G8. Stop al pagamento dei riscatti per gli ostaggi

Pubblicato il 18 giugno 2013 da redazione

ROMA. – Stop al pagamento dei riscatti per la liberazione degli ostaggi: il monito arriva dal summit del G8 a Lough Erne, in Irlanda del Nord. Un appello che, secondo la Press Association, è rivolto in particolare a ‘’Italia, Francia e Giappone, che in passato hanno pagato per assicurare il rilascio di loro cittadini, e altri Paesi continuano ancora a farlo’’. ‘’L’Italia – scrive ancora la Press Association – in particolare è considerata dagli altri partner più ‘morbida’ nel negoziare con i terroristi’’. Non è la prima volta che Roma viene tirata in ballo con questo genere di accuse: nel marzo del 2012, all’indomani del fallito blitz in Nigeria delle Sas britanniche per liberare Franco Lamolinara e Chris Mcmanus, assassinati a sangue freddo dai miliziani di una costola di Boko Haram (la formazione jihadista attiva nel nord del Paese) non appena iniziato il raid dei militari di Londra, una delle firme più illustri del Telegraph David Blair insinuò che gli italiani erano stati tenuti all’oscuro della decisione di intervenire ‘’perchè hanno una tendenza ad adottare un atteggiamento, diciamo, più pragmatico’’, cioè pagare i riscatti. E secondo i file della diplomazia Usa pubblicati da Wikileaks, ‘’l’Italia pagava i talebani ed i signori della guerra in Afghanistan per evitare attacchi ai propri soldati e per ottenere protezione’’.

Dal Cablegate emersero almeno due proteste ufficiali da parte Usa che sarebbero state inoltrate al governo dall’allora ambasciatore Ronald Spogli. Anche la Francia è finita nella bufera: a marzo scorso, dopo la morte di Abdelhamid Abu Zeid, capo militare dell’Aqmi, i media africani hanno scritto che Zeid gestiva ‘’l’immenso bottino’’ dei riscatti. ‘’L’ultimo incassato ammonterebbe a 16 milioni di euro e si riferirebbe – scrisse Sahara Media – alla liberazione tra gli altri della francese Francoise Laribe”.

Un marinaio è stato liberato ieri, dopo l’assalto al tanker MT Adour, al largo del Togo. Al momento si ignorano le modalità della liberazione. E il tema pagamento riscatti fa il paio con il nodo della pirateria, nelle acque della Nigeria, della Somalia o del Togo, dove vengono sequestrate petroliere con interi equipaggi a bordo, è decisivo: le imbarcazioni con i loro preziosi carichi vengono restituite solo dopo il pagamento di riscatti milionari da parte degli armatori. Insomma, il G8, secondo quanto riferito da fonti della presidenza britannica, tenta di arginare questo fiume di soldi alle organizzazione estremiste con un accordo tra i grandi per bloccare il pagamento di riscatto in casi di rapimenti da parte di terroristi e invitando le compagnie a fare lo stesso. Il giro ‘d’affari’ dei terroristi, solo negli ultimi tre anni, ammonterebbe ad almeno 70 miliardi di dollari.

Ultima ora

16:43Gb: revival per Marx, ‘restauriamo la sua tomba’

(ANSA) - LONDRA, 15 DIC - E' tempo di 'revival' per Karl Marx nel Regno Unito. Con l'avvicinarsi di un importante anniversario, nel 2018 ricorrono i 200 anni dalla sua nascita, il cimitero di Highgate, nel nord di Londra, ha lanciato la proposta per una ambiziosa ristrutturazione della tomba che ospita le spoglie del padre del comunismo. Come ha spiegato al Times Ian Dungavell, il direttore del complesso monumentale dove sono sepolti artisti, filosofi e star dei giorni nostri, il progetto prevede l'ingrandimento della tomba di Marx con l'inserimento di piante e blocchi di granito al fine di permettere un migliore accesso dei tanti visitatori. Nell'ultimo anno sono stati 85 mila e in gran parte sono venuti per vedere dove riposa l'autore del 'Capitale'. Secondo Dungavell, al revival marxiano ha contribuito anche il leader del partito laburista, Jeremy Corbyn, col suo nuovo socialismo e i suoi apprezzamenti su Marx, da lui definito "grande economista".

