Siria: é un mistero la scomparsa di Padre Dall’Oglio

Pubblicato il 30 luglio 2013 da redazione

BEIRUT – L’unica notizia certa é che da giorni non si hanno piú notizie di lui. Ma la sorte del padre gesuita Paolo Dall’Oglio, scomparso nel nord della Siria dove era arrivato sabato – forse per mediare la liberazione di alcuni ostaggi da parte di un gruppo jihadista – rimane per ora avvolta dal mistero. Sia la Farnesina sia il Vaticano hanno detto di non essere in grado di confermare che il religioso italiano sia stato rapito da un gruppo jihadista a Raqqa, l’unico capoluogo di provincia sotto il controllo dei ribelli, come avevano detto attivisti l’altra sera all’agenzia Reuters.

– Stiamo verificando le notizie, per capire se effettivamente si tratta di un rapimento, ma per ora siamo in una zona grigia – hanno detto fonti del ministero degli Esteri all’Ansa.

– Per ora non c’é nessuna conferma né smentita del rapimento, sono notizie che lasciano perplessi, da prendere con le molle – ha sottolineato un diplomatico che da Beirut si occupa direttamente della vicenda.

Dall’Oglio, in un messaggio in arabo su Facebook diffuso sabato al suo arrivo a Raqqa, aveva detto di essere arrivato in questa città nella valle dell’Eufrate quel giorno stesso per compiervi “una missione”. Un suo conoscente che ha voluto rimanere anonimo ha detto all’organizzazione Aiuto alla Chiesa che soffre (Acs) che forse il religioso doveva incontrarsi con membri del gruppo ‘Stato islamico in Iraq e nel Levante’ legato ad Al Qaida, per negoziare la liberazione di un suo amico dell’opposizione. Diversi siti dei ribelli siriani sostengono invece che obiettivo della missione era negoziare direttamente con il capo del gruppo jihadista la liberazione di una troupe televisiva dell’emittente ‘Orient’, una voce dell’opposizione siriana a cui lo stesso religioso talvolta ha collaborato.

Gli inviati sono stati sequestrati alcuni giorni fa nella regione di Aleppo. Un primo abboccamento sarebbe andato a vuoto; nel secondo, invece, il religioso sarebbe stato prelevato e portato via. Non è chiaro se come ostaggio lui stesso o per continuare i negoziati in un luogo isolato. Le ultime immagini del padre gesuita – che ha 58 anni di cui 30 trascorsi in Siria fino all’espulsione avvenuta nel giugno del 2012 – sono quelle di un video postato domenica su Youtube che lo riprendono mentre, davanti alla chiesa armena di Raqqa, parla ad una folla di giovani che lo applaudono e lo sostengono.

Il gesuita sostiene che Raqqa, città dove sono presenti curdi e arabi sia musulmani che (in minoranza) cristiani, deve diventare il simbolo della liberazione di tutta la Siria. L’ultima comunicazione certa, riferisce il suo conoscente che ha parlato a ACS, risale alla sera di sabato scorso. A rendere la vicenda ancora più misteriosa è il fatto, sottolinea la fonte diplomatica a Beirut, che é questa la prima volta che il religioso italiano si reca in Siria senza preavvertire diplomatici italiani o la nunziatura apostolica a Damasco, come aveva invece fatto in occasione di altre visite compiute negli ultimi mesi nella parte del territorio sotto il controllo dei ribelli nel nord del Paese.

Mentre il nunzio apostolico a Damasco, mons. Mario Zenari, si è detto sorpreso dall’ipotesi di un rapimento, perché “in quelle zone lui è conosciuto e gode di un certo rispetto nelle aree dei ribelli”. A un gruppo jihadista legato ad Al Qaida, il Fronte Al Nusra, appartenevano anche i sequestratori dei giornalisti italiani Amedeo Ricucci, Elio Colavolpe, Andrea Vignali e Susan Dabbous, tenuti prigionieri dal 3 al 13 aprile nel villaggio di Yaqubiya, nella provincia nord-occidentale di Idlib. Mentre non si ha alcuna notizia dal 9 aprile dell’inviato della Stampa Domenico Quirico. Il 6 giugno, in una breve telefonata alla moglie da Qusayr, cittadina vicino al confine con il Libano da poco riconquistata dalle forze lealiste, Quirico ha reso noto di “stare bene”. Ma da allora è calato il silenzio.

Ultima ora

16:04Figc: Malagò, non posso commissariare

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Commissariare la Federcalcio? Sulla base di quello che è emerso non ci sono gli estremi, fermo restando che ognuno ha una sua idea della partita e vediamo se il mondo del calcio, come sembra volere, dimostrerà di riuscire da solo autonomamente a venire fuori da fatti abbastanza curiosi". Così il presidente del Coni, Giovanni Malagò, nel giorno in cui scadeva l'ultimatum alla Figc per il commissario. Provvedimento che il n.1 del Comitato olimpico nazionale aveva legato all'eventuale mancata elezione delle cariche in Lega A ma aggirato dalla richiesta di proroga del commissariamento in capo al presidente dimissionario della Figc, Carlo Tavecchio. "C'è stata questa richiesta esplicita della Lega di A e bisogna prenderne atto - aggiunge Malagò a margine della presentazione della partnership di Coni e Cip con Toyota - Vediamo se il mondo del calcio vorrà cambiare, a cominciare dalla Lega A che da tempo infinito sta cercando di eleggere i suoi nomi. Non è vero che facciamo il tifo affinché ciò non avvenga".

