Oggi il verdetto per Fede, Mora e Minetti

Pubblicato il 18 luglio 2013 da redazione

MILANO  – A meno di un mese di distanza dalla condanna di Silvio Berlusconi a sette anni di carcere per il caso Ruby, arriva la sentenza per coloro che ai tempi dell’inchiesta sui presunti festini hot ad Arcore sono stati i suoi coindagati, e cioè Emilio Fede, Lele Mora e Nicole Minetti. E se il Cavaliere è stato giudicato con rito immediato per concussione e prostituzione minorile, gli altri tre sono stati processati con rito ordinario e rispondono di favoreggiamento e induzione della prostituzione anche della non ancora maggiorenne ‘Rubacuori’.

E’ atteso infatti per oggi il verdetto della quinta sezione penale del Tribunale di Milano, presidente Annanaria Gatto e giudici a latere Paola Pendino e Manuela Cannavale, davanti alla quale si è celebrato il dibattimento a carico dell’ex direttore del TG4, dell’ex talent scout – due anni fa arrestato anche per la bancarotta della sua Lm Management e ora in affidamento ai servizi sociali – e per l’ex igienista dentale del leader del Pdl nonché ex consigliere regionale lombardo. Un dibattimento che si è aperto il 21 novembre di due anni fa e che, a dire di tutte le parti, è andato avanti in un clima ”sereno”: a differenza del procedimento ‘gemello’, nessun tono sopra le righe, niente polemiche e rinvii decisi con l’accordo di tutti.

In aula, ad assistere alle udienza, spesso si sono viste tra i banchi delle parti civili Ambra e Chiara e Imane Fadil, testimoni chiave dell’accusa assieme ad altre giovani. Si sono viste anche Iris Berardi e Barbara Guerra le quali, però, poco tempo fa hanno rinunciato a costituirsi contro i tre imputati.

Qualche volta, ovviamente bersagliata da flash e domande, è apparsa anche la esuberante Minetti e ultimamente Lele Mora è diventato un habitué in aula. Di rado invece è comparso Emilio Fede il quale, a differenza dei suoi coimputati, ha preferito non rendere dichiarazioni spontanee ma affidare la sua autodifesa a una breve lettera.

Oltre alla requisitoria dei pm, che si è conclusa con la richiesta di condanna a sette anni di reclusione, 35 mila euro di multa e all’interdizione perpetua dai pubblici uffici nonché da incarichi e servizi che hanno a che fare con minori, per ciascuno uno dei momenti clou del processo è stato l’esame di Ruby. La ragazza marocchina al centro della vicenda e una delle 34 parti offese è stata chiamata non tanto da accusa o difese ma dal Tribunale.

La giovane nella sua testimonianza, durata per ben due udienze, ha liquidato come ”cavolate”, ”bugie’, ”panzanate”, ”fandonie” e ”balle” le dichiarazioni da lei rese a inquirenti e investigatori nell’estate di tre anni. In più una raffica di ”non ricordo” e, ovviamente, mai sesso con l’allora capo del governo in cambio di denaro, ma da lui solo un ‘generoso’ aiuto economico. E poi nessuna attività di prostituzione né sua né delle ospiti a villa San Martino dove il ”bunga-bunga” significava innocenti travestimenti e balli solamente sensuali.

Ora toccherà al collegio – che probabilmente già in mattinata entrerà in camera di consiglio – valutare la sua deposizione e quella di altri testimoni convocati in aula e se, in base alle prove raccolte dai pm, alle parole dei testi di accusa e difese, alle dichiarazioni spontanee degli imputati e al tentativo di smontare l’impianto accusatorio dei loro legali, Fede, Mora e Minetti meritano di essere condannati o di andare assolti.

Ultima ora

10:48Auto: Profeta va all’assalto della Ronde di Sperlonga

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Tradizionale impegno di fine anno per il pilota palermitano Alessio Profeta che, nel prossimo week-end, sarà al via della 9/a Ronde di Sperlonga (Lt). Il ventunenne portacolori della scuderia Island motorsport sarà al volante della Peugeot 208 in configurazione R5, coadiuvato dalla conterranea Jessica Miuccio. L'affiatato equipaggio isolano, già sfortunato protagonista nella Ronde di Gioiosa Marea (Me) di pochi giorni addietro (archiviata anzitempo per l'afflosciamento della gomma anteriore sinistra, dovuto a un brusco 'atterraggio' subito dopo un salto quasi a fine tracciato), punterà a un piazzamento di rilievo, pur consapevole di doversi confrontare con alcuni tra i migliori interpreti nazionali della disciplina. Per Profeta si tratterà della seconda partecipazione consecutiva alla gara laziale, dopo un esordio degno di nota all'edizione 2016, contrassegnato dall'11/a piazza assoluta e, in quell'occasione, per la prima volta alla guida della Ford Fiesta R5. La manifestazione si aprirà sabato 16 dicembre.

10:48Calcio: Copa Sudamericana, vincono argentini Independiente

(ANSA) - SAN PAOLO (BRASILE), 14 DIC - Gli argentini dell'Independiente hanno vinto la Copa Sudamericana, secondo trofeo più prestigioso del Sud America (paragonabile a un'Europa League sudamericana). Un pareggio ieri sera per 1-1 con i brasiliani del Flamengo a Rio de Janeiro ha regalato agli argentini una vittoria per 3-2 nel risultato complessivo e il loro secondo titolo nella competizione. Il titolo riporta un certo orgoglio all'Independiente, dopo che la squadra di Buenos Aires è stata retrocessa nel suo campionato nazionale nel 2013.

10:39Sci: Cortina 2021, siglati protocolli antimafia

(ANSA) - BELLUNO, 14 DIC - Una 'lente d'ingrandimento' sulle vicende societarie delle imprese esecutrici e un controllo coordinato dei cantieri: sono gli strumenti principali previsti nelle due intese sottoscritte in Prefettura a Belluno per prevenire le infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti legati all'organizzazione dei Mondiali di sci alpino di Cortina nel 2021. Il progetto è articolato su due accordi che consentiranno di rendere più efficace la prevenzione da indebite ingerenze della criminalità organizzata nell'esecuzione delle opere pubbliche. Il primo consentirà di disporre di un quadro informativo completo sulle ditte appaltatrici, il secondo di prevenire tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nelle opere rientranti nel "Piano straordinario per l'accessibilità a Cortina 2021".

10:24Gerusalemme: fonti, rinviata visita Mike Pence

(ANSAmed) - TEL AVIV, 14 DIC - La visita dal 17 al 19 dicembre del vicepresidente Usa Mike Pence in Israele e nella regione è stata rinviata "di qualche giorno". Lo afferma una fonte a Gerusalemme secondo cui la decisione è legata all'esigenza della presenza di Pence al Congresso Usa. La visita - secondo la stessa fonte - è stata riprogrammata per la metà della prossima settimana.

10:01Tunisia: disordini ieri sera nella capitale

(ANSAmed) - TUNISI, 14 DIC - E' tornata la calma nel quartiere popolare del Kram di Tunisi, dopo gli scontri ieri sera tra forze dell'ordine e un gruppo di giovani sceso in strada per protestare contro il trattamento brutale, secondo alcuni testimoni, riservato dalla polizia a un pescivendolo del quartiere. Dopo l'uso di gas lacrimogeni per disperdere i manifestanti la situazione è tornata alla normalità, riferiscono i media locali.

10:00Giappone: indennizzo governo a operaio Fukushima

(ANSA) - TOKYO, 14 DIC - Il ministero del Lavoro giapponese ha certificato il diritto all'indennizzo delle spese mediche per un ex operaio della centrale nucleare di Fukushima, ammalatosi di leucemia dopo un'eccessiva esposizione alle radiazioni. Secondo il canale pubblico Nhk, l'uomo, poco più che quarantenne, ha lavorato 19 anni per la Tokyo Electric Power (Tepco), il gestore dell'impianto che ha subito le maggiori conseguenze dello tsunami e la successiva dispersione delle radiazioni. L'operaio è stato esposto a 99,3 millisieverts di radiazioni; un valore che secondo il ministero della Salute nipponico può causare la leucemia. Si tratta della quarta persona in Giappone a vedere riconosciuti i propri diritti ad un rimborso, dopo aver certificato lo sviluppo della leucemia e il cancro alla tiroide, come conseguenza delle condizioni di lavoro. Dalla catastrofe di Fukushima circa 56.000 persone sono state impiegate per i lavori di smantellamento dell'impianto fino al maggio di quest'anno.

09:59Somalia: kamikaze contro polizia, almeno 10 morti

(ANSA) - MOGADISCIO, 14 DIC - E' di almeno 10 morti il bilancio di un attacco contro una accademia di polizia a Mogadiscio. Un attentatore suicida si è infiltrato tra gli agenti, facendosi esplodere durante l'addestramento del mattino.

Archivio Ultima ora