Il Maracanà riapre i battenti con Messico-Italia

Pubblicato il 14 giugno 2013 da redazione

RIO DE JANEIRO – Non è una partita qualsiasi. Messico-Italia (per la Fifa ‘el Tri’ in questo caso é la squadra di casa) è anche il primo match ufficiale giocato nel nuovo Maracanà, che sarà anche cambiato e rimpicciolito, ma a vederlo fa sempre un certo effetto.

La statua di capitan Bellini che alza la Coppa Rimet conquistata nel 1958 è sempre lì a dare il benvenuto e a risultare un punto turistico dove in molti si fermano a scattare una foto. Finora nel grande stadio carioca appena ricostruito, con la capienza ridotta da 200.000 a 78.838 posti, sono state giocate soltanto due partite: un test fra gli amici di Bebeto e quelli di Ronaldo, sfida tra vecchie glorie e scapoli e ammogliati a cui hanno potuto assistere soltanto gli operai che hanno ristrutturato l’impianto, poi l’amichevole del 2 giugno fra Brasile e Inghilterra, finita 2-2 e caratterizzata da un bellissimo gol di Rooney. Ma nessuno finora vi ha giocato una partita ufficiale, di un torneo o campionato, e questo privilegio spetterà proprio all’Italia, oltre che al Messico.

L’emozione, come hanno detto Claudio Marchisio e Giorgio Chiellini sarà quindi “fortissima”, ancora di più per un campione come Andrea Pirlo, che nello stadio teatro dei sogni di Pelé, Garrincha, Zico e tanti altri festeggerà le 100 presenze in Nazionale.

L’attesa fra il pubblico carioca, anche se non scende in campo il Brasile, è grande e lo testimonia il fatto che sono stati staccati in prevendita 60.717 biglietti. Preoccupazioni ce ne sono dal punto di vista del traffico e degli spostamenti, anche se si gioca di domenica, e per questo è stata decisa la chiusura, fin dalla mattinata, di molte strade della zona.

A complicare le cose per la Fifa il fatto che proprio ieri il giudice del Tribunale di Rio Roselin Nalin ha dato ragione a uno dei 4.968 possessori di ‘cadeiras cativas’, ovvero quei posti che all’epoca della costruzione dell’impianto vennero assegnati in maniera perpetua, per ogni tipo di partita, a coloro che avevano dato un contribuito significativo, con diritto di trasmissione agli eredi. Fu anche grazie a queste persone che, in vista dei Mondiali del 1950, il Maracanà venne costruito in appena due anni, su alcuni terreni della zona nord di Rio appartenuti ai gesuiti e poi alla Contessa di Itamaratì, prima di diventare un ippodromo e poi un deposito di veicoli dell’Esercito brasiliano.

La Fifa aveva stabilito ‘motu proprio’ che tutto ciò non sarebbe stato valido in occasione della Confederations Cup e dei Mondiali, ma uno dei proprietari di questi ‘posti eterni’, il discendente di italiani Fernando Gravina, si è rivolto al giudice che ora gli ha dato ragione. Il suo esempio potrebbe essere seguito da altri, intanto al Maracanà l’attività è frenetica e si stanno dando gli ultimi ritocchi perché il Brasile vuole fare bella figura non solo come Seleçao ma anche come paese organizzatore.

Il Ministro dello Sport Aldo Rebelo ha comunque voluto fare una precisazione importante: i prezzi dei biglietti del nuovo Maracanà sono troppo alti, per Messico-Italia si parte da un minimo di 35 reais (circa 12 euro) e questo non va bene per uno sport, il calcio, che qui deve assolutamente continuare a essere anche un fenomeno popolare. Per questo, ha detto il Ministro spiegando di parlare a nome di tutto il governo, il consorzio Odebrecht che gestirà l’impianto dovrà abbassare il costo dei biglietti quando nell’arena dedicata al giornalista Mario Filho, ma che prende il nome anche dal fiume che vi passa accanto (il rio Maracanà), torneranno a esibirsi i club cittadini. Discorsi del futuro che non riguardano l’Italia, che qui gioca la prima partita ‘vera’, ed è curioso ricordare che, così come avverrà per il nuovo Maracanà, anche l’altro tempio del dio pallone, il nuovo Wembley, venne inaugurato da una nazionale azzurra, l’Under 21 che affrontò i pari età inglesi nel match della tripletta di Pazzini.