16:00Coni: Malagò precisa, nessuna legge ad personam

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Legge 'ad personam' per il sottoscritto sul limite dei mandati? Non è assolutamente così. Quello è un testo superato e tutti i presidenti federali che hanno fatto anche più di tre mandati possono concludere questo mandato e candidarsi anche al prossimo. È una notizia riportata in modo sbagliato da chi vuole sempre strumentalizzare". Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, allontana così le polemiche sulle modifiche all'emendamento della legge di Stabilità sull'innalzamento a tre del limite dei mandati. Secondo alcuni giornali, una legge 'ad personam' in quanto non sarebbe prevista la retroattività per i presidenti federali ma soltanto per il presidente del Coni: "Non è così. C'è semplicemente la volontà di rispettare quelli che sono gli insegnamenti del Cio - precisa Malagò - il Coni è emanazione del Cio ed è giusto che ne segua anche quelle che sono le indicazioni, i suggerimenti. Il Cio prevede un limite di tre mandati a presidente e si chiede di uniformarci".

15:52Champions: Malagò, poteva andare peggio

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "I sorteggi di Champions? Ora gli allenatori (Allegri e Di Francesco, ndr) diranno, come è giusto che sia, che serve la massima cautela, ma mi sembra che poteva andare peggio. Non ci si può lamentare". Lo dice il presidente del Coni, Giovanni Malagò, a margine della presentazione della partnership di Coni e Comitato Paralimpico con la Toyota avvenuta a Roma, commentando i sorteggi degli ottavi di finale di Champions League, che vedono la Juventus affrontare gli inglesi del Tottenham e la Roma gli ucraini dello Shakhtar Donetsk.

15:49Champions: la carica di Di Francesco

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - "Lo Shakhtar Donetsk è una squadra forte, che ha saputo qualificarsi attraverso un girone molto difficile. Noi abbiamo lottato per guadagnarci questi ottavi, ce la metteremo tutta per continuare il nostro cammino. Forza Roma!". Questo il commento, via Twitter, del tecnico Eusebio Di Francesco dopo l'accoppiamento negli ottavi di Champions League tra la Roma e la formazione ucraina. La Roma in passato ha incrociato già lo Shakhtar nella massima competizione europea. Nel 2006 le due squadre si affrontarono nella fase a gironi (vittoria dei giallorossi per 4-0 all'Olimpico e sconfitta per 1-0 a Donetsk), mentre nel 2011 si sfidarono negli ottavi con due sconfitte per la Roma (2-3 e 3-0) e conseguente eliminazione.

15:44++ New York, esplosione a stazione bus Manhattan ++

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Un'esplosione è avvenuta a Port Authority, la stazione centrale dei bus a New York. La polizia e i vigili del fuoco sono sul posto, secondo i media americani, che riferiscono di scene di panico.

15:43Europa League: il quadro dei 16/i di finale

(ANSA) - ROMA, 11 DIC - Il quadro dei sedicesimi di finale di Europa League dopo il sorteggio di Nyon (andata 15 febbraio 2018, ritorno 22 febbraio): Borussia Dortmund-Atalanta; Nizza-Lokomotiv Mosca; Copenaghen-Atletico Madrid; Spartak Mosca-Athletic Bilbao; Aek Atene-Dinamo Kiev; Celtic-Zenit San Pietroburgo; Napoli-Lipsia; Stella Rossa-Cska Mosca; Lione-Villarreal; Real Sociedad-Salisburgo; Partizan-Viktoria Plzen; Steaua Bucarest-Lazio; Ludogorets-Milan; Astana-Sporting Lisbona; Ostersunds-Arsenal; Sporting Braga-Marsiglia.

15:42Avvelenati tallio: killer ha usato acqua minerale

(ANSA)- MONZA, 11 DIC - Avrebbe utilizzato l'acqua minerale per avvelenare i suoi familiari Mattia Del Zotto, il 27 enne di Nova Milanese (Monza), reo confesso di aver ucciso volontariamente i nonni paterni e una zia e di aver tentato di uccidete i nonni materni, due zii e la badante, perché "soggetti impuri". È quanto emerso stamane dall'interrogatorio di garanzia reso dal giovane al Gip Federica Centonze sabato mattina in carcere a Monza. Le indagini della Procura di Monza si concentrano quindi sulle bottiglie a cui il giovane aveva accesso nella cantina comune della palazzina dove vive tutta la sua famiglia a Nova. Il veleno, senza sapore o odore, potrebbe essere inoltre stato inserito dal giovane anche in alcuni integratori destinati ai nonni materni e ad un infuso alle ortiche.

Archivio Ultima ora