Gli uomini immobili e l’ira di Erdogan

Pubblicato il 05 agosto 2013 da redazione

In piedi, in piazza, con gli occhi fissi sul fondatore della Patria. Gli attuali governanti non comprendono e, soprattutto, non vogliono comprendere il gesto di un cittadino qualsiasi balzato agli onori della cronaca per aver trovato un nuovo modo di esprimere la sua protesta. Accade nell’ambito di un Paese in cui gli stessi vertici che si affannano a definirlo “democratico” hanno stabilito che la libertà di espressione sia qualcosa da mettere frettolosamente al bando. Benvenuti nella controversa Tuchia di oggi.

Assenti tutte le principali caratteritiche di un manifestante. Non grida. Non parla. Non agita le braccia. Non risponde alle provocazioni della polizia. Non oppone alcuna resistenza mentre viene perquisito dagli agenti. Resta lì, fermo, immobile.

Lo scenario è quello di piazza Taksim, luogo nel quale, per effetto delle decisioni del primo ministro Recep Tayyip Erdoğan, la gente può transitare «rapidamente, senza fermarsi». Tutti di corsa tra metropolitana ed autobus e nessun diritto di osservare il volto di Mustafa Kemal, meglio noto come Atatürk, che penzola ad un paio di centinaia di metri di distanza dalla parete principale del Centro Culturale. Un’immagine voluta lì, in bella mostra, proprio dall’attuale capo di Governo nel tentativo di dimostrare che non vi sia alcuna rottura tra il progetto originario del padre della nazione e quello attualmente in corso d’opera. Nonostante il fatto che Atatürk concepisse una Turchia laica mentre Erdogan insista ogni giorno di più per impregnarla di parole ed influenze di carattere religioso.

L’utilizzo ed il continuo richiamo ad un’icona storica è soltanto una delle tante contraddizioni con cui il premier, presentato da molti leader europei come l’artefice di un modello di democrazia per i Paesi musulmani, è alle prese ultimamente. Tra le altre, il suo oramai sistematico ricorso all’autoritarismo ed alla repressione.

In questo vortice di incoerenza, mentre un intero popolo combatte ogni giorno tra ingiustizie, lacrime e disperazione, l’unico a sorridere è il vicino Bashar al-Assad. Il presidente siriano, attraverso una schiera di funzionari e portavoce, manifesta da settimane un certo ghigno di soddisfazione per comprendere il quale si rende necessario fare un passo indietro. Meno di due anni fa, nel novembre del 2011, un Erdogan evidentemente più tranquillo e sicuro di sé rendeva alla stampa queste dichiarazioni: «Assad afferma che lotterà fino alla fine. Mi chiedo, contro chi lotterà? Combattere contro il proprio popolo non è un atto di eroismo, ma di codardia. Se davvero vuole vedere qualcuno che lottò fino alla morte contro la propria stessa gente, guardi pure alla Germania di Hitler, all’Italia di Mussolini o alla Romania di Ceaucescu. Se non vuole prendere lezioni dalla storia, guardi allora al leader libico (Mu’ammar Gheddafi, ndr) assassinato soltanto di recente in una maniera che nessuno di noi potrebbe mai desiderare. Ecco, tenga conto che lui utilizzò esattamente la stessa espressione».

Con queste parole, Erdogan puntava il dito contro l’uomo al vertice della Siria, cercando sostanzialmente di spiegargli che non si può governare senza ascoltare le richieste della gente. Esattamente ciò che sta facendo, ormai già da tempo, in Turchia.

Agli occhi di Assad, dunque, un triste teatrino adornato di presunzioni e discrepanze, in seno al quale Erdogan sembra predicare molto bene per poi razzolare malissimo.

I problemi per il leader turco non finiscono qui. Non si esauriscono, infatti, con i resoconti della piazza o delle turbolente relazioni diplomatiche nel complesso scenario regionale. Altro dossier “caldo” è senz’altro quello dei rapporti con la casta di generali che, da sempre, hanno avuto un ruolo notevole nel definire la politica nazionale. Ed è proprio di queste ore la notizia della condanna di Ilker Basbug, ex-capo di Stato Maggiore dell’esercito turco, ritenuto colpevole per essere uno dei responsabili della rete segreta “Ergenekon”, formata da nazionalisti laici, con l’intento di effettuare un golpe contro il governo del primo ministro “islamico-moderato”. Lo ha stabilito il tribunale di Siliviri vicino ad Istanbul. Il processo riguarda 275 tra militari, giudici, professori universitari e giornalisti. Ventuno sono già stati prosciolti, ma la condanna di Basbug era senza dubbio quella più significativa ed attesa da Erdogan. Anche fuori dalla corte, la polizia ha trovato il modo per dare sfoggio del proprio operato: nessuna esitazione nell’utilizzare candelotti di gas lacrimogeni ed idranti per disperdere la folla.

Un’analisi della situazione corrente risulterebbe tuttavia incompleta se non vi fosse menzione dei successi elettorali ottenuti dall’attuale primo ministro. Grazie ad alcune peculiarità del sistema turco, il partito di “Giustizia e Sviluppo” è riuscito a tramutare il 34% dei voti ottenuti 11 anni fa nel controllo dei due terzi del Parlamento. Nella tornata del 2007, la formazione del premier si rese protagonista di un’ulteriore impennata giungendo al 46% dei consensi, fino a sfiorare i 50 punti percentuali nel 2011. Più che sufficiente, deve aver pensato Erdogan, affinché nessuno discuta le sue decisioni. Ed ora che vive il suo terzo mandato alla guida del Governo, già accarezza il sogno di sedere sulla poltrona presidenziale.

Considerati i venti di protesta che soffiano sul Bosforo, è ragionevole pensare che, oggi come oggi, Erdogan non abbia più dalla sua parte un’intera metà del Paese. Pur ammettendo che non sia così e che la fiducia dei suoi sotenitori sia rimasta immutata, che ne è dell’altra metà del popolo turco? Non esiste? È giusto imporre un certo stile di vita alle persone soltanto perché siano stati Erdogan ed i suoi uomini a deciderlo? È leale attaccare, perseguire e schiacciare tutti gli altri?

L’uomo che fissava la gigantografia di Atatürk a piazza Taksim si chiama Erdem Gunduz. È rimasto lì per 8 ore prima che degli agenti lo portassero via con l’accusa di terrorismo. Difficile, se non impossibile, individuare un nome per un reato del genere: pericolo potenziale immaginario?

Un finale infelice, se non fosse stato per altri 300 suoi concittadini che, imitando la stessa identica attitudine, hanno captato il potere di una nuova forma di resistenza pacifica, destinata a mettere in ulteriore imbarazzo il Governo dinanzi allo sguardo attento della Comunità Internazionale. L’ispirazione di Gandhi, di Suu Kyi e di un Mandela costretto sul lettino di ospedale scorre nelle vene di giovani tenaci, ma sereni.

Romeo Lucci

Ultima ora

21:39Calcio: Var anche in Francia, da prossima stagione in Ligue1

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - La Var fa proseliti e dall'anno prossimo, dopo Italia, Germania e Portogallo (per citare i campionati più importanti) farà il suo esordio anche nella Ligue1 francese. Lo ha deliberato oggi, la Lega calcio transalpina (Lfp) che ha dato il via libera alla sua introduzione a partire dalla prossima stagione.

20:53Calcio: Mertens, nessuno può vincerle tutte

(ANSA) - NAPOLI, 14 DIC - "Non siamo stanchi, le partite sono tante e non le puoi vincere tutte. Non ho mai visto una squadra che non abbia avuto un momento difficile in campionato. Noi siamo sempre lì e vedremo chi sarà avanti alla fine". Lo ha detto Dries Mertens in un'intervista a Canale 21 che andrà in onda stasera alle 20.35. L'attaccante belga ha difeso l'operato di Maurizio Sarri: "Senza di lui non saremmo dove siamo adesso. Ha molte responsabilità, fa le sue scelte, ha cambiato il Napoli e da quando allena questa squadra ha fatto diventare forti giocatori normali".

20:45Nuoto: Europei, Quadarella bronzo negli 800 stile libero

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - L'azzurra Simona Quadarella ha vinto la medaglia di bronzo negli 800 metri stile libero agli Europei di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen, con il tempo di 8'16"53, suo primato personale. L'oro è andato alla tedesca Sarah Koehler (8'10"65), il bronzo all'ungherese Boglarka Kapas (8'11"13). "Non pensavo di riuscire a prendere la medaglia quindi sono molto contenta del podio" ha commentato l'atleta romana, che lunedì compirà 19 anni.

20:33Calcio: Donnarumma “Io sono un tifoso del Milan”

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - Poche parole ma tante foto e autografi. Se Gattuso dopo la contestazione di ieri sera aveva chiesto ai tifosi di proteggere Gianluigi Donnarumma, i ragazzi del vivaio del Milan, durante la festa di Natale, hanno seguito alla lettera le richieste del mister, coccolando il portiere con tanti applausi e un vero bagno di folla. Donnarumma si è dimostrato molto disponibile, ha salutato tutti i ragazzi sempre con il sorriso e dal palco ha ribadito un concetto: ''Sono un tifoso del Milan''. Ha fatto a tutti gli auguri di ''buon Natale'', ha ammesso di ''sognare un gol come quello fatto da Brignoli'', sottolineando quanto un gol del portiere arrivi solo in situazione di svantaggio, e ha ricordato che il suo idolo sia sempre stato Abbiati.

20:31Nuoto: Europei, Rivolta-Codia, doppietta 100 farfalla

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - 14 DIC - Matteo Rivolta ha vinto la medaglia d'oro nei 100 farfalla all'Europeo di nuoto in vasca corta in corso a Copenaghen con il tempo di 49"93. La doppietta azzurra è stata completata dall'argento di Piero Codia (49"96). Terzo posto e medaglia di bronzo per il tedesco Marius Kusch (50"01).

20:29Consip: difetto iter, nulla sospensione di Scafarto e Sessa

(ANSA) - ROMA, 14 DIC - Per un difetto di procedura, il mancato interrogatorio degli indagati prima dell'emissione del provvedimento della loro sospensione dalle funzioni, il gip di Roma Gaspare Sturzo ha annullato l'interdizione disposta nei confronti del maggiore dei carabinieri Gian Paolo Scafarto e del colonnello Alessandro Sessa, entrambi coinvolti nell'inchiesta della procura sul caso Consip. La misura dell'interdizione sarà quindi ripristinata la settimana prossima subito dopo l'interrogatorio dei due ufficiali dell'Arma.

20:26Ex calciatore scomparso: trovato ucciso dopo un mese

(ANSA) - MILANO, 14 DIC - E' stato trovato ucciso Andrea La Rosa, l'ex calciatore di serie C, poi direttore sportivo del Brugherio calcio, scomparso il 14 novembre scorso. I carabinieri avevano aperto un'inchiesta che ipotizzava l'omicidio dopo la denuncia di scomparsa da parte della famiglia.

Archivio Ultima ora