Gambaro a giudizio. Grillo: “Da solo non ce la faccio”

Pubblicato il 13 giugno 2013 da redazione

ROMA – Adele Gambaro andrà a giudizio: lunedÌ i suoi colleghi parlamentari si riuniranno in seduta congiunta per valutare la sua espulsione per chiudere velocemente una partita che non giova all’immagine del movimento, già provato dai risultati elettorali. E da un sentimento generale di impotenza che Beppe Grillo annusa e che non gli piace affatto. Tanto che ieri notte ha inviato uno messaggio ai ‘suoi’ naviganti: ”fate sentire la vostra voce! L’Italia sta crollando”.

E lui, con le sue sole forze, sente di non potercela fare ad arginare la marea montante di attacchi. ”Non potete credere che io, con l’aiuto di una srl e con un pugno di ragazzi in Parlamento, possa combattere da solo”. Il paese e’ ”tenuto sotto sedazione da giornali e tv che fanno impallidire la censura sotto il fascismo” attacca Grillo.”Nessuno di questi predatori impuniti e dei loro lacche’ nei media vi puo’ dare lezioni”. Intanto, pero’, il caso della senatrice che si e’ spinta ad addossare la responsabilita’ della debacle elettorale amministrativa del M5S a Beppe Grillo, monta. E non solo per il colpo di scena che, dopo giorni di cautele e di insistenti inviti a farle prendere da sola la decisione di lasciare il gruppo parlamentare, arriva con l’annuncio dell’avvio dell’iter via blog. Iter, recita la comunicazione, che partira ”lunedi’ pomeriggio per valutare la proposta di cessazione dell’appartenenza al gruppo parlamentare, da sottoporre successivamente al voto decisivo della rete, cui spetta l’ultima parola”.

I senatori, colleghi della parlamentare sotto accusa, si sono riuniti in assemblea a palazzo Madama per valutare altre questioni e nulla sanno del comunicato ufficiale, a firma dei due capigruppo che si stanno dando la staffetta al Senato, Vito Crimi e Nicola Morra. La riunione è ancora in corso quando esce dal blog di Grillo la comunicazione dell’avvio dell’iter per il giudizio sull’ espulsione.

E cominciano a volare gli stracci. A palazzo Madama si levano urla, qualcuno ha la voce strozzata dall’arrabbiatura o dal pianto. Qualcuno sbatte la porta e se ne va. Lorenzo Battista è uno dei primi: non vuole parlare ma a stento nasconde la sua arrabbiatura:

– Dico solo che non posso essere messo a conoscenza di queste notizie a mezzo stampa.

Con lui se ne va Paola De Pin. Poi lascia anche Rosetta Blundo. Cristina De Pietro e Ivana Simeoni aprono la porta proprio dopo che si era sentito urlare un: ”ora basta”. La senatrice-questore Laura Bottici non si scompone:

– Non si tratta di espulsione si valuta la procedura di espulsione. Se uno sta male, è libero di uscire dal movimento.

La sorpresa dei senatori, invece, suffraga la tesi di quanti sostengono che la richiesta di valutazione dell’espulsione sia partita dalla Camera e non dal Senato. Un senatore lo sospetta”da noi non sarebbe accaduta una cosa del genere” dice. E i toni dei giovani colleghi di Montecitorio sembrano confermare.

– Certo che sono per l’espulsione, abbiamo perso già troppo tempo – taglia corto il capogruppo alla Camera Riccardo Nuti.

“Sarò felice di ascoltare la sua versione e farmi raccontare il suo percorso interiore per arrivare a quelle dichiarazioni, poi, come è ovvio che sia, chiederò la sua espulsione” ironizza su Fb il deputato Manlio Di Stefano. Il gruppo di ‘dialoganti’ però è preoccupato.

– Spero che questa vicenda si sgonfi presto come un palloncino. Arrivare al voto mi sembra pericoloso: in questi casi sai come parti ma non sai dove arrivi –  afferma un po’ sconsolato Aris Prodani.

Di certo il caso Gambaro non gioverà ad arginare quegli attacchi che Grillo nel suo post ‘notturno’ lancia come un allarme e una chiamata ‘alle armi’.

”Non perdete la capacità di incazzarvi, non dovete” è il suo quasi grido di dolore. ”Io ho una voce sola, ora roca, dopo centinaia di comizi. I media, portavoce del Sistema, hanno attaccato con una violenza inaudita il Movimento. Le grandi firme, registi, cantanti pataccari si sono scatenati”. Ma, avverte Grillo, ”nessuno verrà a salvarvi se non cercherete di salvarvi da soli. Siete nove milioni di voci a cui è stata negata la democrazia, esclusi da qualunque decisione parlamentare. Come dei paria”.

Ultima ora

00:48Calcio: 4-1 al Cittadella, Lazio nei quarti di Coppa Italia

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Lazio ha battuto il Cittadella 4-1 negli ottavi di Coppa Italia. Nei quarti i biancocelesti affronteranno la Fiorentina, il 26 dicembre alla stadio Olimpico. Incontro indirizzato a favore dei padroni di casa già nel primo tempo grazie alle reti di Immobile (11'), Felipe Anderson (24', con il brasiliano a segno dopo 221 giorni) e l'autorete di Camigliano (36'). Il Cittadella però non si è rassegnato ed al 41' ha accorciato le distanze con una gran punizione da 25 metri di Bartolomei. Nella ripresa, piuttosto povera di emozioni, ha chiuso i conti ancora Immobile, al 42', superando Paleari con un preciso pallonetto.

23:45Raiola, Mirabelli usa Donnarumma per attaccare me

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Mirabelli ha un problema personale contro di me e usa Donnarumma per attaccarmi. Gli fanno comodo queste polemiche perché tolgono l'attenzione dal vero problema del Milan: il suo progetto tecnico". Così Mino Raiola in una nota a Gazzetta.it, ricordando che il portiere aveva "offerte che nessuno avrebbe mai rifiutato. Ma Gigio e la sua famiglia hanno fatto una scelta col cuore. E l'ho rispettata. Oggi mi interessa solo che Gigio venga lasciato tranquillo, solo così potrà fare il suo meglio. Dovrebbe essere anche la priorità del ds del Milan".

22:51Donnarumma, mai detto di aver subito violenza morale

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Non ho mai detto né scritto di aver subito violenza morale quando ho firmato il contratto". E' quanto afferma Gianluigi Donnarumma su Instagram, all'indomani della contestazione subita dai tifosi del Milan a San Siro. "E' stata una brutta serata e non me l'aspettavo! Nonostante tutto guardo avanti e testa alla prossima partita... forza Milan!", ha scritto a corredo di una foto che lo ritrae in mezzo al campo mentre saluta il pubblico, con Rino Gattuso che gli batte una mano sul petto.

22:20Calcio: Bonucci, vincere al Milan è pass per la storia

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - "Vincere al Milan ti consegna un pass per la storia. Vi auguro di riuscirci, io sono alle prima armi con questa maglia". Così Leonardo Bonucci si è rivolto ai ragazzi del settore giovanile del Milan durante la festa di Natale: "Perché ho lasciato la Juventus? Sono successe alcune cose che hanno portato sia la società che il sottoscritto a questa decisione. Poi è arrivato il Milan, un'occasione che ho colto al volo. Anche grazie al lavoro di Fassone e Mirabelli. Con la Juventus abbiamo scelto di separarci, nella vita capitano delle discussioni".

22:10Terremoto: procura Macerata apre inchiesta su Sae

(ANSA) - MACERATA, 14 DIC - Il procuratore della Repubblica di Macerata Giovanni Giorgio ha aperto un fascicolo di indagine sui cantieri delle casette del terremoto, e le presunte irregolarità nella gestione della manodopera, denunciate dalla Cgil e dalla Fillea provinciali. Lo reso noto lo stesso Giorgio, sottolineando che "la tutela dei diritti dei lavoratori, rispetto ad ogni forma di sfruttamento e di sopruso costituisce una delle essenziali finalità del mio Ufficio". I cantieri sono appaltati al Consorzio Arcale, che ha vinto una gara bandita dalla Protezione civile nazionale. Il sindacato ha segnalato la presenza di molti lavoratori romeni, in particolare a Ussita, che verrebbero impiegati senza godere delle norme contrattuali italiane, e addirittura rimpatriati in caso di infortunio. Oggi la Cgil maceratese è stata contattata da funzionari del Governo romeno che sta conducendo un monitoraggio in varie regioni italiane proprio sul fenomeno del 'caporalato' e sullo sfruttamento di propri connazionali.

21:55Hayden morto in bici, chiesto rinvio giudizio automobilista

(ANSA) - RIMINI, 14 DIC - Il sostituto procuratore Paolo Gengarelli ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio per omicidio stradale a carico dell'automobilista coinvolto nell'incidente a Misano Adriatico che costò la vita, nel maggio scorso, all'ex campione statunitense di motoGp Nicky Hayden, in quel momento in sella a una bici. Il pilota, poi anche di Superbike, morì il 22 maggio a 36 anni all'Ospedale Bufalini di Cesena, cinque giorni dopo essere stato investito da una Peugeot 206. La Procura della Repubblica di Rimini contesta l'omicidio stradale al conducente dell'auto, un trentenne di Morciano di Romagna, perché - come da consulenza del pubblico ministero - "in concorso di cause indipendenti con la condotta colposa del ciclista ne cagionava la morte per colpa consistita in negligenza ed imprudenza". (ANSA).

21:51Francia: scontro treno-scuolabus, ‘almeno 4 bambini morti’

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - "E' di almeno quattro bambini morti" il bilancio delle vittime dello scontro avvenuto nel sud-ovest della Francia tra un treno regionale ed uno scuolabus. Lo riferisce il ministero dell'Interno. Ci sono anche "24 feriti molto gravi, di cui 21 alunni, e altri tre altri che erano a bordo del treno", dice il prefetto.

Archivio Ultima ora