Flop M5S, Grillo sotto accusa: “Chi mi critica è fuori”

Pubblicato il 11 giugno 2013 da redazione

ROMA  – La nuova tornata elettorale non certo lusinghiera per il M5S innervosisce Beppe Grillo che evita, questa volta, di prendersela con gli italiani ma avverte: chi pensa di aver vinto canta la vittoria di Pirro. Il M5S ha fatto quel che poteva, ma in Parlamento le sue proposte sono state ”ignorate e respinte” e la Tv ”ci deride h24”: insomma, si lamenta, che altro ci si poteva aspettare dal M5S ”che dessimo fuoco al Parlamento?”.

E guai ad addossare a lui la responsabilità della debacle elettorale. Ci ha provato la senatrice Adele Gambaro ed il verdetto per lei è stato immediato: visto che non gradisce è invitata ”per coerenza a uscire al più presto dal M5S”.

Contro la nuova ‘dissidente’ i tempi per la ‘cacciata’ sono fulminei: certo se la parlamentare (che ha osato parlare di ‘debacle’ elettorale nonostante i due comuni vinti al ballottaggio e che ha puntato l’indice contro i ”toni e la comunicazione di Beppe Grillo”) non dovesse prendere da sola la decisione di fare armi e bagagli, nei suoi confronti partirà come per Mastrangeli la procedura di espulsione in assemblea e poi in rete. Ma Grillo ha accorciato i tempi ed ha lanciato sul suo blog un pre-sondaggio. ”Vorrei sapere cosa pensa il Movimento 5 Stelle di queste affermazioni, se sono io il problema”.

La risposta è scontata e dopo un’ora circa arriva il verdetto: ”la Senatrice Adele Gambaro ha rilasciato dichiarazioni false e lesive nei miei confronti, danneggiando oltre alla mia immagine, lo stesso M5S”. Il blog è con lui anche se non mancano attivisti che segnalano il loro disagio:

”Si, Beppe, se vuoi saperlo per me il problema sei stato proprio tu che in passato eri il mio idolo” si legge in rete. O anche: ”Bravo…continua a cacciare chiunque dica qualcosa contro, e tra un po’ non ci sarà più nessuno da cacciare…”. E’ compatto invece il gruppo degli eletti:

”Grillo è patrimonio mondiale di umanità, come le Dolomiti” azzarda il neo presidente alla Vigilanza Rai Roberto Fico. ”Abbiamo tanti nemici all’esterno, ma da sempre il vero pericolo è all’interno”, sentenzia Alessandro Di Battista. I ‘dissidenti’ che proprio l’altro giorno avevano firmato una sorta di tregua in assemblea, non parlano; Aris Prodani, un ‘dialogante’, si limita a consigliare di evitare di confondere ”le critiche, se costruttive, con la mancanza di fiducia”.

– Ieri abbiamo fatto un’altra delle nostre intense riunioni, avevamo chiesto di parlare dei problemi prima di andare a trovare il nostro confessore giornalista. Invece no. Arriva puntuale la notizia, una nuova banale dissidenza”, si lamenta Vega Colonnese che accusa la nuova ‘malpancista’ di ”paraculismo”. D’altra parte la ‘condanna’ di Grillo è senza appello: ”Uno vale uno, quando costruisce. Uno vale niente quando usa il progetto di milioni di italiani per promuovere se stesso”.

Il rischio per la nuova dissidente, donna, è di subire il linciaggio in rete e l’aperta ostilità dei colleghi: come è successo a Vincenza Labriola che, dopo essere passata al gruppo Misto con il collega Alessandro Furnari, e dopo essere stata insultata in rete viene ‘scansata’ a Montecitorio dagli ex colleghi. Un atteggiamento che, nonostante il tentativo di chiarimento in assemblea e con la nuova ‘scomunica’ di Grillo, rischia ora di aprire la strada a nuove uscite.

