Siria, offensiva di Assad su Aleppo: decine di ribelli uccisi

Pubblicato il 10 giugno 2013 da redazione

BEIRUT. – Dopo la conquista della città strategica di Qusayr, il presidente siriano Bashar al Assad lancia le sue truppe all’offensiva ad Aleppo, la città più popolosa del Paese, dove interi quartieri sono da un anno in mano agli oppositori. Già ‘’decine’’ di ribelli sono stati uccisi e ‘’centinaia’’ feriti o catturati nella prima giornata dell’attacco denominato ‘Tempesta del nord’, affermano fonti del regime. Di fronte alla possibilità che i successi delle forze lealiste cambino definitivamente gli equilibri sul terreno in favore di Assad, gli Usa, che continuano a chiedergli di abbandonare il potere, si appresterebbero a prendere una decisione entro questa settimana sulla fornitura o meno di armi ai ribelli.

– La situazione sul terreno è peggiorata e per le riunioni sulla crisi siriana che si terranno questa settimana alla Casa Bianca sono state preparate numerose opzioni a disposizione del presidente Obama – ha detto una portavoce del Dipartimento di Stato. D’altra parte anche il segretario di Stato John Kerry ha deciso di rinviare una missione in Medio Oriente per partecipare alle riunioni su questo delicato tema.

Nel solo mese di maggio sono state 3.113, di cui 347 ragazzi e bambini, le persone morte nel conflitto, secondo i conteggi del Centro per la documentazione delle violazioni in Siria (Vdc). E le violenze minacciano sempre più di coinvolgere il vicino Libano, dove ieri un manifestante sciita oppositore dell’Hezbollah è rimasto ucciso da un colpo d’arma da fuoco davanti all’ambasciata iraniana a Beirut durante una protesta contro l’appoggio al regime siriano da parte dell’Iran e delle milizie sciite del Partito di Dio libanese. Il raduno era stato attaccato da bande di squadristi in camicia nera.

Il presidente libanese Michel Suleiman ha chiesto all’Iran e a Hezbollah di cooperare per identificare i colpevoli. Resta intanto il mistero su un’esplosione avvenuta ieri nella Valle della Bekaa contro uno o più veicoli che secondo i media libanesi trasportavano miliziani di Hezbollah diretti in Siria. Secondo l’agenzia Nna, è stato colpito in modo lieve un pulmino che ha però proseguito la marcia verso il territorio siriano. “Quasi cento terroristi e salafiti sono stati uccisi dall’inizio dell’operazione, mentre centinaia di altri sono stati feriti o arrestati”, ha detto, parlando dell’attacco lanciato su Aleppo, un responsabile degli apparati di sicurezza siriani citato dai media governativi.

– L’esercito ha ripreso il controllo della cittadina di Shwihneh, sull’autostrada tra Dael e Mansourah, a nord di Aleppo, uccidendo decine di combattenti del Fronte Al Nusra – ha sottolineato la fonte -. Le forze armate – ha aggiunto – hanno anche lanciato molti assalti contro roccaforti dei miliziani nelle località di Herietan, Minegh, Qabtan Al-Jabal, Babees, Kafrat Hamra e Atareb.

L’ong Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) segnala invece intensi combattimenti per il controllo dell’aeroporto militare di Mengh, aggiungendo che i ribelli sarebbero riusciti a impadronirsi della torre di controllo. Israele ha intanto fatto sapere di non avere obiezioni al possibile dispiegamento di caschi blu russi sulle Alture del Golan al confine con la Siria, dopo la proposta fatta la settimana scorsa dal presidente Vladimir Putin di sostituire il contingente austriaco prossimo al ritiro. Mentre l’ex ministro degli Esteri Avigdor Lieberman ha messo in guardia Assad dal compiere “errori di calcolo” decidendo magari di riaprire questo fronte di guerra. Il presidente siriano rischierebbe in quel caso di “perdere tutto quello che possiede’’, ha detto Lieberman. In Giordania,

invece, migliaia di soldati di Paesi della regione e della Nato, compresa l’Italia, partecipano alle manovre ‘Eager Lion’ cominciate ieri sotto il comando Usa, mentre le truppe di Assad continuano la loro offensiva anche nel sud della Siria a ridosso del confine con il regno hashemita.

