Gambaro: “Non mollo. Attendo le scuse di Grillo”

Pubblicato il 12 giugno 2013 da redazione

ROMA  – E’ muro contro muro tra Beppe Grillo e la senatrice ‘dissidente’ Adele Gambaro. Il leader del Movimento, non pago del putiferio scatenato con la sua richiesta di dimissioni della parlamentare, torna infatti a chiedere la sua ‘testa’. Ma lei insiste, ha deciso che non intende mollare.

– Non ho intenzione di passare al Misto – afferma -. Rimango nel M5S finchè non dovessero decidere di espellermi.

Di più, se Grillo ”minaccia lo denuncio” avverte. Tra i dissidi interni al gruppo parlamentare e i commenti al risultato elettorale, si infila anche una ‘denuncia’ del comunicatore del gruppo, Claudio Messora, che dal suo blog pubblica un’intervista ad un collaboratore di giustizia Luigi Bonaventura.

”Secondo le sue rivelazioni rilasciate in esclusiva per Byoblu, Preiti avrebbe sparato davanti a Palazzo Chigi chiaramente per ordine della ‘ndrangheta, per danneggiare il Movimento 5 Stelle”.

Uno scoop, utile però a tratteggiare l’immagine di un M5S avversato da tutti, dai poteri forti, dai media e anche dalla criminalità organizzata. Il problema dei dissidenti, però, si avvita sempre di più: dopo il caso Mastrangeli il M5S cerca di evitare la parola ‘espulsione’ e aggira il problema incitando i dissidenti a ‘lasciare da soli’. E’ quello che sta cercando di fare Grillo con la Gambari dopo aver valutato le reazioni alle uscite di Labriola e Furnari che, peraltro, hanno ricevuto la solidarietà del MeetUp di Taranto da cui provengono.

– Il problema – ammette il ‘guru’ M5S Paolo Becchi – è questo stillicidio, Mastrangeli, poi i due pugliesi, adesso lei, bisogna chiarire e dire: chi non sta dentro il progetto dovrebbe uscire.

Il problema è che sono sempre di più le voci critiche: ieri un’altra senatrice conversando con i cronisti si è lasciata andare: ”pover’uomo lasciatelo stare”. E si riferiva a Grillo. Ma il muro contro muro che si è creato rischia di dividere non tanto i parlamentari ‘dissidenti’ da quelli ‘fedeli alla linea’, quanto i gruppi di Camera e Senato. Se a Montecitorio i deputati più critici ‘scalpitano’ e attendono l’occasione giusta per manifestare il loro disagio, a Palazzo Madama il gruppo sembra proprio ricompattarsi dopo il caso Gambari. Lei stessa lo rivela:

– Non me ne voglio andare perchè i rapporti al gruppo al Senato sono buoni.

A palazzo Madama si improvvisa una riunione dei senatori del gruppo: qualche sms e sono tutti intorno ad un tavolo per parlare del caso del giorno e alla riunione partecipa anche lei, ‘l’imputata’.

– Non sono previsti dimagrimenti del gruppo parlamentare del Senato – commenta subito dopo Francesco Campanella. Anzi. Il problema è come ‘proteggere’ la loro senatrice dalle incursioni dei deputati. Il fatto, già esaminato in recenti riunioni dove era stato pensato di ‘ponderare’ i voti dei senatori che sono la metà dei deputati, è che il regolamento che prevede che l’espulsione sia proposta dai gruppi congiunti di Camera e Senato. E’ un problema che si pongono anche i senatori ‘cinque stelle’ che non condividono le critiche a Beppe Grillo ma temono un’ intrusione dei colleghi deputati nelle loro questioni interne.

– In efetti c’è una divisione ‘generazionale’ – commenta il senatore Sergio Puglia.

Il clima è teso e in questo clima è atteso anche l’arrivo di Grillo che ha promesso di fare presto un salto a Roma. Difficile prevedere se ciò contribuirà al disgelo o il contrario. Intanto, è stato dato il via all’intergruppo sulla ‘ripubblicizzazione’ dell’acqua tra Sel, M5S e Pd.

– Ma il piatto forte della collaborazione tra i tre gruppi sarà rappresentato dagli F35 – prevede Pippo Civati che da tempi non sospetti guarda ai contatti con i Cinque Stelle. Un lavoro a cui da tempo guarda anche Sonia Alfano che sta facendo da pontiere con M5s. L’obiettivo, secondo gli informati, sarebbe quello di dare vita ad un nuovo gruppo che guardi decisamente a sinistra e a De Magistris

Ultima ora

13:01Giochi: in Lombardia spesa top per slot. 10 mld 5 nel Lazio

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Sono 49 i miliardi spesi di slot machines e video lottery nel 2016, oltre la metà del totale del gioco d'azzardo. È un caso il piccolo comune di Caresanablot, poco più di mille abitanti attaccato a Vercelli, dove la giocata pro capite in slot machine è la più alta d'Italia, 24.228 euro. Un dato drogato dalla presenza di una enorme sala giochi che richiama migliaia di 'pendolari' del gioco. Ma è Prato la provincia italiana con la spesa più alta nelle 'macchinette', 2.377 euro a persona. E la Lombardia, con oltre 10 miliardi di raccolta, è la regione dove si spende di più, seguita dal Lazio con oltre 5. Sono alcuni dei dati raccolti ed elaborati dal Gruppo Gedi, editore dei giornali locali del gruppo Finegil, e dalla società di datajournalism Dataninja, nel data base 'L'Italia delle slot' che raccoglie le cifre del 2015 e del 2016 su Slot e video lottery in regioni, province e comuni.

