Una bella storia di italiani nel mondo

Pubblicato il 20 luglio 2013 da redazione

ROMA.- Il Senatore Claudio Micheloni, presidente del Comitato per le Questioni degli Italiani all’Estero e della Federazione delle Colonie Libere Italiane in Svizzera, ha presenziato la conferenza nella quale sono stati annunciati i festeggiamenti per il settantesimo anniversario della FCLIS (Federazione delle Colonie Libere in Svizzera) in concomitanza alla presentazione del libro di Toni Ricciardi “Associazionismo ed Emigrazione – Storie delle Colonie Libere e degli Italiani in Svizzera”.

Teatro della conferenza stampa – tenutasi nella giornata di giovedì 18 Luglio – è stata la sala Nassirya del Senato italiano, che ha visto la presenza, oltre che dell’Onorevole Micheloni e dell’autore Ricciardi, di Monsig. Giancarlo Perego, Direttore della Fondazione Migrantes, del Prof. Sandro Cattacin, dell’Università di Ginevra, e di Luigi Mascilli Migliorini, Professore dell’Università “l’Orientale” di Napoli.

Nonostante le difficoltà organizzative, derivanti dalla contemporanea e straordinaria riunione di gruppo che ha tenuto impegnato il Partito Democratico, Claudio Micheloni ha annunciato l’apertura del congresso FCLIS dal 4 al 6 ottobre presso Dietikon (Zurigo), che prenderà le mosse dalle testimonianze prodotte tramite l’opera del Dott. Ricciardi.

Nell’introdurre il testo della ricerca, il Senatore ha posto l’accento sull’importanza del gettare luce su questo decisivo tassello di storia dell’emigrazione dal Belpaese, concentrandosi sul ruolo delle Libere Colonie. Inizialmente nate come centri di resistenza antifascista e gradualmente trasformatesi in punto di riferimento per la comunità italiana, hanno perseguito il fondamentale obiettivo di migliorare le condizioni dei lavoratori e della comunità in generale. Basti pensare che dopo la sua fondazione, avvenuta nel 1943, tale fu il successo che ben presto le colonie crebbero vorticosamente fino a 120, contando decina di migliaia di iscritti.

Con estrema lungimiranza ed acuto occhio critico, il Senatore ha in seguito sottolineato le difficoltà che incontra attualmente la FCLIS, in particolar modo per quanto riguarda l’apertura e il coinvolgimento dei giovani, fermo restando l’esempio di integrazione che ha costituito e continua a costituire in Europa: “Parlare di questa storia in Italia è molto importante, poiché riflette la situazione che viviamo oggi nel nostro paese – ha affermato –  la politica di integrazione degli italiani in Svizzera, dopo la fine dell’ondata delle votazioni xenofobe negli anni ’70, costituisce uno degli esempi più positivi attuati in Europa.

In questo senso, il Senatore si è poi espresso in relazione alle offese ricevute dal ministro Kyenge nei giorni scorsi, paragonandole, seppur con le dovute peculiarità, alle discriminazioni di cui gli italiani sono stati oggetto per decadi. Ha dichiarato con fermezza che: “il fatto che il Vicepresidente del Senato si permetta di esternare queste elucubrazioni ci ferisce profondamente sul piano personale, prima che istituzionale”.

L’intervento del Senatore Micheloni si è concluso con un’esortazione ad avviare una politica di integrazione ad indirizzo unitario e quindi nazionale, come accade in Svizzera a livello federale, nonostante le forti autonomie territoriali.

La parola è poi passata a Monsig. Perego, che si è concentrato sulle tre parole chiave concernenti l’associazionismo che emergono dalla lettura del libro di Ricciardi: “è un libro che aiuta a leggere un passaggio importante dell’associazionismo e dell’emigrazione, prima dal 1925 e poi dal momento della nascita della FCLIS nel ‘43”.

