Prandelli vuole già il Mondiale: “A Praga sarà determinante”

Pubblicato il 06 giugno 2013 da redazione

PRAGA – Profumo di Brasile. Cesare Prandelli lo avverte, e non è l’imminente partenza per la Confederations. Il viaggio che conta è quello previsto tra un anno, per i Mondiali; e in questo senso la tappa di Praga può essere “determinante”.

“Contro la Repubblica Ceca è obbligatorio vincere: per fare un gran passo in avanti, e per non ripiombare nella mischia”, dice esplicitamente il commissario tecnico azzurro alla vigilia della sfida a un’avversario di tradizione e spessore. Sulle rive della Moldava sono passati campioni e un’intera tradizione calcistica, l’incrocio tra le due scuole è nobilitato dalla finale del primo mondiale vinto dagli azzurri, nel ‘34. E anche oggi che la vecchia Cecoslovacchia è divisa in due i rivali di stasera incutono rispetto, per forma e tasso tecnico. Superate invece la paure per la piena del fiume, di cui il centro storico della città ancora porta i segni, il ct avversario Bilek può tornare a coltivare solo quelle per un avversario calcistico che sa ‘forte’, ma anche fragile “di fronte al contropiede”.

“E’ inevitabile correre dei rischi quando si prende in mano il gioco e si porta l’azione nella metà campo avversaria – la replica di Prandelli – Io auspico di subire domani qualche contropiede, ma di giocare 90’ nella metà campo loro”.
L’inversione di tendenza culturale è certificata, anche se non è detto che basti a cambiare il corso dei precedenti: due trasferte in casa della neonata nazione post muro di Berlino, e altrettante sconfitte. Ma che si tratti di un’Italia a trazione anteriore, è fuor di dubbio.

Una vittoria porterebbe gli azzurri a +6 sulla Bulgaria e +8 sui cechi, offrendo così la palla della schiacciata vincente già nelle due partite di settembre contro le inseguitrici. Vincere, ecco dunque la missione azzurra a Praga. Prandelli é costretto a rinunciare a Osvaldo, il suo centravanti ideale, per motivi disciplinari e allora anticipa il futuro affidando ad El Shaarawy il compito di far coppia con Balotelli, allo start della sua rincorsa al record di Riva di 35 reti. Per il resto si affida alle certezze del palleggio a centrocampo, dove però con Pirlo, Marchisio e Montolivo resta da verificare l’incognita De Rossi: l’azzurro lo ha spesso rivitalizzato dalle delusioni in chiave Roma, stavolta ci vorranno razioni massicce di fiducia. Unico accorgimento tattico in copertura, l’impiego di Chiellini a sinistra della difesa, non fosse altro per dare una mano Barzagli appena recuperato da una tendinite.

“In questi giorni abbiamo fatto di tutto per concentrarci solo sulla partita – ha raccontato Prandelli – pur sapendo che tra mercato e altre vicende tutti i giocatori sono al centro di altre attenzioni. Dico solo un episodio: quando ho deciso di escludere Osvaldo, tutta la squadra si è messa subito al lavoro per capire come manovrare in modo diverso. Domani (oggi per chi legge ndr) troviamo un avversario forte e in forma, e un’atmosfera molto difficile: sta a noi fare in modo che gli episodi girino quel clima a nostro favore”. Magari con un gol di Balotelli. “Rosicky dice che è tra i primi cinque al mondo? Gli altri quattro non hanno smesso, dunque Mario è ancora quinto…”, la frenata finale del ct. Volare bassi, per decollare verso il Brasile.

FORMAZIONI

REPUBBLICA CECA (4-2-3-1): 1 Cech, 2 Gebre Sellasie, 3 M. Kadlec, 6 Sivok, 8 Limbersky, 22 Darida, 17 Hubschmann, 13 Plasil, 10 Rosicky, 19 Jracek, 21 Lafata. (12 Drobny, 20 Vaclik, 5 Kalas, 7 Prochazka, 4 Suchek, 18 Kolar, 16 Krejci, 9 Vydra, 20 V. Kadlec, 15 Kozak). All.: Bilek.

ITALIA (4-3-1-2): 1 Buffon, 20 Abate, 19 Bonucci, 15 Barzagli, 3 Chiellini, 16 De Rossi, 21 Pirlo, 8 Marchisio, 18 Montolivo, 9 Balotelli, 14 El Shaarawy. (13 Marchetti, 12 Sirigu, 4 Astori, 5 De Sciglio, 2 Maggio, 7 Aquilani, 6 Candreva, 23 Diamanti, 22 Giaccherini, 17 Cerci, 11 Gilardino, 10 Giovinco). All.: Prandelli.

Arbitro: Moen (Nor).
Fischio d’inizio: 20,45 (ora di Roma)

 

Ultima ora

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

00:54Calcio: Donadoni’C’è tanta rabbia, ci manca sempre qualcosa’

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Abbiamo preso il secondo gol nel momento in cui il Milan era forse nel peggior momento: siamo stati ingenui ed è un peccato, perché in più di un'occasione siamo andati vicini al gol''. A Premium Sport l'allenatore del Bologna Roberto Donadoni non nasconde l'amarezza le occasioni sprecate: ''C'è tanta rabbia, prestazioni come questa non possono equivalere a zero punti, ma ci manca sempre qualcosa. Non c'è nessun complesso nei confronti delle big: forse a volte siamo eccessivamente preoccupati di quello che possono creare, ma se andiamo a vedere le partite che abbiamo giocato con le grandi non mi sembra ci siano state situazioni di superiorità da parte loro. Dobbiamo lavorare sul profilo mentale e anche su quello tecnico: un controllo fatto bene o fatto male si traduce in un'occasione colta o sprecata e quindi in una partita vinta o persa. Dobbiamo essere più centrati su noi stessi''.

00:48Calcio: Gattuso “strada ancora lunga, difesa da migliorare”

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Dobbiamo ancora migliorare, specie in difesa, perché il Bologna ci ha messo in difficoltà. Ma devo ringraziare i ragazzi per la vittoria, per la mentalità e per lo spirito di sacrificio: mi tengo la prestazione e il risultato, ma dobbiamo ben tener presente che la strada è ancora lunga". Così l'allenatore del Milan, Gennaro Gattuso, dopo la vittoria a San Siro sul Bologna. Il tecnico ha elogiato il match winner Bonaventura: "Ha grandissima qualità. Sa fare gol, si sa inserire. Credo sia uno dei centrocampisti migliori d'Italia, deve migliorare un pochino sul fisico". Una battuta sul suo comportamento a bordo campo: "Le partite le sento tantissimo, pure quando gioco a calcio balilla con mio figlio, ma certo su questa di panchina è ancora più emozionante. Il Milan è la mia seconda pelle".

00:32Calcio: Spagna, Suarez-Messi, Barcellona sbanca a Villarreal

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Il Barcellona torna alla vittoria in Liga dopo due pareggi superando 2-0 in trasferta il Villarreal, alla terza sconfitta di fila. Restano cinque i punti di vantaggio della capolista sul Valencia, vittorioso ieri sul Celta Vigo, e sei sull'Atletico Madrid, che in un altro incontro domenicale della 15/a giornata è andato a vincere 1-0 a Siviglia sul campo del Betis. A Villarreal, i blaugrana hanno sbloccato il risultato solo nella ripresa, con le reti di Luis Suarez al 27' e Messi al 38', con l'argentino che porta così a 14 centri il bottino personale in campionato. Il Barcellona ha ancora un vantaggio di 8 punti sul Real Madrid, che prima del Clasico del 23 dicembre, forse l'ultima occasione per rientrare in corsa per il titolo, andrà in trasferta in settimana negli Emirati per la semifinale, e probabilmente la finale, del Mondiale per club.

00:23Basket: Serie A, Torino-Milano 71-59

(ANSA) - TORINO, 10 DIC - La Fiat Torino batte 71-59 l'EA7 Milano e aggancia in classifica i milanesi. Una vittoria di carattere quella conquistata dalla squadra dell'ex milanese Banchi, passata a condurre nella prima frazione per poi non lasciare più il comando della partita. Se all'inizio le percentuali di Milano hanno favorito la fuga torinese (32-27 al 20'), nella ripresa la difesa di Torino ha fatto la differenza. Washington ha chiuso le falle in difesa, Mbakwe ha fatto impazzire sotto canestro i lunghi milanesi, caricando di falli Tarczewski e Gudaitis. Un parziale di 17-6 a metà terzo quarto (51-33), propiziato da Mbakwe e Vujacic ha indirizzato la partita: Milano ha provato nel finale a riavvicinarsi, ma la Fiat ha controllato senza patemi il risultato. Ottima prova di Patterson (16), Mbakwe (15) e Vujacic (10) per Torino, mentre sulla sponda milanese il solo Jerrels è riuscito ad andare in doppia cifra chiudendo con 10 punti.

00:21Calcio: Bonaventura, vittoria sia punto di partenza Milan

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - "Era importante vincere e ce l'abbiamo fatta. Siamo felici, venivamo da un periodo in cui seminavamo tanto e raccoglievamo poco''. A Premium Sport, il centrocampista del Milan Giacomo Bonaventura racconta il suo match da protagonista contro il Bologna: ''Dovevamo tenere un po' più la palla una volta andati in vantaggio, ci servirà da lezione per le prossime. Sperando che questa vittoria possa essere un punto di partenza. Io sto meglio, piano piano sto arrivando al cento per cento e cerco sempre di dare tutto me stesso per la squadra''.

00:08Serie A: il Milan batte il Bologna 2-1 nel posticipo

(ANSA) - ROMA, 10 DIC - Una doppietta di Jack Bonaventura fa respirare il Milan di Rino Gattuso alla sua prima vittoria da quando ha preso il posto in panchina di Vincenzo Montella. In un Meazza congelato con fiocchi di neve a sprazzi, i rossoneri battono il Bologna 2-1 (1-1) nel posticipo della 16/a giornata della Serie A. Apre le marcature Bonaventura al 10' pt, bel pari di Verdi al 23' pt, decide di nuovo Bonaventura al 31' st. Con i tre punti conquistati questa sera il Milan si porta al settimo posto a quota 24 punti.

Archivio Ultima ora