Lo stilista Alberto De Castro rivela lo più sconosciuto del “fast fashion”

Pubblicato il 18 giugno 2013 da redazione

Per rivelare lo più sconosciuto del Fast Fashion – moda veloce o pret-a-porter, “Ecce Pasarela 360º” ha messo in atto un’alleanza strategica con il celebre stilista d’avanguardia venezuelano Alberto De Castro che condurrà un laboratorio intensivo di questa modalità. Questa è una delle attività dell’”Estate Satellite” che si svolgerà parallelamente alla seconda edizione del Fashion Project Estate.

“Fashion Projet Estate” e “Estate Satellite” sono solo alcune delle iniziative del movimento ECCE Passarella 360º che continua a sostenere la creatività e il talento di stilisti emergenti nel nostro paese. Questa attività non è rivolta solo a stilisti; studenti e professionisti di qualsiasi area, così come il pubblico avranno l’opportunità di iniziarsi nel fantastico mondo della moda.

Fast Fashion
Il laboratorio intensivo di tre giorni di lavoro e di riflessione, permetterà ai partecipanti di conoscere il mondo del fast fashion. Sarà diretto da Alberto De Castro, che in una magistrale conferenza farà capire quali siano gli strumenti di pianificazione per la progettazione creativa di una proposta di moda, secondo gli standard attuali del fast fashion e pret-a-porter.

Questo laboratorio fast fashion si propone di far capire qual è il punto di incontro tra il mondo dell’arte e dell’industria, e oggi quando uno stilista ha successo, la sua reputazione di creatore è ben al di sopra del suo nome, e “solo così riusciamo a capire il suo stesso successo, essendo legato ad un marchio”, spiega De Castro.

Lo stilista d’avanguardia spiega che “fino alla fine del 1950 si è parlato di moda in termini di alta moda, l’apparizione del Pret-a-Porter, ha permesso lo sviluppo di un intero mondo di nuovi talenti di creazione indipendente. Il sarto, trasformatosi in artista per diritto proprio, comincia a cedere il passo allo stilista la cui principale preoccupazione è quella di essere strettamente legato alle aspirazioni delle masse e la sua fonte di ispirazione è la strada, ascoltando lo spirito del mondo”.

Per quanto riguarda le questioni specifiche del laboratorio intensivo si porta a conoscenza che consiste di 12 ore di lezioni suddivise in tre giorni, durante i quali “si analizzerà il modo di vestire dei venezuelani, i migliori materiali, l’uso di tavolozze di colori, i diversi target a cui ci si possa dirigere, la necessità di tenere il passo con le tendenze delle stagioni, il ritmo di una collezione e come scomporla basandosi sulla teoria delle mode e di esercizi pratici; esploreremo alcune collezioni di famosi stilisti e impareremo a confezionare una collezione in tono con le richieste del nostro mercato. “

Chi è interessato a far parte di questa esperienza può informarsi attraverso il sito www.pasarela360.com

Alberto de Castro
Nato a Caracas. Dopo gli studi di architettura e aver completato i corsi di grafico e tipografo alla Parsons School di New York City, è tornato nella sua città natale per fondare il proprio studio di progettazione Durant & Diego. Anni dopo, nel quadro di un nuovo modello di business, lo stilista apre Alberto De Castro Haute Couture & Prêt-à-Porter, in cui si concentra solo sulla progettazione di quanto possa piacere alle donne che non hanno paura di utilizzare tutte le armi della propria femminilità, sempre attento all’estetica e alle tendenze mondiali della moda.

ARP

Ultima ora

20:38Migranti: Avramopoulos a Amnesty, non siamo complici

(ANSA) - STRASBURGO, 12 DIC - La maggior parte delle raccomandazioni di Amnesty International "fa già parte delle nostre azioni": è quanto afferma, interpellato dall'ANSA, il commissario europeo alle migrazioni Dimitris Avramopoulos. "Siamo consapevoli delle condizioni disumane e terribili che alcuni affrontano - sostiene - ma non siamo complici". "La situazione in Libia - ha aggiunto Avramopoulos - non è cattiva a causa dell'Unione europea, anzi è leggermente migliore grazie all'Unione europea. E abbiamo ancora molto lavoro da fare per renderlo ancora migliore. L'Unione europea, le sue istituzioni e i suoi Stati membri stanno lavorando per salvare vite umane: puro e semplice. Lo facciamo impedendo alle persone di annegare nel Mediterraneo, evacuandole dalle condizioni disastrose in Libia e offrendo loro percorsi sicuri e legali per venire in Europa".