“Ma la prima rete in un match ufficiale in questo Maracanà ricostruito vorrei proprio segnarla io”, avvisa l’Italia il messicano ‘Chicharito’ Hernandez. A dare un’occhiata è passato anche Pelé, si è emozionato e ha detto che “non voglio rivedere scene come quelle del 1950, quando avevo 9 anni e ricordo benissimo mio padre che piangeva dopo aver ascoltato Brasile-Uruguay alla radio. Stavolta dovrà finire con una grande festa, anche se oggi il Brasile (inteso come Selecao ndr) non è pronto. Ma, grazie a Dio, c’é ancora un anno di tempo”.

Nel frattempo arriva l’Italia di Balotelli, il nuovo beniamino dei carioca: hai visto mai che invece del ‘Chicharito’ il primo gol lo segna proprio Supermario.

Ultima ora

01:37Pallavolo: 3-0 a Civitanova,Zenit Kazan vince Mondiale club

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - I russi dello Zenit Kazan hanno vinto il Mondiale per club di pallavolo battendo in finale a Cracovia la Lube Civitanova per 3-0 (27-25, 25-22, 25-22). Sfuma quindi il sogno della squadra marchigiana di salire sul tetto del mondo.

01:34Pallavolo: Superlega, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 18 DIC - Risultati della 12/a giornata della Superlega di pallavolo: Lube Civitanova - Wixo Piacenza 3-2 (giocata il 16/11) Sir Safety Perugia - Azimut Modena 0-3 Calzedonia Verona - Callipo Vibo V. 3-0 (ieri) Gi Group Monza - Bunge Ravenna 3-1 Kioene Padova - Taiwan Ex. Latina 3-0 Biosi' Indexa Sora - Diatec Trentino 1-3 (giocata il 13/12) Revivre Milano - BCC Castellana Grotte 3-0 - Classifica: Civitanova 31; Perugia e Modena 30; Verona 24; Padova e Ravenna 20; Piacenza e Trentino 19; Milano 18; Monza e Latina 12; Vibo Valentia 9; Castellana 5; Sora 3.

01:14Calcio: Inzaghi, la Lazio ha dimostrato che non molla mai

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Abbiamo dato una bella risposta su un campo difficile, sapevamo che avremmo sofferto. Siamo andati sotto di due gol e per molti sarebbero stati colpi decisivi, invece non ci siamo disuniti e siamo riusciti a pareggiare. Poi abbiamo commesso un errore sul rigore, ma siamo riusciti ancora a pareggiare: penso che non si sia annoiato nessuno". Così il tecnico della Lazio Simone Inzaghi al termine di Atalanta-Lazio. "Non sono due punti persi rispetto alle prime - dice ancora il tecnico -. L'Atalanta è la squadra che mi ha impressionato di più per ritmo e qualità dei giocatori. Infatti è arrivata quarta nella scorsa stagione e prima nel girone in Europa League. Segnare 3 gol qui non è facile, abbiamo dimostrato di non mollare mai e vogliamo restare attaccati al treno delle prime qualsiasi cosa succeda". Un commento sull'espulsione: "Non ho detto una parola - spiega -, ma Irrati mi ha mandato via. Mi dispiace perché non ho mai protestato per tutta la gara, forse Irrati era un po' prevenuto, al ritorno starò attento".

