Datagate, Snowden bloccato a Mosca nonostante le offerte di asilo

Pubblicato il 08 luglio 2013 da redazione

MOSCA. – Diventa sempre più imbarazzante e apparentemente senza vie d’uscita sicure la permanenza a Mosca di Edward Snowden, la gola profonda del Datagate che staziona invisibile da 16 giorni nella zona transiti dell’aeroporto Sheremetevo della capitale russa. Se la sua presenza dovesse prolungarsi troppo, potrebbe addirittura mettere in discussione la partecipazione di Obama al vertice bilaterale con Putin a Mosca il 3-4 settembre e anche al successivo G20 di San Pietroburgo, dove verrebbe sostituito dal suo vice Joe Biden, secondo una fonte vicina al dipartimento di Stato Usa citata dal quotidiano Kommersant.

Dmitri Peskov, portavoce di Putin, getta acqua sul fuoco.

– Il Cremlino non ne sa nulla –  ha riferito, sottolineando che gli attuali sforzi per la preparazione della visita di Obama in Russia indicano semmai il contrario. In ogni caso, aggiunge, ”non è un nostro problema”. Anche l’ambasciatore Usa a Mosca, Michael McFaul, ha cercato di correggere il tiro.

“Sono impegnato nel preparare l’arrivo del presidente Obama a Mosca e San Pietroburgo in settembre”, ha twittato, sembrando smentire così l’ipotesi di un forfait. Ma appare poco probabile che il presidente Usa sbarchi nel Paese che, volente o nolente, sta offrendo una sponda al ricercato americano. Secondo una fonte citata dall’agenzia on line Segodnia.ru, Mosca starebbe ideando una mossa per vedere la reazione americana: la Duma, il ramo basso del parlamento russo, potrebbe sollecitare il procuratore generale a chiedere l’estradizione di Aleksandr Potieiev, 61 anni, l’ex colonnello dei servizi segreti russi all’estero (Svr) fuggito nel 2010 da Mosca negli Usa e condannato l’anno successivo in contumacia a 25 anni come autore del tradimento che consentì di sgominare una rete di agenti ‘dormienti”, tra cui la seducente Anna Chapman, ribattezzata ‘Anna la Rossa’.

Tra Mosca e Washington non esiste un trattato di estradizione, ma il Cremlino metterebbe la Casa Bianca in difficoltà chiedendo la consegna di una propria ex spia, al pari di come gli americani considerano Snowden. Ma, secondo i ben informati, è più probabile che Russia e Usa continuino a negoziare in gran segreto le condizioni per uscire da una impasse che nuoce ad entrambi. Mosca ha però già assicurato che non consegnerà Snowden a Washington. Degli oltre 20 Paesi cui ha chiesto asilo, solo tre sudamericani si sono detti disponibili ad offrirglielo: Nicaragua, Bolivia e Venezuela, tutti in relazioni tese con gli Usa.

L’ambasciata di Managua a Mosca ha annunciato di aver ricevuto una richiesta, mentre Caracas e La Paz dicono di non essere stati ancora interpellati, nonostante figurino nella lista Wikileaks dei Paesi ai quali ha bussato il trentenne americano. Il problema comunque è far arrivare Snodew a destinazione in aereo, evitando che sia intercettato in volo negli spazi aerei di Paesi amici degli Usa: un rischio evocato dall’istruttivo esempio del presidente boliviano Evo Morales, costretto ad atterrare a Vienna per il divieto di sorvolo di vari Paesi europei nel sospetto che da Mosca avesse portato con sè la ‘talpa’ del Datagate.

Dalla capitale russa non esistono tra l’altro voli diretti verso Nicaragua, Bolivia e Venezuela, è necessario uno scalo via Cuba. E non è forse un caso che L’Avana abbia sostenuto ”il diritto sovrano” degli Stati dell’America Latina a concedere l’asilo a ”coloro che sono perseguitati per i loro ideali o per la loro lotta per i diritti democratici”.

Un incubo logistico da 22 mila chilometri per sfuggire ai jet Usa. Non c’è via di uscita semplice o diretta per Edward Snowden. Mentre la Casa Bianca fa pressing sul Cremlino perché lo sloggi al più presto, l’uomo che ha rivelato i segreti della National Security Agency sta elaborando una via di fuga che potrebbe costringerlo a raggiungere l’America Latina passando sopra l’oceano Pacifico per evitare le insidie degli spazi aerei europei e degli Stati Uniti.

Ultima ora

16:43Gb: revival per Marx, ‘restauriamo la sua tomba’

(ANSA) - LONDRA, 15 DIC - E' tempo di 'revival' per Karl Marx nel Regno Unito. Con l'avvicinarsi di un importante anniversario, nel 2018 ricorrono i 200 anni dalla sua nascita, il cimitero di Highgate, nel nord di Londra, ha lanciato la proposta per una ambiziosa ristrutturazione della tomba che ospita le spoglie del padre del comunismo. Come ha spiegato al Times Ian Dungavell, il direttore del complesso monumentale dove sono sepolti artisti, filosofi e star dei giorni nostri, il progetto prevede l'ingrandimento della tomba di Marx con l'inserimento di piante e blocchi di granito al fine di permettere un migliore accesso dei tanti visitatori. Nell'ultimo anno sono stati 85 mila e in gran parte sono venuti per vedere dove riposa l'autore del 'Capitale'. Secondo Dungavell, al revival marxiano ha contribuito anche il leader del partito laburista, Jeremy Corbyn, col suo nuovo socialismo e i suoi apprezzamenti su Marx, da lui definito "grande economista".