20:35New York: Trump, stop alla lotteria dei visti

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - All'indomani dell'attacco terroristico a Ny, Donald Trump torna a chiedere una riforma delle leggi sull'immigrazione, abolendo sia il sistema della lotteria dei visti sia quello della catena migratoria fondata sui legami di parentela, con i quali sono arrivati in Usa gli autori degli ultimi due attacchi.

20:19Da Parigi 12 progetti per il clima

(ANSA) - PARIGI, 12 DIC - L'ufficio del presidente francese Emmanuel Macron ha annunciato 12 progetti da centinaia di milioni di dollari per combattere il cambiamento climatico, che sono stati presentati al vertice sul clima "One Planet Summit" a Parigi. Tra questi, un programma per lo sviluppo di auto elettriche in otto stati americani, un fondo di investimento per i paesi caraibici colpiti dagli uragani e finanziamenti per fondazione di Bill Gates che sostiene gli agricoltori.

20:10Honduras: Hrw, forti indizi di frode alle presidenziali

(ANSA) - TEGUCIGALPA, 12 DIC - Esistono "forti indizi di frode" nelle elezioni presidenziali in Honduras dello scorso 26 novembre. "Vanno accertati per rispettare la volontà degli elettori": a dirlo è stato José Miguel Vivanco, responsabile per l'America Latina di Human Rights Watch (Hrw). In un comunicato, Hrw sottolinea che "diversi osservatori internazionali hanno informato di irregolarità nel processo elettorale, che hanno sollevato seri dubbi sulla legittimità delle elezioni". "Dopo che sono emersi questi dati sulla manipolazione dei risultati elettorali, sono iniziate le proteste, e le autorità hanno decretato lo stato di emergenza", prosegue la nota. Il Tribunale Supremo Elettorale (Tse) dell'Honduras non ha ancora proclamato il nuovo presidente del paese centroamericano, ma gli ultimi dati diffusi danno per vincitore il presidente uscente, Juan Orlando Hernandez, mentre lo sfidante dell'opposizione, Salvador Nasralla, ha detto di non riconoscere lo scrutinio ufficiale e di considerarsi eletto.

20:01Il Crocifisso affisso in Consiglio comunale a Genova

(ANSA) - GENOVA, 12 DIC - Per la prima volta il crocifisso è entrato ufficialmente nell'aula del Consiglio comunale di Genova a fianco del gonfalone del Comune, delle bandiere dell'Unione Europea, dell'Italia, della città di Genova e dell'Associazione nazionale Comuni italiani. E' stato affisso alle spalle dei banchi della Giunta nella prima seduta utile convocata oggi pomeriggio a Palazzo Tursi dopo che l'assemblea martedì scorso ha approvato una mozione presentata da Lega Nord, prima firmataria, FdI, Vince Genova e Direzione Italia, per l'introduzione del crocifisso nella sala consiliare.

19:58Si apre voragine durante lavori in casa, cadono due operai

(ANSA) - NAPOLI, 12 DIC - Stavano effettuando dei lavori di manutenzione nel piano interrato di una casa quando si è aperta una voragine, di circa 6-7 metri, e due operai sono precipitati dentro. E' accaduto poco a fa a Napoli, in via Villari. Secondo i Vigili del Fuoco i due operai parlano e le loro condizioni non sembrerebbero gravi. In atto le operazioni di recupero; la voragine si è creata sotto uno sgabuzzino. Sul posto anche la Polizia municipale di Napoli.

19:56Calcio: Mondiale club, Zidane “non sarà facile ripetersi”

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - "Questo Mondiale per club non è paragonabile all'anno scorso: c'è minore differenza di fuso orario. E poi, ci siamo allenati solo per due giorni, ma siamo ugualmente concentrati sulla partita di domani. Abbiamo studiato gli avversari, ma la cosa più importante è l'atteggiamento in campo". Così Zinedine Zidane, alla vigilia della semifinale del Mondiale per club che domani opporrà il 'suo' Real Madrid ai padroni di casa dell'Al-Jazira Abu Dhabi. Zidane ha dei dubbi di formazione, perché Bale e Varane non sono al top, Kroos e Modric influenzati. Nel Mondiale per club è previsto l'uso della Var che, per Zidane, "non cambierà nulla", nell'attesa che sbarchi nella Liga. "E' normale - dice il francese - che la tecnologia entri a far parte del calcio, è fatta per migliorare le cose". Il Real si presenta da campione del mondo in carica e, anche quest'anno, farà "il massimo per vincere, anche se non sarà facile", fa notare Zidane. "Intanto, però, si deve conquistare la finale", le parole del tecnico.

Archivio Ultima ora