo.

La cucina di Assisi
Assisi e dintorni, la perla del turismo umbro con salde tradizioni nella cucina e nella gastronomia della regione.

Gustose le paste fatte in casa come gli umbricelli, gli stringozzi conditi con sugo d’oca, i rigagli di pollo, il tartufo.

Immancabili le carni rigorosamente nostrane cotte arrosto o alla brace, il maialino al forno, l’oca arrosto, l’anatra farcita, l’agnello allo scottadito ed alla cacciatora o il piccione alla ghiotta che rappresentano i piatti tipici tramandati da sempre. Importante la presenza delle carni tutte nostrane, di capi allevati da piccole aziende che pongono come primario obbiettivo di salvaguardare la tipicità del prodotto locale.

Tra i vini si può degustare il Bianco e il Rosso di Assisi come pure quelli della vicina Santa Maria degli Angeli.

Anche i formaggi hanno una buona tradizione con i numerosi caseifici per formaggi freschi e stagionati.

Come prodotto tipico e rinomatissimo della zona ricordiamo la Cipolla di Cannara, con un bulbo di colore rosso intenso all’esterno, e dalla polpa bianca e dolce, citata anche da Giulio Baldaccini già nell’Ottocento. Aveva un’ampia diffusione anche all’estero tramite i mercanti toscani. Si può quindi gustare tale ortaggio cucinato in tutti i modi.

La costruzione

Il chiostro del Sacro Convento
Secondo la tradizione fu lo stesso Francesco ad indicare il luogo in cui voleva essere sepolto. Si tratta della collina inferiore della città dove, abitualmente, venivano sepolti i “senza legge”, i condannati dalla giustizia (forse anche per questo era chiamata Collis inferni). Quel colle, donato da Simone di Pucciarello, fu ribattezzato Collis paradisi e su di esso fu edificata la nuova basilica, al margine nord-occidentale della città murata. Sebbene le disposizioni testamentarie di Francesco (1226) raccomandassero la costruzione di chiese secondo la primaria regola della povertà, disposizione confermata anche nello statuto redatto sotto Bonaventura da Bagnoregio (1260), la basilica rappresentò un’evidente deroga al rigore tipicamente francescano. Tale impresa fu possibile per una lettura delle strutture ecclesiali come mezzo di trasmissione per il messaggio francescano, soprattutto attraverso le decorazioni figurare che dovevano creare delle vere e proprie Biblia pauperum, ovvero “Bibbie per i poveri” analfabeti, incapaci di leggere ma istruibili attraverso le immagini.

Come arrivare ad Assisi

In Auto:
– Da Nord, autostrada A1, fino a raggiungere l’uscita Valdichiana. Da qui imboccare la superstrada SS75bis che costeggia il lago Trasimeno e dopo Perugia, all’altezza di Ponte San Giovanni, proseguire in direzione Assisi sulla SS75. Uscire a Santa Maria degli Angeli e si arriva in città.
– Da Sud, da Roma, autostrada A1, uscire ad Orte. Prendere la SS204 in direzione Terni, quindi la E45 fino a Perugia. Da qui lasciate la E45 vicino a Collestrada e seguire le indicazioni per Assisi lungo la SS75: uscire a Santa Maria degli Angeli e si arriva in città.

In Treno:
– Da Nord prendere la linea Milano – Roma fino a Firenze. Da qui prendere l’interregionale per Foligno che ferma ad Assisi/Santa Maria degli Angeli.
– Da Sud prendere la linea Roma – Ancona, fino alla fermata di Foligno. Da qui, la coincidenza sulla linea Foligno – Terontola e scendere Assisi/Santa Maria degli Angeli.

In Aereo:
Assisi ha l’Aeroporto dell’Umbria di Sant’Egidio che dista meno di dieci chilometri dalla città. E’ collegato con almeno due voli giornalieri con Milano Malpensa e vi sono anche altri voli con altre destinazioni specialmente nel periodo estivo. Verificare sempre quali collegamenti sono operativi.

Ultima ora

06:52Usa: elezioni Alabama, vince democratico Jones

(ANSA) - WASHINGTON, 13 DIC - Doug Jones vince le elezioni in Alabama per un seggio al Senato americano. La vittoria del democratico e' uno schiaffo per il presidente Donald Trump, che aveva appoggiato il candidato Roy Moore nonostante la controversia sollevata dalle accuse di molestie sessuali. Duro colpo anche per il partito repubblicano che perde un prezioso voto al Senato, dove deteneva una maggioranza gia' limitata a 52 seggi su 100. "Il popolo dell'Alabama ha piu' in comune di cio' che lo divide. Abbiamo mostrato non solo all'Alabama ma al Paese che possiamo essere uniti", ha dichiarato Jones dopo la vittoria. Trump reagisce su Twitter all'esito del voto, mostrando fair play e congratulandosi con Jones: "I repubblicani avranno un'altra chance per questo seggio molto presto. Non finisce mai!".

22:58Calcio: Buffon, Juve sta bene nel mucchio selvaggio in testa

(ANSA) - MILANO, 12 DIC - La Juventus "sta bene nel mucchio selvaggio" in testa al campionato, e "non deve sottovalutare" il Tottenham in Champions League. Gianluigi Buffon analizza la doppia corsa, sottolineando che per i bianconeri "è un bel momento". "Pur non vincendo una gara importante contro l'Inter, i risultati delle altre ci hanno dato una grossa mano a vedere il bicchiere mezzo pieno e a far sì che si sia creato questo mucchio selvaggio in testa alla classifica. È chiaro che diventa un campionato più avvincente e noi secondo me ci sentiamo meglio in una posizione così ravvicinata alla testa della classifica", ha notato il capitano juventino a margine dei Gazzetta Sports Awards. "Il Tottenham è una squadra da prendere con le molle, ha tanta fisicità in quasi tutti i singoli e grande tecnica in cinque o sei elementi. Di solito impone alla gara un ritmo forsennato, di conseguenza sulle due gare è un avversario veramente temibile e da non sottovalutare".

22:44Donna dell’Agrigentino festeggia 106 anni con sorella di 112

(ANSA) - CANICATTI' (AGRIGENTO), 12 DIC - Altro compleanno ultracentenario a Canicattì (Ag) in casa Cammalleri. Attorniata dai familiari, tra cui la sorella Diega "Deddè" di 112 anni e la cognata di 94, ha festeggiato le sue 106 primavere Fifì Cammalleri, nata il 12 dicembre 1911. Le due sorelle vivono nella stessa casa. Nell'ottobre dello scorso anno, per i suoi 111 anni, Diega, che è stata a lungo insegnante, ricevette una medaglia d'oro dall'allora ministro dell'Istruzione Stefania Giannini. In quell'occasione l'interessata disse di non aver mai punito i suoi alunni "ma se necessario li ho solo corretti". Ai festeggiamenti di oggi erano presenti i numerosi nipoti delle due sorelle, anche loro avanti in età. (ANSA).

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

Archivio Ultima ora