S&P taglia il rating Italia e scolvolge il vertice di maggioranza

Pubblicato il 09 luglio 2013 da redazione

ROMA  – Le questioni aperte sia sul fronte fiscale che su quello del rilancio dell’economia e del lavoro saranno affrontate in una ‘cabina di regia’ a Palazzo Chigi. Un vertice di maggioranza che doveva discutere di Iva e lavoro ma che inevitabilmente vede l’agenda sconvolta dalla decisione dell’agenzia Standard & Poor’s di tagliare il rating dell’Italia.

Il nodo dell’Imu doveva essere affrontato nella riunione di giovedì 18 luglio ma dopo i rilievi dell’agenzia americana, che attribuisce proprio alla sospensione dell’Imu e il rinvio sull’Iva i ”rischi” per gli obiettivi di bilancio, il premier Enrico Letta torna a confermare ”l’impegno a togliere l’Imu sulla prima casa, vogliamo superare regime così com’è”.

Fonti del Tesoro dal canto loro evidenziano che la decisione di S&P è già superata dai fatti, ha uno sguardo retrospettivo e non guarda alle nuove misure prese dal governo come il pagamento dei debiti della pubblica amministrazione e le misure sul lavoro. Una linea che sarà ribadita anche oggi.

Alla riunione a Palazzo Chigi dovrebbero partecipare i capigruppo di maggioranza, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Filippo Patroni Griffi, i ministri dell’Economia Saccomanni, del Lavoro Enrico Giovannini e dei Rapporti con il Parlamento Dario Franceschini. Sull’Imu anche Bruxelles aveva messo l’Italia in guardia.

– Sono sicuro che il governo italiano prenderà seriamente in considerazione le raccomandazioni – aveva detto il commissario europeo Olli Rehn, sull’ipotesi di abolizione dell’Imu.

Nelle raccomandazioni la Ue chiede di spostare la tassazione dal lavoro a consumi e proprietà. Il vertice di maggioranza odierno doveva occuparsi principalmente dell’Iva e del lavoro ma nel giro di qualche giorno si dovrà anche risolvere il nodo dell’Imu, non solo sulla prima casa ma anche sui capannoni. Se per il ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni questa ”è una cosa che riguarda il 2014”, il ministro dello Sviluppo economico Flavio Zanonato torna a ribadire che ”non ha senso mettere una tassa” del genere sugli immobili strumentali ”perché significa appesantire l’azienda dove produce ricchezza”. In ogni caso oggi potrebbe non essere la riunione risolutiva.

“Nella cabina di regia troveremo su Iva e Imu le soluzioni migliori per il Paese, d’intesa con la maggioranza” aveva fatto sapere Saccomanni in un tweet. All’appuntamento però i partiti di maggioranza potrebbero presentarsi con proposte di coperture per superare l’Imu sulla prima casa e l’aumento dell’Iva. Per quest’anno il costo è di 6 miliardi di euro (4 per l’Imu e 2 per l’Iva) che diventano a regime 8 miliardi (4 per Imu e 4 per Iva). Si guarda agli 800 miliardi di spesa pubblica per verificare se ci sono spazi per una ulteriore riduzione. In particolare si punterebbe ancora una volta allo sfoltimento delle agevolazioni fiscali

Italia come Marocco,Panama ma meglio di Spagna
Il grado di affidabilità dell’Italia è ormai allo stesso livello di Paesi come Marocco, Turchia o Bulgaria. Anche se nella cerchia ristretta del blocco dell’euro resta superiore al merito di credito di partner vicini come Spagna e Portogallo. E’ questo il giudizio decretato da Standard & Poor’s con la decisione di tagliare il rating dell’Italia a BBB, un livello che nella graduatoria dell’agenzia di rating sta a significare che un Paese ha adeguate capacità di rispettare gli obblighi finanziari, anche se condizioni economiche avverse o cambiamenti delle circostanze sono più facilmente associabili ad una minore capacità di rispettare gli obblighi finanziari assunti.

