Sentenza Consulta, Berlusconi non strapperà la spina

Pubblicato il 19 giugno 2013 da redazione

ROMA – Al di là delle rassicurazioni verbali dello stesso Silvio Berlusconi e un po’ di tutto il Pdl, Enrico Letta è davvero convinto che il Cavaliere non intenda strappare a causa della sentenza della Consulta.

Ovviamente a palazzo Chigi le bocche restano cucite e ci si limita a spiegare che ”le sentenze si rispettano non si commentano”. Allo stesso tempo però si rimarca anche che il presidente del Consiglio, appresa la notizia della decisione della Corte Costituzionale quando da poco era terminato il Consiglio dei ministri, ha reagito senza mostrare alcuna preoccupazione.

– Aveva già ricevuto ampie rassicurazioni – riferisce una fonte parlamentare secondo la quale il primo a confermare che non ci sarebbero state conseguenze sul governo era stato lo stesso vicepremier Angelino Alfano.

Sono poi arrivate le dichiarazioni del leader del Pdl, dopo la sentenza, a rafforzare quella che a palazzo Chigi è una convinzione. E cioè che al Cavaliere non convenga rompere ora. A spiegare i motivi un lettiano di lungo corso che non solo ricorda come i sondaggi in questo momento non siano proprio favorevoli al Pdl, ma che sottolinea anche che gli stessi elettori moderati sembrano chiedere a Berlusconi di restare nell’esecutivo per realizzare almeno in parte il programma promesso in campagna elettorale. C’è poi l’impressione, spiega chi conosce bene il presidente del Consiglio, che il Cavaliere sia convinto che stando al governo e mostrando ”senso di responsabilità” possa in qualche modo influenzare le sue vicende giudiziarie. E poco importa se ciò sia o meno vero, quello che conta è che ciò gli suggerisce di continuare a sostenere l’esecutivo.

Vi sono poi altri due aspetti che rassicurano chi tiene alla durata del governo Letta: il fatto che Berlusconi sa benissimo che anche uscendo dalla maggioranza le elezioni non sarebbero scontate visto che la decisione finale spetterebbe comunque al Quirinale. Infine, spiega un parlamentare del Pd bene informato sugli umori di palazzo Chigi, all’ex premier conviene attendere la sentenza definitiva sul processo Mediaset in parlamento anzichè rischiare di trovarsi condannato e interdetto dai pubblici uffici durante la campagna elettorale poichè vi sarebbe il rischio di incandidabilità, mentre da parlamentare si potrebbe ingaggiare una battaglia politica sulla necessità di un voto d’Aula che confermi l’interdizione.

Al di la’ di tutti questi ragionamenti, sintetizza un altro ‘lettiano doc’, una sentenza potenzialmente esplosiva, a parte la dichiarazione di qualche ‘falco’, ha sollevato poche tensioni in una maggioranza che appare ancora compatta. Certo le cose potrebbero cambiare in caso di condanna definitiva e di questo Letta pare perfettamente consapevole.

– Sicuramente in quel caso ci sarebbero molte più tensioni e forse anche riflessi sul governo, ma se l’esecutivo continuerà a lavorare e a varare misure concrete è possibile che superi anche quella tempesta – spiega un parlamentare del Pd.

Ultima ora

10:18Gerusalemme: Netanyahu, per pace riconoscere realtà

(ANSA) - BRUXELLES, 11 DIC - "Quanto il presidente Trump ha fatto è mettere i fatti sul tavolo per quello che sono. La pace è basata sul riconoscimento della realtà. E che Gerusalemme sia la capitale è evidente per tutti". Così il premier israeliano Benjamin Netanyahu arrivando al consiglio affari esteri europeo, invita a dare "una possibilità alla pace" col tentativo dell'amministrazione Usa. "E' tempo che i palestinesi riconoscano che lo stato ebraico e che Gerusalemme è la sua capitale".

09:49Venezuela: Maduro vince comunali, ma senza opposizione

(ANSA) - CARACAS, 11 DIC - Il partito socialista di Nicolas Maduro ha stravinto alle elezioni municipali nella maggior parte delle città del paese, anche se sul voto ha pesato il boicottaggio di quasi tutta l'opposizione. Lo stesso capo dello stato, durante un comizio in cui ha annunciato il suo trionfo, ha avvertito che "i partiti che non hanno partecipato al voto non potranno farlo più e scompariranno dalla mappa politica". Quindi di fatto li ha estromessi dalle presidenziali del prossimo anno.

09:41Birmania:stupri su donne Rohingya metodici, indagine

(ANSA) - UKHIA (BANGLADESH), 11 DIC - Gli stupri di donne Rohingya da parte dell'esercito birmano sono stati radicali e metodici. Lo rivela un'indagine condotta dall'Associated Press intervistando 29 tra donne e ragazze fuggite nel vicino Bangladesh. Le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 13 e i 35 anni.

06:47Kashmir: giornalista francese arrestato da polizia India

NEW DELHI - Un giornalista televisivo francese, Paul Edward Comiti, e' stato arrestato dalla polizia indiana a Srinagar, capitale dello Stato di Jammu & Kashmir, per violazione del regolamento sui visti dato che, disponendo di uno di tipo business stava pero' realizzando un documentario sugli abitanti feriti nelle manifestazioni con fucili a pallini delle forze di sicurezza. Lo riferisce il portale Kashmir Watch.

06:42Corea Nord: manovre anti-missile di Seul, Tokyo e Usa

PECHINO - Corea del Sud, Usa e Giappone hanno dato il via alla due giorni di manovre congiunte finalizzate alla rilevazione di missili nemici, nel mezzo delle tensioni legate alla minaccia balistica e nucleare di Pyongyang. Il teatro delle operazioni, ha reso noto il Comando di Stato maggiore di Seul, sono le acque tra la penisola coreana e il Giappone.

06:33Molestie: Haley, ascoltare donne che accusano Trump

NEW YORK - Le donne che hanno accusato Donald Trump di molestie sessuali dovrebbero essere ascoltate: la sorprendente affermazione arriva da uno dei pilastri della stessa amministrazione Trump, Nikki Haley, ambasciatrice americana all'Onu. Haley rompe cosi' con la posizione della Casa Bianca, secondo cui le accuse al tycoon sono false e vanno archiviate.

01:31Calcio: Maradona a Calcutta per match di beneficienza

(ANSA) - NEW DELHI, 11 DIC - Più volte rinviato, è finalmente cominciato oggi un viaggio di Diego Maradona nella metropoli indiana di Kolkata (Calcutta), dove si tratterrà per tre giorni, impegnato in una serie di attività di beneficienza. I continui spostamenti di data della sua visita hanno fatto sì che oggi a riceverlo nella capitale dello Stato di West Bengala vi fossero quasi solo giornalisti e responsabili locali, ma non molti tifosi. Nella sua precedente visita che risale a nove anni fa, l'aeroporto cittadino fu preso d'assalto da migliaia di tifosi che lo acclamarono in strada fino ad oltre la mezzanotte. Gioviale e rilassato, Diego ha salutato con la mano i presenti prima di entrare insieme con la fidanzata Rocio Oliva nell'auto che lo ha portato in un hotel del centro che aveva approntato per lui una suite 'Diego Maradona'. Gli organizzatori si sono impegnati particolarmente nel decoro della suite, le cui pareti mostrano passaggi centrali della vita del calciatore.

Archivio Ultima ora