Maduro-Napolitano, nuovo impulso all’agenda bilaterale Venezuela – Italia

Pubblicato il 17 giugno 2013 da redazione

CARACAS – Si è svolto in un clima di cordialità, ma anche in una atmosfera di grande solennità, l’incontro del capo dello Stato, Nicolás Maduro, con il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano; un incontro che ha permesso ai due capi di Stato un proficuo scambio di idee e di impressioni. Fonti del Quirinale hanno riferito che, nel corso del colloquio, il presidente Napolitano ha avuto modo di esprimere all’omologo venezolano la sua preoccupazione per l’insicurezza che oggi caratterizza la vita del Paese, e di cui spesso sono vittime cittadini italiani e italo-venezolani, e per il futuro delle proprietà degli italo-venezolani, frutto di anni di lavoro e sacrifici.

Con la tappa romana, così, è iniziata ufficialmente la “tourneè politica” del presidente Maduro nel Vecchio Continente. L’appuntamento alla Fao, per ricevere un riconoscimento agli sforzi del Paese nella lotta contro la fame e la povertà, è stato solo un pretesto per una missione politica di più ampio respiro, che ha portato la delegazione venezuelana, presieduta dal presidente Maduro, in Italia, Portogallo e Francia. Un viaggio, questo, che rappresenta una svolta interessante nella politica estera venezuelana che, fino a ieri, privilegiava questa parte dell’oceano.

All’incontro tra i presidenti Maduro e Napolitano, come precisa una nota dell’ufficio stampa del Quirinale, hanno assistito anche i due ministri degli Affari esteri, Emma Bonino ed Elías Jaua.

Il ministro degli Esteri, Emma Bonino – come riferisce un comunicato dell’ufficio stampa della Farnesina – , ha poi incontrato nel suo ufficio il collega venezuelano Elías Jaua. Al centro dei colloqui la collaborazione tra Italia e Venezuela nei settori dell’industria,  del turismo e della sicurezza.

Bonino ha comunicato al suo omologo il grande apprezzamento per la scelta, da parte del presidente Maduro, dell’Italia come prima tappa della propria visita in Europa a testimonianza di un rapporto privilegiato esistente tra Roma e Caracas.

– Siamo sicuri – ha affermato il ministro – che la collettività italiana che tanto ha contribuito alla formazione e alla crescita sociale, politica ed economica del Venezuela, continuerà a fare la propria parte.

I due ministri hanno anche convenuto sull’opportunità che la prossima edizione del Consiglio di Cooperazione Italo-Venezuelano, che si terrà prevedibilmente nel primo semestre 2014, sia presieduto dai ministri degli Esteri dei due paesi. E’ stata poi discussa l’opportunità di approfondire ulteriormente la cooperazione industriale tra Italia e Venezuela, in particolare in materia di infrastrutture dove le imprese italiane sono da tempo impegnate nel settore ferroviario.

Da parte venezuelana è stato reiterato l’interesse al modello italiano dei distretti industriali e per approfondire in particolare la cooperazione nel settore agroindustriale. Il ministro Jaua ha sottolineato come da parte del Venezuela si faccia grande affidamento a paesi amici come l’Italia per vincere la sfida dell’industrializzazione.

Il titolare della Farnesina ha infine sollevato la questione della sicurezza dei voli turistici in Venezuela, auspicando in proposito la prosecuzione dell’apprezzato impegno delle autorità venezuelane per la ricerca dei due aerei scomparsi nel 2008 e lo scorso gennaio, nei quali si trovavano cittadini italiani.

– Dobbiamo riconoscere che dal punto di vista delle relazioni bilaterali – ha commentato alla Voce il dottor Paolo Miraglia, Incaricato d’Affari della nostra Ambasciata -, non si era mai verificato la combinazione di due incontri contemporanei di così alto livello: quello tra i due capi di Stato e quello tra i due ministri degli Esteri.

Era dal lontano 1995, da quando cioè  il presidente Oscar Luigi Scalfaro si recò in Venezuela in visita ufficiale e incontrò il presidente Rafael Caldera, che non avveniva un colloquio tra i presidenti dell’Italia e del Venezuela.

– Questo incontro – spiega il dottor Miraglia – si inserisce in un quadro più generale in cui emerge un rinnovato interesse del Venezuela per l’Europa. Il presidente Maduro, dopo l’Italia, si recherà in Portogallo e in Francia

Ci si attende, dalla visita del presidente Maduro in Italia, un nuovo impulso all’agenda bilaterale ed  una maggiore regolarità negli incontri a livello politico e governativo tra i due paesi.  E’ ovvio, inoltre, sperare che questa visita del presidente della Repubblica e del ministro degli Esteri possa contribuire a riattivare i tavoli di lavoro, in tutti i settori, nell’interesse dei due paesi. Le relazioni tra Italia e Venezuela, negli ultimi tre anni, erano purtroppo entrati in una fase di letargo.