Ultima ora

13:01Giochi: in Lombardia spesa top per slot. 10 mld 5 nel Lazio

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Sono 49 i miliardi spesi di slot machines e video lottery nel 2016, oltre la metà del totale del gioco d'azzardo. È un caso il piccolo comune di Caresanablot, poco più di mille abitanti attaccato a Vercelli, dove la giocata pro capite in slot machine è la più alta d'Italia, 24.228 euro. Un dato drogato dalla presenza di una enorme sala giochi che richiama migliaia di 'pendolari' del gioco. Ma è Prato la provincia italiana con la spesa più alta nelle 'macchinette', 2.377 euro a persona. E la Lombardia, con oltre 10 miliardi di raccolta, è la regione dove si spende di più, seguita dal Lazio con oltre 5. Sono alcuni dei dati raccolti ed elaborati dal Gruppo Gedi, editore dei giornali locali del gruppo Finegil, e dalla società di datajournalism Dataninja, nel data base 'L'Italia delle slot' che raccoglie le cifre del 2015 e del 2016 su Slot e video lottery in regioni, province e comuni.

12:56Incidenti stradali: investe e uccide 65nne poi fugge, preso

(ANSA) - BRESCIA, 15 DIC - È stato identificato e denunciato per omicidio stradale un automobilista bosniaco che la notte scorsa ha travolto e ucciso poco prima di mezzanotte a Esine un uomo di 65anni di Artogne, nel Bresciano, Giovanni Battista Fontana, per poi allontanarsi senza prestare soccorso. La vittima, che era a piedi, era stata trovata a terra agonizzante nei pressi dell'ospedale di Esine. Nessun testimone ha assistito all'incidente. L'automobilista è stato individuato e bloccato grazie ai filmati di alcune telecamere fisse. Deve rispondere di omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga dopo incidente.(ANSA).

12:56Tennis: Itf Dubai, Errani sconfitta in semifinale

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Si ferma in semifinale la corsa di Sara Errani nel torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: la 30enne romagnola, numero 143 del ranking mondiale, è stata sconfitta per 6-1 6-4 dalla svizzera Belinda Bencic, numero 98 Wta e quinta testa di serie. L'altra finalista è la croata Ajla Tomljanovic, numero 130 del ranking mondiale e settima testa di serie, che ha superato per 6-2 6-3 un'altra svizzera, Stefanie Voegele.

12:48Ubi: pm Bergamo, a processo tutti i 31 imputati

(ANSA) - BERGAMO, 15 DIC - Il pm di Bergamo Fabio Pelosi ha insistito nella richiesta di rinvio a giudizio per 31 imputati (30 persone fisiche e la stessa banca) per il caso Ubi. La Procura, nel corso dell'udienza preliminare, ha chiesto il processo, tra gli altri, per il banchiere Giovanni Bazoli e per il consigliere delegato Victor Massiah. Le accuse sono di ostacolo agli organismi di vigilanza e di presunte interferenze illecite in vista della formazione dell'assemblea del 2013. (ANSA).

12:43Nuoto: bene azzurri a Europei, Panziera in finale 200 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Buona mattinata per gli azzurri ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen. Margherita Panziera ha guadagnato la finale dei 200 dorso, con il quarto tempo, giungendo seconda in batteria alle spalle della campionessa ungherese Hosszu. Finale conquistata anche per le ragazze dei 200 farfalla, Alessia Pirozzi e Ilaria Bianchi. Grande risultato anche per le staffettiste della 4X50 sl, che vincono la batteria davanti a Francia e Polonia in 1.37"74 e volano in finale con il quarto tempo. In semifinale Arianna Castiglioni e Martina Carraro nei 100 rana. Semifinale raggiunta anche per Luca Dotto e Marco Orsi nei 50 sl uomini. Nei 100 rana maschili in semifinale Luca Pizzini, che vince la sua batteria e fa il primato personale in 58"93, anche se spaventa il 56"663 con cui l'olandese Kammkinga ha vinto la quarta batteria. In semifinale nei 100 rana anche Fabio Scozzoli in 57"31 e Nicolò Martinenghi, quest'ultimo con il tempo di 57"78 nuovo primato personale. (ANSA).

12:40Terrorismo: algerino arrestato dal Ros in stazione Foggia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Arresto a Foggia per terrorismo internazionale: un cittadino algerino, Yacine Gasry, è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri del Ros nella stazione ferroviaria della città in esecuzione di un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L'uomo è stato condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. Secondo l'accusa, avrebbe fatto parte di una rete che forniva sostegno logistico a formazioni terroristiche algerine. Gasry venne arrestato nel 2004, insieme ad altri stranieri, in seguito a indagini condotte dal Ros e coordinate dalla procura di Napoli dopo gli attentati dell'11 settembre. L'inchiesta riguardava una rete di supporto logistico del Fronte islamico di salvezza (Fis) algerino attiva in Italia tra le province di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano.

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

Archivio Ultima ora