Mediaset, il Cav spera nel rinvio, ma se condanna è guerra

Pubblicato il 29 luglio 2013 da redazione

ROMA  – Un Silvio Berlusconi amareggiato ha dato il via ufficiale al countdown per capire se entro poche ore sarà condannato o meno in via definitiva a 4 anni di reclusione e 5 di interdizione dai pubblici uffici. Oggi, infatti, si riunirà la Corte di Cassazione chiamata a dare l’ultima parola sul processo Mediaset che vede imputato l’ex capo del governo. Il Cavaliere sa perfettamente che i tempi non saranno brevi, anzi, in base alle previsioni fatte dai suoi avvocati la decisione della Suprema Corte dovrebbe arrivare tra mercoledì e giovedì. Spera sempre in un rinvio ma a preoccuparlo è l’epilogo finale della vicenda. Un epilogo che, se negativo per lui, sarà foriero di venti di guerra, si rimarca nel Pdl.

Rientrato ieri a metà pomeriggio a palazzo Grazioli, l’ex premier si è chiuso nei suoi uffici con tutto il collegio difensivo. Sul tavolo i diversi scenari possibili tra cui l’ipotesi che questa mattina i suoi legali possano chiedere il rinvio del pronunciamento della Corte.

Fosse per il Cavaliere – è il ragionamento che fanno i suoi fedelissimi – la possibilità di chiedere un allungamento dei tempi non dovrebbe essere presa in considerazione.

– Sono e resto innocente – è il leit motiv che continua a ripetere – il problema resta semmai l’atteggiamento di certa magistratura convinta, a priori, che io debba essere condannato.

L’idea di chiedere il rinvio, è il ragionamento fatto da esponenti pidiellini, verrà valutata solo nel caso in cui il nuovo calendario riportasse la decisione su Mediaset alla Terza Sezione della suprema Corte e non più a quella feriale. E su questo punto si dovrebbero battere gli avvocati del cav.

Strategie difensive a parte, a chi ha avuto modo di parlargli il Cavaliere non ha nascosto la forte preoccupazione e l’amarezza di fronte alla possibilità che ”la sentenza sia già stata decisa da tempo”.

L’umore resta dunque pessimo. E nonostante l’ex capo del governo abbia più volte ribadito che l’eventuale condanna non avrà ripercussioni sul governo, sono in pochi orami a crederci. Il nodo a quel punto diventerebbe l’atteggiamento del Pd a palazzo Madama chiamato ad esprimersi sulla decadenza dell’ex capo del governo dall’incarico di senatore.

Il Pd ha già ripetuto più volte che le sentenze vanno rispettate e ieri lo ha fatto anche Luigi Zanda in un’intervista.

In merito all’eventuale voto in Giunta sulla decadenza, dice il capogruppo al Senato, “non dovrebbe esserci materia di discussione, almeno per noi del Pd. Dobbiamo prendere atto e rendere operativa una sentenza della magistratura”.

na presa di posizione ribadita anche da Vannino Chiti:

– Se la Cassazione confermasse la sentenza di condanna e l’interdizione dai pubblici uffici di Berlusconi, il Parlamento si troverebbe semplicemente di fronte a una presa d’atto della sua decadenza dalla carica di senatore. Il Pd non potrebbe che votare favorevolmente.

Quanto basta per rendere la vigilia incandescente. Anche se il verdetto potrebbe slittare a mercoledì o anche a giovedì.

Prova delle fibrillazioni che percorrono il Pdl anche lo scontro con la presidente della Camera, Laura Boldrini, che alla cerimonia del Ventaglio ha detto:

– Credo che singoli casi giudiziari non debbano interferire nella vita delle istituzioni. Qualunque sia la decisione della Cassazione, sulla sentenza Mediaset, essa non dovrà avere ripercussioni sulle attività parlamentari.

Affermazioni contro cui c’è stata una levata di scudi del Pdl. Attacca Daniela Santanchè:

– Altro che singoli casi giudiziari! Qui si tratta di 10milioni di italiani che in caso di condanna di Berlusconi rischiano di non avere più rappresentanza politica.

Dice Stefania Prestigiacomo:

– Il 30 non si decideranno le sorti di un solo uomo, ma di un terzo dell’Italia. La sentenza verso Silvio Berlusconi, infatti, sarà inevitabilmente una sentenza verso tutto il partito e tutti i milioni di elettori che al Pdl e a Berlusconi hanno dato la loro fiducia.

E ancora Daniele Capezzone:

– Quando sento la presidente della Camera, l’onorevole Boldrini, derubricare a ‘singolo caso giudiziario’, quella che è invece una questione democratica massima, e cioè l’agibilità politica di chi è stato scelto da 10 milioni di italiani, mi chiedo se si sia di fronte a una gratuita offesa nei confronti di Silvio Berlusconi e della grande quota di elettori che lo ha indicato come riferimento e leader, o a una mancanza di comprensione di cosa sia davvero in gioco.

Per Maria Stella Gelmini “tentare di sminuire una situazione grave che è sotto gli occhi di tutti non modifica la realtà dei fatti”.

Ultima ora

19:37Sfida tra barbieri più vecchi d’Italia

(ANSA) - CAGLIARI, 14 DIC - "L'età anagrafica non è un'opinione". Scherza Antonio Cardia, 90 anni compiuti il 23 ottobre, ma rivendica con fierezza il suo primato: quello del barbiere più longevo d'Italia. "Con l'età non si scherza - sorride mentre fa la barba ad un cliente nel suo salone di via Cimarosa, a Cagliari - con i miei 90 anni e 81 di professione a tutti gli effetti sono l'artigiano di barba e capelli più anziano, naturalmente fino a prova contraria", mette le mani avanti. Ha iniziato prestissimo Antonio. Aveva nove anni quando suo padre lo ha messo in bottega ad imparare il mestiere. A 18 anni, poi, si é messo in proprio. Ancora oggi serve quei pochi clienti che si affacciano al suo salone. Li accoglie col sorriso anche se il suo stato di salute non è più come quello di un tempo. Nel suo salone sono passate anche le vecchie glorie del Cagliari, Albertosi, Domenghini, Boninsegna, Brugnera. "Son venuti alcuni amici a dirmi che il barbiere più longevo d'Italia sarebbe Sergio, di Brescello, in Emilia Romagna, ma non è proprio così, se lui ha 83 anni ed esercita dall'età di 10, fanno 73 anni di lavoro. Ne mancano otto - dice sfoderando un altro dei suoi sorrisi - e io ne ho sette in più, gli auguro di superare il mio primato, con tutto il cuore. Anzi lo invito in Sardegna per visitare il mio salone. Lui é più giovane e può affrontare anche il disagio di un viaggio e qui il clima è sempre bello. Colgo l'occasione di questa bella storia di Sergio, che mi ha commosso, per esprimere la mia solidarietà a lui e alla popolazione colpita dall'alluvione".

19:35India: scontro armato in Telangana, uccisi 8 maoisti

(ANSA) - NEW DELHI, 14 DIC - Otto militanti maoisti sono stati uccisi oggi in uno scontro a fuoco con le forze di sicurezza nello Stato indiano centrale di Telangana. Lo riferisce il quotidiano The Indian Express. Nella sua pagina online il giornale precisa che lo scontro si è svolto nel villaggio di Tekulapalli del distretto di Bhadradri Kothagudem e che, cominciato ieri sera, si è concluso solo all'alba di oggi. Secondo la polizia il drappello di militanti era formato da 17 uomini, di cui otto sono morti nella battaglia mentre altri nove sono riusciti a fuggire. Da anni formazioni maoiste, che vengono conosciute in India come 'naxaliti', contrastano le forze di sicurezza in una decina di Stati della cosiddetta 'fascia rossa' orientale che dal Bihar a nord si spinge fino al Telangana.

19:29Fiorentina: Corvino, siamo in un bel momento

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - ''La vittoria di ieri è stata il 5/o risultato utile di fila, aver superato il turno davanti alla nostra gente contro un avversario come la Sampdoria è stato un momento molto bello, speriamo ne possano arrivare altri''. Così il dg dell'area tecnica della Fiorentina, Pantaleo Corvino, oggi a nel carcere di Sollicciano per partecipare al progetto Uisp 'Sport in libertà'. ''Per noi sarà una stagione utile per capire quanto sono forti le fondamenta messe per il futuro. I Della Valle? Non sono presenti fisicamente ma sentiamo la loro vicinanza''. Intanto la squadra è tornata ad allenarsi per preparare la gara col Genoa. Tra i più attesi l'ex Simeone e il centrocampista francese Veretout reduce dalla doppietta di ieri, fra gli acquisti più positivi dell'ultimo mercato. ''Quando ho puntato su di lui era già per me un calciatore affermato - ha detto Corvino - Fa piacere che tanti stiamo scoprendo le sue potenzialità e quelle di altri nostri giocatori: nostro compito è far innamorare dei nuovi arrivati''.

19:28Siria: ong, 23 civili uccisi in raid Coalizione Usa

(ANSAmed) - BEIRUT, 14 DIC - Ventitré persone imparentate tra loro, di cui otto bambini o adolescenti minorenni, sono stati uccisi in un raid compiuto da aerei della Coalizione internazionale a guida Usa in un villaggio nell'est della Siria, secondo quanto riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Il bombardamento è stato compiuto sul villaggio di Al Jerthi, nella provincia di Deyr az Zor, in appoggio alle milizie a maggioranza curda che combattono l'Isis.

19:27Scomparsa nell’Aretino: pena ridotta a 25 anni per frate

(ANSA) - FIRENZE, 14 DIC - La corte d'assise d'appello di Firenze ha rimodulato la pena per padre Gratien Alabi a 25 anni di reclusione. Il religioso era stato condannato in primo grado a Arezzo a 27 anni per l'omicidio e l'occultamento di cadavere di Guerrina Piscaglia, la 50enne scomparsa il primo maggio 2014 da Ca Raffaello, la località dell'Appennino aretino dove la donna viveva e dove il religioso prestava servizio nella locale parrocchia.(ANSA).

19:20New York Times, editore Sulzberger passa timone al figlio

(ANSA) - NEW YORK, 14 DIC - Cambio della guardia generazionale al New York Times: Arthur Gregg Sulzberger, figlio dell'editore Arthur Ochs Sulzberger Jr., prenderà dal primo gennaio il posto del padre alla guida della Old Grey Lady. Lo ha annunciato oggi lo stesso New York Times. Sulzberger padre ha 66 anni, era editore Times dal 1992 e resterà come presidente della New York Times Company: "Non e' un arrivederci - ha annunciato allo staff - ma dal primo gennaio la grande nave che è il New York Times avrà A.G. al timone".

19:18Francia: scontro treno-scuolabus, 2 morti e 7 feriti

(ANSA) - PARIGI, 14 DIC - Uno scuolabus è stato investito da un treno nei pressi di Perpignan, nel sud-est della Francia, non lontano dal confine spagnolo. Secondo TF1, il bilancio provvisorio è di 2 morti e 7 feriti gravi. L'incidente è avvenuto nel comune di Millas, sull'asse ferroviario Perpignan-Villefranche de Conflent, intorno alle 16.00. Tra le vittime, precisa TF1, ci sarebbero anche dei bambini.

Archivio Ultima ora