– E’ previsto per il mese di febbraio il Consiglio di Cooperazione Italia-Venezuela, un incontro per il quale stiamo lavorando con estrema attenzione – ha detto il dottor Miraglia -. Il Venezuela, poi – ha concluso il nostro Incaricato d’Affari –dovrebbe partecipare alla Conferenza Italia – America Latina, che si sviolgerà a dicembre in Italia. Nell’ultima edizione, due anni fa, non ci fu una presenza governativa venezolana. Il ministro Jaua, in questa occasione, ha assicurato la presenza venezolana. Questa sarà un’altra occasione di dialogo politico che potrebbe dare un ulteriore impulso alla cooperazione tra i vari settori.

Poco prima dell’incontro con il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, si è svolto, presso la Santa Sede, il colloquio tra il capo dello Stato, Nicolás Maduro, e Papa Francesco. E’ stato un incontro cordiale, durato una ventina di minuti.

– E’ un onore. Che piacere conoscerla! Sono felice di essere qui, ma soprattutto di conoscerla. Grazie per quello che sta facendo – ha detto il presidente Maduro mentre Papa Francesco gli porgeva la mano e lo invitava ad entrare nella sua biblioteca personale, al secondo piano del Palazzo Apostolico.

Papa Bergoglio ha mostrato particolare attenzione per quanto si muove nella “sua” America Latina. In primo piano nei venti minuti di colloquio a tu per tu di Maduro col Pontefice (e poi in quello successivo col cardinale Tarcisio Bertone) ci sono stati in particolare la situazione sociale e politica del Paese dopo la recente scomparsa di Chavez, come pure ”alcune problematiche attuali – ha fatto sapere la sala stampa vaticana -, quali la povertà e la lotta alla criminalità e al narcotraffico”. Uno specifico accento è stato posto ”sulla necessità di un dialogo sincero e costante tra la Conferenza Episcopale e lo Stato, per lo sviluppo dell’intera nazione”, considerando la ”presenza storica della Chiesa cattolica nel Paese” e il ”suo decisivo apporto nell’ambito della caritá, dell’assistenza sanitaria e dell’educazione”.

Tra i temi di cui si è parlato ieri, anche la situazione regionale, ”con particolare riferimento al processo di pace in Colombia” con la guerriglia delle Farc, argomento che Bergoglio ha discusso diffusamente un mese fa ricevendo in Vaticano il presidente colombiano Juan Manuel Santos Calderon.

Maduro, oltre che dalla moglie Cilia Flores, era accompagnato da un nutrito seguito di ministri e militari. Maduro ha regalato a Bergoglio, un grande ritratto di Simon Bolivar e un quadro della Vergine di Coromodo, e anche una statuetta del ”servo di Dio” Josè Gregorio Hernandez

– Speriamo nella sua canonizzazione. E’ un santo del popolo – ha detto Maduro.

Il presidente ha consegnato al Pontefice anche una copia della Costituzione. Poi, all’uscita, dopo avergliene fatto richiesta, ha avuto dal Papa la sua benedizione.

(Red.)

Ultima ora

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

22:46Ap: lite Cicchitto-Formigoni su adesioni a intesa con Pd

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Lite fra Fabrizio Cicchitto e Roberto Formigoni su quanti parlamentari di Ap hanno optato per l'alleanza con il Pd e quanti invece sono favorevoli a una intesa con il centrodestra. "Eegistriamo che una larga parte di AP - ha detto CIcchitto - ritiene giusto convertire la coalizione di governo in una alleanza politico-elettorale caratterizzata dall'incontro tra liste autonome e diverse. Su questa linea finora si sono collocati larga parte dei coordinatori regionali del partito e oltre due terzi dei parlamentari di Camera e Senato". "Sono dichiarazioni molto impegnative - ha replicato Formigoni - ma se le fa l'onorevole Cicchitto penso proprio che sia in grado di fornire un elenco nominativo di questi due terzi di parlamentari e di questa larga parte dei Coordinatori regionali. Siamo tutti curiosi di leggere questo elenco. Se però l'onorevole Cicchitto non fosse in grado di fornire questo elenco, credo che potrà con onestà intellettuale fare ammenda di un conteggio del tutto sbagliato".

