Wolkswagen: nel primo semestre utili giù

BERLINO  – Non é stato un bel semestre per la Svolswagen. Ed, in effetti,  ha visto i suoi utili ridursi in un 50 per cento. Gli esperti attribuiscono il calo della nota casa automobilistica tedesca, tra l’altro, alle “difficili condizioni di mercato”.

Il piú grande gruppo automobilistico europeo, tra gennaio e giugno, ha visto ridurre il proprio guadagno netto rispetto al 2012 del 46% circa, a 4,8 miliardi di euro. Lo ha reso noto la stessa holding automobilistica dalla centrale di Wolfsburg, il centro industriale a una manciata di chilometri da Hannover.

Anche l’acquisto di Porsche, lo scorso anno, ha pesato sui risultati deludenti registrati da Wolsvagen. Ma anche senza questo effetto straordinario il bilancio dell’azienda tedesca resta poco soddisfacente, con un reddito operativo di 5,8 miliardi di euro, inferiore quasi del 12% rispetto all’anno precedente.

Segno positivo, invece, per il fatturato complessivo. Questo, nel primo semestre 2013, ha registrato un incremento del 3,5% a 98,7 miliardi di euro.

Nonostante i dati parzialmente deludenti, l’azienda di Wolfsburg ha assicurato assicurato che tutti gli obiettivi annunciati per il 2013 resteranno invariati. Ovvero: superare il volume d’affari del 2012 ed eguagliare il reddito operativo, crescendo più della media del settore.

Per la Fiat, invece, l’utile netto, nel primo semestre del 2013, è stato pari a 466 milioni di euro. Per l’azienda torinese, esclusa Chrysler, la perdita netta è di circa 482 milioni di euro. Cioé, un calo di 42 milioni di euro rispetto al primo semestre 2012.

Fiat ha fatto sapere che l’utile della gestione ordinaria è stato pari a 1,6 miliardi di euro. Ció vuol dire che é stato registrato un calo di 106 milioni di euro rispetto all’analogo periodo del 2012.

I ricavi del Gruppo, invece, sono stati di 42,1 miliardi di euro, in linea. Questi, in termini nominali, sono rimasti in linea con il primo semestre 2012, ma in crescita del 3% a parità di cambi.