Ieri al Senato è stato eletto il successore del capogruppo Vito Crimi: al ballottaggio tra Nicola Morra, considerato uno dei ‘fedeli’ alla linea di Grillo, e Luis Orellana ha vinto il primo, ma di soli due voti. Il suo discorso di ‘insediamento’ è stato tutto rivolto a placare gli animi: ”lavorando insieme si vince, frantumati e divisi si perde”. Sull’espulsione della collega quindi prende tempo:

– Vorrei ragionare con tutti gli altri del gruppo – dice e poi si interroga:

– E’ strano che mentre io pronunciavo con voi in sala stampa parole ecumeniche lei abbia pronunciato le sue, in Tv.

Contro Gambaro insulti e critiche in rete
”Che faccia tosta che ha !!”. ”Vattene a casa! Hai fatto il gioco del sistema dei partiti e dei loro pennivendoli. Vergognati voltagabbana”. Ancora una volta è in rete che si sfogano gli animi degli attivisti M5S che riversano sulla pagina Fb della senatrice ‘dissidente’ Adele Gambaro critiche e spesso insulti. ”Cara Adele, fai un attimo di riflessione. Senza il megafono Grillo dove saresti? Non sicuramente in Senato, al massimo a fare la cameriera al bar Sport. Ora per coerenza, lascia il M5S” si legge tra i tanti, numerosi, messaggi sul suo profilo.

”E così ti freghi le mani pensi di aver fatto 6 al superenalotto!” si legge ancora mentre un attivista l’attacca:

”Hai seguito i giornalisti per assaggiare un po di notorietà (ti sei bagnata? … Pioveva) e quindi prostituirti con i Partiti. Hai venduto la dignità e hai sputato in faccia a 8 milioni di persone”. Pochi, ma ci sono, anche i messaggi di solidarietà e di condivisione con la sua critica:

”Brava Adele…anche se impropriamente hai avuto fegato! Se il M5S ha preso la batosta sarà pure colpa di qualcuno o no?”.

Ultima ora

20:28Bolivia: Morales candidato per quarto mandato tra proteste

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il presidente della Bolivia Evo Morales è stato proclamato candidato per il quarto mandato consecutivo alle elezioni del 2019 dalla base del partito di governo Movimento per il socialismo (Mas) in un grande evento tenutosi a Cochabamba, di fronte a migliaia di sostenitori. Lo riportano media locali. Morales è stato scelto dalle organizzazioni e movimenti che fanno parte del partito. "Missione compiuta, siamo abilitati per le elezioni", ha esclamato Morales all'evento pubblico. Il supporto da parte della sua base popolare arriva due settimane dopo che Morales stesso si è candidato, dopo aver ricevuto l'autorizzazione da parte della Corte costituzionale del Paese per presentarsi alle elezioni. La decisione è stata duramente criticata dagli oppositori, che proprio per esprimere il loro rifiuto alla ricandidatura sono scesi in piazza a migliaia nelle principali città della Bolivia.

20:24Gerusalemme: Abu Mazen, vogliono negare nostra storia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 18 DIC - "Dichiarazioni recenti puntano a negare la nostra storia, ma questa è la nostra terra e i palestinesi continueranno a lottare in modo pacifico". Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen incontrando oggi a Ramallah i capi delle Chiese cristiane per gli auguri di Natale. "Il mondo e la legge internazionale riconoscono Gerusalemme est capitale dello stato di Palestina e noi - ha aggiunto, citato dalla Wafa - resteremo uniti nel difendere Gerusalemme, le terre dei cristiani e le dotazioni islamiche". Abu Mazen ha poi sottolineato lo "stretto e costante coordinamento con il regno hashemita di Giordania per quanto riguarda i luoghi santi islamici e cristiani di Gerusalemme, specialmente la Spianata delle Moschee e il Santo Sepolcro". In Consiglio di sicurezza Onu si discute questa sera una Risoluzione contro la decisione di Trump su Gerusalemme.

20:22Arabia Saudita: re Salman riceve direttore CIA a Riad

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Il re dell'Arabia Saudita, Salman bin Abdulaziz Al Saud, ha ricevuto oggi a Riad il direttore della CIA, Mike Pompeo. La notizia viene riportata da Al Arabiya. All'incontro, avvenuto nel palazzo Al Yamamah, hanno partecipato, aggiunge la stessa fonte, anche il ministro degli Esteri saudita, Adel Al Jubeir, il capo dell'Intelligence saudita, Khaled bin Ali Al Humaidan, e altri esponenti delle autorità locali.

