“Tradizionando 2013” un omaggio alla nostra cultura

CARACAS.- Siamo già alle porte dell’atteso “Tradizionando 2013” che, alla sua terza edizione, promette quanto di più bello, artistico ed appassionato lega due popoli particolarmente cari: l’italiano ed il venezuelano.

Il Festival, che sin dal suo inizio ha polarizzato l’attenzione del nostro mondo culturale , s’apre (nel programma impresso), con una bellissima frase di Papa Giovanni Paolo II e con l’immagine del Cigno di Busseto.

Una eccellente invitante grafica ci annuncia che “Tradizionando 2013 Festival Culturale italo-venezolano”, si avvale (tra altri) della partecipazione di numerose istituzioni. In primis, e non poteva essere altrimenti, dell’Istituto Italiano di Cultura, quindi della Federazione di Giovani Italo-Venezolani, Società Dante Alighieri, Casa d’Italia di Maracay, Consolato Generale .

L’instancabile Comitato organizzatore, è composto da FAIV, Mariano Palazzo, Giuseppe De Luca, Giunta Direttiva Casa d’Italia di Maracay, Vilma Marmol e Adelmo Bonfanti, il “Comitè Tradizionando”: Angela Fusco, Aquiles Ortiz, Vladimir Gonzalez. Protocollo: Federazione di Giovani italo-venezuelani, Comitato Giovani Casa d’Italia di Maracay, “Reinas” Casa d’Italia di Maracay.

Dal 4 al 7 Luglio prossimo, potremo assistere ad un magnifico programma. Tra le manifestazioni più attese l’omaggio al poeta Vicente Gerbasi, in programma il venerdì 5 alle 15,30; il documentario 30 anni di storia in 30 minuti, realizzato da Faiv con la collaborazione di Abruzzo 24Tore, e le interessantissime proiezioni cinematografiche.

Questo “Tradizionando” è il giusto omaggio che Faiv vuole rendere al poeta Vittorio Fioravanti.