-Libertà, innanzitutto, come resistenza antifascista e educazione al rispetto di tutti i tipi di libertà – ha spiegato – in secondo luogo partecipazione, ovvero, storia associativa sul piano sociale e politico, animata da ideali di pace e giustizia sociale (concetti ricordati, non a caso, nel primo articolo dello statuto della federazione) nei riguardi della comunità locale, come dimostrato dal sorgere delle colonie libere in ben 120 città svizzere. Infine la cittadinanza, nella sua concezione transnazionale e globale, che riflette il desiderio di costruzione di una comunità responsabile nei confronti della terra e del popolo di adozione.

Monsig. Perego ha quindi evidenziato come questi tre fattori – veicolati dall’associazionismo della Colonie e delle Missioni cattoliche presenti in terra elvetica, che insieme raccontano una “storia di collettività e libertà, di partecipazione attiva e cittadinanza,  di soci e fedeli attivi nella difesa di ideali comuni” – siano fondamentali nella “costruzione del bene comune: è una bella storia di italiani nel mondo, una testimonianza unica di partecipazione, associazionismo e modello di assistenza innovativa”.

Il prof. Cattacin, esperto in Sociologia e Migrazione, ha invece messo in luce come questo fenomeno storico sia sotto analizzato, in quanto “bello ma doloroso”. Nel farlo il docente universitario ha elogiato il grande lavoro di ricerca storiografica che ha impegnato l’autore, tanto negli archivi Social di Zurigo, quanto attraverso fonti e testimonianze dirette.

Associazionismo ed emigrazione perciò rapportano ed uniscono a doppio filo la storia di ciò che avviene in Svizzera e allo stesso tempo in Italia in questi anni: il connubio tra “grande industrializzazione ed emigrazione massiccia, in gran parte italiana”.

-È un libro da leggere –  prosegue poi – scritto in un modo che piace, un romanzo storico che rappresenta, anche se ciò non costituisce precisamente il suo fine, un affresco degli ultimi 60 anni dei nostri due paesi.

-La colonia libera, nelle sue fasi iniziali, riflette antifascismo – illustra il Professore – per poi passare ad una fase di sindacalizzazione (durante gli anni ‘50 e ‘60), che coincide con il contesto svizzero dell’epoca di chiusura della rappresentanza, diventando infine associazione volta all’effettivo godimento dei diritti che discendono dalla cittadinanza e quindi assumendo il ruolo di stabilizzatore identitario e di mediatore tra società.

Il testo, inoltre, va letto in relazione alla questione odierna derivante dall’associazionismo arabo, oggi temuto a seguito dell’Undici Settembre, poiché dimostra l’importanza dell’avvio del dialogo e la difficoltà nel cambiare atteggiamento verso la migrazione. Emblematico, in questo senso, come l’effetto della tragedia della diga di St. Margrethe abbia mutato la percezione degli italiani in Svizzera: un “risveglio” per il paese d’oltralpe, per cui le politiche verso i lavoratori stranieri cominciarono la loro traiettoria  d’integrazione.

Il prof. Mascilli, Ordinario di Storia Moderna, ha esordito dando particolare risalto all’originalità che traspare dalle pagine del testo, nonostante l’emigrazione vada oggi “di moda per la ricerca storica”. Il ragionamento del Professore fa leva sul contributo che l’opera apporta al metodo con il quale ci approcciamo oggi in Italia al fenomeno, relativamente nuovo, di immigrazione di massa. Secondo Mascilli l’emigrazione transoceanica ha acquisito nella storiografia contorni e caratteri quasi “mitici”, tralasciando di raccontare esperienze storiche, come ha invece fatto Ricciardi, “scomode perché dietro casa”. Approfondendo quest’ultima dichiarazione, il docente ha fatto presente come queste storie interpellino il periodo della ricostruzione post bellica, laddove spesso si dimentica che il periodo del boom economico ha comportato momenti di sofferenza per larghe fasce della collettività, soprattutto meridionale. Il relatore ha infatti sottolineato come una volta che il flusso di emigrazione si stabilizzò, la maggior parte degli emigranti fosse originaria del Sud.

Hanno concluso la presentazione le parole di un visibilmente emozionato Toni Ricciardi, che ha ricordato con grande acume come la ricerca ed il racconto dell’emigrazione costituiscano un terreno d’indagine fondamentale per il completamento del nostro quadro storico di riferimento, utile anche alla comprensione e risoluzione dei problemi che affliggono la società attuale.

Lorenzo Di Muro

Ultima ora

17:28Biotestamento: arcivescovo Torino, diritto vita prioritario

(ANSA) - TORINO, 16 DIC - "Gli anziani, le persone malate vanno difese e tutelate nei loro diritti e quello della vita è prioritario. Invece nel nuovo quadro normativo si aprono prospettive pericolose e inquietanti anche sui rischi di abusi sulla vita, motivati dai 'costi' di mantenimento delle persone malate". L'arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia, esprime "apprezzamento" a don Carmine Arice, padre generale del Cottolengo, che ha annunciato l'intenzione di non applicare le disposizioni anticipate di trattamento per il fine vita. "Di fronte ad una richiesta di morte, la nostra struttura non può rispondere positivamente", ha spiegato don Arice, ricevendo il plauso dell'arcivescovo di Torino, che invita comunità religiose, istituzioni, associazioni e tutti i volontari del mondo sanitario e assistenziale della diocesi "ad avere il coraggio di fare scelte di coerenza morale e di testimonianza anche andando controcorrente". Un dovere, conclude, affinché "i valori della vita abbiano peno riconoscimento".(ANSA).

17:25Calcio: Kakà ha deciso, si ritira ma non torna al Milan

(ANSA) - SAN PAOLO, 16 DIC - Doccia fredda per i tifosi del San Paolo: Ricardo Kakà ha deciso di ritirarsi dall'attività agonistica e quindi di non accettare l'offerta del club 'tricolor', della cui tifoseria è uno degli idoli, di giocare per un anno nella squadra che lo ha lanciato. Kakà infatti, secondo quanto riporta il sito brasiliano 'Uol Esporte', ha confidato a persone a lui molto vicine di aver deciso di smettere, per dedicarsi agli studi e capire se può avere un futuro da dirigente. L'ex Pallone d'oro ha anche confermato di aver ricevuto una proposta dal Milan per fare il dirigente della società rossonera, ma di non essere orientato ad accettarla, almeno per ora. "Non è nel mio futuro immediato", avrebbe spiegato Kakà parlando del Milan. Di recente un altro idolo della torcida 'saopaulina', ovvero Raì, ha accettato una carica dirigenziale all'interno del club, e Kakà potrebbe essere il prossimo, mentre Lugano entrerà a far parte dello staff tecnico.

17:20Calcio: Mourinho tenta Kovacic, pronti 30 mln per il Real

(ANSA) - ROMA, 16 DIC - Il Manchester United punta a rafforzarsi nel mercato invernale e uno dei nomi sul taccuino di Josè Mourinho è Mateo Kovacic, il centrocampista croato del Real Madrid poco utilizzato però da Zinedine Zidane (3 partite in Liga e due in Champions). Secondo lo spagnolo 'AS', per accaparrarselo il club dei Red Devils sarebbe disposti a mettere sul piatto 30 milioni. Kovacic, 23 anni, ha un contratto con il Real fino al 2021. E' arrivato a Madrid nell'estate 2015 dall'Inter per 28 milioni, cifra simile a quella offerta al momento da United. Un altro dei club che è sulle tracce del croato, scrive 'AS' è la Juventus.