01:04Calcio: Messi rigore parato, ma Barcellona serve il poker

(ANSA) - BARCELLONA, 17 DIC - In attesa di giocare l'attesissimo 'Clasico' di sabato prossimo (ore 13) al Santiago Bernabeu, il Barcellona ne fa quattro al Deportivo La Coruna nel posticipo serale della Liga. Luis Suarez e Paulinho, con una doppietta a testa, sono i protagonisti del 4-0 finale, ma di questa partita rimane anche l'immagine di Lionel Messi che si è fatto parare un rigore da Ruben Martinez, portiere della squadra galiziana. Con i tre punti di questa sera il Barcellona è primo in classifica con 6 punti di vantaggio sull'Atletico Madrid, che ha scavalcato il Valencia (sconfitto dall'Eibar) e ora è secondo. Il Real Madrid, impegnato ieri nella finale del Mondiale per club contro il Gremio, ha undici punti di ritardo dagli arcirivali.

00:55Calcio: Gasperini, da questa sfida Atalanta esce più forte

(ANSA) - BERGAMO, 17 DIC - "Sono comunque soddisfatto, la Lazio ha delle risorse importanti. Non siamo riusciti a chiuderla in molti momenti, ma abbiamo fatto una partita importante e usciamo più forti da questa sfida. Abbiamo giocato nel modo in cui mi piace". L'allenatore dell'Atalanta Gian Piero Gasperini è soddisfatto del pareggio della sua squadra nonostante si sia fatta raggiungere per due volte dalla Lazio. "Abbiamo avuto delle difficoltà solo nel finale del primo tempo - dice ancora Gasperini -, poi il loro primo gol ha dato grande fiducia alla Lazio che ha dei giocatori molto abili e veloci. A fine gara c'era molta delusione nello spogliatoio perché se avessimo vinto avremmo fatto un bel salto in classifica. Ma questo campionato è molto equilibrato, abbiamo affrontato una squadra molto forte e abbiamo capito che possiamo fare bene, e mi sento più forte dopo questa gara. Preoccupato per l'astinenza da gol di Gomez e Petagna? No perché abbiamo fatto tre gol e abbiamo avuto moltissime occasioni. Peccato non aver chiuso la gara".

00:54Basket: serie A, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A di basket: Grissin Bon Reggio Emilia - Openjobmetis Varese 76-66 (ieri) Betaland Capo d'Orlando - Happy Casa Brindisi 67-66 (ieri) Banco di Sardegna Sassari - The Flexx Pistoia 88-81 (ieri) Segafredo Virtus Bologna - Fiat Torino 84-76 EA7 Emporio Armani Milano - Red October Cantù 93-77 Dolomiti Energia Trentino - Vanoli Cremona 90-79 VL Pesaro - Sidigas Avellino 78-83 Germani Brescia - Umana Reyer Venezia 90-71 - Classifica: Brescia 20; Avellino e Milano 16; Venezia, Torino e Sassari 14; Cantù, Capo d'Orlando, Trentino e Bologna 10; Reggio Emilia, Varese, Cremona e Pistoia 8; Pesaro 6; Brindisi 4.

00:36Calcio: Atalanta-Lazio 3-3

(ANSA) - BERGAMO, 17 dic - Posticipo spettacolare quello fra Atalanta e Lazio. Il match finisce 3-3, con i bergamaschi avanti di due gol già al 26' con Caldara e Ilicic (bellissima rete). Poi però i padroni di casa si fanno raggiungere dai biancocelesti, trascinati da Luis Alberto e Milinkovic Savic, quest'ultimo autore della doppietta per il 2-2 (berisha non sembra impeccabile). Nella ripresa Ilicic riporta avanti la Dea trasformando un rigore concesso per fallo di Bastos su Gomez. L'arbitro Irrati annulla con l'ausilio del Var un gol a Caldara, poi la Lazio pareggia ancora con una rete di Luis Alberto, oggi il suo uomo migliore.

Archivio Ultima ora