Los Roques, non escluso il recupero delle vittime dell’aereo ritrovato

Pubblicato il 20 giugno 2013 da redazione

CARACAS  – E’ stato ritrovato l’aereo scomparso il 4 gennaio 2008 mentre era in volo da Caracas per l’arcipelago di Los Roques, con a bordo 14 passeggeri, tra i quali otto italiani. Il bimotore si trova in fondo al mare ad una grande profondità (970 metri, stando a quanto affermato dalle autorità marittime), ma Caracas non esclude il recupero dei resti delle vittime.

Ieri, la Procuratrice generale, Luisa Ortega Díaz, ha incontrato i familiari di alcune delle vittime venezuelane. Alla riunione era presenti anche i rappresentanti dell’ambasciata italiana e di quella svizzera. Nella riunione, la Procuratrice Generale, Luisa Ortega Diaz,  pur senza negare le tante difficoltà che si dovranno affrontare, ha auspicato la possibilità di ”ritrovare le vittime”

– E’ possibile – ha spiegato la Procuratrice -,  grazie alle caratteristiche della zona dove si trova il velivolo.

L’aereo è stato localizzato a 970 metri di profondità e a 9 km a sud dell’ arcipelago.  Quindi, la Procuratrice, che non ha escluso tale possibilità, ha tenuto a sottolineare, che essa rientra comunque in una tappa successiva, ancora da decidere, visto la complessità delle operazioni. L’aeromobile, ha spiegato Ortega Díaz, “dovrebbe essere riportato in superfice da quasi mille metri di profondità e le operazioni richiedono un elevato impegno di uomini e mezzi per evitare che si deteriori”.

Dopo 5 anni, nessuno – eccezione fatta per i parenti delle vittime – sperava che il velivolo potesse essere rinvenuto. Meno ancora, era plausibile ritrovarlo in ottime condizioni. La nave oceanografica americana Sea Scout, infatti, più che alla ricerca dell’aereo di Transaven era fortemento impegnato in quella del velivolo dove viaggiava Vittorio Missoni, inabissatosi anch’esso in quelle acque il 4 gennaio scorso e del quale ancora non si è trovato nulla. La nave oceanografica americana Sea Scout, dopo una prima missione a marzo, da giorni stava scandagliando l’area a seguito di un accordo bilaterale firmato tempo fa tra il Venezuela e l’Italia.

Nella riunione di ieri, nella quale ci sono stati momenti di vera commozione, la Procuratrice ha mostrato fotografie molto dettagliate dell’aereo, nelle quali, ad esempio, si distingue perfettamente la fusoliera del bimotore appoggiata su un fondale sabbioso. Le immagini sono state scattate dall’esterno dell’aereo. E’ quindi impossibile vedere se, al suo interno, vi siano ancpora i resti dei passeggeri, anche se si presume che essi non siano stati portati via dalle correnti.  La carlinga presenta dei danni ma ha comunque le ali attaccate, anche se spostate leggermente all’ interno della fusoliera, probabilmente a causa dell’impatto nel mare.

Nel bimotore si trovavano gli italiani Stefano Frangione, Fabiola Napoli, Paola Durante, Bruna Guarnieri, le figlie Sofia e Emma, Rita Calanni e Annalisa Montanari. A bordo c’erano inoltre cinque venezuelani – il pilota Bessil, il copilota Otamendi, Patricia Alcala, Karina Rubis, Issa Rodriguez – e lo svizzero Alexander Nierman. Fino ad oggi l’unico cadavere ad essere stato ritrovato – il 13 gennaio a 400 km da Los Roques – è stato quello del copilota.

La notizia del ritrovamento è subito rimbalzata, in Italia:

– Riapre una ferita chiusa da tempo ma contemporaneamente mi fa piacere perchè spero che consenta di far luce su quanto successo – ha commentato per esempio Giancarlo Naldi, zio materno di Annalisa Montanari, avvocatessa bolognese a bordo dell’aereo con l’amica Rita Calanni.

– Mi ha avvisato questa mattina mio figlio che ha ricevuto una e-mail dall’ammiraglio Giovanni Vitaloni. Sono agitata e non riesco a crederci -, ha d’altra parte detto Paola Fontana, madre di Bruna Guernieri, la donna di Ponzano Veneto che, con il marito, Paolo Durante, e le due figlie, Emma e Sofia, erano sull’aereo.

Anche nell’incontro di ieri, avvenuto nella sala di riunioni “Congreso de Angostura”, addiacente l’ufficio della Procuratrice, nella Avenida Mèxico della Capitale, sono stati fatti commenti assai simili.

– Finalmente – hanno detto ad esempio alcuni funzionari – i famigliari delle vittime hanno la certezza della morte dei loro cari. Faremo di tutto per ridare loro i corpi e permettergli di chiudere un capitolo straziante della loro vita.

5 anni di attesa
E’ stato ritrovato il relitto dell’aereo scomparso il 4 gennaio 2008 mentre era in volo da Caracas per l’arcipelago di Los Roques, con a bordo 14 passeggeri, tra i quali otto italiani. La notizia è stata data,  dal direttore dell’ufficio stampa del ministero degli Interni, Jorge Galindo, attraverso il suo account Twitter. Ed è stata confermata, poco dopo,  dalla Procuratrice generale, Luisa Ortega Diaz, sempre attraverso l’account  Twitter. Il ministro degli Interni Miguel Rodriguez Torres ha d’altro lato precisato che l’aereo è stato trovato ”nove chilometri a sud di Los Roques”.

Il bimotore, che si trova a una profondità di circa 970 metri adagiato su un banco di sabbia, è stato localizzato dalla nave oceanografica americana Sea Scout, che da giorni scandaglia l’area a seguito di un accordo bilaterale firmato tempo fa tra il Venezuela e l’Italia.

Il relitto, stando agli esperti, dovrebbe trovarsi ancora in buone condizioni. Infatti, quanto maggiore è la profondità tanto minore è la corrosione dovuta alle correnti marine.

Come si ricorderà, il velivolo era precipitato in mare dopo il decollo dall’aeroporto Maiquetia di Caracas mentre era diretto a Los Roques, una delle principali destinazioni turistiche dei Caraibi. Venticinque minuti dopo la partenza, il pilota Esteban Bessil aveva lanciato l’sos mentre si trovava ad un’altitudine di 3 mila piedi e a circa 16 miglia dall’arcipelago. Sul luogo del presunto punto di ammaraggio intervenne tempestivamente un altro Let L 410 che stava percorrendo la stessa rotta. Giunto sul luogo, però, il secondo aeromobile, non trovò alcuna traccia rilevante. Si disse, allora, che sulla superfice era appena visibile una macchia di liquido. Si speculò per giorni che potesse essere olio o combustibile ma non se ne ebbero mai le prove perchè si dissolse poco dopo e prima che potessero giungere sul posto le barche di pescatori. Questi, che conoscono molto bene le acque vicine all’archipelago di Los Roques, sono sempre i primi ad arrivare ogni qualvolta si verificano incidenti e situazioni di emergenza.

Dalle isole, appunto, partirono barche di pescatori ed altre imbarcazioni più sofisticate di turisti, oltre naturalmente i mezzi della protezione civile e della Guardia Costiera. Si perlustrò la zona del disastro, senza però trovare tracce del velivolo.  Aerei, elicotteri e imbarcazioni della Protezione civile, della Guardia Costiera e della Guardia Nacional per settimane furono impegnati nell’opera di riscatto, senza esito. Dell’aereo di Transaven nessuna non si tovò nessuna traccia.

Per anni, quindi, la sorte del piccolo aereo è stato un caso irrisolto, definito un mistero sia in Italia che in Venezuela. E, non essendoci alcuna traccia del bimotore, trovarono spazio le speculazioni. Si parlò, ad esempio, di un possibile sequestro ad opera dei ”narcos” colombiani, che spesso rubano aeromobili che impiegano poi per il trasporto della droga. Ma tutto, fino a ieri, restava nel terreno delle ipotesi.

