Contro la crisi le nuove generazioni riscoprono l’agricoltura

Pubblicato il 18 giugno 2013 da redazione

I giovani che hanno deciso di dedicarsi all’agricoltura stanno aumentando esponenzialmente. Questo il dato lampante che emerge dall’analisi condotta da Coldiretti sulla base di elaborazioni Istat.

La Confederazione Agricoltori Nazionali ha infatti stimato che la percentuale di giovani occupati nel settore agricolo sia cresciuta del 4,2%. Sono oltre duemila i giovani che negli ultimi tre anni hanno scelto la strada dei campi come sbocco lavorativo. Già nel secondo semestre del 2012 aumentavano gli occupati (+10,1%) e gli iscritti agli istituti agrari (+11%). Si aggiunga il fatto che in Italia il settore primario vede una crescita delle assunzioni che Coldiretti reputa intorno alle 100.000 unità.

Si tratta di dati in assoluta controtendenza rispetto a quelli registrati nell’ultimo decennio.

Ne è riconferma anche la recente indagine proposta da Repubblica-L’Espresso, “I nuovi contadini”, incentrata proprio sull’interessante fenomeno del ritorno alla terra che vede protagoniste le nuove generazioni.

Secondo i dati riportati – sulla base di 1600 intervistati da SWG per conto di Coldiretti e di età compresa tra i 18 e i 34 anni – il 50% dei giovani preferirebbe coltivare terra o gestire un’attività agrituristica piuttosto che lavorare dietro una scrivania. A fronte di questi dati l’articolo avanza la tesi di un’autentica rivoluzione culturale-ideologica, veicolata dalle nuove imprese agricole fondate da giovani laureati e diplomati – anche in altre materie – che frustrati dall’esclusione forzata dal mercato del lavoro, hanno deciso di avventurarsi in un ambito settoriale che riservi loro più soddisfazione ed una maggiore sicurezza economica.

È risaputo che dal 2008 la disoccupazione nel nostro Paese è tornata a salire – rende noto la Coldiretti  – mentre i giovani hanno iniziato a scommettere sull’agricoltura come fonte di reddito e investimento per il futuro.

Emblematiche in questo senso le parole di un ex commerciante, rilasciate nell’ambito della stessa inchiesta, che dichiara: “Anche se un anno non riesci a vendere niente, sai che comunque puoi mangiare”; come dargli torto.

Il ritorno alla terra è ormai al centro del pensiero di molti giovani e giovanissimi italiani. Basti far riferimento ai dati relativi al boom di matricole in agraria, specialmente nel Nord Italia. Esemplificando, dal 2009 a oggi alla Statale di Milano gli aspiranti agricoltori sono saliti del 71% nelle lauree triennali e del 134% in quelle magistrali. A Torino, le matricole dei corsi triennali sono cresciute del 68%.

Il sondaggio sottolinea inoltre che gli italiani tornerebbero volentieri ai campi, addirittura 1 su 3 lascerebbe la propria occupazione per rimboccarsi le maniche e lavorare la terra.

Ciò testimonia un cambiamento di mentalità di notevole portata che si riflette nel profilo dei nuovi agricoltori. Secondo la Coldiretti nei campi cresce infatti il livello culturale: il 15% degli imprenditori agricoli sotto i 40 anni di età è laureato, mentre il 68% possiede un diploma di studio superiore.
Oggi le aziende sono gestite da ragazzi sempre più preparati – commenta Coldiretti Lombardia – la maggior parte di loro ha conseguito titoli specifici ma vi sono anche molti meccanici, geometri, esperti di pubbliche relazioni ed elettronica che nonostante studi non agricoli hanno optato per il “ritorno alla terra”.

Insomma, il luogo comune del contadino “incolto” appare un retaggio ormai superato.

Lo storico ritorno degli italiani all’agricoltura, che conta oggi più di 62mila imprese condotte da giovani con meno di 30 anni, è in controtendenza anche rispetto al dato occupazionale nazionale: è stato registrato un vero e proprio boom di assunzioni che già negli ultimi due semestri rappresentava il più elevato aumento nel numero di lavoratori dipendenti, con un aumento record di circa il 10%.

L’anno scorso l’agricoltura rappresentava l’unico settore a segnare un aumento del Pil sul piano tendenziale, mentre calavano industria, edilizia e terziario.

Sarebbe quindi logico auspicare l’inserimento nell’agenda politica italiana del tema relativo all’agevolazione dell’accesso giovanile in agricoltura, potendo costituire una valvola di sfogo anche per precari e cassaintegrati. L’evoluzione del settore imporrebbe però politiche economiche altrettanto moderne rispetto alle tipologie di finanziamento messe a disposizione dalle banche agli imprenditori agricoli, disciplinate ancora sulla base, tra le altre, della normativa del credito agrario anteguerra.

Bisognerebbe ridurre la burocrazia asfissiante e fare passi concreti affinché il Made in Italy agricolo torni ad essere prestigioso, redditizio ed a rappresentare uno dei mestieri grazie al quale i cittadini abbiano un riscontro positivo a livello sociale ed economico.

La terra, l’ambiente e il benessere di una vita a contatto con la natura si prendono quindi una rivalsa netta e in continua crescita, nei confronti della vita di città all’insegna dell’inquinamento e dei lavori monotoni al chiuso di un ufficio. La crisi ha fatto in modo che per andare avanti si debba tornare indietro, invertendo ponderatamente il flusso verso i centri urbani iniziato negli anni ’50 e ’60.

Lorenzo Di Muro

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora