Maduro con rappresentanti della CEV. Mons. Parolin: “Un clima di grande apertura”

CARACAS – Sembrano ormai ricordi del passato, le polemiche anche dai toni accesi, tra l’estinto presidente Chávez e la Conferenza Episcopale. Un altro tassello, nella complessa architettura diplomatica, è stato posto per dialogo meno conflittivo e più cordiale.

– La Chiesa – ha detto Mons. Pietro Parolin, Nunzio Apostolico – desidera una comunicazione cordiale e frequente con il governo.

Il rappresentante del Vaticano in Venezuela, che ha assistito all’incontro tra il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro,  e il presidente della Conferenza Episcopale venezolana, Mons. Diego Rafael Padrón Sánchez, ha anche commentato che il colloquio si è svolto “in un clima di serena cordialità”

Dal canto suo, il presidente della Conferenza Episcopale venezolana, al commentare l’incontro con il capo dello Stato, ha sottolineato che sono stati aperti “canali di comunicazione tra il Governo e la Conferenza Episcopale”.

L’incontro tra il capo dello Stato e il Clero venezolano è avvenuto pochi giorni prima del viaggio del presidente Maduro in Italia. Il capo dello Stato, durante la sua permanenza a Roma, sarà ricevuto dal Papa Francesco. Sarà una conversazione senza interpreti e tra latinoamericani.

La partecipazione del presidente Maduro alla manifestazione organizzata dalla Fao (il Venezuela riceverà un riconoscimento per il suo impegno nella lotta contro la fame e la povertà) è diventata, così, solo un pretesto per un viaggio che, si spera, possa rappresentare una nuova primavera nelle relazioni tra Roma e Caracas, dopo un periodo purtroppo di letargo. Infatti, il presidente Maduro, lunedì 17 incontrerà il presidente Napolitano, esponenti del governo e leader della m