Maduro in Italia, oltre al Papa anche il presidente Napolitano?

CARACAS – Sebbene con molta prudenza, anche il Vaticano ha confermato l’incontro tra il presidente della Repubblica, Nicolàs Maduro, e il Pontefice, Francesco. La prima udienza di Papa Francesco al presidente   Maduro si terrà il 17 al Vaticano. Nessun dettaglio è emerso sinora sui contorni dell’incontro, che precederà l’intervento del Pontefice al congresso della diocesi di Roma, né dell’agenda del capo di Stato venezuelano.

Il Papa argentino, consigliato dalla millenaria saggezza  che ha sempre caratterizzato la diplomazia vaticana, ha in agenda anche il ricevimento del leader dell’opposizione venezuelana, Henrique Capriles Radonski. L’incontro dovrebbe avvenire pochi giorno dopo quello con il capo dello Stato, Nicolàs Maduro

Henrique Capriles Radonski, come è a tutti noto, è impegnato in una campagna internazionale di denuncia di presunte carenze democratiche nel paese e irregolarità alle ultime presidenziali. Nelson Bocaranda, giornalista apprezzato per la sua serietà, ha scritto sul suo account di twitter che Maduro avrebbe chiesto udienza al Papa dopo aver saputo che il Vaticano avrebbe lavorato a un incontro con Capriles.

Prima di Maduro, l’estinto presidente Chávez, nonostante le critiche rivolte alla Chiesa e le parole di sdegno pronunciate in ripetute opportunità nei confronti di porporati venezolani,  aveva varcato tre volte le mura vaticane incontrando Giovanni Paolo II nel 1999 e nel 2001, e Benedetto XVI nel 2006.

Si sa, anche se non se ne è avuta conferma, che a la diplomazia venezolana a Roma lavora in  incontri tra il presidente Maduro ed importanti esponenti del governo e della politica italiana. Fonti del ministero degli Esteri del Venezuela non escludono che possa esserci un colloquio tra il presidente Napolitano ed il capo dello Stato.

 

Condividi: