Asse Colle-Letta su Alfano

Pubblicato il 18 luglio 2013 da redazione

ROMA – Sarà la prima volta, oggi, che un presidente del Consiglio interviene in Aula su una mozione di sfiducia individuale ad un ministro. A Palazzo Chigi citano la casistica per spiegare la valenza politica del voto su Angelino Alfano.

– E’ un voto di fiducia sul governo, chi é contrario si assuma la responsabilità di lasciare il paese senza guida – é la sfida con cui il premier, ‘blindato’ ieri dalle parole del presidente della Repubblica, ha piegato dubbi e malumori del Pd.

Solo 7 senatori si sono astenuti nella riunione di gruppo ma non si placa l’indignazione di Matteo Renzi per le mancate dimissioni del ministro dell’Interno. Il presidente del Consiglio, questa mattina a Palazzo Madama, non ripercorrerà, a quanto si apprende, la ricostruzione degli avvenimenti che hanno portato all’espulsione di Alma Shalabayeva e della figlia, dando per acquisita la relazione del Capo della Polizia. Ma, come ieri il Capo dello Stato Giorgio Napolitano, ribadirà la gravità della vicenda sia per i profili internazionali sia perchè il governo é stato tenuto all’oscuro.

Letta resta convinto dell’estraneità del ministro dell’Interno e della trasparenza dell’esecutivo per accertare fatti e responsabilità. Ma, siccome la polemica politica é montata fino al punto di sfiorare la crisi di governo, oggi più che un voto su Alfano il premier chiederà un voto di fiducia sul governo. A mettere in guardia dai ”danni irrecuperabili” di un vuoto politico é il presidente della Repubblica:

– Non ci si avventuri a creare vuoti o a staccare spine –  dice con chiarezza il Capo dello Stato tra gli applausi del Pdl. Linea cavalcata anche dal segretario Pd Guglielmo Epifani per far rientrare il malessere contro Alfano, partito dai renziani ma diffusosi in modo trasversale.

– Il governo deve andare avanti – chiede l’ex leader Cgil. E nella riunione dei senatori, il ministro Dario Franceschini drammatizza i toni:

– In questo governo tutti ci devono mettere la faccia, é ora di smetterla con quelli che non si allineano alle decisioni del partito facendo le anime belle mentre gli altri sono i cattivi.

Ultimatum che Pippo Civati interpreta come la minaccia di espulsione per chi non voterà contro la mozione di sfiducia.

– Mai minacciato espulsioni, Civati mente, voglio scuse immediate – si indigna il ministro che non nega, però, la durezza dei toni usata all’assemblea del gruppo. E alla fine il voto dà ragione ai filogovernativi del Pd: 80 votano a favore del no alla sfiducia e 7 astenuti, di cui solo 3 renziani. Un voto compatto sul governo, ”non a favore di Alfano”, chiariscono i dem che avrebbero voluto un passo indietro del ministro.

I malumori, in realtà, restano: Matteo Renzi non ha intenzione di zittirsi contro le mancate dimissioni. Ma tutte le correnti del Pd, bersaniani compresi, mandano giù un boccone amaro e chiedono una direzione con il premier Enrico Letta per tarare il rapporto tra il Pd e il governo. Chi, invece, può dirsi soddisfatto è Silvio Berlusconi che già guarda, tra ansia e fiducia, al 30 luglio e alla decisione della Cassazione sul processo Mediaset.

Ultima ora

07:33New York: governo Bangladesh condanna attentato

DACCA (BANGLADESH) - Il governo del Bangladesh ha condannato l'attentato fallito a New York, il cui autore e' un immigrato di 27 anni dal paese del sud-est asiatico. ''Il Bangladesh e' impegnato nella sua conclamata politica di 'tolleranza zero' contro il terrorismo, e condanna il terrorismo stesso e l'estremismo violento in ogni forma o manifestazione ovunque nel mondo, compreso l'incidente di lunedi' mattina a New York'', ha comunicato il governo in una nota.

05:24Molestie: New Yorker licenza corrispondente da Washington

WASHINGTON - Un'altra firma del giornalismo americano finisce nel turbine delle accuse di molestie sessuali: il New Yorker ha licenziato Ryan Lizza, corrispondente del magazine da Washington, dopo che una donna ha denunciato un suo comportamento inappropriato. Addebito che Lizza nega, sostenendo che la decisione di licenziarlo "e' stata fatta precipitosamente e senza una indagine completa dei fatti rilevanti". "Un terribile errore", ha aggiunto. Ma sia il prestigioso periodico che il legale della vittima hanno replicato che la descrizione degli eventi e' accurata.