16:43Truffa casa di riposo: arrestato ex assessore, sequestri

(ANSA) - BARI, 15 DIC - Avrebbero gonfiato i costi dei lavori di ristrutturazione della casa di riposo "Sant'Anna" di Noci (Bari), ente ecclesiastico con sede a Roma, ottenendo tramite la Regione Puglia fondi europei non dovuti pari a 1,5 milioni di euro. Per i reati, a vario titolo contestati, di truffa aggravata, emissione di fatture per operazioni inesistenti e auto-riciclaggio, la Guardia di Finanza ha arrestato, con concessione dei domiciliari, l'ex assessore comunale di Noci Vittorio Lippolis, "ritenuto - dicono i finanzieri - il promotore e principale artefice della frode". Nei suoi confronti è stato eseguito anche un sequestro preventivo pari a 1,7 milioni di euro. Ad altre 15 persone, due consulenti, due religiose rappresentanti dell'ente ecclesiastico e imprenditori, è stato notificato l'avviso di conclusione delle indagini preliminari. Gli accertamenti dei finanzieri della Tenenza di Putignano (Bari), coordinati dal pm Federico Perrone Capano, sono stati eseguiti fra il 2014 e il 2016.

16:43Calcio: Mihajlovic, vittoria con Lazio ha ‘stappato’ il Toro

(ANSA) - TORINO, 15 DIC - "La vittoria di Roma ci ha stappato come una bottiglia di champagne, ci voleva. Non dobbiamo montarci la testa, spero sia servita anche all'ambiente per avere più equilibrio". I tre punti con la Lazio hanno restituito entusiasmo al Toro, che ospita il Napoli. "Gli azzurri sono l'unica squadra che ci ha preso a pallonate, spero che i giocatori abbiano la mia stessa voglia di rivincita", sottolinea Mihajlovic. "Giocano il miglior calcio. E recuperano Insigne, il che non è una grande notizia per noi - osserva -. Mi fa sorridere quando leggo che si mette in discussione Sarri, ha fatto un lavoro meraviglioso. Un momento di difficoltà ci può stare, ma le grandi squadre ripartono sempre, spero tra una settimana...". Il Torino ha preparato la partita "sui loro difetti e sulle nostre qualità", spiega Mihajlovic, che ritrova Ljajic, dopo la punizione della tribuna, e Niang. Possibile che entrambi si accomodino in panchina per lasciar spazio a Iago Falque e Berenguer, mancato partenopeo la scorsa estate.

16:35Israele: premier Netanyahu interrogato dalla polizia

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Per la settima volta, il premier Benyamin Netanyahu è stato interrogato dalla polizia nella sua residenza ufficiale di Gerusalemme nell'ambito di due inchieste giudiziarie su presunte corruzioni. Lo riportano i media ricordando che l'ultimo interrogatorio del premier si è svolto, per quatto ore, lo scorso 19 novembre sempre a Gerusalemme.

16:30Gerusalemme:1 milione protesta a Gaza

(ANSAmed) - GAZA, 15 DIC - Una massiccia adunata - calcolata da fonti locali in quasi un milione di persone - si è svolta in queste ore a Gaza partendo da Rafah, nel sud, fino Beit Hanoun, al nord, lungo la strada Salah Adin. Durante la dimostrazione - convocata da tutte le fazioni palestinesi contro la decisione di Trump su Gerusalemme subito dopo le preghiere del venerdì nelle Moschee - è stato chiesto di continuare la protesta ogni venerdì. Subito dopo manifestanti si sono diretti verso la barriera di demarcazione con Israele dove sono cominciati scontri con l'esercito dello Stato ebraico.

16:29Gb: Harry e Meghan si sposano il 19 maggio

(ANSA) - LONDRA, 15 DIC - Il principe Harry e la fidanzata Meghan Markle si sposeranno il prossimo 19 maggio al Castello di Windsor. L'annuncio ufficiale è stato dato da Kensington Palace.

16:28Nato: ‘grave preoccupazione’ per sistema missili russo

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - "Gli alleati hanno individuato un sistema missilistico russo che solleva seria preoccupazione". E' quanto afferma, in una nota, il Consiglio Atlantico della Nato sottolineando che il Trattato Inf (che vieta i missili intermedi), "per 30 anni cruciale per la sicurezza Euro-Atlantica", è rispettato dagli Usa mentre il non rispetto da parte russa dei patti post-guerra fredda è motivo di "di grave e urgente preoccupazione".

Archivio Ultima ora