Ue, flessibilità investimenti: Letta esulta ma Rehn frena

Pubblicato il 03 luglio 2013 da redazione

BRUXELLES – Il premier Enrico Letta esulta su twitter un minuto dopo l’annuncio del presidente della Commisione Ue Josè Barroso sulla maggiore flessibilità per gli investimenti: ‘Ce l’abbiamo fatta’, scrive, mentre il commissario Ue agli affari economici Olli Rehn si affretta a mettere nero su bianco, in una lettera ai governi, i rigidi paletti della nuova flessibilità.

Non è una deroga dai vincoli sui conti, precisa, perchè sarà concessa a patto che si rispetti sia il tetto del 3% di deficit sia la ‘regola del debito’, cioè la riduzione obbligatoria di un ventesimo all’anno richiesta dal ‘fiscal compact’. Per questo il ministro dell’economia Fabrizio Saccomanni si tiene cauto.

– Un’ottima notizia – afferma prudente -, ma non è in discussione il 3%, e l’Italia resta orientata al pareggio di bilancio in termini strutturali nel 2013.

Il premier Letta, a Berlino per la conferenza sul lavoro convocata dalla Merkel, intende cogliere subito la nuova possibilità offerta dalla Ue. E annuncia:

– Sicuramente nella legge di stabilità metteremo in campo investimenti per le infrastrutture, non solo quelle delle grandi opere ma anche quella digitale. E poi affronteremo il tema del taglio delle tasse sul lavoro e dell’aiuto al lavoro giovanile.

Quella presentata dalla Commissione Ue non è la famosa ‘Golden rule’ a cui l’Italia stava lavorando da un anno e che avrebbe garantito una vera flessibilità sulla spesa, ma è comunque un passo avanti che potrebbe facilitare alcuni investimenti in infrastrutture e quindi accelerare il ritorno alla crescita. Per questo il governo è soddisfatto per il ”risultato importante, forse il più importante di tutti nel rapporto con le Istituzioni europee”, un ”premio importante, un successo per gli italiani” come l’ha definito Letta.

Ci sono però molti ‘se’ e molti ‘ma’ nell’apertura di Bruxelles, di certo più di quanti l’Italia avrebbe voluto vederne. I conti pubblici restano praticamente ‘blindati’ anche dopo l’apertura di Bruxelles: il vincolo del 3% di deficit non si tocca e la ‘regola del debito’ va rispettata. Due paletti che azzerano il margine di manovra per il 2013, e che consentono forse un tesoretto di massimo sei miliardi nel 2014 ma solo se venisse confermato il deficit previsto da Bruxelles al 2,5% e se ci sarà almeno la ‘ripresina’. Tutto sarà comunque oggetto di negoziato con la Commissione Ue che a novembre dovrà valutare sia il tipo di investimenti sia il loro impatto sui conti, prima di concedere la flessibilità.

Tocca al ministro Saccomanni frenare le aspettative e rassicurare l’Europa sulla tenuta dei conti:

– L’ equilibrio dei conti pubblici resta una priorità, anche perchè il Tesoro deve collocare ogni mese 40 miliardi di titoli di Stato. Quindi l’Italia in termini strutturali nel 2013 conseguirà il pareggio di bilancio rispettando gli impegni presi in sede europea.

Anche il ministro dello Sviluppo Flavio Zanonato frena gli entusiasmi: aver ottenuto dall’Europa maggiore flessibilità sui vincoli di deficit ”è un grosso risultato, ma attenzione a non prenderlo con eccesso di ottimismo”. E il presidente di Confindustria Giorgio Squinzi plaude alla ”buona notizia” ma si riserva un giudizio definitivo dopo aver visto ”l’ampiezza degli interventi” che consentirà.

Non è passata quindi l’idea di ‘Golden rule’ come l’aveva pensata Mario Monti e che avrebbe consentito di scorporare gli investimenti produttivi dal computo del deficit. Osteggiata da troppi in Europa, soprattutto dai Paesi rigoristi che hanno grande influenza su Bruxelles e che non tollerano alcuna ‘scorciatoia’ dal percorso di risanamento.

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora