Roma, Marino: “Libereremo la cittá, via da palude”

Pubblicato il 07 giugno 2013 da redazione

ROMA  – E’ iniziato il countdown per Ignazio Marino, il chirurgo dem aspirante primo cittadino che domenica e lunedí sfiderá Gianni Alemanno al ballottaggio. Ieri ha chiuso la sua campagna elettorale a piazza Farnese. Sul palco con lui ha voluto la neopresidente del Friuli Venezia Giulia Debora Serracchiani, i sindaci di Milano e Cagliari Giuliano Pisapia e Massimo Zedda e il governatore del Lazio Nicola Zingaretti ”che mi ha sostenuto dalla prima ora”. Poi, esortando ha lanciato la sfida:

– Il 9 e 10 giugno dobbiamo liberare Roma e farla tornare a sperare, respirare e sorridere. Mettiamocela tutta per liberare Roma dalla palude e dai favoritismi.

In piazza il segretario del Pd Guglielmo Epifani:

– Ignazio é la persona giusta e credo che possa davvero vincere questa sfida. I romani hanno capito il rinnovamento che può portare.

Poi il chirurgo dem, in mise casual – pantaloni blu e camicia – ha ascoltato seduto nel retropalco, gli interventi dei suoi sostenitori: Serracchiani, ‘fresca’ di vittoria, non usa mezzi termini e va dritta al punto:

– Questa cittá non merita Alemanno.

E poi parla delle amministrative di Roma come di una ”partita non solo per la Capitale ma per il Paese”.

– Il primo turno ha già dato risultati importanti – aggiunge – ora Marino deve vincere per governare bene.

Endorsment anche da Pisapia che guarda già al futuro e sogna ”una sinergia tra Milano e Roma per dare una svolta nel Paese”. Zingaretti punta il dito invece sui cinque anni di giunta Alemanno.

– E’ peggiorato tutto. C’e’ stata solo spartizione e una vergognosa lottizzazione politica – e su questi ultimi frenetici giorni di campagna elettorale caratterizzati da ”veleni e fango. La destra ha paura del cambiamento – spiega il governatore – Ha fatto più manifesti di insulti contro Marino che pro Alemanno”. Ma per Marino ieri é stato anche il momento di fare un bilancio della sua campagna: . E’ stata un’esperienza straordinaria, a contatto con le persone – dice l’aspirante primo cittadino – Ad iniziare dalle periferie che io voglio che si sentano al centro della cittá e soprattutto al centro dell’attenzione della nuova amministrazione. Un grande piano di manutenzione ordinaria sará uno dei primi atti. Inizieremo dal decoro urbano e soprattutto dalle periferie con illuminazione, marciapiedi, copertura delle buche. Chiederemo a chi si assume l’incarico di un appalto che garantisca che quel manto stradale rimanga in buone condizioni per almeno cinque anni.

E ancora, tra i progetti del chirurgo dem un bonus lavoro di 500 euro per i giovani impegnati in tirocini o stage, un buono casa di 700 euro e la costituzione di un fondo blindato per la fragilitá sociale – per ”aiutare chi per qualche motivo è rimasto indietro: le persone che hanno perso la casa, che hanno perso il lavoro o quanti hanno una persona diversamente abile in famiglia e vogliono avere le risorse per accudirla a casa”. Infine il suo ultimo appello prima del silenzio elettorale:

– Dobbiamo convincere gli indecisi che possiamo davvero cambiare tutto. Dopo cinque anni di disastri lo dobbiamo fare per i romani. Noi rivogliamo indietro la nostra Roma. Lunedì vinciamo.

E poi grida alla piazza il suo slogan ‘Daje!’. Il suo urlo di liberazione. Per un nuovo Campidoglio

 

 

Roma, Alemanno:  “Sento diverso, possiamo vincere”

 

ROMA – Ha promesso nuovi tagli all’Imu, il collegamento diretto stadio Olimpico-aeroporto, l’istituzione del vigile di quartiere, firmando un ‘Patto con i romani’ in 25 punti. Ripetendo che l’avversario non é adatto a governare Roma. Ultima giornata di campagna elettorale a tamburo battente per Gianni Alemanno, sindaco uscente che nel ballottaggio di domenica e lunedí cercherá di recuperare 12 punti a Ignazio Marino. Con una certezza:

– Lui non conosce la cittá, se stavolta la gente va a votare vinco io. Sento un vento diverso, in 100 mila hanno chiesto la tessera elettorale.

