Presidente Maduro in Italia nei prossimi giorni

Pubblicato il 10 giugno 2013 da redazione

CARACAS – Erano semplici voci che circolavano ormai da alcuni giorni, con sempre piú insistenza, nei corridoi del ministero degli Esteri del Venezuela. Voci confermate al nostro Giornale da fonti solitamente ben informate della “Casa Amarilla”. Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, si recherá in Italia nei prossimi giorni per ricevere, il giorno 17 giugno, a Roma un riconoscimento che la Fao consegnerá a 17 paesi, tra cui il Venezuela, meritevoli di aver condotto una positiva battaglia contro la fame.

– Stiamo lavorando alacremente in funzione della visita del presidente della Repubblica, Nicolás Maduro – ha detto il Console Generale del Venezuela a Milano, Giancarlo Di Martino, raggiunto telefonicamente dalla “Voce” -. Nel caso che il capo dello Stato non possa essere presente, il riconoscimento sarà consegnato al nostro ministro degli Esteri, Elías Jaua.

Anche  l’incontro del presidente Maduro con il Papa Francesco, notizia diffusa da alcune agenzie stampa e raccolta da mass-media locali, é stata confermata alla “Voce” da fonti della “Casa Amarilla” anche se il Vaticano  mantiene il massimo riserbo.

Per il ministro degli Esteri, Elìas Jaua, quella romana dovrebbe essere una breve parentesi prima degli impegni a Ginevra; una parentesi senz’altro gradita non solo per le motivazioni di fondo – leggasi, riconoscimento della Fao al Venezuela per aver raggiunto gli obiettivi fissati nella Conferenza Mondiale del 1996, prima della scadenza del 2015, – ma anche perchè rappresenta l’occasione per rincontrarsi con le proprie radici italiane.

Prima del viaggio a Ginevra, il ministro degli Esteri, Elías Jaua, dovrebbe riunirsi con un nutrito numero di industriali interessati ad esportare ed investire in Venezuela.

– In effetti, – sottolinea Di Martino – è cresciuto l’interesse degli imprenditori italiani verso il Venezuela. Sono tanti i produttori di vino, di olio d’oliva, pasta ed altri prodotti che vorrebbero esportare nel nostro paese.

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, e il ministro degli Esteri, Elías Jaua, saranno accompagnati da un nutrito numero di funzionari ed esperti. Ad attenderli a Roma vi saranno l’Ambasciatore del Venezuela presso la Fao, Gladys Urbanejas; l’Ambasciatore del Venezuela in Italia, Isaías Rodriguez; e i Consoli di Napoli, Roma e Milano.

La conversazione telefonica con il Console Di Martino rappresenta anche l’occasione per chiedere quali sono oggi le difficoltà che devono affrontare i cittadini venezolani residenti nel Belpaese. Il diplomatico, con dovizia di dettagli, illustra due fenomeni che caratterizzano la vita della comunità venezolana nel nord Italia: l’arrivo di nuovi emigranti, provenienti dalla vicina Spagna dove la crisi evidentemente morde più che in Italia; ed il ritorno di un numero crescente di connazionali in Patria.

– La crisi in Italia – spiega il Console Di Martino – è assai acuta. Ma questo è un fenomeo comune ormai a tutti i paesi europei. Di fronte alle difficoltà di carattere economico, sono tanti i venezolani che intraprendono il cammino del ritorno. Calcoliamo che il fenomeno interessa un 10, 15 per cento dei residenti in Italia.

Parla lentamente, scandisce le parole nel timore che le interferenze, stranamente assenti durante la nostra conversazione, possano provocare lacune o, ancor peggio, malintesi.

– Devo registrare, inoltre – prosegue -, un incremento nel flusso di connazionali dalla Spagna verso l’Italia. E’ evidente che in quel paese la crisi è più acuta. La speranza di tanti venezolani è di avere maggior fortuna in Italia. Purtroppo – aggiunge con rammarico -, non sempre è così.

Afferma che non mancano emigranti che, dopo aver tentato in Spagna e in Italia, “si recano nei paesi del nord dove c’è una maggiore offerta di lavoro”.

Prima di concludere la conversazione, da una Milano in cui “il sole è tornato a fare capolino dopo giornate grige di freddo e pioggia”, il Console Di Martino assicura:

– Noi lavoriamo in funzione dell’attesa visita del presidente Maduro.

Sebbene non siano stati annunciati altri impegni oltre quello nella Fao, si considerano probabili incontri con il presidente Napolitano,  il premier Letta, ed esponenti del governo e del mondo politico italiano. L’incontro con il Papa Francesco con il quale, hanno riferito al ministero degli Esteri, il presidente Maduro avrebbe coincidenze di idee in temi di carattere sociale, dovrebbe avvenire il 18 del corrente mese.

Ultima ora

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

Archivio Ultima ora