Los Roques, i famigliari delle vittime vogliono i corpi dei loro cari

Pubblicato il 23 luglio 2013 da redazione

CARACAS – Non basta. Per le famiglie dei passeggeri dell’aeromobile Transaven, che si inabissò 5 anni fa nelle acque dell’archipelago di Los Roques, non è sufficiente sapere dove giaciono i resti dei loro cari. Ora vogliono recuperare i corpi per dar loro una “sepoltura dignitosa”.

In una sala dell’Hotel Marriot, Manuel Alcalà, padre della giovane Patrizia che viaggiava nel velivolo scomparso il 4 gennaio del 2008; Javier Elechiguerra, ex Procuratore Generale; e Ugo Marino, titolare della ditta Sae, incaricata di curare l’aspetto tecnico della ricerca e, ora, del recupero del relitto, hanno incontrato i giornalisti per spiegare che  l’aver scoperto il luogo dove l’aereo si è inabissato non è sufficiente: permette voltare pagina ma non chiudere definitivamente un capitolo assai doloroso della loro vita. Ora, vogliono i corpi dei loro cari per dargli una “sepoltura dignitosa”.

Alcalà, il primo a prendere la parola, ha raccontato ai presenti come, dopo 5 lunghi anni, si è riusciti a trovare l’aereo scomparso. Ha illustrato le difficoltà incontrate lungo il cammino, le illusioni e le delusioni.

Ha ringraziato il Venezuela e l’Italia per lo sforzo realizzato, per l’impegno in uomini, risorse tecnologiche e, in particolare, per aver sostenuto i costi della ricerca che sono stati superiori ai 4 mila 600 milioni di dollari. Ma ha anche affermato che “non ci si può fermare qui”. E che “ora bisogna fare un ulteriore sforzo per poter recuperare il relitto e riscattare i corpi dei passeggeri”. Ha chiesto quindi all’Italia, al Venezuela ed anche alla Svizzero – sull’aereo viaggiava anche il marito di Patrizia Alcalà, Alexander Nierman, cittadino svizzero – uno nuovo impegno economico.

Dal canto suo, Ugo Marino ha illustrato le difficoltà tecniche che ha rappresentato la ricerca dell’aeromobile, dell’importanza della tecnologia d’avanguardia impiegata e dall’impegno del personale specializzato (una struttura multidisciplinare e multietnica)

– In dodici giorni – ha detto con soddisfazione Marino –, grazie all’impiego della tecnologia adeguata, siamo riusciti a trovare i due relitti, quello scomparso il 4 gennaio del 2008 e quello inabissatosi il 4 gennaio di quest’anno. Il primo, a sud dell’archipelago e il secondo a nord.

In particolare, Marino ha spiegato la complessità dell’operazione svolta in tre tappe successive. La prima con tecnologia idonea a fondali profondi 200 metri, la seconda con tecnologia adatta a scandagliare acque profonde 400 metri e, in ultimo, con un robot costruito per esplorare e fotografare acque profonde  fine a quattro mila metri.

Ha quindi sottolineato che la ditta che rappresenta, già impegnata nel recupero del sommergibile russo Kursk, è in grado di riportare a galla i due aerei. Ha spiegato che per affrontare la sfida si dovrà prima realizzare uno studio approfondito per la scelta della tecnologia più idonea.

In ultimo, l’ex Procuratore Generale della Repubblica, Javier Elechiguerra, nel suo intervento ha affrontato l’aspetto legale: le responsabilità. Ed infatti, le famiglie delle vittime non solo desiderano i corpi dei loro cari ma anche che si appurino le responsabilità. Insomma, vogliono sapere cosa è accaduto, cosa ha provocato l’incidente e, se qualora dall’inchiesta dovessero emergere responsabilità, che si proceda a punire i colpevoli.

Alla conferenza stampa erano presenti l’Incaricato d’Affari dell’Ambasciata svizzera, Rudolf Bloch; la rappresentante del Ministero degli Esteri venezolano, Sara Lambertini; e il primo Segretario della nostra Ambasciata, Paolo Mari.

Sull’aereo Transaven, inabissatosi tragicamente il 4 gennaio di cinque anni fa, viaggiavano 14 passeggeri, otto erano turisti italiani: Paolo Durante e la moglie Bruna Guerrieri, le loro figlie Sofia di 6 anni e Emma di 8, Stefano Fragione, Fabiola Napoli, Annalisa Montanari e Rita Calanni. In quello precipitato il 4 gennaio scorso, erano 4 a bordo Vittorio Missoni, la moglie Maurizia Castiglioni e una coppia di loro amici, Guido Foresti ed Elda Scalvenzi.

Ultima ora

01:19Calcio: Gattuso “Donnarumma passa per mostro, ma non lo è”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - Gennaro Gattuso prende le difese di Gianluigi Donnarumma, "pur rispettando i tifosi" che hanno contestato il portiere durante Milan-Verona. "Si sta facendo passare un ragazzo così giovane - spiega l'allenatore dei rossoneri - come un mostro. Non se lo merita, ha valori incredibili. Dobbiamo tutelare un ragazzo in grandissima difficoltà. Non ha saltato mai un allenamento o una partita, dopo il pareggio con il Benevento ha pianto. Io vedo un ragazzo che si allena con grande professionalità e voglia: è il portiere più forte del mondo e un grandissimo uomo". Gattuso commenta le voci di mercato sul portiere: "Se la società dice che non vuole vendere, cosa devo dire di più? Gigio non mi ha mai detto che vuole andar via. E non ho detto che Mino sta convincendo il ragazzo. Vediamo come andrà a finire".

01:08Mirabelli: “Donnarumma? Sappiamo da dove viene male”

(ANSA) - MILANO, 13 DIC - "Non tutte le colpe sono di Gigio Donnarumma. Purtroppo sappiamo da dove viene il male, speriamo nei prossimi mesi di risolvere il problema". Nelle parole del ds del Milan, Massimiliano Mirabelli, c'è un chiaro riferimento all'agente Mino Raiola: "Gigio dovrà venire a supplicarci di mandarlo via. Semmai dovesse succedere, qualsiasi squadra arrivi detteremo noi le condizioni. Non ci facciamo prendere per il collo da nessuno. Io credo che un giorno si accorgerà dove sta il bene e dove sta il male".

01:07Calcio: Letta, fossi in curva fischierei Donnarumma

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - "Mi spiace dirlo, ma fossi in Curva a #SanSiro, stasera #Donnarumma lo fischierei". E' il tweet con cui Enrico Letta, tifoso del Milan ed ex presidente del Consiglio, interviene sulla vicenda Donnarumma. Il portiere dei rossoneri, dopo che nei giorni scorsi il suo procuratore Mino Raiola ha chiesto di annullare il contratto appena rinnovato con il club, è stato fischiato e insultato dai tifosi stasera a San Siro, prima della partita di Coppa Italia vinta sul Verona.

00:27Calcio: Premier, Manchester City vittoria con il record

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Tutto invariato al vertice della Premier League, dopo le partite del turno infrasettimanale, valide per la 17/a giornata. Vincono i due Manchester, che restano separati di 11 punti in classifica: il City leader s'impone sul campo dei gallesi dello Swansea per 4-0 (15/a vittoria di fila e record), con doppietta di David Silva, reti di De Bruyne e Aguero, in campo da titolare. E' la 15/a vittoria di fila per la squadra di Guardiola, un record per il campionato. Il City non ha faatto bottino pieno l'ultima volta il 21 agosto. Lo United si è imposto per 1-0 in casa contro il Bournemouth, grazie a un gol di Romelu Lulaku, servito da Juan Mata. al 25'. Successo anche per Antonio Conte e il Chelsea sul campo dell'Huddersfield per 3-1. Di Bakayoko, Willian e Pedrito le reti. Senza gol, infine, uno dei tanti derby di Londra, quello fra West Ham United e Arsenal.

00:16Calcio: Germania, Bayern di misura e ora a +9 sullo Schalke

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Basta un gol del polacco Robert Lewandowski, al quarto d'ora della ripresa, per regalare la vittoria al Bayern Monaco, nella 16/a giornata della Bundesliga. Opposti al Colonia, i bavaresi si sono imposti per 1-0 e adesso hanno un vantaggio di 9 punti sullo Schalke 04, che ha dovuto faticare contro l'Augusta, piegata per 3-2. Di Di Santo al 44' l'1-0, Burgstaller firma il raddoppio al 47', poi arriva la riscossa ospite: al 19' della ripresa Caiuby accorcia le distanze, Gregoritsch pareggia. A 7' dal 90' Caligiuri fa esplodere l'AufSchalke Arena, regalando 3 punti ai 'suoi'. Adesso in classifica Bayern 38 punti, Schalke 29, il Lipsia è a quota 28, dopo essere stato fermato sul pareggio in trasferta dal Wolfsburg (di Verhaegh il vantaggio dei padroni di casa, di Halstenberg il pari ospite). (ANSA).

00:05Calcio: ottavi Coppa Italia, Milan batte Verona 3-0

(ANSA) - ROMA, 13 DIC - Il Milan batte il Verona 3-0 e si qualifica per i quarti di finale della Coppa Italia, dove troverà i 'cugini' dell'Inter, che ieri sera hanno superato ai rigori il Pordenone. I gol che hanno deciso il match sono stati realizzati al 22' da Suso, al 30' da Romagnoli e, nella ripresa, al 10' da Cutrone. Fischi e contestazione a Donnarumma prima dell'inizio del confronto.

22:51Calcio: incidenti al derby Belgrado, decine di feriti

(ANSA) - BELGRADO, 13 DIC - Gravi incidenti, con almeno una dozzina di feriti di cui uno in pericolo di vita, sono avvenuti a Belgrado durante il derby di campionato serbo tra le tifoserie rivali del Partizan e della Stella Rossa. Gli incidenti sarebbero stati causati da un 'invasione' dei sostenitori della Stella Rossa nella porzione di stadio occupata da quelli della squadra di casa, che non hanno esitato a reagire. La polizia, che nonostante l'ampio dispiegamento non era riuscita ad evitare il contatto, è intervenuta in forze e dopo dieci minuti, senza risparmiare le manganellate, è arrivata a separare i due gruppi e ad arrestare alcuni responsabili dei tafferugli. L'incontro si è comunque svolto regolarmente e si è concluso col punteggio di 1-1, lasciando la Stella Rossa prima in classifica prima della pausa invernale (si riprenderà a metà febbraio) con nove punti di vantaggio sul Partizan.

Archivio Ultima ora