Di Guida: “Voglio vincere a Silverstone”

CARACAS – Un nuovo prestigioso impegno si profila in questo weekend nell’International GT Open per il pilota italo-venezuelano Emilio Di Guida, che dopo Jerez approda sullo storico tracciato di Silverstone. In terra inglese il caraqueño, a bordo di una Porshe 997 Rsr del team italiano Autorlando, affronta il quinto round stagionale della sempre combattuta serie europea.

La pista di Silverstone ha una storia molto particolare: si trattava infatti in origine di una pista di decollo e atterraggio di aerei della RAF durante la Seconda Guerra Mondiale ed era stato inaugurato nel 1943 a questo scopo. Quando la guerra si concluse, l’Inghilterra era dotata di molti campi di questo tipo, ma non di una vera e propria pista per correre, dato che gli altri potenziali circuiti non erano pronti alla conversione quanto lo era quella pista.

L’interessamento del Royal Automobile Club fece sì che i lavori venissero avviati e che da fattoria di grano con campi coltivati fosse trasformata in circuito in soli due mesi. Il 2 ottobre 1948 si svolse la prima corsa, che era il RAC Grand Prix, a cui assistettero migliaia di persone, emozionate dopo tanti anni di assenza delle corse. Adesso è una delle piste abituali nel mondo dei motori.

Emilio Di Guida ha un ruolino di marcia impressionante. Il talento ‘caraqueño’ nelle ultime due gare disputate nel prestigioso campionato di Gran Turismo è riuscito a salire sul podio, questo fa si che arrivi con la morale alle stelle su questo circuito.

“Questa sarà la mia terza esperienza nel GT Open, nelle gare di Jerez de La Frontera e Nurburgring sono riuscito a salire sul podio. – commenta Di Guida – Adesso a Silverstone l’obiettivo è uno solo: quello di vincere la gara”.

Per un appassionato di motori la pista inglese rappresenta uno dei santuari. In passato c’erano curve mitiche, come la Copse, dove si andava a vedere o meglio a sentire chi aveva il coraggio di tenere giù il piede davvero. Ma comunque continua ad avere il suo fascino. Per il pilota italo-venezuelano sarà la prima volta sullo storico tracciato.

A contendersi la vittoria ci saranno altri 27 che rappresenteranno i principali marchi motoristici del mondo tra cui Ferrari e Porsche.
Nella tappa inglese ci saranno due gare di lunga durata e Di Guida lavorerà insieme al suo compagno di scuderia l’olandese Bleekemolen.

“Mi trovo benissimo col mio team e con il mio compagno du scuderia, fino ad adesso abbiamo dimostrato di essere i più veloci nelle prove. Senza dubbio abbiamo le carte in regola per vincere questo weekend”.

Dopo la gara di Silverstone il campionato si fermerà e riprendrà la sua corsa nel weekend del 7 ed 8 settembre, quando Di Guida sarà impegnato a Spa Francorchamps in Belgio.

Condividi: