La terra trema, paura nelle Marche

Pubblicato il 21 luglio 2013 da redazione

ANCONA – Molta paura ma nessun danno di rilievo a persone o cose per l’evento sismico della scorsa notte nelle Marche con una scossa di magnitudo 4.9 avvertita alle 3:32 e un’altra intorno alle 5 di magnitudo 4, con varie repliche. La gente è scesa in strada ad Ancona, Numana, Sirolo, Loreto e Porto Recanati – ma la prima scossa è stata avvertita lungo tuta la costa adriatica fino all’Abruzzo e anche in varie localià dell’entroterra -, e ha inondato di chiamate i centralini dei vigili del fuoco e della Protezione civile, ma poi quasi tutti sono tornati nelle loro abitazioni.

I marchigiani conoscono il terremoto da secoli e sono abituati a conviverci: le scosse della scorsa notte sono le ultime di una sequenza di 57 eventi sismici dal 14 luglio scorso, a volte avvertiti dalla popolazione, a volte no. Immediatamente allertato il sistema della protezione civile con una prima riunione subito dopo il sisma, e un’altra per fare il punto della situazione oggi a Loreto. Non ci sono state segnalazioni di interventi dagli ospedali, solo una decina di casi di attacchi di panico. E dai sopralluoghi effettuati dai vigili del fuoco (25) e dai tecnici dei vari Comuni interessati non sono emersi danni significativi o problemi di stabilità per gli edifici. Passate al setaccio, fortunatamente senza esito, la Basilica di Loreto e altre chiese prima delle messa della mattina. “Nessun danno a persone e cose” fa sapere il presidente della Regione Marche Gian Mario Spacca, che annuncia un “rafforzamento del monitoraggio della sala operativa regionale e la capacità di risposta informativa ai cittadini attraverso il coordinamento di tutti i centralini attivati per l’emergenza”.

– La situazione è sotto controllo – ribadisce -. E’ un fenomeno che si manifesta molto frequentemente purtroppo nella nostra regione. La nostra comunità è abituata e solida rispetto a questo tipo di fenomeni. Speriamo che sia finito qui.

Una speranza condivisa da Anna Maria Ciccarelli, presidente degli albergatori della Riviera del Conero, una della perle del turismo delle Marche e dell’Adriatico. Tra le persone uscite in strada la scorsa notte c’erano molti turisti. “Noi conosciamo il terremoto – sottolinea – e le nostre strutture ricettive sono tutte sicure, nuove o ristrutturate secondo criteri antisimici. Qua non ci sono ristrutturazioni ‘selvagge’, ma rispetto se della legge”. Tra le persone risvegliate bruscamente dal sisma anche l’ex premier Mario Monti, in vacanza a Porto Recanati.

Ultima ora

04:20Trump, mie critiche ad atleti non c’entrano con razza

NEW YORK - "Questa vicenda non ha niente a che vedere con la razza. Riguarda solo il rispetto per la nostra bandiera e per il nostro Paese": cosi' parlando con i giornalisti Donald Trump e' tornato sulla protesta dei giocatori di football, inginocchiatisi su tutti i campi durante l'esecuzione dell'inno nazionale. Alcuni sono anche rimasti negli spogliatoi.

23:28Calcio: decide Zaza, il Valencia piega la Real Sociedad

(ANSA) - ROMA, 24 SET - Il Valencia è la quarta forza della Liga, dopo Barcellona, Atletico Madrid e Siviglia. La squadra allenata da Marcelino Garcìa Toral è andata a vincere 3-2 sul difficilissimo terreno dell'Anoeta, a San Sebastian, contro la Real Sociedad. A decidere il posticipo della 6/a giornata ci ha pensato ancora una volta Simone Zaza, che ha battuto Rulli al 40' st. Moreno per i 'pipistrelli' aveva aperto le danze, dopo 26', il pari dei padroni di casa è arrivato al 33' grazie a Elustondo; Vidal ha riportato avanti il Valencia al 10' st, 4' più tardi Oyarzabal aveva firmato il momentaneo 2-2. A rompere l'equilibrio nei Paesi Baschi ci ha pensato l'attaccante italiano, al quarto gol in due partite (dei cinque in totale in questa Liga). Adesso in classifica Valencia 12 punti, Siviglia a 13, Atletico Madrid 14 e Barcellona in vetta con 18. Il Real Madrid è a -7 dai catalani. (ANSA).

23:24Ira Trump contro atleti, inaccettabile

(ANSA) - NEW YORK, 24 SET - "Grande solidarietà per il nostro inno nazionale e per il nostro Paese. Stare in ginocchio è inaccettabile": così il presidente americano Donald Trump replica su Twitter all'ondata di proteste sui campi di football americano. "Patrioti coraggiosi hanno combattuto e sono morti per la nostra grande bandiera, dobbiamo onorarli e rispettarli" aggiunge Trump.

23:22Maria: Jennifer Lopez dona a Porto Rico 1 milione di dollari

(ANSA) - SAN JUAN, 24 SET - Jennifer Lopez ha annunciato di avere donato 1 milione di dollari ai portoricani per aiutarli dopo il passaggio dell'uragano Maria che ha devastato l'isola. La cantante e attrice, nata negli Usa, ma con origini portoricane, ha aggiunto di essersi impegnata insieme all'ex giocatore di baseball Alex Rodriguez, il cantante Marc Anthony alcuni musicisti latinoamericani e atleti e imprenditori a ottenere risorse e aiuti per l'isola caraibica. La popstar emozionata ha lanciato il suo appello oggi ad un evento organizzato a New York e ha parlato in spagnolo.

23:14Calcio: Serie A, Fiorentina-Atalanta 1-1

(ANSA) - ROMA, 24 SET - La Fiorentina pareggia 1-1 con l'Atalanta di Gian Piero Gasperini, nell'ultimo posticipo della sesta giornata del campionato di calcio di Serie A. I viola erano passati in vantaggio dopo 12' con Chiesa, ma sono stati raggiunti in pieno recupero da una bordata di Freuler. I bergamaschi avrebbero potuto vincere se il 'Papu' Gomez non si fosse fatto neutralizzare un rigore al 17' st da Sportiello.

22:01Meloni, sono in campo per la leadership del centrodestra

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Io sono in campo per la leadership del centrodestra e quindi in Italia, del resto se è in campo di Maio possiamo agevolmente competere anche noi. Ci dicano qual è lo strumento, compatibilmente con la legge elettorale, se sono le primarie o le preferenze. Io voglio un metodo con cui potermi misurare e ognuno di noi chiederà agli italiani quale sia la proposta piu' credibile". Lo afferma Giorgia Meloni, leader di Fdi a margine dell'ultima giornata della festa di Atreju

22:00M5S: Fico, il candidato premier non è il capo del Movimento

(ANSA) - ROMA, 24 SET - "Oggi il candidato premier è il capo della forza politica, ovvero è riferito alla legge elettorale e non è capo della vita politica generale del movimento. Questa è una grande distinzione". Lo ha detto il deputato M5S Roberto Fico, parlando con alle telecamere della Rai che lo attendevano davanti al suo albergo.

Archivio Ultima ora