Nella classifica mondiale di S&P, il rating BBB risulta assegnato a solo 8 Paesi. Oltre all’Italia, ci sono tra gli Stati più vicini per area geografica Bulgaria, Lituania, Turchia e Marocco, per poi arrivare ai più esotici Bahrein, Bahamas e Panama. E tra i principali partner di Eurolandia a fare peggio dell’Italia sono la Spagna cui S&P assegna un rating BBB- e il Portogallo finito a livello spazzatura (BB), senza contare ovviamente gli ultra-declassati Grecia (a B-, ossia a un livello altamente speculativo) e Cipro (CCC, vale a dire ”estremamente speculativo”). A far meglio, invece, è l’Irlanda che nello sforzo di riemergere dal salvataggio internazionale, attualmente vanta un merito di credito di BBB+. Nell’empireo dei più virtuosi in Europa resistono con il voto massimo della Tripla AAA, Germania, Gran Bretagna, Finlandia, Lussemburgo, Paesi Bassi, mentre la Francia e anche gli Stati Uniti hanno patito un declassamento ad AA+.

Canada e Germania conservano tripla A
Standard & Poor’s taglia il rating dell’Italia, che si conferma il paese con i voti più bassi all’interno del G8 dove, comunque, il ‘club della Tripla A’ si é ormai ristretto a Germania e Canada.

Ecco di seguito le valutazioni di Standard & Poor’s, Moody’s e Fitch, sui ‘Big’ del mondo, tra cui i paesi del G8, oltre a Spagna e Portogallo:

PAESE                   MOODY’S                           S&P                       FITCH

Stati Uniti            Aaa                                       AA+                       AAA

Canada                Aaa                                       AAA                      AAA

Giappone           Aa3                                       AA-                        A+

Francia                 Aa1                                       AA+                       AAA

Germania           Aaa                                       AAA                      AAA

Italia                      Baa2                                     BBB                       BBB+

Gran

Bretagna             Aa1                                       AAA                      AAA

Russia                   Baa1                                     BBB+                     BBB

Spagna                 Baa3                                     BBB-                      BBB

Portogallo           Ba3                                        BB                          BB+

 

Fmi taglia stime Pil globale, le nuove previsioni
L’economia mondiale cresce meno del previsto. E i rischi al ribasso restano dominanti e per rilanciare la crescita sono necessarie ulteriori azioni politiche. A scattare la fotografia dell’economia globale è il Fondo Monetario Internazionale (Fmi) nell’aggiornamento del World Economic Outlook. Ecco di seguito le nuove stime del Fmi per il 2013 e il 2014. Fra parentesi vengono riportate le variazioni in punti percentuali rispetto alle previsioni di aprile.

   2013                                      2014

MONDO                              +3,1% (-0,2)                       +3,8% (-0,2)

STATI UNITI                  +1,7% (-0,2)                       +2,7% (-0,2)

AREA EURO                     -0,6% (-0,2)                        +0,9% (-0,1)

GERMANIA                    +0,3% (-0,3)                       +1,3% (-0,1)

FRANCIA                          -0,2% (-0,1)                        +0,8%

ITALIA                               -1,8% (-0,3)                        +0,7% (+0,2)

SPAGNA                             -1,6%                                    0,0 (-0,7)

REGNO UNITO               +0,9% (+0,3)                      +1,5%

GIAPPONE                      +2,0% (+0,5)                      +1,2% (-0,3)

CANADA                             +1,7% (+0,2)                      +2,2% (-0,2)

RUSSIA                                +2,5% (-0,9)                       +3,3% (-0,5)

CINA                                     +7,8% (-0,3)                       +7,7% (-0,6)

INDIA                                   +5,6% (-0,2)                       +6,3% (-0,1)

ECONOMIE

AVANZATE                         +1,2% (-0,1)                       +2,1% (-0,2)

ECONOMIE

EMERGENTI                       +5,0% (-0,3)                       +5,4% (-0,3)

Ultima ora

17:43Traffico rifiuti: ‘I bambini? Che muoiano’

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - "Ci mancavano anche i bambini che vanno all'ospedale, che muoiano". Così uno degli indagati nell'inchiesta della Dda di Firenze per traffico illecito di rifiuti, che oggi ha portato all'arresto di sei persone, parlando dei rischi di stoccare abusivamente rifiuti pericolosi in una discarica situata vicino a una scuola. "Non mi importa nulla dei bambini che si sentono male - prosegue l'uomo senza sapere di essere intercettato -, io li scaricherei in mezzo alla strada i rifiuti".

17:30Etruria: Boschi, non ho mentito, mai pressioni

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Anche oggi ricevo attacchi dalle opposizioni sulla vicenda Banca Etruria. Confermo per filo e per segno tutto ciò che ho detto in Parlamento due anni fa. Tutto. Chi mi chiede le dimissioni perché avrei mentito in Parlamento deve dirmi in quale punto del resoconto stenografico avrei mentito. Ho incontrato più volte il presidente della Consob in varie sedi come ho incontrato altri rappresentanti istituzionali: mai e poi mai ho fatto pressioni. Mai". Così Maria Elena Boschi su facebook.

17:25Calcio: De Magistris, il Napoli va sempre sostenuto

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non mi inserisco in polemiche che non condivido ed esprimo massimo sostegno e vicinanza alla squadra. Sullo stadio noi facciamo fatti e stiamo realizzando un lavoro che sarà portato a compimento nella sua interezza prima delle Universiadi". Il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha così risposto ai cronisti che gli hanno chiesto di commentare le dichiarazioni del presidente del Napoli, Aurelio De Laurentiis, il quale in una intervista a Il Mattino ha detto di non aspettare più de Magistris sulla questione stadio. Rispetto al momento che vive la squadra, il sindaco ha affermato: "Va sostenuta da tutti nei momenti belli e in quelli difficili. Siamo fra i primi in campionato e abbiamo grandi prospettive".

17:19Berlusconi, da Salvini puntiglio che sarà superato

(ANSA) - BRUXELLES, 14 DIC - "Non è una cosa che non fa trovare un accordo con la Lega e con Fratelli d'Italia, è un puntiglio che sarà presto superato". Lo ha detto Silvio Berlusconi, rispondendo alle critiche arrivate da Matteo Salvini sull'iter della legge Molteni, all'uscita dalla riunione del Ppe.

17:18Cadavere donna vegliato in casa da figlio per una settimana

(ANSA) - GENOVA, 14 DIC - Il cadavere di una anziana donna di 78 anni è stata vegliata per almeno una settimana dal figlio, malato psichiatrico, di 47 anni. Il corpo è stato trovato oggi dai medici del 118 e dai carabinieri in un'abitazione di Borgoratti, quartiere popolare di Genova. I militari non escludono alcuna ipotesi: il cadavere presenta segni sul collo compatibili con uno strozzamento anche se il medico legale Marco Salvi, intervenuto per il primo sopralluogo, avrebbe accertato la presenza di altri segni che potrebbero far pensare che la donna si possa essere ferita in seguito a una caduta. Il magistrato titolare delle indagini ha disposto l'autopsia per accertare le cause del decesso. Sul posto gli investigatori del nucleo operativo e gli esperti della sezione rilievi.

17:11Calcio: Schick ci crede, la Roma è da scudetto

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - "Sono venuto qui perché credo nella strada che ha intrapreso la Roma. Siamo sempre in una posizione di classifica che ci permette di pensare allo scudetto. Possiamo vincerlo già quest'anno". Nonostante i due pareggi consecutivi in trasferta con Genoa e Chievo, Patrik Schick è convinto che la i giallorossi possano puntare al titolo. Il giocatore ceco, intervistato da Sky Sport24, spera di poter dare il proprio contributo: "Sono un attaccate e penso fare gol, quando gioco voglio segnare, questo è il mio obiettivo - sottolinea -. Essere il giocatore più pagato nella storia della Roma non mi pesa, anzi è al 100% una grande motivazione per me, farò tutto il possibile per non deludere nessuno". Schick rivela poi di aver legato in particolar modo con Dzeko nello spogliatoio di Trigoria: "Edin parla molto bene la mia lingua. E penso che anche il feeling in campo vada bene. Potenzialmente forse possiamo formare la coppia di attaccanti più forte della Serie A, ma poi dobbiamo confermarlo sul campo".

17:07Droga: Gdf scopre 26 chili di cocaina a Vipiteno

(ANSA) - BOLZANO, 14 DIC - La Guardia di finanza ha bloccato alla barriera dell'autostrada del Brennero a Vipiteno un cittadino italiano di 43 anni, che stava portando in Italia 26 chili di cocaina. La Citroen Ds5, con targa tedesca, condotta dall'uomo, accompagnato da familiari, non si era fermata all'alt e i finanzieri l'hanno inseguita fino a raggiungerla nei pressi dell'area di servizio Trens Ovest. Il conducente mostrava evidenti segni di nervosismo, che facevano ritenere opportuni alcuni approfondimenti, anche con l'ausilio del cane Escort dell'unità cinofila antidroga della Guardia di Finanza di Bolzano. Infine, in un'officina meccanica, nascosti all'interno dei longheroni dell'autovettura, sono stati trovati 22 panetti per complessivamente 26 chili di cocaina, che sul mercato avrebbero potuto fruttare oltre un milione di euro. Il cittadino italiano è stato tratto in arresto.

Archivio Ultima ora