20:19Usa: treno deragliato, almeno tre morti

(ANSA) - WASHINGTON, 18 DIC - Sono almeno tre le persone rimaste uccise nel deragliamento di un treno nello Stato di Washington negli Usa finito su una strada interstatale, coinvolgendo anche automobilisti. Lo riferisce il Seattle Times. La Cnn inoltre, citando fonti ospedaliere, riferisce che 77 persone sono state trasportate in ospedale. Diversi passeggeri sono rimasti intrappolati fra le lamiere del treno.

20:18Siria: Assad, dichiarazioni Macron ‘non hanno alcun valore’

(ANSAmed) – BEIRUT, 18 DIC – Per il presidente Bashar al Assad "non hanno alcun valore" le dichiarazioni fatte ieri dal presidente francese Emmanuel Macron, che lo ha accusato di essere "il nemico del popolo siriano", auspicando che venga processato "per i suoi crimini". "Fin dall’inizio (del conflitto civile siriano) la Francia è stata all’avanguardia nel sostenere il terrorismo in Siria", ha affermato Assad, citato dall’agenzia governativa Sana. "Coloro che sostengono il terrorismo - ha insistito il rais - non hanno diritto di parlare di pace, e tantomeno di interferire negli affari siriani. Tutte le loro dichiarazioni non significano nulla per noi e non hanno alcun valore". Macron aveva auspicato e che nelle trattative di pace dopo la sconfitta dell’Isis, che prevede avvenga entro febbraio, ci siano "rappresentanti di tutte le opposizioni", compresi quelli che hanno lasciato la Siria "a causa di Assad, e non dell’Isis".

20:18Sampdoria: Ferrero, col Napoli derby del cinema

(ANSA) - GENOVA, 18 DIC - "E' il derby del cinema". Massimo Ferrero definisce così la sfida di sabato prossimo che vedrà la sua Sampdoria far visita al Napoli di Aurelio De Laurentis. "Da uno a dieci mi piacerebbe batterlo dodici - ha scherzato Ferrero oggi a Palazzo Ducale a margine della presentazione di un libro sulla storia della Sampdoria -. Se vinciamo noi lui farà un grande incasso col cinepanettone, se noi non vinciamo io auguro a De Laurentis un lungo cammino". Il numero uno blucerchiato non si sbilancia troppo quando si tratta di fare un pronostico. "Amo i napoletani e la napoletanità, sono l'Italia che lavora. Dico solo che ci piacerebbe molto vincere a Napoli ma non ci dimentichiamo che siamo la Sampdoria e noi quando arriviamo tra le prime dieci siamo felici". La Samp vive un momento difficile con appena un punto nelle ultime quattro gare ma Ferrero non è preoccupato. "Un calo fisiologico ci può stare - ha proseguito -, l'importante adesso è riprendere in mano le redini del cavallo e cavalcare la via maestra".

20:16Basket: Hertz e Virtus Roma insieme anche i stagione 2017-18

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Hertz e Virtus Roma ancora per la stagione 2017/2018 saranno insieme nella rinnovata co-sponsorship che vedrà Hertz fornire le automobili ufficiali alla squadra. Si tratta di una flotta di cinque automobili di diversi marchi: Opel, Volkswagen e Fiat, ciascuna con tremila chilometri di noleggio mensili. Siamo orgogliosi di affiancare la Virtus Roma - spiega Massimiliano Archiapatti, Amministratore Delegato di Hertz italiana -. Da sempre, infatti, Hertz supporta le eccellenze dello sport e la pallacanestro è certamente una delle attività agonistiche più sentite, sia a livello nazionale che internazionale. Per noi è molto importante essere al fianco di realtà come la Virtus a cui ci sentiamo accomunati da valori fondamentali come il gioco di squadra. Saremo quindi partner della Virtus mettendo a loro disposizione quello che sappiamo fare meglio: un servizio che permetterà alla squadra di potersi muovere col massimo comfort a bordo delle nostre autovetture.

Archivio Ultima ora