12:56Incidenti stradali: investe e uccide 65nne poi fugge, preso

(ANSA) - BRESCIA, 15 DIC - È stato identificato e denunciato per omicidio stradale un automobilista bosniaco che la notte scorsa ha travolto e ucciso poco prima di mezzanotte a Esine un uomo di 65anni di Artogne, nel Bresciano, Giovanni Battista Fontana, per poi allontanarsi senza prestare soccorso. La vittima, che era a piedi, era stata trovata a terra agonizzante nei pressi dell'ospedale di Esine. Nessun testimone ha assistito all'incidente. L'automobilista è stato individuato e bloccato grazie ai filmati di alcune telecamere fisse. Deve rispondere di omicidio stradale, omissione di soccorso e fuga dopo incidente.(ANSA).

12:56Tennis: Itf Dubai, Errani sconfitta in semifinale

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Si ferma in semifinale la corsa di Sara Errani nel torneo Itf di Dubai (100 mila dollari di montepremi, cemento), negli Emirati Arabi Uniti: la 30enne romagnola, numero 143 del ranking mondiale, è stata sconfitta per 6-1 6-4 dalla svizzera Belinda Bencic, numero 98 Wta e quinta testa di serie. L'altra finalista è la croata Ajla Tomljanovic, numero 130 del ranking mondiale e settima testa di serie, che ha superato per 6-2 6-3 un'altra svizzera, Stefanie Voegele.

12:48Ubi: pm Bergamo, a processo tutti i 31 imputati

(ANSA) - BERGAMO, 15 DIC - Il pm di Bergamo Fabio Pelosi ha insistito nella richiesta di rinvio a giudizio per 31 imputati (30 persone fisiche e la stessa banca) per il caso Ubi. La Procura, nel corso dell'udienza preliminare, ha chiesto il processo, tra gli altri, per il banchiere Giovanni Bazoli e per il consigliere delegato Victor Massiah. Le accuse sono di ostacolo agli organismi di vigilanza e di presunte interferenze illecite in vista della formazione dell'assemblea del 2013. (ANSA).

12:43Nuoto: bene azzurri a Europei, Panziera in finale 200 dorso

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Buona mattinata per gli azzurri ai campionati europei di nuoto in vasca corta, in corso a Copenhagen. Margherita Panziera ha guadagnato la finale dei 200 dorso, con il quarto tempo, giungendo seconda in batteria alle spalle della campionessa ungherese Hosszu. Finale conquistata anche per le ragazze dei 200 farfalla, Alessia Pirozzi e Ilaria Bianchi. Grande risultato anche per le staffettiste della 4X50 sl, che vincono la batteria davanti a Francia e Polonia in 1.37"74 e volano in finale con il quarto tempo. In semifinale Arianna Castiglioni e Martina Carraro nei 100 rana. Semifinale raggiunta anche per Luca Dotto e Marco Orsi nei 50 sl uomini. Nei 100 rana maschili in semifinale Luca Pizzini, che vince la sua batteria e fa il primato personale in 58"93, anche se spaventa il 56"663 con cui l'olandese Kammkinga ha vinto la quarta batteria. In semifinale nei 100 rana anche Fabio Scozzoli in 57"31 e Nicolò Martinenghi, quest'ultimo con il tempo di 57"78 nuovo primato personale. (ANSA).

12:40Terrorismo: algerino arrestato dal Ros in stazione Foggia

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Arresto a Foggia per terrorismo internazionale: un cittadino algerino, Yacine Gasry, è stato rintracciato e fermato dai Carabinieri del Ros nella stazione ferroviaria della città in esecuzione di un provvedimento dell'Ufficio esecuzione penale della Procura generale di Napoli. L'uomo è stato condannato in via definitiva a quattro anni, nove mesi e 21 giorni di reclusione per associazione con finalità di terrorismo internazionale. Secondo l'accusa, avrebbe fatto parte di una rete che forniva sostegno logistico a formazioni terroristiche algerine. Gasry venne arrestato nel 2004, insieme ad altri stranieri, in seguito a indagini condotte dal Ros e coordinate dalla procura di Napoli dopo gli attentati dell'11 settembre. L'inchiesta riguardava una rete di supporto logistico del Fronte islamico di salvezza (Fis) algerino attiva in Italia tra le province di Napoli, Caserta, Vicenza e Milano.

12:37M5S: sindaca Dorgali annuncia su Fb, sono indagata

(ANSA) - NUORO, 15 DIC - La sindaca di Dorgali (Nuoro) Maria Itria Fancello, del Movimento 5 stelle, è indagata dalla Procura di Nuoro per turbativa d'asta. Lo ha annunciato lei stessa su Facebook, in nome di quella trasparenza richiesta dal suo partito. "Volevo informare i cittadini di Dorgali che mi è stata notificata una richiesta di proroga delle indagini da parte della procura di Nuoro - spiega - a quanto pare, insieme a mio marito, ex dipendente della cooperativa Ghivine, e all'assessore Fabrizio Corrias sono indagata per turbativa d'asta. Per quanto sono riuscita a ricostruire, non ho ricevuto avvisi di garanzia, né ero a conoscenza dell'attività, si tratterebbe della gara di aggiudicazione della gestione dei siti archeologici. Un bando che è stato pubblicato il giorno successivo all'insediamento del nuovo consiglio comunale. Per cui né io, né altri componenti della giunta abbiamo avuto nulla a che fare con la gara, assegnata da un'apposita commissione". "Ho fiducia nella giustizia - prosegue la prima cittadina di Dorgali - e mi sento confortata dal fatto di aver sempre agito per il bene dei cittadini. Ve lo dovevo per quella trasparenza che contraddistingue il MoVimento 5 Stelle. Vi terrò aggiornati." (ANSA).

Archivio Ultima ora