22:38Centrosinistra: Pisicchio, ora serve lista Gentiloni

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "La buona stima che il presidente del Consiglio ha conquistato nel Paese e nel ceto politico, potrà essere sicuramente giocata a beneficio del centro sinistra, ma in consonanza con il partito di cui Gentiloni è espressione, cioè il Pd. Potrebbe, dunque, rivelarsi come una iniziativa politica coerente per le forze alleate del Pd che hanno sostenuto i governi di questa legislatura, a cominciare dalle forze centriste, ritrovarsi in un unica lista che faccia riferimento al presidente Gentiloni, ma solo in un quadro di intese e di collaborazione col Pd, per mettere in campo un'alleanza competitiva". La proposta arriva dal presidente del gruppo Misto alla Camera Pino Pisicchio tra i promotori della lista di centro assieme a Pierferdinando Casini e ad Ap.

22:36Calcio: Inter, Dalbert “Col Pordenone partita complicata”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "È stata una partita complicata, contro una squadra ben organizzata. Adesso siamo concentrati sul campionato, per continuare a fare buoni risultati, speriamo di trovare i tre punti a San Siro: sarebbero importanti per il nostro cammino". Lo dice Henrique Dalbert, tornando sulla partita di Coppa Italia contro il Pordenone di ieri sera, vinta solo ai rigori. Il difensore racconta anche le impressioni sul campionato italiano: "In ogni partita i ritmi sono molto sostenuti e c'è parecchia fisicità. Il campionato italiano è molto diverso da quello a cui ero abituato ma, pian piano, mi sto adattando e spero di fare meglio nel futuro. Con chi mi trovo meglio? Mi trovo bene con tutti quanti, uno che non conoscevo prima e che mi ha impressionato molto è Skriniar".

22:33Calcio: Samp, Giampaolo “rigori roba seria non virtuale”

(ANSA) - FIRENZE, 13 DIC - Rabbia Samp, soddisfazione Fiorentina. L'allenatore dei blucerchiati, Marco Giampaolo, punta il dito contro la direzione dell'arbitro Abisso e dei tanti interventi della Var. "I rigori sono una cosa seria, non una roba da gioco virtuale - sbotta -. Ho dei dubbi, specie su quello del 3-2 finale. L'arbitro non mi è piaciuto così come non mi è piaciuta la squadra, soprattutto nel primo tempo. Anche se, in certi episodi, siamo stati poco fortunati e credo che alla fine avremmo meritato perlomeno di andare ai supplementari". Altro clima in casa viola. "Qualificarci era importante - ha detto Pioli -. Ho un gruppo con un buon potenziale e bisogna sfruttarlo nel migliore dei modi, anche per capire chi di questi giocatori farà parte del progetto futuro. Veretout? Si può avvicinare come caratteristiche a Nainggolan, anche se il romanista è il top nel suo ruolo. Babacar? Ha avuto problemi fisici nel pre-partita, ma ha fatto una buona prestazione. I Della Valle? Ci farebbe piacere se tornassero allo stadio".

22:24Calcio: Milan, fischi e insulti per Donnarumma a San Siro

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Fischi e insulti a San Siro per Gianluigi Donnarumma, prima della partita di Coppa Italia fra Milan e Verona. "Violenza morale 6 milioni all'anno e l'ingaggio di un fratello parassita? Ora vattene, la pazienza è finita!", ha contestato con uno striscione la curva rossonera che, assieme allo scarno pubblico, ha fischiato il nome del portiere e lo ha insultato durante il riscaldamento, che Donnarumma ha concluso poco prima dei compagni. Le immagini Rai hanno poi inquadrato Leonardo Bonucci mentre rincuorava Donnarumma nello spogliatoio.

22:19Azienda denuncia furto 900 bottiglie Brunello Montalcino

(ANSA) - MONTALCINO (SIENA), 13 DIC - Novecento pregiate bottiglie di vino Brunello e Brunello Riserva sono state rubate all'azienda Cupano di Montalcino. Il furto è stato compiuto tra il 5 e il 6 dicembre, ma è stato reso noto solo oggi da Montalcinonews, a Camigliano, frazione di Montalcino. I ladri, approfittando dell'assenza dei proprietari, si sono introdotti prima negli uffici, senza trovare chiavi che potessero aprire la cantina, e hanno in seguito forzato una delle porte della cantina. Il danno, fa sapere l'azienda, è devastante: si tratta di annate destinate all'invecchiamento, il che avvalora l'ipotesi che il furto possa essere avvenuto su commissione. In base ad una prima ricostruzione, si è risaliti ai numeri identificativi della serie di fascette all'interno della quale figurano le bottiglie sottratte di Brunello 2008 e 2011, Brunello Riserva 2007 e 2009.

Archivio Ultima ora