Alemanno chiude l’interminabile tour a Ostia, sul litorale, dove vorrebbe creare il secondo polo turistico. Dopo piazza Risorgimento, in centro, luogo storico della destra romana. Sul palco Francesco Storace, Giorgia Meloni e Maurizio Gasparri.

– Silvio Berlusconi c’é stato a fianco nel modo migliore, con il mezzo che preferisce, la tv. Ha fatto spot e videomessaggi – dice il sindaco. Che si sposta in moto per alcuni quartieri simbolo, indossando una giacca militare. Una giornata iniziata con il mancato dibattito al Tg regione Rai: il rivale di centrosinistra non si é presentato. Il sindaco voleva il bis del match de,ll’altra sera in piazza del Campidoglio su Sky Tg24.

– Per l’ennesima volta mi ha snobbato – ha detto Alemanno -. E’ un atto di scorrettezza.

Voleva chiedere ancora a Marino della sua Onlus ‘Imagine’, che ‘avrebbe assunto in nero alcuni dipendenti e compiuto altre irregolaritá’. Accuse respinte dal chirurgo, che ha riferito di una denuncia e di indagini in corso. Ieri dal Comitato di Alemanno 10 domande a Marino sulla vicenda. Su cui é intervenuto con un tweet il leader della Destra Storace:

– Sono stato testimone diretto della sollecitudine della procura romana e non mi meraviglia l’apertura di un fascicolo sulla Onlus di Marino. Ma in ambienti giudiziari si smentisce. Alemanno e Marino si sono incrociati proprio in Campidoglio, alla presentazione della guida dei ristoranti di Roma e Lazio de la Repubblica. Il chirurgo é arrivato tardi e si é messo nelle ultime file mentre l’avversario parlava.

– Ecco é arrivato Marino. E si siede dall’altra parte – ha commentato il sindaco. Poi Marino si é accomodato tra i relatori. Stretta di mano tra i due, flash dei fotografi. Per il gran finale Alemanno ha firmato a Villa Miani il ‘Patto con i romani’, 25 punti programmatici da realizzare dopo la rielezione. Il documento, siglato davanti all’architetto Paolo Portoghesi e all’ex presidente di Italia Nostra Roma Carlo Ripa di Meana, prevede tre organismi indipendenti ”per garantire trasparenza e merito”. E ancora l’abbattimento della pressione fiscale per cittadini e imprese, l’abolizione di Equitalia e il concordato fiscale per le multe e i tributi locali del passato. Nella tribuna elettorale in solitaria alla Rai Alemanno ha promesso:

– Se il Governo dovesse togliere definitivamente l’Imu sulla prima casa, recupereremo le risorse utilizzate per togliere l’Imu sul 36% delle prime case (a Roma) e le useremo per ridurre l’Irpef di un punto e l’Imu di almeno due punti per le botteghe artigiane e il piccolo e medio commercio.

Ultima ora

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

17:03Donna incinta avvelenata: condanna a tre anni e sei mesi

(ANSA) - BOLOGNA, 14 DIC - Tre anni e sei mesi per lesioni aggravate da premeditazione e uso di sostanza corrosiva. E' questa la pena a cui il Tribunale di Bologna ha condannato il 36enne dipendente pubblico che nel giugno del 2016 aveva avvelenato a Valsamoggia (Bologna) la compagna incinta alla 30/a settimana diluendo in una Coca Cola un detersivo per lavastoviglie. L'uomo è stato invece assolto da tentato procurato aborto perché il fatto non sussiste. "Siamo soddisfatti per l'assoluzione per il reato di tentato procurato aborto in accoglimento delle tesi difensive da sempre propugnate - hanno commentato gli avvocati Patrizio Orlandi e Simone Zambelli - Attendiamo le motivazioni della sentenza per le valutazioni circa l'impugnazione. Ora confidiamo che su questa triste vicenda cali al più presto l'oblio nell'interesse di tutti i soggetti coinvolti". La donna dopo l'avvelenamento partorì. (ANSA).

Archivio Ultima ora