Stati Uniti-Venezuela verso il disgelo

CARACAS – Verso il disgelo. Gli Stati Uniti hanno un grande interesse nel migliorare le relazioni con il Venezuela. L’obiettivo dei colloqui iniziati all’indomani dell’incontro tra il Segretario di Stato nordamericano, John Kerry, e il ministro degli Esteri, Elìas Jaua, è, appunto, quello raggiungere, in breve, un accordo che permetta il ritorno degli ambasciatori nelle rispettive sedi.

– Roberta Jacobson, responsabile del Dipartimento di Stato per l’America Latina, e l’Incaricado d’Affari, Calixto Ortega, proseguono il dialogo ad alto livello. L’obiettivo è quello di esplorare nuovi cammini per migliorare le relazioni tra i due Paesi – ha informato il portavoce del Dipartimento di Stato, William Ostick –. Jacobson e Calixto Ortega hanno accordato incontrarsi periodicamente per proseguire con il dialogo.

Calixto Ortega, in un programma trasmesso dalla Televisione di Stato, ha assicurato che nel corso dei colloqui con la responsabile del Dipartimento di Stato nordamericano per l’America Latina uno dei temi che avrebbe affrontato sarebbe stato quello energetico. Venezuela è uno dei maggiori esportatori di petrolio agli Usa. In effetti, l’esportazione del Venezuela al colosso del nord si aggira tra il milione ed il milione e mezzo di barili al giorno.

Le relazioni tra Stati Uniti e Venezuela si erano interrotte, quasi, nel 2010, quando dopo mesi di accuse reciproche i due paesi decidevano di richiamare i rispettivi Ambasciatori. Lo scorso 5 giugno, durante l’Assemblea Generale dell’Osa, in un incontro che doveva durare appena 20 minuti e che invece si è prolungato per quasi un’ora, il Segretario di Stato, John Kerry, esprimeva a al ministro degli Esteri venezolano, Elìas Jaua, l’interesse del suo Paese di realizzare sforzi per costruire una agenda di lavoro che permettesse di superare le incomprensioni e ristabilire un dialogo diplomatico stabile ed equilibrato.

E’ per questo che le recenti voci su un presunto asilo politico della talpa del Datagate preoccupa il Venezuela e dal governo, a più riprese, è stato assicurato che Snowden non ha inoltrato nessuna richiesta di asilo politico; asilo politico che il Venezuela, tradizionalmente, non ha mai negato a nessuno.