Il tramonto della politica italiana

Pubblicato il 18 luglio 2013 da redazione

Il “kazakagate” ed il caso Calderoli sono soltanto due dei tasselli più recenti che vanno a comporre il mosaico del triste tramonto della politica italiana. Il quadro è confuso ed il lettore potrebbe pensare di trovarsi tra le mani la sceneggiatura di una pièce teatrale. Purtroppo, però, non è così.

Una fotografia sintetica ed illuminante dell’Italia delle ultime settimane ce la offre Enrico Mentana sulla sua pagina Facebook: «Abbiamo un vicepremier che dice di non venire informato dal suo capo di gabinetto su fatti di primaria importanza. Un ministro degli esteri che combatte da una vita per i diritti civili e la prima volta che può avere un ruolo in materia è almeno assente. Un vice presidente del senato che paragona il primo ministro nero della nostra Repubblica ad uno scimmione. Metà del partito dell’attuale premier che si vergogna del governo. La quasi totalità dello stesso partito che lotta per scongiurare il rischio di essere guidato dal suo dirigente più popolare. L’intero partito dirimpettaio che vive come l’approssimarsi dell’Apocalisse un’udienza della Cassazione».

Un’incredibile successione di errori (in taluni casi vere e proprie sviste), equivoci e malintesi che riconducono in particolare ad alcuni personaggi chiave.

Il primo nome della lista è quello di Angelino Alfano, numero 2 alla Presidenza del Consiglio nonché Ministro dell’Interno, che, parlando in aula al Senato sull’espulsione di Alma Shalabayeya (moglie del dissidente kazako Ablyazov, ndr), ha dichiarato: «nessuno del Governo sapeva». Nonostante ai più sia apparso assai poco credibile che non vi fosse un solo rappresentante di Palazzo Chigi ad essere stato informato sul blitz, il segretario del Popolo della Libertà, nel tentativo di scrollarsi di dosso eventuali responsabilità, deve non aver considerato la gravità di una tale ammissione. Del tutto inaccettabile, infatti, una comunicazione tanto carente tra le diverse sfere dello Stato. Il Capo di Gabinetto ed il Capo della Polizia, infatti, a quanto pare non hanno ritenuto opportuno di dover coinvolgere un esponente politico nell’ambito di una vicenda i cui connotati erano apparsi sin da subito evidentemente particolari.

Emma Bonino, dal canto suo, ha immediatamente preso le distanze dall’affaire kazako, sottolineando che la Farnesina «non ha alcuna competenza in materia di espulsione di cittadini stranieri, né accesso ai dati» su persone che abbiano ricevuto lo status di rifugiato politico in Paesi terzi. Questo il contenuto di una nota del Ministero degli Esteri «in riferimento ad alcune interpretazioni apparse su organi di stampa. In conformità con la prassi vigente – precisa il documento – nessuna indicazione è stata fornita alla Farnesina circa i motivi della richiesta di informazioni sull’eventuale status diplomatico della signora Shalabayeva». «Sono ben consapevole della gravità di questa vicenda e della pessima figura fatta dall’Italia e non a caso dalla notte del 31 maggio, da quando cioè ne sono venuta a conoscenza, quasi non mi sono occupata d’altro. Tutto quello che posso fare io lo farò. Qualcuno dovrà pagare, dovrà dire davanti all’opinione pubblica: si sono stato io», ha affermato la numero uno della nostra diplomazia, che ha chiarito altresì di non aver mai pensato a lasciare il suo incarico. «Quando ho saputo di questa storia quella poveretta era già in Kazakistan, non sarebbe servito a nulla un gesto politico di quel tipo». La Farnesina, assicura il Ministro, «ha fatto tutto quel che poteva fare. La signora Shalabayeva è stata ricevuta al consolato di Almati e continuiamo a seguire la cosa con vari incontri con gli avvocati della signora».

Le affermazioni di Calderoli, vicepresidente del Senato della Repubblica Italiana, invece, non lasciano spazio a commenti e riflessioni. Nient’altro che una vergogna per la quale in qualsiasi Paese civile l’unica via d’uscita sarebbero solo e soltanto le dimissioni, a quanto pare non più di moda dalle nostre parti già da molto tempo. Intanto, sulla base di alcune indiscrezioni, il leader leghista sarebbe indagato dalla procura di Bergamo con l’ipotesi di diffamazione aggravata dall’odio razziale.

Il futuro del Governo Letta resta dunque in bilico, mentre continua a salire la tensione tra Pd e Pdl. Renzi resta al centro delle polemiche relative alle primarie ed è costretto, contemporaneamente, a tenere a freno i suoi proprio in merito alla vicenda Alfano. Berlusconi ed i suoi fedelissimi, invece, fanno quadrato attorno al proprio segretario e, pur ripetendo il mantra del sostegno incondizionato all’attuale esecutivo, attendono la pronuncia della Cassazione, prevista per il 30 di luglio, ed affilano le lame della politica in vista di un voto che potrebbe arrivare molto presto.

Romeo Lucci

Ultima ora

12:06Terrorismo: espulso francese, ha mimato spari contro Cc

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Con un provvedimento firmato dal ministro dell'interno, Marco Minniti, è stato espulso un cittadino francese 23enne, convertito all'Islam radicale, che era stato arrestato per reati comuni il 29 agosto scorso dai Carabinieri in provincia di Cuneo. Già segnalato dalle autorità transalpine quale simpatizzante jihadista, informa il Viminale, durante le procedure di identificazione aveva mimato il gesto di "sparare" contro i Carabinieri e di "far detonare" un ordigno esplosivo, citando Allah. Con quella di oggi sono 101 le espulsioni eseguite con accompagnamento nel proprio Paese, nel corso del 2017 e 233 quelle eseguite dall'1 gennaio 2015 ad oggi, riguardanti soggetti gravitanti in ambienti dell'estremismo religioso.

