Concessa l’estradizione di Aldo Miccichè

Pubblicato il 05 agosto 2013 da redazione

CARACAS – Concessa l’estradizione dalla Sala di Cassazione penale della Corte . E’ terminata, cosí, l’avventura venezolana di Aldo Micciché, il noto faccendiere apparentemente legato al Clan Piromalli, fino a ieri agli arresti domiciliari. Il Tribunale veneuelano competente ha definitivamente dichiarato procedente la sua estradizione.

Aldo Micciché era riuscito ad evitare l’estradizione in Italia grazie ad una serie di cavilli legali legati alla sua nuova nazionalitá: la venezolana. Il Magistrato Héctor Coronado Flores, nel giustificare la decisione della Tribunale, ha spiegato che l’acquisto della nazionalitá venezolana, qualora questo avvenga dopo aver commesso i reati per i quali si é  condannati in altri paesi, non é giustificazione sufficiente per negare l’estradizione.

Il noto faccendiere è accusato di associazione mafiosa nell’ambito dell’inchiesta della Dda di Reggio Calabria ”Cent’anni di storia” contro le cosche Molè e Piromalli di Gioia Tauro, e deve già scontare una pena maggiore ai 20 anni per “associazione a delinquere di stampo mafioso”. Era stato arrestato il 24 luglio dell’anno scorso in esecuzione di un mandato di cattura per l’estradizione emesso su richiesta della Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Reggio Calabria.  Al momento dell’arresto era nell’isola di Margarita. Da allora, attraverso cavilli vari, era riuscito a sfuggire all’estradizione; estradizione confermata ora dal Tribunale e che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni.

Aldo Micciché, il cui nome é assai noto in Italia per le sue relazioni con Marcello dell’Utri e i suoi presunti collegamenti con il clan Piromalli, balzó agli onori della cronaca, in seno alla nostra Collettivitá, in seguito ad una intercettazione telefonica in cui, conversando con Filippo Fani – collaboratore di Barbara Contini – confessava di aver dato fuoco a migliaia di schede elettorali per evitare il trionfo di quella che riteneva la “candidata comunista”. Durante la conversazione con Filippo Fani, il Micciché faceva anche riferimento a due noti esponenti della Collettivitá, presunti suoi complici. Fu grazie a questo “faló” che alla candidata del Venezuela, Marisa Bafile, fu negata la possibilitá, seduta negli scranni del Parlamento italiano, di spezzare lance in difesa degli interessi degli italiani dell’America Latina e del Venezuela in particolare.

Chi permise ad Aldo Micciché l’ accesso alle schede elettorali e chi lo aiutó ad incenerirle? A chi dava fastidio la candidatura di Marisa Bafile? A queste domande, ora, potrá dare risposta la magistratura italiana. Una volta in Italia, infatti, i magistrati potranno interrogare Aldo Micciché e far luce su quanto accaduto in Venezuela e non solo. La giustizia italiana, cosí lo dimostrano le ultime vicende che mantengono il mondo politico in fibrillazione, é lenta ma inesorabile.  

A.P.

Ultima ora

23:57Iran: Djalali confessa in tv, sono una spia

(ANSA) - TEHERAN, 17 DIC - Ahmadreza Djalali, il medico arrestato in Iran nel 2016 con l'accusa di spionaggio e condannato a morte a ottobre, ha "confessato" in tv di aver spiato il programma nucleare di Teheran per conto di una nazione europea, senza nominare quale. Il presentatore tv, tuttavia, ha citato il Mossad, mentre scorrevano le immagini dei documenti svedesi dell'uomo e del Colosseo: Djalali, medico, ha infatti trascorso un periodo in Italia. In cambio della sua attività di spia, ha spiegato lui stesso, avrebbe ottenuto la cittadinanza di un Paese europeo.

22:57Savoia: Smuraglia (Anpi),solennità volo Stato urta coscienze

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Quello dei Savoia lo considero un problema chiuso da molto tempo. Una vicenda finita. Smettiamo di parlarne. Ritengo che portare la salma in Italia con solennità e volo di Stato è qualcosa che urta le coscienze di chi custodisce una memoria storica. Urta con la storia di questo dopoguerra. E non si parli più neanche di questa ipotesi di mettere le loro salme nel Pantheon. Basta". Così il presidente emerito dell'Anpi Carlo Smuraglia commenta il rientro in Italia delle spoglie di Vittorio Emanuele III con un volo dell'Aeronautica militare.