16:43Truffa casa di riposo: arrestato ex assessore, sequestri

(ANSA) - BARI, 15 DIC - Avrebbero gonfiato i costi dei lavori di ristrutturazione della casa di riposo "Sant'Anna" di Noci (Bari), ente ecclesiastico con sede a Roma, ottenendo tramite la Regione Puglia fondi europei non dovuti pari a 1,5 milioni di euro. Per i reati, a vario titolo contestati, di truffa aggravata, emissione di fatture per operazioni inesistenti e auto-riciclaggio, la Guardia di Finanza ha arrestato, con concessione dei domiciliari, l'ex assessore comunale di Noci Vittorio Lippolis, "ritenuto - dicono i finanzieri - il promotore e principale artefice della frode". Nei suoi confronti è stato eseguito anche un sequestro preventivo pari a 1,7 milioni di euro. Ad altre 15 persone, due consulenti, due religiose rappresentanti dell'ente ecclesiastico e imprenditori, è stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari. Gli accertamenti dei finanzieri della Tenenza di Putignano (Bari), coordinati dal pm Federico Perrone Capano, sono stati eseguiti fra il 2014 e il 2016.

16:43Calcio: Mihajlovic, vittoria con Lazio ha ‘stappato’ il Toro

(ANSA) - TORINO, 15 DIC - "La vittoria di Roma ci ha stappato come una bottiglia di champagne, ci voleva. Non dobbiamo montarci la testa, spero sia servita anche all'ambiente per avere più equilibrio". I tre punti con la Lazio hanno restituito entusiasmo al Toro, che ospita il Napoli. "Gli azzurri sono l'unica squadra che ci ha preso a pallonate, spero che i giocatori abbiano la mia stessa voglia di rivincita", sottolinea Mihajlovic. "Giocano il miglior calcio. E recuperano Insigne, il che non è una grande notizia per noi - osserva -. Mi fa sorridere quando leggo che si mette in discussione Sarri, ha fatto un lavoro meraviglioso. Un momento di difficoltà ci può stare, ma le grandi squadre ripartono sempre, spero tra una settimana...". Il Torino ha preparato la partita "sui loro difetti e sulle nostre qualità", spiega Mihajlovic, che ritrova Ljajic, dopo la punizione della tribuna, e Niang. Possibile che entrambi si accomodino in panchina per lasciar spazio a Iago Falque e Berenguer, mancato partenopeo la scorsa estate.

16:35Israele: premier Netanyahu interrogato dalla polizia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Per la settima volta, il premier Benyamin Netanyahu è stato interrogato dalla polizia nella sua residenza ufficiale di Gerusalemme nell'ambito di due inchieste giudiziarie su presunte corruzioni. Lo riportano i media ricordando che l'ultimo interrogatorio del premier si è svolto, per quatto ore, lo scorso 19 novembre sempre a Gerusalemme.

16:30Gerusalemme:1 milione protesta a Gaza

(ANSAmed) - GAZA, 15 DIC - Una massiccia adunata - calcolata da fonti locali in quasi un milione di persone - si è svolta in queste ore a Gaza partendo da Rafah, nel sud, fino Beit Hanoun, al nord, lungo la strada Salah Adin. Durante la dimostrazione - convocata da tutte le fazioni palestinesi contro la decisione di Trump su Gerusalemme subito dopo le preghiere del venerdì nelle Moschee - è stato chiesto di continuare la protesta ogni venerdì. Subito dopo manifestanti si sono diretti verso la barriera di demarcazione con Israele dove sono cominciati scontri con l'esercito dello Stato ebraico.

16:29Gb: Harry e Meghan si sposano il 19 maggio

(ANSA) - LONDRA, 15 DIC - Il principe Harry e la fidanzata Meghan Markle si sposeranno il prossimo 19 maggio al Castello di Windsor. L'annuncio ufficiale è stato dato da Kensington Palace.

16:28Nato: ‘grave preoccupazione’ per sistema missili russo

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "Gli alleati hanno individuato un sistema missilistico russo che solleva seria preoccupazione". E' quanto afferma, in una nota, il Consiglio Atlantico della Nato sottolineando che il Trattato Inf (che vieta i missili intermedi), "per 30 anni cruciale per la sicurezza Euro-Atlantica", è rispettato dagli Usa mentre il non rispetto da parte russa dei patti post-guerra fredda è motivo di "di grave e urgente preoccupazione".

Archivio Ultima ora