17:19Si è ripetuto a Napoli il miracolo di San Gennaro

(ANSA) - NAPOLI, 16 DIC - Si è ripetuto alle 12.07, nella cappella del Tesoro di San Gennaro, il miracolo della liquefazione del sangue del patrono di Napoli e della Campania. Il 16 dicembre è la terza data dell'anno - dopo il sabato precedente la prima domenica di maggio e il 19 settembre - in cui le ampolle vengono esposte; nella festività odierna si ricorda l'eruzione del Vesuvio del 1631, che il 16 dicembre risparmiò Napoli dopo ore di preghiere dei fedeli. E' stato l'abate della cappella, monsignor Vincenzo De Gregorio, a celebrare la messa. L'evento, annunciato dal tradizionale sventolio di un fazzoletto bianco, è stato salutato da un lungo e forte applauso da una folla di fedeli accompagnato dall'intonazione dell'antico canto delle 'parenti' di San Gennaro.

17:18Milan: Gattuso ‘con me si sgarra due volte, la terza…’

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - Con Rino Gattuso si può sgarrare due volte, la terza non conviene. "La prima ci può stare, la seconda pure, la terza non fatemela dire. Si capisce...", ha sorriso l'allenatore del Milan, che nelle sue prime due settimane sulla panchina rossonera sta lavorando anche per dare tranquillità alla squadra e spirito di sacrificio. "La chiave deve essere lo scatto di Cutrone al 90' contro il Verona, o i due recuperi di Suso. Io so cosa può dare a livello tecnico questa squadra ma non basta, serve fame, cattiveria, mettersi a disposizione dei compagni" ha spiegato Gattuso, sottolineando l'esempio di Bonucci: "E' un martello, ha la faccia d'angelo ma lavora in modo incredibile, è uno spettacolo vederlo. Se vuoi mollare, è importante vedere 6-7 giocatori che ti incitano, è lo spirito che ci sta facendo lavorare bene. Questa è una squadra forte, lo penso veramente, c'è qualità a livello tecnico e umano e dobbiamo battere su questo aspetto qua".

17:16Calcio: Ballardini, a Firenze voglio Genoa con furore

(ANSA) - GENOVA, 16 DIC - "A Firenze voglio un Genoa con più furore". L'allenatore Davide Ballardini detta subito le condizioni per la sfida con la Fiorentina a pochi giorni dalla sconfitta casalinga con l'Atalanta. "I dati dicono che contro l'Atalanta abbiamo fatto la partita più bella da quando ci sono io, con un baricentro più alto per almeno 70' - ha spiegato il tecnico rossoblù -. Ma preferisco avere un baricentro più basso perché è sempre meglio essere compatti e aggressivi". Nessun timore però di aver perso quella "fame" che aveva contraddistinto il Genoa dal suo arrivo. "Se non hai quella determinazione, quell'attenzione, quel furore che è necessario avere, significa che non hai capito nulla - ha ribadito -. Sono tutte caratteristiche fondamentali, le qualità in questo caso vengono dopo. Il nostro primo obbiettivo è essere sempre compatti con equilibrio. La squadra deve dare sempre la sensazione che sia facile per noi che abbiamo la palla giocare e difficile invece per l'avversario giocare".

17:11Calcio:Gattuso,che fatica ma ho sostegno Fassone e Mirabelli

(ANSA) - CARNAGO (VARESE), 16 DIC - "Ringrazio Mirabelli e Fassone, che non mi fanno mancare sostegno. E' un'esperienza molto, molto faticosa, lo sto toccando con mano. Loro sono fondamentali, mi danno grande tranquillità, mi sento tranquillo perché ho un grande appoggio". Così Rino Gattuso non nasconde le difficoltà che vive da allenatore del Milan. "Tante problematiche in questo momento le deve mettere a posto Fassone che è l'ad, Mirabelli ha i suoi problemi, ma io mi sento tranquillo, perché sento grande appoggio da queste due persone", ha spiegato l'allenatore alla vigilia della trasferta con il Verona, raccontando che l'allenamento per lui "è il momento più divertente, in quell'ora e mezza mi diverto come un bambino dell'asilo. Dopo - ha spiegato - c'è il momento più duro: parlare con tutti quelli del club, preparare le partite contro colleghi molto più bravi di me. La fatica più grande è questa, e poi le interviste dopo le partite''.

Archivio Ultima ora