22:35Donna uccisa a coltellate in casa nel Milanese

(ANSA) - MILANO, 17 DIC - Una donna di 33 anni, con due figli piccoli, è stata trovata agonizzante, colpita da tre coltellate al torace nella sua abitazione di Parabiago, nel Milanese. E' stata la madre a trovarla, a terra, in bagno. La donna, un'italiana, è morta poco dopo. Indagano i carabinieri della Compagnia di Legnano.

22:26Calcio: Junior Tim Cup oggi al Ferraris

(ANSA) - GENOVA, 17 DIC - Le squadre della Parrocchia Caramagna di Imperia e dell'Oratorio Santa Dorotea di Genova si sono affrontate allo stadio Ferraris prima del match Sampdoria- Sassuolo in un'amichevole terminata con il risultato di 2-10, nel contesto della VI Edizione della Junior TIM Cup, il torneo di calcio a 7 Under 14 sostenuto da Lega Serie A, TIM e Centro Sportivo Italiano. A fine gara, i ragazzi hanno consegnato ai giocatori della Sampdoria e del Sassuolo la fascia da capitano della Junior TIM Cup per poi accompagnarli all'ingresso in campo. La VI edizione della Junior TIM Cup si disputa nelle 15 città le cui squadre militano nella Serie A TIM 2017-2018. Le squadre vincitrici dei concentramenti interregionali di qualificazione alla fase nazionale si contenderanno il titolo di campioni della Junior TIM Cup, il 9 maggio, in occasione della Finale di TIM Cup 2017-2018.

22:17Calcio: Peruzzi, Milinkovic Savic? Nella Lazio sta benissimo

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - "Qui ci sono molti osservatori per Milinkovic Savic? So che lui sta benissimo qui e vuole rimanerci a lungo. Poi che ci siano molti scout è normale, ma per il momento Sergej sta bene alla Lazio". Il dirigente della Lazio Angelo Peruzzi parla delle dinamiche di mercato e in particolare del 'gioiello' serbo che mezza Europa sta tenendo d'occhio.Ma in casa biancoceleste sono stati giorni pesanti, per le polemiche sul Var e sugli arbitraggi che avrebbero penalizzato la squadra di Inzaghi. "Se siamo preoccupati per gli errori del Var di questa giornata? - dice Peruzzi - No, non lo siamo. Poi ogni partita ha i suoi episodi, non voglio polemizzare". "Ma pare che gli episodi siano valutabili a seconda delle circostanze - aggiunge - e sembra che non siano tutti d'accordo. E' come la parabola di Kafka, di un contadino che vuole conoscere la legge ma trova il portone del guardiano sempre chiuso.Non lo fanno mai entrare e lui,nonostante tutti i suoi sforzi,non riesce a capire le dinamiche della legge perché sono confuse".

22:07Calcio: Pescara, Sebastiani, Zeman? devo parlarci poi decido

(ANSA) - PESCARA, 17 DIC - Dichiarazioni pesanti del presidente del Pescara, Daniele Sebastiani, che nel dopopartita di Pescara-Novara, in mixed zone, ha attaccato il tecnico Zeman che ieri aveva detto in conferenza stampa di avere una visione diversa del calcio rispetto al presidente. "Se oggi c'era questo clima allo stadio era per la conferenza stampa di m... dell'allenatore - ha detto Sebastiani -. Se Zeman resterà? Devo parlarci e poi deciderò". Il presidente del Pescara, nonostante la vittoria per 1-0 sul Novara, potrebbe esonerare il tecnico boemo.

22:05Pallavolo: Serie A/1 donne, risultati e classifica

(ANSA) - ROMA, 17 DIC - Risultati dell'11/a giornata del campionato di serie A/1 donne di pallavolo, Samsung Galaxy Cup: Imoco Conegliano - Mycicero Pesaro 3-0 (ieri) Foppapedretti Bergamo - Saugella Monza 1-3 Liu Jo Modena - Pomì Casalmaggiore 3-1 Unet E-Work Busto Ar. - Savino Scandicci 2-3 (ieri) Il Bisonte Firenze - Lardini Filottrano 3-0 Sab Legnano - Igor Gorgonzola Novara 0-3 - Classifica: Conegliano 29; Novara 27; Scandicci e Busto Arsizio 24; Modena 18; Monza 16; Pesaro 15; Firenze 14; Legnano 11; Casalmaggiore 10; Bergamo 6; Filottrano 4.

Archivio Ultima ora