05:21Usa: appello contro espulsione giornalista messicano scomodo

WASHINGTON - Il National Press Club e altri difensori della liberta' di stampa hanno lanciato un appello al governo Usa perche' conceda asilo al giornalista messicano Emilio Gutierrez, che rischia di essere espulso dopo essere fuggito una decina di anni fa in Usa per una serie di articoli contro la corruzione nell'esercito messicano. Gutierrez, che ha impugnato l'espulsione, teme di essere ucciso se rimpatriato in Messico, considerato uno dei Paesi piu' pericolosi al mondo per i giornalisti (finora 11 morti quest'anno).

05:16New York:Trump a Congresso,cambiare leggi immigrazione

WASHINGTON - Donald Trump, poche ore dopo l'attentato di New York, sollecita il Congresso a riformare le leggi sull'immigrazione "per proteggere il popolo americano". Prima di tutto, spiega in una nota, "l'America deve correggere il suo lassista sistema sull'immigrazione, che consente a troppe persone pericolose e inadeguatamente valutate di entrare nel nostro Paese".

01:02Calcio: Mihajlovic “Cercavamo risultato importante”

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - ""Non voglio entrare nelle decisioni arbitrali. C'è il Var e l'arbitro è andato a vedere. Voglio solo parlare della partita, cercavamo una grande vittoria e l'abbiamo trovata. Sono orgoglioso dei miei ragazzi": così il tecnico del Torino, Sinisa Mihajlovic a Premium dopo la vittoria all'Olimpico sulla Lazio. "Certamente l'espulsione ci ha aiutato - riconosce - ma anche nel primo tempo abbiamo creato tanto: la vittoria è meritata. Del resto non mi interessa, non ho mai commentato le decisioni arbitrali, ora con il Var è più facile". "La mia panchina era a rischio? Quando uno fa questo lavoro ogni settimana è a rischio. Ma io ho fiducia nella mia squadra, so come ci alleniamo e so che alla fine il lavoro paga sempre. La società comunque non mi ha mai fatto mancare la fiducia, queste sono solo voci per riempire i giornali. Ljajic "è andato in tribuna per comportamenti sbagliati. In settimana ha fatto cose che non andavano bene. Da lui mi aspetti un altro atteggiamento".

00:26Calcio: posticipo serie A, Lazio-Torino 1-3

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il Toro sbanca l'Olimpico biancoceleste in un posticipo della 16/a giornata di serie A, imponendosi 3-1 su una Lazio che sperava invece di raggiungere la Roma al quarto posto. Una partita ricca di emozioni e anche di polemiche, segnata da una 'follia' di Immobile alla fine di un primo tempo già ricco di occasioni per entrambe le squadre. L'attaccante laziale, furente per un fallo di mano in area di Iago Falque considerato non da rigore dall'arbitro e per aver colpito subito dopo un palo, ha colpito Burdisso. Consultata la Var, Giacomelli lo ha espulso. La Lazio in 10 ha cercato di reagire mentre la Curva Nord si svuotava in segno di protesta contro il direttore di gara, ma in 19' ha subito tre reti da Berenguer, Rincon e del giovanissimo Edera, entrato poco dopo la rete del momentaneo 2-1 siglata da Luis Alberto. Il Torino, che veniva da quattro pareggi di fila, sale a quota 23, a -1 dal settimo posto in classifica occupato dal Milan.

23:49Ladro ucciso: archiviata l’accusa di omicidio

(ANSA) - MILANO, 11 DIC - Il gip di Milano Teresa De Pascale, come chiesto dalla Procura, ha archiviato l'inchiesta che era stata aperta per omicidio volontario a carico di Francesco Sicignano, il pensionato di Vaprio d'Adda, nel Milanese, che nell'ottobre del 2015 sparò ed uccise un ladro albanese che era entrato nella sua abitazione. Ad opporsi alla richiesta di archiviazione, formulata dai pm a fine maggio 2016 evidenziando la "legittima difesa", erano stati i familiari del giovane albanese chiedendo al gip nuovi approfondimenti.

Archivio Ultima ora