Don Carletto l’erede di Mou al Real

Pubblicato il 25 giugno 2013 da redazione

MADRID – L’erede di José Mourinho ha la faccia di un ‘vincente discreto’. Il Real volta pagina e lo fa portando su una delle panchine più ambite al mondo Carlo Ancelotti: il sì, per questo matrimonio tanto desiderato dagli spagnoli, alla fine è arrivato.

Un accordo voluto fortemente dal presidente Florentino Peres che non vedeva l’ora di liberarsi del portoghese e di affidare la rinascita del suo Real al tecnico di Reggiolo. Tanto voluto da pagare anche la clausola rescissoria di 4,5 milioni ai francesi del Psg. Contratto di tre anni e oggi grande presentazione al Santiago Bernabeu.

Ancelotti è il secondo tecnico italiano a guidare i blancos: prima di lui Fabio Capello che conquistò due campionati nelle altrettante esperienze spagnole (1996 e 2006).

A Madrid, però, ‘Carletto’ arriva con un curriculum agonistico-tecnico che non sfigura certo con quello di Mourinho che arrivato al Real aveva promesso cielo-mare-monti ed è andato via con una Liga, una supercoppa di Lega e una coppa del Re, tra i fischi del Bernabeu e il sospiro di sollievo di quasi tutto lo spogliatoio.

Ancelotti – unico italiano a vincere campionati in tre nazioni diverse – porta con sé 7 trofei nazionali (3 italiani, 4 nel Chelsea e uno nel PSG) e 6 trofei internazionali (5 nel Milan, uno con la Juve); parimenti favolosa la sua carriera di giocatore. Ma quel che conta a Madrid è il suo carattere.

“El ganador discreto” lo definiscono qui. Una discrezione che, sommata alla sua bravura, lo ha fatto ammirare sempre, da Reggiolo a Parma, Torino, Milano, Roma, Londra, Parigi e, ne sono certi in Spagna, anche a Madrid, culla del calcio mondiale.

In un sondaggio on line il 58% ritiene che Ancelotti sia la scelta giusta per tornare a vincere. A lui si chiedono solo due cose: in casa, interrompere lo strapotere del Barca; fuori, sconfiggere la maledizione delle semifinali e conquistare la sospirata “decima”.

Cose non di poco conto, ma che Ancelotti potrebbe centrare nei tre anni di contratto sottoscritti. Il suo arrivo viene vissuto con il rispetto e la deferenza che si devono a un allenatore che non ama proclami o polemiche, ma che parla pacatamente ai suoi, riuscendo ad ottenere il meglio.

Un personaggio “discreto”, appunto, che sa il fatto suo. La stampa lo ricorda anche come “il responsabile di una delle maggiori umiliazioni dei blancos”: con un tiro da 25 metri nel 1986 aprì la “manita” che il Milan di Sacchi rifilò al Real Madrid nella semifinale di Coppa dei campioni.

Il tono è quello di chi spera che proprio colui che ha consentito al Milan di essere la squadra più titolata al mondo – come afferma il suo presidente, Silvio Berlusconi – a Madrid sia in grado di ripetere quelle gesta con le merengues e ribaltare la situazione. Quando il tira e molla sul nuovo tecnico era agli inizi, Xabi Alonso disse che al Real occorreva qualcuno capace di saper sentire la squadra e di saperle parlare. Praticamente un assist.

Un tifoso su twitter ha scritto: “Il problema del Real non sono i giocatori, è il club che uccide tutti con la sua enorme pressione”.
Ancelotti, con la sua saggezza romagnola mista a una sana sfrontatezza romana ha dimostrato di saper domare presidenti ostici come Berlusconi, Abramovich e lo sceicco Al Thani. Forse Perez lo ha ingaggiato anche per questo.

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora