A Montesilvano la sesta edizione del Premio Dean Martin

Pubblicato il 26 luglio 2013 da redazione

MONTESILVANO – Pubblico delle grandi occasioni per la sesta edizione del premio Dean Martin, ormai punto di riferimento per il percorso dei successi degli abruzzesi nel Mondo.

Ancora una volta una formula azzeccata, quella messa in scena lo scorso 12 luglio dagli organizzatori e capeggiata da Germano D’Aurelio, infaticabile showman abruzzese che per l’occasione ha vestito anche i panni dell’assessore agli eventi e alla cultura del Comune di Montesilvano.

Nel comune che vide nascere il padre di Dino Crocetti (Dean Martin) il ricordo di uno dei suoi figli emigrati si è trasformato nel giro di pochi anni in un vero e proprio contenitore culturale, capace di spaziare e arricchirsi di nuovi temi. E se nel 2012 toccò al cronista Luigi Borrelli (RAI) ritirare la targa in onore del famoso Crooner di Hollywood, nel 2013 sono stati Dom Serafini (giornalista ed editore) e Domenico Vecchioni (ambasciatore) salire sul parco per ricevere i meritati applausi.

Introdotta da Germano D’Aurelio attraverso il filo conduttore della musica e delle immagini legate ai brani e ai film di Martin, la manifestazione ha visto in  Dario Salvatori (storico della musica ed esperto RAI) e nella giornalista Mila Cantagallo un collaudato duo per la presentazione. Nella suggestiva cornice di Porto Allegro (a poca distanza da via Fiumemorto, luogo di nascita di Gaetano Crocetti, padre dell’artista) la serata è stata guidata dalla regia della neonata Fondazione Dean Martin, presieduta da Alessandra Portinari, nel “viaggio dell’emigrante” che ha toccato le tappe più significative della vita di papà Crocetti e del figlio Dean, legatissimo al grande comico Jerry Lewis (la cui ex-moglie Patty Palmer è a sua volta di origini abruzzesi). Per gli artisti locali, il premio è andato a Valerio Di Rocco, ex concorrente di un talent show trapiantato a Londra.

Nella sezione internazionale, premio a sorpresa per i coniugi Tony e Anna Pace, ex emigranti a Boston dove per tanti anni idearono e condussero programmi radiofonici ascoltati da migliaia di connazionali sulla rete WIEN. Altrettanto importante il riconoscimento attribuito a Domenico Vecchioni, diplomatico originario di Atri (tra gli altri incarichi, ha ricoperto quello di ambasciatore d’Italia a Cuba) ed eccezionale penna storica (tra i suoi ultimi libri una biografia sulla spia Kim Philby e una biografia sul sanguinario dittatore cambogiano Pol Pot) e al giornalista Dom Serafini, originario di Giulianova ed editore di Video Age International, testata di riferimento per l’audiovisivo internazionale.

La sesta edizione ha voluto rendere omaggio anche al grande comico Massimo Troisi, attraverso una gustosa parentesi che ne ha percorso alcuni momenti artistici. A ritirare il premio – un grazie spontaneo da parte non solo dell’amministrazione comunale ma da parte di tutto il pubblico italiano – è stata l’attrice Nathalie Caldonazzo, che per alcuni anni fu legata sentimentalmente all’artista di San Giorgio a Cremano.

 

Ultima ora

22:39Tap: Emiliano, Governo incosciente, presenteremo esposto

(ANSA) - BARI, 12 DIC - "I fatti accaduti in Austria hanno dimostrato che le preoccupazioni della Regione Puglia hanno un fondamento evidente che ci obbligherà nei prossimi giorni a sottoporre alla Procura della Repubblica competente un esposto che mira a salvaguardare l'incolumità pubblica dalla incosciente decisione del Governo di ritenere non assoggettabile alle direttive Seveso l'impianto Tap". In una nota, il presidente della Puglia, Michele Emiliano, replica al ministro dello Sviluppo Carlo Calenda, che aveva criticato le rimostranze della regione sul gasdotto Tap. Per Emiliano, "di incoscienza collettiva evidentemente si tratta se è vero che il Ministro Calenda dalle notizie della vittima e dei 21 feriti in Austria trae lo spunto solo per ribadire che il TAP è necessario proprio per sopperire alla temporanea carenza di gas distribuita nel Nord Europa ove dovessero ripetersi incidenti analoghi a quello accaduto oggi". "Si tratta con ogni evidenza - rimarca Emiliano - di un caso di strabismo politico".

22:06Calcio: Mondiale club, 1-0 al Pachuca dts, Gremio in finale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - I brasiliani del Gremio si sono qualificati alla finalissima del Mondiale per club battendo 1-0 i messicani del Pachuca dopo i tempi supplementari del match giocato ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed, negli Emirati Arabi Uniti. Decisivo il gol di Everton al 5' del primo tempo supplementare dopo che i 90' regolamentari si erano conclusi a reti inviolate. La squadra allenata dall'ex romanista Renato affronterà la vincente dell'altra semifinale tra Real Madrid e l'Al-Jazira in programma domani.

21:53Terremoto: Boldrini a delegazione Camerino,vi resterò vicina

(ANSA) - CAMERINO (MACERATA), 12 DIC - "Quello che ho visto nelle vostre terre non lo dimenticherò mai, anche perché la vostra terra è anche la mia terra. Abbiamo fatto molto e sono consapevole che molto di più c'è ancora da fare. Siamo arrivati a fine legislatura, ma io, qualunque sarà il mio ruolo in futuro, continuerò a esservi vicina. Questa è la mia promessa". Sono le parole, si legge in una nota del Comune di Camerino, che la presidente della Camera Laura Boldrini ha rivolto a una delegazione di cittadini camerti, ricevuta in visita a Montecitorio. Insieme al sindaco Gianluca Pasqui c'erano rappresentanti di scuole, associazioni e dell'Università. Pasqui ha anche preso parte alla riunione del Comitato legislativo, ricordando che ''se davvero si vuole fare il bene dei Comuni terremotati bisogna entrare nello specifico delle singole realtà''. "Ho chiesto di rivedere il cratere sismico - ha detto il sindaco -. Non è possibile che ogni comune venga curato alla stessa maniera, che a più malati venga data la stessa medicina. Dobbiamo intervenire con decisione affinché il cratere venga rivisto, senza escludere nessuno, ma intervenendo con le necessarie indicazioni in base alle necessità. Le differenze ci sono e le istituzioni le devono evidenziare affinché parta quella ricostruzione che oggi sembra ancora un miraggio".

21:52Ap: direzione vota documento separazione consensuale

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il documento per la separazione consensuale di Ap, che mantiene al momento invariati i gruppi parlamentari, è stato votato all'unanimità dalla Direzione Nazionale.

21:51Migranti: domani vertice a Parigi Macron-Gentiloni-Merkel

(ANSA) - ROMA, 12 DIC - Il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni sarà domani, mercoledì 13 dicembre, a Parigi, per il vertice con il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e i capi di Stato e di governo del G5 Sahel Burkina Faso, Ciad, Mali, Mauritania e Niger. L'incontro, presso il castello di La Celle-Saint-Cloud, avrà inizio alle ore 12. Al termine è prevista una conferenza stampa congiunta. E' quanto si legge in una nota di Palazzo Chigi.

21:48Usa: Roy Moore va a votare a cavallo

(ANSA) - WASHINGTON, 12 DIC - Il candidato senatore per il partito repubblicano Roy Moore si è recato a votare in Alabama a cavallo. Lo riportano i media americani. Roy Moore è favorito nonostente le accuse di molestie sessuali nei confronti di minorenni. A sostenerlo si è schierato con decisione anche il presidente americano Donald Trump.

21:35Liberia: elezioni, il 26 dicembre ballottaggio Weah-Boakai

(ANSA) - IL CAIRO, 12 DIC - Si terrà il 26 dicembre il ballottaggio delle elezioni presidenziali in Liberia fra George Weah, ex-attaccante del Milan, e il vicepresidente uscente Joseph Boakai. La data è stata annunciata oggi pomeriggio dalla Commissione elettorale dopo che venerdì scorso la Corte Suprema aveva stabilito che nel primo turno delle elezioni svoltesi il 10 ottobre c'erano state irregolarità e brogli, ma non così gravi da giustificare una ripetizione del voto. In origine era previsto che per eleggere il successore della presidente Ellen Johnson Sirleaf, nel primo passaggio dei poteri senza traumi da oltre 70 anni, il ballottaggio si tenesse il 7 novembre. Vi era stato però un ricorso del terzo classificato, Charles Brumskine, poi respinto dalla Corte suprema. Sirleaf, premio Nobel per la pace e prima donna capo di stato in Africa, è stata presidente dal 2006, dopo la cacciata (avvenuta nel 2003) del potente 'signore della guerra' Charles Taylor.

Archivio Ultima ora