Maduro le dice a Santos: No acepto jueguitos

Pubblicato il 07 giugno 2013 da redazione

CARACAS- El Primer mandatario nacional insistió que el Gobierno venezolano desea mantener las buenas relaciones con Colombia siempre y cuando reine el respeto entre ambas naciones.

“Al presidente Santos yo le dije que la pelota está de su lado (…) no acepto jueguitos de nadie porque aquí no hay bobos. Estamos claros en lo que queremos. Él (Santos) sabe que fue un error lo que hizo”, indicó Maduro durante un acto desde la parroquia El Junquito.

El Jefe de Estado dijo ser un demócrata y reconoció que su par colombiano también; sin embargo, insistió en que “los factores que se reunieron con Santos, no”.

“Los que andan dándole vueltas al Gobierno venezolano planean mi muerte y la desestabilización del país”, precisó.

“Yo voy a esa reunión (con el presidente de Colombia, Juan Manuel Santos) si se convoca iré y cara a cara hablaremos”, señaló el mandatario.

De las relaciones con Estados Unidos y la reciente reunión entre el canciller Elías Jaua y el secretario de Estado de Estados Unidos, John Kerry agregó que las acciones de diálogo con el país fue una estrategia del fallecido presidente Chávez, quien recomendó regularizar las relaciones: “Estados Unidos debe reconocer la revolución de Chávez que hay en Venezuela así como tiene relaciones con el gigante de China o Vietman debe respetar nuestro país”.
“Estamos construyendo una agenda. En este mundo con conceptos diferentes se puede coexistir”, recalcó.

“Sobrecalentamiento en el consumo”
El primer mandatario, aseguró que actualmente hay problemas con la inflación “producto de que hay un sobrecalentamiento en el consumo” y ha habido quienes han “saboteado los procesos productivos y de distribución”.

“Han tenido una guerra psicológica con algunos productos y hay un sobrecalentamiento del consumo. Como el venezolano tiene ingresos, hemos salido a consumir 30 por ciento más de todos los ingresos”, declaró.

Maduro reiteró: “Hay un sobrecalentamiento del consumo y eso ha afectado la inflación. Eso lo vamos a resolver con más producción. Traeremos más productos, pero también con la conciencia del pueblo”.

Hizo un llamado a los venezolanos para que compren con conciencia y así ayuden con el progreso económico y la seguridad del país. Recordó que, en promedio, el salario mínimo del venezolano finalizará con 42% de aumento.
Este jueves, el Banco Central de Venezuela (BCV) informó que la inflación cerró en el mes de mayo en 6,1% y que la acumulada quedó en 19,4% en los primeros cinco meses.

Ultima ora

18:11Sicilia: Micciché, mai fatti accordi con Lotti

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Il neo-eletto presidente dell'Ars, Gianfranco Miccichè in una nota dichiara "che con il ministro dello Sport, Luca Lotti, non c'è stato alcun accordo sulla eventualità di far confluire i voti dei deputati del Pd sulla sua candidatura alla presidenza del Parlamento siciliano". "Il ministro Lotti - sottolinea Miccichè - mi ha telefonato dopo la mia elezione per augurarmi buon lavoro".

18:04Savoia: Vittorio Emanuele, domani a Vicoforte per omaggio

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Domani, alle ore 15.00, insieme a mia moglie Marina, a mio figlio Emanuele Filiberto, a mia sorella Maria Pia ed a mio nipote Serge di Jugoslavia, mi recherò al Santuario di Vicoforte per rendere omaggio alle sepolture provvisorie dei miei nonni, il Re Vittorio Emanuele III e la Regina Elena". Lo scrive, in una nota, Vittorio Emanuele di Savoia.

18:03Savoia: Comunità ebraiche, profonda inquietudine

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "In un'epoca segnata dal progressivo smarrimento di Memoria e valori fondamentali il rientro della salma del re Vittorio Emanuele III in Italia non può che generare profonda inquietudine, anche perché giunge alla vigilia di un anno segnato da molti anniversari", tra cui "gli 80 anni dalla firma delle Leggi Razziste". Lo sottolinea la Presidente dell'Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Noemi Di Segni, ricordando che "Vittorio Emanuele III fu complice di quel regime fascista di cui non ostacolò mai l'ascesa".

18:02Igor: accetta estradizione, ma dopo inchiesta Spagna

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Norbert Feher, noto come 'Igor il russo' ha risposto in italiano alle domande del giudice spagnolo, Carmen Lamela - durante l'interrogatorio tenuto in videoconferenza - e ha accettato, non opponendosi al mandato di arresto europeo, di essere consegnato in Italia per essere processato per gli omicidi commessi ad aprile tra Bolognese e Ferrarese. Secondo quanto filtra da ambienti investigativi italiani l'eventuale consegna - come è emerso dall'interrogatorio durante l'udienza di convalida in Aragona - avverrà dopo i processi per i tre omicidi - di due agenti della Guardia Civil e di un allevatore - avvenuti in Spagna lo scorso 14 dicembre. Nell'interrogatorio il latitante, fuggito dall'Italia otto mesi fa, ha detto di essere in Spagna da settembre. Sull'affermazione verranno fatti accertamenti.(ANSA).

17:54Papa: Gentiloni, grazie per esortarci a fare mondo migliore

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Desidero ancora una volta ringraziarla profondamente per il suo inarrestabile impegno che scuote le nostre coscienze e ci esorta a rendere migliore questo mondo". Lo dice il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un messaggio di auguri a Papa Francesco per il suo compleanno.

17:53Austria: Salvini, Strache? Non è un estremista

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - In Austria "io non vedo estremisti al governo. Heinz-Christian Strache non è assolutamente estremista, se controllare i confini è estremista allora sono estremista anche io. Io vedo un partito che difende l'interesse nazionale austriaco e io come Lega lo voglio fare non solo in Lombardia e Veneto dove governiamo da anni, ma anche in Puglia o in Campania". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più".

17:42Salvini, serve programma scritto o no alleanze con FI

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Io chiedo un programma comune del centrodestra, senza un programma scritto" nei suoi "capisaldi non c'è alleanza". Lo afferma il segretario della Lega Matteo Salvini a "1/2 ora in più" su Raitre spiegando che l'abolizione della Fornero, un intervento su immigrazione, scuola e sulle politiche europee, sono i punti "su cui non ci può essere trattativa". "Io ritengo che Berlusconi firmerà", spiega Salvini, ritenendo necessario, in vista dell'ipotesi larghe intese anche "un patto contro gli inciuci".

Archivio Ultima ora