11:36Litiga per 2 euro con gestore pompa benzina e appicca fuoco

(ANSA) - VITTORIA (RAGUSA), 15 DIC - Un 40enne di Vittoria ha appiccato le fiamme alla colonnina di un distributore di carburanti nella periferia della cittadina, non lontano dall'ospedale. L'allarme è stato dato al commissariato dai vigili del fuoco. Dietro al gesto ci sarebbe la lite avuta la sera prima col gestore del rifornimento per due euro. L'uomo, che è stato arrestato, aveva inserito soldi per comprare le sigarette, ma parte del denaro era rimasta bloccata e, nonostante il proprietario volesse ridargli i soldi, se ne era andato furibondo meditando la vendetta. Gli agenti sono risaliti all'autore dell'incendio esaminando le immagini registrate dall'impianto interno di videosorveglianza. Nelle riprese si vede il 40enne introdurre una banconota nel distributore, selezionare la pompa da utilizzare, estrarre la pistola e "irrorare" l'area circostante con la benzina, poi allontanarsi e appiccare il fuoco. Nella casa dell'arrestato, in lavatrice, sono stati trovati gli indumenti indossati dall'uomo nelle immagini. (ANSA).

11:28Sci: cdm, cancellata anche 2/a prova libera val d’Isere

(ANSA) - Val d'Isère (Francia), 15 dic - Come previsto anche la seconda prova cronometrata per la discesa di cdm donne di val D'Isere e' stata annullata per le abbondanti nevicate. Nella localita' francese domani e domenica erano in programma una discesa e un superG. Dopo l'annullamento delle due prove il programma prevede per domani un superG valido come recupero di quello non disputato per il maltempo una settimana a fa a St. Morizt. Poi la giuria decidera' le mosse successive. Tenendo conto che non si puo' disputare una discesa senza aver prima fatto almeno una prova cronometrata, e' probabile cosi' che domenica venga disputato almeno il superg originariamente previsto in Val d'Isère.

11:25Pedofilia: premier Australia,emersa tragedia nazionale

(ANSA) - CANBERRA, 15 DIC - Il rapporto della Commissione australiana d'inchiesta sulle risposte istituzionali sulla pedofilia "ha rivelato una tragedia nazionale. Ringrazio i membri della commissione e coloro che hanno avuto il coraggio di raccontare le loro storie". Così il premier australiano, Malcolm Turnbull, ha commentato i risultati dell'inchiesta che ha raccolto le deposizioni di oltre 15 mila persone e udito a porte chiuse oltre 8.000 vittime di abusi sessuali, in gran parte subiti in istituzioni religiose.

11:21Gentiloni, su migranti riconosciuta iniziativa Italia

(ANSA) - BRUXELLES, 15 DIC - Sulla migrazione "si è fatto un passo avanti soprattutto sulla dimensione esterna", "l'iniziativa italiana di questo anno è stata apprezzata in modo molto rilevante, ed è importante che lo sia dai leader dei Governi dei più diversi orientamenti e famiglie politiche, c'è un riconoscimento unanime dei passi fatti per la lotta contro i trafficanti di esseri umani". Lo ha detto il premier Paolo Gentiloni entrando al summit Ue.

11:17Basket: Nba, volano Golden State e Cleveland, record James

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Ottava vittoria di fila per i Golden State Warriors, che nella botte Nba hanno battuto i Dallas Mavericks con il punteggio di 112-97, trascinati da un grande Kevin Durant, che ha messo a segno 36 punti. Nelle altre quattro partite che si sono giocate in questo turno, grande successo dei Cleveland Cavaliers ai danni dei Los Angeles Clippers per 121-112, grazie al solito Lebron James in serata di grazia: per lui ennesima tripla doppia (25 punti, 12 rimbalzi e 12 assist) , la 59ma della carriera, eguagliando nientemeno che Larry Bird e conquistando il 6/o posto di sempre in questa speciale classifica. Ancora male gli Atlanta Hawks di Marco Belinelli, in campo per soli 10 minuti, battuti in casa dai Detroit Pistons per 105-91. Da segnalare infine l'altra vittoria esterna dei New York Knicks sui Brooklyn Nets e il successo casalingo di Minnesota sui Sacramento Kings per 119-96. (ANSA).

09:52Riciclaggio e frodi, Dia sequestra beni per 20 mln euro

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - Dalle prime ore di questa mattina, la Sezione operativa Dia di Bologna, coadiuvata dai Centri operativi di Bari, Firenze e Napoli, dalle Sezioni operative di Lecce e Salerno e dai Nuclei di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza di Ravenna e Foggia, sta dando esecuzione, nelle province di Ravenna, Foggia e Taranto, a 7 provvedimenti di cattura e contestuali decreti di sequestro per un patrimonio complessivo di 20 milioni di euro, emessi dal gip di Ravenna, nonché a numerosi decreti di perquisizione disposti dalla Procura di Ravenna. L'operazione, denominata 'Malavigna', ha permesso di ricostruire l'operato di un sodalizio criminale, specializzato nel riciclaggio di ingenti capitali di provenienza illecita e nelle frodi fiscali perpetrate mediante l'utilizzo di fatture per operazioni inesistenti, capeggiato da un imprenditore ravennate e da pregiudicati contigui alla criminalità organizzata operante nella provincia di Foggia.

Archivio Ultima ora