Maroni tace e Kyenge declina l’invito alla festa della Lega

Pubblicato il 01 agosto 2013 da redazione

ROMA  – Maroni tace e Cecile Kyenge prende la sua decisione: non andrà alla Festa della Lega Nord dell’Emilia Romagna prevista per la sera del 3 agosto a Milano Marittima. Nei giorni scorsi il ministro aveva chiesto al segretario nazionale del Carroccio Roberto Maroni un suo intervento, ”chiaro e pubblico” per stigmatizzare i molti, troppi attacchi rivolti contro di lei da esponenti di quel partito. L’intervento non è arrivato e la titolare del dicastero dell’Integrazione ha deciso di declinare l’invito, ricevuto peraltro dallo stesso Maroni, a partecipare all’evento di sabato.

Cecile Kyenge conferma che ”rimane aperta la sua disponibilità al dialogo e al confronto, ammesso però che si creino le adeguate condizioni”. E certamente, al momento, queste condizioni non ci sono. Se, infatti, il segretario padovano della Lega Nord Roberto Marcato ritiene insufficiente la lettera di scuse al ministro scritta da Andrea Draghi, l’assessore di Montagnana (Padova) accusato di diffamazione aggravata per aver postato su Facebook un’immagine del ministro Kyenge con la scritta ”Dino, dammi un crodino” a indicare la somiglianza con il gorilla di un famoso spot pubblicitario, e propone l’espulsione dal partito di Draghi, il segretario emiliano Fabio Rainieri è su posizioni assai distanti.

– Smettiamola – è il suo appello ai vertici della Lega – di dare visibilità e di aprire la strada a un ministro che ha basato tutta la sua visibilità e la sua azione nello scontro con la Lega Nord. Personalmente non sono dell’idea di invitare alle feste della Lega chi continua ad attaccarci.

E non é il solo nel suo partito a pensarla così.

– Siamo molto delusi per questa decisione soprattutto perché viene meno da parte sua, e a sole 48 ore dell’impegno preso, la disponibilità a un confronto civile e franco sui temi dell’immigrazione. Aver fatto vincere il partito dello scontro non fa onore a chi dice di volere un cambiamento – commenta la variazione di programma del ministro Gianluca Pini (Ln).

Prova a placare gli animi il Governatore del Veneto, Luca Zaia.

– Bisogna far calare la tensione – aveva già detto prima che arrivasse il ”no” della Kyenge e dopo aver saputo del forfait della ministra non abbandona il proposito di trovare una mediazione.

– Se la montagna non va da Maometto, Maometto va alla montagna – ha detto -. Il ministro Kyenge non viene alla nostra festa? Vado io alla festa del Pd , sono disponibilissimo a confrontarmi con lei in quella sede sui temi dell’immigrazione e dell’integrazione.

Possibilità esclusa perchè la Kyenge diserterà pure quell’appuntamento, stavolta però non c’entra il razzismo o le polemiche fra partiti, ma le ”vicende politiche nazionali”

Intanto, mentre la Lega, almeno sul caso Kyenge, fatica a ricompattarsi, un cittadino romano, M.S., che scrisse sul profilo Facebook del ministro ‘Sparatela subito’ è indagato dalla procura di Modena per diffamazione con l’aggravante dell’incitamento all’odio razziale. La frase fu scritta nei mesi scorsi come commento alla dichiarazione di Kyenge ”chi nasce in Italia è italiano a tutti gli effetti” e faceva anche riferimento al ferimento dei due carabinieri davanti a Palazzo Chigi nel giorno del giuramento del governo Letta.

Ultima ora

18:08Calcio: Spalletti, Pordenone non è stato sottovalutato

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Facendo giocare tutto un reparto nuovo non li ho agevolati. La differenza l'ha fatta la mia scelta. Non è vero che i calciatori non si sono impegnati o che abbiano preso sottogamba la partita contro il Pordenone": lo dice l'allenatore dell'Inter Luciano Spalletti sulla partita di Coppa Italia di martedì scorso contro il Pordenone, alla vigilia di quella di campionato con l'Udinese. "Se metto Karamoh - che era dispiaciutissimo per le occasioni che non ha concretizzato - per 30 minuti in una squadra che per 8/11 è sempre la stessa, vi farà vedere le sue qualità, così come Cancelo". Spalletti spiega anche motiva la squadra nerazzurra prima delle partite: "Io riporto spesso un esempio prima delle partite: vengo dalla campagna vera, dalla natura, so quale è il comportamento di un predatore con la sua preda: non valuta mai la stazza della sua vittima, ci mette sempre la stessa forza".

17:42Etruria:Di Battista,Boschi da due anni prende per culo gente

(ANSA) - ROMA, 15 DIC - "Banalizzare le proprie immense responsabilità politiche chiudendosi nel guscio del sessismo lo considero volgare e stucchevole. Oltretutto, questo atteggiamento rafforza le discriminazioni già presenti nel nostro Paese. Se un domani rinunciassi ad attaccare politicamente un Ministro solo perché donna mi macchierei io stesso di un atto discriminatorio. Noi attacchiamo con forza la Boschi non in quanto donna (difesa ridicola) ma in quanto Maria Elena Boschi, un politico che da due anni prende per il culo gli italiani, tutti gli italiani: uomini e donne!". Lo scrive su facebook Alessandro di Battista, deputato M5s

17:36Gerusalemme: proteste in Giordania, bruciate bandiere Usa

(ANSAmed) - AMMAN, 15 DIC - Migliaia di persone sono tornate oggi in piazza ad Amman e in altre città della Giordania dopo la preghiera islamica del venerdì per manifestare contro la decisione del presidente americano Donald Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele. Durante i raduni, autorizzati dalle autorità, i manifestanti hanno bruciato bandiere americane e hanno scandito slogan chiedendo di interrompere le relazioni diplomatiche con Israele. Nell'ovest di Amman un gruppo di attivisti continua intanto un sit-in davanti all'ambasciata statunitense, intorno alla quale sono state rafforzate le misure di sicurezza, così come intorno a quella israeliana.

17:36Usa: Trump ottimista su taglio tasse, ‘sarà approvato’

(ANSA) - NEW YORK, 15 DIC - La riforma delle tasse "andrà molto bene la prossima settimana". Donald Trump si mostra ottimista sull'approvazione in Congresso del taglio delle tasse da 1.500 miliardi di dollari nonostante le tensioni all'interno del partito repubblicano. Diversi senatori, fra i quali Marco Rubio, si sono infatti schierati contro il testo in via di definizione dalla commissione congiunta di Camera e Senato. Trump prevede che il provvedimento sarà approvato la prossima settimana.

17:35Gerusalemme: Haaretz, Pence a Muro Pianto ma forma privata

(ANSAmed) - TEL AVIV, 15 DIC - Nella sua visita in Israele, a metà della prossima settimana, il vicepresidente Usa Mike Pence andrà al Muro del Pianto a Gerusalemme ma "in forma privata". Lo riferisce Haaretz secondo cui Pence sarà accompagnato dalla famiglia e dal rabbino capo del luogo sacro agli ebrei. La scelta di Pence - sottolinea il giornale - avviene nonostante la recente presa di posizione di Trump che ha dichiarato Gerusalemme capitale di Israele. Il Muro del Pianto si trova nella parte della città che la comunità internazionale considera occupata dopo la Guerra dei 6 Giorni e quindi non sotto sovranità israeliana.

17:33Russiagate: Trump, non c’e’ assolutamente collusione

(ANSA) - WASHINGTON, 15 DIC - "Non c'e' assolutamente alcuna collusione" con la Russia: lo ha ribadito Donald Trump alla stampa prima di una visita ad una accademia dell'Fbi, riferendosi al Russiagate e lamentandosi dei milioni di dollari che si continuano a spendere per questa inchiesta.

17:31Calcio: Spalletti, mercato? Aspettiamo di capire

(ANSA) - APPIANO GENTILE (COMO), 15 DIC - "Finché il presidente non chiarisce che intenzioni ha in questo mercato dovremo fare tutti un po' di silenzio. Creare aspettative come prima del campionato, diventata poi sfiducia rispetto ai nomi che avevamo fatto, non fa bene ai tifosi, ai giocatori, all'Inter e soprattutto ai risultati dell'Inter": lo dice Luciano Spalletti alla vigilia della partita contro l'Udinese, rispondendo ad una domanda sul match di Coppa Italia contro il Pordenone. "Se mi chiedete chi voglio ve lo dico: Ramos, Iniesta, Sanchez. Si lavora tutti su questi - aggiunge con ironia il tecnico nerazzurro - va bene? Altrimenti si ricomincia con le telefonatine. A chi ha portato l'Inter prima in classifica, pedalando, bisogna portare rispetto. Altrimenti divento antipatico, e mi riesce benissimo".

Archivio Ultima ora