Nel bimotore si trovavano gli italiani Stefano Frangione, Fabiola Napoli, Paola Durante, Bruna Guarnieri, le figlie Sofia e Emma, Rita Calanni e Annalisa Montanari. A bordo c’erano inoltre cinque venezuelani – il pilota Bessil, il copilota Osmel Alfredo Avila Otamendi, Patricia Alcala, Karina Rubis, Issa Rodr¡guez – e lo svizzero Alexander Nierman.

Fino ad oggi l’unico cadavere ad essere stato ritrovato – il 13 gennaio nella penisola di Falcon – è stato quello del copilota. Sulla stessa rotta, ma in direzione contraria (da Los Roques a Caracas), lo scorso 4 gennaio è scomparso un altro piccolo aereo da turismo con a bordo quattro italiani: Vittorio Missoni insieme alla moglie Maurizia e a una coppia di amici, Elda Scalvenzi e il marito Guido Foresti.  Da sottolineare che la nave oceanografica, Sea Scout, era stata contrattata per approfondire la ricerca del velivolo con a bordo Missoni.

 Red.

Ultima ora

01:11Calcio: Foggia-Venezia 2-2

(ANSA) - FOGGIA, 15 DIC - Il Foggia riesce ad acciuffare negli ultimi secondi del recupero il pareggio (2-2) insperato contro un Venezia ben organizzato che aveva mostrato per quasi tutta la partita di poter sovrastare e controllare facilmente gli avversari rossoneri. Una partita che poteva finire tranquillamente con tre o quattro gol di vantaggio per gli uomini di Pippo Inzaghi, ma che e' stata recuperata con la forza della disperazione da un Foggia molto confusionario ma comunque volitivo.

00:34India: Sonia Gandhi lascia presidenza partito Congresso

(ANSA) - NEW DELHI, 15 DIC - Con una cerimonia solenne nella sede del comitato centrale a New Delhi, l'italo-indiana Sonia Gandhi lascerà la presidenza del partito del Congresso trasmettendola al figlio Rahul, designato all'unanimità quale successore. Lo riferisce l'agenzia di stampa Pti. Da tempo la Gandhi aveva avvertito che al compimento del 70/o compleanno avrebbe lasciato le sue responsabilità ai vertici del Congresso ed oggi il portavoce della storica formazione politica, Randeep Surjewala, ha sottolineato che "questo non significa affatto che lei abbandonerà la vita politica attiva". In un tweet Surjewala ha spiegato che "Sonia Gandhi ha abbandonato (dopo 19 anni) la presidenza del partito ma non la politica. La sua benedizione, saggezza e innato impegno nei confronti dell'ideologia del Congresso formeranno sempre la luce che ci orienterà".

00:07L’Spd apre a grande coalizione,sì a colloqui con Merkel

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - I socialdemocratici tedeschi hanno preso la loro decisione: affronteranno i colloqui per una possibile coalizione di governo con Angela Merkel all'inizio di gennaio, e nel giro di due settimane presenteranno i risultati a un congresso straordinario di partito, fissato il 14, per stabilire se sedersi al tavolo dei veri e propri negoziati per una nuova edizione della Grosse Koalition. "Colloqui dall'esito comunque aperto", ha ribadito il leader fresco di conferma, senza rinunciare all'ipotesi di nuove forme di collaborazione. La cancelliera ha apprezzato pubblicamente gli sforzi compiuti da un partito costretto ad una evidente, complicata retromarcia, e ha espresso "grande rispetto" per il percorso decisionale degli alleati-avversari, sottolineando poi però che all'Europa serve una Germania stabile. "Ce lo chiedono tutti", è il monito arrivato dopo il vertice di Bruxelles, a Norimberga, dove era ospite dei cristiano-sociali.

23:58Austria: chiuse trattative. Kurz, c’è accordo governo

(ANSA) - BERLINO, 15 DIC - In Austria, le trattative fra l'Oevp del conservatore Sebastian Kurz e il Fpoe del populista di destra Heinz Christian Strache sono concluse, e i due partiti sono pronti a governare. "C'è un accordo turchese-blu", ha affermato Kurz. "Alle elezioni del 15 ottobre si è deciso per il cambiamento, e insieme vogliamo mettere al sicuro questo cambiamento", ha affermato Kurz, che ha annunciato di voler stabilire un "nuovo stile". "La nuova coalizione si impegna per una politica che risparmia nel sistema, e non a carico della gente", ha continuato il cancelliere designato che ha promesso l'abbassamento delle tasse agli austriaci. A soli 31 anni, sarà lui il cancelliere più giovane della storia del suo Paese e dell'Europa. E questo è l'esito di uno stile politico spregiudicato, con cui il giovanissimo ex ministro degli Esteri ha conquistato la leadership del partito popolare e lo ha portato progressivamente più a destra, strappando il possibile successo elettorale dei populisti di destra del Fpoe.

23:57Gerusalemme: fonti Casa Bianca, Muro parte di Israele

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - La Casa Bianca manda segnali per far sapere che vede il Muro occidentale di Gerusalemme (il Muro del pianto) come parte di Israele, alla vigilia della visita del vicepresidente Usa Mike Pence nella regione. Benche' precisino che i confini definitivi della citta' santa devono essere definiti dai negoziati israelo-palestinesi, i dirigenti della Casa Bianca contattati dall'Ap escludono fondamentalmente qualsiasi scenario che non mantenga il controllo di Israele sui luoghi sacri dell'ebraismo.

23:55Basket: Eurolega, Panathinaikos-Milano 80-72

(ANSA) - MILANO, 15 DIC - L'Olimpia ad Atene fa come Penelope ad Itaca: contro il Panathinakos tesse la tela per 15' e si costruisce un vantaggio di 13 punti (37-24), poi la disfa perdendo fluidità in attacco e consistenza in difesa fino al 80-72 che sancisce la quarta sconfitta consecutiva in Eurolega (3-9). Delusione e rimpianti si mischiano alla rabbia per un arbitraggio discusso e discutibile: con la gara in equilibrio a metà del terzo periodo viene fischiato un fallo tecnico per una simulazione molto dubbia a Theodore che costa al playmaker l'espulsione. In quel momento il Panathinaikos piazza un parziale di 7-0 che spacca in due l'incontro. Le triple di Rivers (20 punti, 6/9 da 3) e Lojeski (14, 2/4 dall'arco) e il predomino a rimbalzo di Gost (11 e 7) fanno il resto, lasciando l'AX Milano con il cerino in mano e con tanto amaro in bocca.

22:21Savoia: spoglie regina Elena tornano in Italia dopo 65 anni

(ANSA) - MONDOVI' (CUNEO), 15 DIC - Torna in Italia la salma della regina Elena di Savoia. Le spoglie della moglie di Vittorio Emanuele III, penultima Regina d'Italia, sono state trasferite oggi da Montpellier, dove è morta nel 1952 a 79 anni, al Santuario di Vicoforte, vicino a Mondovì, nel Cuneese. A darne notizia è stata la nipote Maria Gabriella di Savoia, che esprime "profonda gratitudine" al presidente Sergio Mattarella, "che fattivamente propiziò la traslazione della salma". Il trasferimento è avvenuto in gran segreto. Il Santuario già nelle intenzioni del duca Carlo Emanuele I di Savoia, a inizio Seicento, doveva diventare il mausoleo della Casa reale. Non è escluso che nelle prossime settimane qui vengano traslate anche le spoglie di Vittorio Emanuele III, morto in esilio il 28 dicembre di settant'anni fa ad Alessandria d'Egitto, dove è tuttora sepolto. "Confido che il ritorno in Patria della Salma di Elena, concorra alla composizione della memoria nazionale", è l'auspicio di Maria Gabriella.(ANSA).

Archivio Ultima ora